Apri il menu principale
Monster
ArtistaR.E.M.
Tipo albumStudio
Pubblicazione27 settembre 1994
Durata49:12
Dischi1
Tracce12
GenereRock alternativo
EtichettaWarner Brothers
ProduttoreScott Litt, R.E.M.
Registrazioneottobre 1993-maggio 1994
Kingsway Studio, New Orleans
Crossover Soundstage, Atlanta
Criteria Studios, Miami
Ocean Way Recordings, Los Angeles
Certificazioni
Dischi d'oroFinlandia Finlandia[1]
(vendite: 20 000+)
Francia Francia (2)[2]
(vendite: 200 000+)
Paesi Bassi Paesi Bassi[3]
(vendite: 50 000+)
Dischi di platinoAustria Austria[4]
(vendite: 50 000+)
Canada Canada (6)[5]
(vendite: 600 000+)
Italia Italia (2)[6]
(vendite: 200 000+)
Germania Germania[7]
(vendite: 500 000+)
Regno Unito Regno Unito (3)[8]
(vendite: 900 000+)
Spagna Spagna[9]
(vendite: 100 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (4)[10]
(vendite: 4 000 000+)
Svezia Svezia[11]
(vendite: 100 000+)
Svizzera Svizzera[12]
(vendite: 50 000+)
R.E.M. - cronologia
Album successivo
(1996)
Singoli
  1. What's the Frequency, Kenneth?
    Pubblicato: 5 settembre 1994
  2. Bang and Blame
    Pubblicato: 10 gennaio 1995
  3. Strange Currencies
    Pubblicato: 18 aprile 1995
  4. Crush with Eyeliner
    Pubblicato: 15 agosto 1995
  5. Tongue
    Pubblicato: 21 ottobre 1995

Monster è il nono album in studio del gruppo musicale statunitense R.E.M., pubblicato il 27 settembre 1994 dalla Warner Bros. Records. L'album si presentò come un cambio radicale di genere, con elementi glam rock e grunge in contrapposizione con le sonorità più acustiche dei due precendenti lavori della band, gli acclamati Out of Time (1991) e Automatic for the People (1992).

DescrizioneModifica

Monster è stato l'album che ha tentato di introdurre alcune novità nel sound dei R.E.M.. Nell'album si sente la chitarra di Peter Buck molto distorta e in alcune canzoni come King Of Comedy o Tongue la voce di Michael Stipe spazia dalla voce grossa e pesante al falsetto. Lo stile si avvicinava di più al glam rock anni '70 e, come dissero i critici all'epoca, all'alternative rock e alla fiorente scena grunge. La traccia Let Me In è dedicata a Kurt Cobain, leader dei Nirvana, con cui Stipe aveva stretto amicizia nel periodo di registrazione di Monster, tant'è che avevano un progetto musicale in fase ancora di creazione, accantonato per via dei problemi di Cobain sopraggiunti nel suo ultimo periodo di vita[13].

Nonostante il successo ottenuto dall'album all'epoca con 10 milioni di copie vendute, grazie anche a singoli di successo come What's the Frequency, Kenneth? e Bang and Blame, l'album non ha mantenuto il suo impatto negli anni a differenza dei lavori precedenti del gruppo, sia per la critica - che all'epoca, pur lodando il coraggio del gruppo di evolversi continuamente, non ha mai definito Monster come un capolavoro al contrario dei suoi predecessori -, sia perché il gruppo non avrebbe perseguito quella strada di rinnovamento nei lavori successivi, rendendo Monster un disco unico all'interno della discografia dei R.E.M..[14]

Monster fu anche il primo album dai tempi di Green (1988) a cui seguì un tour mondiale, The Monster Tour, notoriamente costellato da varie vicissitudini dei membri del gruppo (vedi The Monster Tour), durante il quale venne registrata buona parte dell'album successivo, New Adventures in Hi-Fi, un incrocio tra le sonorità acustiche di lavori come Out of Time e Automatic for the People e quelle più rock e di Monster appunto ma anche di Lifes Rich Paegeant e Document.

La copertina è arancione con al centro il muso stilizzato di un orso.

TracceModifica

  1. What's the Frequency, Kenneth? - 4:00
  2. Crush with Eyeliner - 4:38
  3. King of Comedy - 3:41
  4. I Don't Sleep, I Dream - 3:28
  5. Star 69 - 3:08
  6. Strange Currencies - 3:53
  7. Tongue - 4:13
  8. Bang and Blame - 5:31 (il brano "Bang and Blame" dura 4:50. Dopo alcuni secondi di silenzio, inizia una traccia fantasma senza titolo.)
  9. I Took Your Name - 4:08
  10. Let Me In - 3:28 (dedicata a Kurt Cobain e a River Phoenix)
  11. Circus Envy - 4:15
  12. You - 4:54

FormazioneModifica

NoteModifica

  1. ^ Copia archiviata, su ifpi.fi. URL consultato il 13 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  2. ^ infodisc.fr, http://www.infodisc.fr/Album_Certifications.php.
  3. ^ Copia archiviata, su ifpi.nl. URL consultato il 13 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 24 luglio 2011).
  4. ^ ifpi.at, http://www.ifpi.at/?section=goldplatin.
  5. ^ musiccanada.com, https://musiccanada.com/gold-platinum/?fwp_gp_search=Monster%20R.E.M..
  6. ^ ITALIAN BEST SELLERS 1987-2002, su mjj.freeforumzone.leonardo.it. URL consultato il 18 gennaio 2016.
  7. ^ musikindustrie.de, https://www.musikindustrie.de/markt-bestseller/gold-/platin-und-diamond-auszeichnung/datenbank/?action=suche&strTitel=Monster&strInterpret=R.E.M.&strTtArt=alle&strAwards=checked.
  8. ^ bpi.co.uk, https://www.bpi.co.uk/bpi-awards/.
  9. ^ Productores de Música de España, Solo Exitos 1959–2002 Ano A Ano: Certificados 1991–1995, 1ª ed., ISBN 84-8048-639-2.
  10. ^ riaa.com, https://www.riaa.com/gold-platinum/?tab_active=default-award&ar=R.E.M.&ti=Monster#search_section.
  11. ^ (SV) Gold & Platinum 1987–1998 (PDF), su IFPI Sweden. URL consultato il 12 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2012).
  12. ^ swisscharts.com, http://www.swisscharts.com/search_certifications.asp?search=R.E.M.+Monster.
  13. ^ Kurt Cobain: Michael Stipe dei REM tentò di salvarlo, su Music Fanpage. URL consultato il 16 dicembre 2018.
  14. ^ Recensione: R.e.m. - Monster - storiadellamusica.it, su www.storiadellamusica.it. URL consultato il 16 dicembre 2018.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock