Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo monte, vedi Jôf di Montasio.
Montasio
Montasio kaasbrokkels.JPG
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioniFriuli-Venezia Giulia
Veneto
Dettagli
Categoriaformaggio
RiconoscimentoD.O.P.
SettoreFormaggi
Consorzio di tutela[1]
Altre informazioniReg. CE n.1107/96 (GUCE L. 148/96 del 21.06.1996)
 
Montasio (invecchiato 2 mesi)
Valori nutrizionali per 100 g
Energia370 kcal (1 550 kJ)
Proteine24 g
Carboidrati
Grassi
Totali32 g
 
Acqua36 g
Minerali
Calcio0,74 g
Potassio0,53 g

Il Montasio è un formaggio italiano a Denominazione di origine protetta. È un formaggio tipico friulano, che deve subire delle procedure rigide, indicate e fatte rispettare dal Consorzio, che ha sede a Codroipo (UD).

Indice

StoriaModifica

Prende il suo nome dal celebre altopiano del Montasio, nel quale viene prodotto il formaggio fin dal 1200, presso l'Abbazia di Moggio Udinese si sono affinate le prime tecniche di produzione, mentre i primi riscontri del nome risalgono al decreto del 22 agosto 1773, quando il Consiglio della città di Udine, impose ai commercianti la vendita a prezzo fisso di alcuni prodotti, tra cui questo formaggio, cui, apprendiamo da tale documento, venne imposto il prezzo di 19 soldi a libbra[1][2][3].

Già nel 1880 si formò un movimento cooperativo di caseifici per sostenere la produzione di questo formaggio.[1] Un decreto del Ministero dell'Agricoltura e Foreste del 16 marzo 1987 ha attribuito all'Associazione dei Produttori del Montasio i compiti di supervisione, controllo e marketing della produzione del Montasio[4][3].

DescrizioneModifica

Zona di produzioneModifica

Il disciplinare di produzione, stabilito con Decreto del Presidente della Repubblica Italiana del 13 marzo 1986 impone come zona di produzione tutto il Friuli Venezia Giulia e in Veneto la provincia di Treviso e quella di Belluno, la provincia di Venezia fino a Chioggia e la parte settentrionale della provincia di Padova.

Processo di produzioneModifica

 
Una fetta di formaggio Montasio

Gli ingredienti sono latte bovino che deve rispettare dei limiti per quanto riguarda la carica batterica, sale e caglio. La stagionatura invece richiede un minimo di 60 giorni. Viene attualmente prodotto e stagionato in tutto il territorio delle province di Udine (17 soci produttori), Pordenone (11), Gorizia (1), Belluno (1), Treviso (10) ed in parte del territorio delle province di Padova (1) e Venezia (2).

Aspetto e gustoModifica

Il Montasio, prodotto in forme cilindriche di 8 cm di altezza e circa 35 cm di diametro[3], assume un sapore, un aspetto, un colore e una consistenza diversa a seconda dei mesi di stagionatura. Si distingue in fresco, mezzano e stravecchio. Quando è fresco (un mese, 45 giorni, due mesi) ha un sapore delicato, la pasta è bianca e caratteristicamente occhiata, la crosta è bianca e morbida. A mano a mano che aumenta la stagionatura, il sapore diventa più aromatico, la crosta diventa più dura, il colore più giallo e la pasta da morbida diventa friabile e dura.

Il Montasio, specialmente con varie stagionature, è l'ingrediente principale di uno dei piatti più caratterizzanti della cucina friulana, il frico, e viene generalmente utilizzato in Friuli nella pietanza chiamata polente e formadi.

Si accompagna bene con vini come:[5]

formaggio fresco
Friuli Grave Merlot, Friuli Isonzo Merlot, Collio Goriziano Pinot nero
formaggio stagionato
Friuli Grave Cabernet franc superiore, Friuli Grave Refosco dal peduncolo rosso, Friuli Grave Pinot nero superiore, Colli Orientali del Friuli Schioppettino e Breganze Pinot Nero

NoteModifica

  1. ^ a b DOC cheeses of Italy, p. 64
  2. ^ Montasio DOP, su formaggio.it. URL consultato il 5 aprile 2018.
  3. ^ a b c Scheda tecnica del Montasio, su formaggiomontasio.net. URL consultato il 5 aprile 2018.
  4. ^ DOC cheeses of Italy, p. 65
  5. ^ DOC cheeses of Italy, p. 67

BibliografiaModifica

  • (EN) Ministero Agricoltura e Foreste, DOC cheeses of Italy, Milano, Franco Angeli,

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica