NomeModifica

Attestato dal I secolo come Gemellos Colles[1], la sua etimologia deriva dalla conformazione orografica a duplice vetta in relazione a quella del vicino monte Gemini (1397 m).

DescrizioneModifica

La cima del monte è raggiungibile per mezzo di una strada di circa 16 km, innestandosi nella strada provinciale che collega i centri abitati di Cammarata e Santo Stefano Quisquina. Grazie alla sua forma piramidale e posizione orografica in cui si trova la montagna, in cima sono stati costruiti dei ripetitori TV che trasmettono in varie province della regione.

Dalla vetta, nelle giornate limpide, a est è visibile la cima dell'Etna mentre a nord si scorge il gruppo montuoso delle Madonie, il Monte San Calogero e uno scorcio del Mar Tirreno, più a ovest la Rocca Busambra fino ai monti di Palermo e i monti del trapanese e a sud la catena dei Sicani tra cui il Monte delle Rose e le coste del Mar Mediterraneo.

AmbienteModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Riserva naturale orientata Monte Cammarata.

NoteModifica

  1. ^ Plinio il Vecchio, Naturalis historia, III, 88.