Monte Erimanto

Erimanto
Ερύμανθος
Erymanthossnowcaped.jpg
La cima innevata dell'Erimanto
StatoGrecia Grecia
RegioneAcaia centro occidentale
Altezza2 224 m s.l.m.
Coordinate37°58′N 21°50′E / 37.966667°N 21.833333°E37.966667; 21.833333Coordinate: 37°58′N 21°50′E / 37.966667°N 21.833333°E37.966667; 21.833333
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Grecia
Erimanto Ερύμανθος
Erimanto
Ερύμανθος

L'Erimanto (in greco antico: Ερύμανθος, in latino: Erymanthus, anche noto come Olonós, Ωλονός) è una catena montuosa sita nella zona meridionale dell'Acaia e nel nord-est dell'Elide. La vetta più alta tocca i 2.224 m. s.l.m., classificandosi così come quarto picco di maggiore altezza nella penisola del Peloponneso. Storicamente, il monte Erimanto faceva parte della zona nord-occidentale dell'Arcadia, dove era il secondo più alto della catena montuosa. La parte settentrionale apparteneva alla storica Acaia e non distava molto dal triplice confine tra Arcadia, Acaia ed Elide.

GeografiaModifica

Il monte Skollis è ad ovest, e altre piccole montagne sono a nord. Da est a sud-est c'è il monte Chelmos, noto anche come Aroania, che è il nome sia di una montagna che di un villaggio. Chelmos, che può essere visto dalla montagna, si trova ad est, ma si estende a sud. I villaggi della zona a sud, Panachaiko e Omplos, si trovano in una ricca valle dal punto di vista agricolo tra le vette del'Erimanto.

DescrizioneModifica

L'elevazione della catena va da 150 m. a nord fino agli 800-1 000 m. a sud. L'Erimanto è coperto da foreste intorno ai bordi, costituita da alberi di pino, ulivo, cedro, betulla e abete. Terra arida e praterie vanno dai 300 ai 400 m. anche se porzioni senza vegetazione continuano fino alla vetta. Il colore della montagna deriva dai colori della roccia, che sono marrone, caramello e marrone chiaro. Diversi torrenti in secca appaiono sulla vetta.

Fra le catene montuose adiacenti ci sono Kallifoni e Lampeia (Divri) a sud-ovest. Altre vette sono il Moungila o Mougila (Μουγγίλα) 2 169 m., Profitis Ilias (Προφήτης Ηλίας) 2 124 m., Pyrgakos o Pirgakos (Πυργάκος) 2 050 m. e 1 923 m., I Psili Tourla 1 891 m., Lepida (Λεπίδα) 1 541 m., Melissovouni (Μελισσοβούνι che significa "la montagna delle api") 1 461 m., e Agios Athanasios (Άγιος Αθανάσιος) |1 219 m. Da qui nasce il fiume Peneo verso sud-ovest e il Selinountas verso est, Il fiume Erimanto verso sud, Peiros e Parapeiros verso sud-ovest. La catena è parte della zona geologica Oleni-Pindos.

PanoramaModifica

 
Il villaggio di Skiada sul fianco di monte Erimanto

Dalla cima dell'Erimanto è visibile la maggior parte occidentale e nord-occidentale del Peloponneso, nel nord dell'Arcadia, e le colline orientali di Ilia. Le montagne del sud della Grecia Centrale e, nelle giornate limpide, le montagne delle isole di Zante, Cefalonia e Itaca.

StoriaModifica

In tempi antichi, l'Erimanto era famoso come residenza del cinghiale di Erimanto. Nella mitologia greca, il re di Arcadia, Licaone, chiamò il suo cinghiale Erimanto, dal nome della montagna. (Ercole catturò il cinghiale di Erimanto e lo riportò a Euristeo come una delle sue dodici fatiche.

Tra l'impero bizantino e la guerra d'indipendenza greca, vennero fondati diversi villaggi, compresi Skiada e Oreino. Dopo la seconda guerra mondiale e la guerra civile greca, diversi villaggi sono stati ricostruiti. Il 5 febbraio 2008, la montagna è stata investita da un terremoto di grado 5,5 della scala Richter con epicentro a Chalandritsa ed altre scosse a Farres, fuori dalla catena montuosa.

BibliografiaModifica

Questo articolo comprende testi dell'enciclopedia online in lingua greca livepedia.gr pubblicata sotto licenza GFDL.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica