Apri il menu principale

Monteaperti

frazione del comune italiano di Castelnuovo Berardenga
(Reindirizzamento da Montaperti)

StoriaModifica

La battaglia di MontapertiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Battaglia di Montaperti.

Il 4 settembre 1260 ebbe luogo una storica battaglia tra i ghibellini di Siena e i guelfi di Firenze.[1][2] Qui, il potente esercito fiorentino, guidato da Bocca degli Abati, subì una pesante sconfitta ad opera dell'esercito senese, alleato con il re Manfredi di Svevia.[3]

Tale scontro è stato poi ripreso e reso ancor più celebre dalle parole di Dante Alighieri che, nella sua Commedia, menziona: «lo strazio ed il grande scempio che fece l'Arbia colorata in rosso».[4] Nel canto X dell'Inferno, Dante e Virgilio, sua guida, giungono nel girone degli eretici, tra i quali vi è Farinata degli Uberti, mentre nel canto XXXII si imbatte in Bocca degli Abati.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Architetture religioseModifica

 
La chiesa di Santa Maria Assunta (Santa Maria a Dofàna)
  • Chiesa di Santa Maria Assunta, chiesa parrocchiale della frazione,[5] fu costruita come oratorio della fattoria di Monteaperti, inizialmente intitolato a San Biagio.[3] Nella prima metà del XIX secolo, fu traslato presso questa chiesa il titolo parrocchiale di Santa Maria a Dofana e l'edificio fu ampliato.[3]

Architetture civiliModifica

  • Fattoria di Monteaperti[3]
  • Villa Brignole[3]

Architetture militariModifica

  • Castello di Monteapertaccio, ruderi[3]

AltroModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c Guide d'Italia. Toscana, Milano, Touring Club Italiano, 2012, p. 601.
  2. ^ a b c Bernardino Barbadoro, «Monteaperti» in Enciclopedia italiana, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1934.
  3. ^ a b c d e f Emanuele Repetti, «Montaperti (Montapertaccio)» in Dizionario geografico fisico storico della Toscana, vol. 3, Firenze, pp. 321–322.
  4. ^ Dante Alighieri, Inferno, canto X, vv. 85–86.
  5. ^ Parrocchia Santa Maria Assunta a Montaperti, su banchedati.chiesacattolica.it. URL consultato il 15 luglio 2017.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Toscana