Apri il menu principale
Monte Cauriòl
Monte Cauriol 03.JPG
Il Cauriol e il Piccolo Cauriol dalla val di Sadole
StatoItalia Italia
RegioneTrentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
ProvinciaTrento Trento
ComuneCanal San Bovo
Altezza2 494 m s.l.m.
CatenaAlpi
Coordinate46°14′07″N 11°35′47″E / 46.235278°N 11.596389°E46.235278; 11.596389Coordinate: 46°14′07″N 11°35′47″E / 46.235278°N 11.596389°E46.235278; 11.596389
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monte Cauriòl
Monte Cauriòl
Mappa di localizzazione: Alpi
Monte Cauriol
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Orientali
Grande SettoreAlpi Sud-orientali
SezioneDolomiti
SottosezioneDolomiti di Fiemme
SupergruppoDolomiti Meridionali di Fiemme
GruppoCatena del Lagorai
SottogruppoDorsale della Cima di Lagorai
CodiceII/C-31.V-B.3.b

Il monte Cauriòl è una montagna appartenente alla Catena del Lagorai ed è collocato tra la valle del Vanoi e la val di Fiemme nel Trentino orientale. La cima raggiunge la quota di 2494 m s.l.m.

AccessiModifica

 
Un cunicolo sul versante meridionale
 
Alcuni resti di baracche al passo Sadole
 
La "via austriaca"
 
Il Piccolo Cauriol dalla forcella Cartiere

Il monte Cauriol è raggiungibile:

  • dall'alta valle del Vanoi, attraverso il sentiero che ha origine presso il rifugio Refavaie (1116 m), raggiungibile per strada asfaltata da Caoria;
  • altro accesso è invece dal rifugio Cauriol, posto nella val di Sadole, una laterale della val di Fiemme.

Due sono le vie che permettono il raggiungimento della vetta: la "via italiana" che dal passo Sadole, situato ad un'altitudine di 2066 m s.l.m., aggira il Cauriòl piccolo e la "via austriaca" che parte invece un po' sotto al passo, ben piastrella ai tempi della guerra, ad oggi risulta invece un po' più scoscesa e sassosa. Esse si ricongiungono alla selletta Carteri (2343 m s.l.m.), da cui percorrendo una ripida salita si raggiunge la cima del Cauriòl.[1]

Si descrive quindi l'ascesa alla cima partendo dal passo Sadole, salendo per semplicità lungo la "via italiana". Questa costeggia in senso antiorario il Piccolo Cauriol e porta all'interno della Busa della Neve, dove anche in estate è possibile trovare piccoli cumuli di neve. Da qui si sale su di una rapida salita arrivando alla forcella Carteri (2343 m), dove si ritornerà per scendere lungo la "via austriaca". Inoltre già da questo punto si notano a sinistra la cima del Piccolo Cauriol e a destra il sentierino che invece conduce alla vetta finale, il monte Cauriol, 2494 m. Nei pressi della croce di vetta si trovano tre targhe che ricordano i caduti. Oltre a ciò, dalla cima si gode un ottimo panorama a 360 gradi: Latemar, Catinaccio, Sasso Piatto, Sasso Lungo, Gruppo del Sella, Cinque Torri, fino a Cima d'Asta.[1]

Per la discesa, lo stesso sentiero percorso fino a qui, riconduce alla forcella Carteri; da qui si discende verso sinistra, affrontando dapprima una ripida discesa e successivamente una serie di massi rocciosi che negli anni hanno coperto parte del sentiero austriaco. Il sentiero, sempre ben tracciato, porta infine a costeggiare il versante nord del Piccolo Cauriol, dove si può notare la cura con cui era stato costruito questo sentiero. Da qui in breve si giunge poco sotto al Passo Sadole.[1]

Recentemente il gruppo alpini ANA di Caoria (frazione di Canal San Bovo, nella valle del Vanoi) ha curato un nuovo itinerario che sale direttamente alla cima dal versante sud che passa anche per alcune gallerie scavate dagli italiani ai tempi della grande guerra.[1]

Cenni storiciModifica

Il massiccio è famoso per le tristi vicende belliche che l'hanno visto protagonista durante il primo conflitto mondiale (1915-1918) tra l'esercito italiano e quello austro-ungarico.[2]

La montagna era in mano alle truppe austro-ungariche e il comando italiano voleva a tutti i costi conquistare tale cima. All'inizio le truppe italiane tentarono di conquistare il monte scalandolo, ma furono massacrati tutti. Solamente il 27 agosto 1916, alle 19:50 circa, due plotoni di Alpini, anche grazie alla copertura da parte dell'artiglieria, riuscirono a conquistare la vetta, catturando 17 nemici e una grande quantità di armi e materiale bellico. Questo era il quarto tentativo, dopo che gli austro-ungarici avevano respinto tre assalti italiani. Durante la conquista perì il sottotenente Attilio Carteri della 65ª compagnia del battaglione alpini di Feltre.[2]

Dopo la conquista italiana, gli austro-ungarici rinunciarono a riconquistare la vetta, e gli italiani riuscirono quindi a conquistare anche la forcella Sadole, ma non si spinsero oltre lungo la val di Fiemme.[2]

Solamente nell'ottobre 1917 quando vi fu la rotta di Caporetto, gli italiani abbandonaron la cima duramente conquistata, che aveva comportato circa 10000 caduti italiani (si presume altrettanti anche da parte del nemico), sia caduti in azione, ma soprattutto dovuti alla morte bianca.[2]

Nei pressi dell'altipiano del passo Sadole sono visibili alcuni resti degli scontri fra soldati italiani e austro-ungarici. In seguito ai pesanti bombardamenti la cima della montagna si abbassò di ben 6 metri rispetto all'altezza precedente la guerra.[2]

Monte Cauriòl è anche un canto degli alpini relativo alle vicende della prima guerra mondiale.

NoteModifica

  1. ^ a b c d Descrizione del percorso su lemontagne.it
  2. ^ a b c d e La conquista del Cauriol Archiviato il 19 giugno 2013 in Internet Archive. su trentinograndeguerra.it

BibliografiaModifica

  • Guido Alliney: "La Grande Guerra in Trentino. Sette traversate nel Lagorai Orientale. Cauriol, Cardinal, Busa Alta, Coltorondo, Cima Cece, Colbricon, Buse dell'Oro e Cima Stradon", Gaspari, Udine, 2011.
  • Adone Bettega: "Soldati contro montagne. Cronache della Prima Guerra Mondiale dalla Val di Fiemme al Passo San Pellegrino, Primiero, Vanoi", Rossato, Novale di Valdagno, 2001.
  • Paolo Bonetti, "55 sentieri di pace", Zanichelli, Bologna 1999.
  • Mario de Nale, "Il Battaglione Alpini Feltre", A.N.A. Sezione di Feltre, Feltre 1995.
  • Luca Girotto, "La lunga trincea 1915-1918. Cronache della Grande Guerra dalla Valsugana alla Val di Fiemme. Cima di Vezzena - Panarotta - Catena Lagorai - Cima d'Asta - Cauriol", Rossato, Novale di Valdagno, 1995.
  • Luca Girotto, "1915-1918 “Sulle aspre cime del Monte Cauriol”. Con il Battaglione Feltre dalla Valsugana al Grappa", Gruppo di Alpini di Caoria, Caoria, 2006.
  • Angelo Manaresi, "Ricordi di guerra 1915-1918. Valsugana, Monte Cauriol, Monte Grappa, Trento", Nordpress, Chiari, 2000
  • Walter Schaumann, "La grande Guerra 1915-1918: storia e itinerari nelle località della Grande Guerra", Ghedina&Tassotti, Bassano del Grappa 1984.
  • Aldo Zorzi, "Monte Cauriol 1916", Ziano di Fiemme, 1992.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica