Apri il menu principale
Monte Isel
Monte Isel - trampolino in cima.jpg
La cima del monte Isel con l'omonimo trampolino da sci
StatoAustria Austria
LandTirolo Tirolo
Altezza746 m s.l.m.
Prominenza70 m
CatenaAlpi
Coordinate47°14′48″N 11°23′59″E / 47.246667°N 11.399722°E47.246667; 11.399722Coordinate: 47°14′48″N 11°23′59″E / 47.246667°N 11.399722°E47.246667; 11.399722
Altri nomi e significatiBergisel
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Austria
Monte Isel
Monte Isel
Mappa di localizzazione: Alpi
Monte Isel
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Orientali
Grande SettoreAlpi Nord-orientali
SezioneAlpi Scistose Tirolesi
SottosezionePrealpi del Tux

Il monte Isel (Bergisel in tedesco) è un rilievo di 746 m di altitudine che si trova alle pendici del Axamer Lizum a sud di Innsbruck, in Austria, nella zona di Wilten (un quartiere di Innsbruck), nei pressi del punto in cui il fiume Sill (Alta Valle Isarco) incontra la valle dell'Eno.

StoriaModifica

 
Vista da nord del trampolino Bergisel per il salto con gli sci che sorge sulla sommità del pendio.

Nella zona risultano insediamenti umani risalenti all'Era Glaciale.

Nel 1809, il monte Isel fu il teatro di quattro battaglie che videro l'insurrezione dei tirolesi (trentini ed austriaci) sotto il comando di Andreas Hofer, nei confronti del Regno di Baviera, coalizzato con le truppe napoleoniche.[1] Nel 1892, fu eretto un monumento ad Andreas Hofer per commemorare le battaglie.

Dal 1952, Innsbruck ospita una tappa del Torneo dei quattro trampolini. In occasione delle Olimpiadi invernali del 1964 venne realizzato il trampolino del Bergisel (Bergiselschanze in tedesco) per sostituire una vecchia struttura, più piccola. Fu utilizzato anche per le Olimpiadi invernali del 1976. Una nuova rampa, progettata da Zaha Hadid, è stata inaugurata nel 2003.

Sia il tracciato della ferrovia che dell'autostrada del Brennero presentano una galleria al di sotto del monte Isel. Può essere raggiunto attraverso la ferrovia della Stubaital da Innsbruck, uscendo alla stazione di Sonnenburgerhof, o con la tramvia 1, dalla stazione dedicata.

Etimologia del nome tedescoModifica

Ci sono alcune ipotesi sull'etimologia del nome tedesco Bergisel. Bergisel indicava un tempo l'intero pendio tra il fiume Sill e il quartiere Mentlberg di Innsbruck. Secondo il linguista e cartografo Karl Finsterwalder, il termine Bergisel deriverebbe da mons Burgusium.[2] Anche l'autore Eduard Widmoser conferma, che mons Burgusium è attestato nel 1140, si sarebbe evoluto in Purguses (1267), Purgusels (1305), e nel 1357 sarebbe divenuto Purgüsels, e oggi va scritto Bergisel.[3] Secondo la ricerca più recente, il nome medievale è stato invece "mons Burgusinus", contenuto in un documento per l'abbazia di Wilten, redatto solamente nella seconda metà del Duecento ma retrodatato al 1140.[4]

NoteModifica

  1. ^ Enciclopedia Italiana Treccani, voce: "Hofer, Andreas" cit.: «La sollevazione (9 marzo 1809) culminò nelle due vittoriose battaglie presso il monte Isel (25 e 29 maggio). In seguito all'arrivo di 40.000 soldati francesi, bavaresi e sassoni, H. proclamò la guerra nazionale che fruttò ai patrioti un'altra vittoria presso il monte Isel (13 agosto).»
  2. ^ (DE) Karl Finsterwalder, Bergisel, Burgeis und andere Namen als Unterscheidungsmerkmale indogermanischer Sprachen, in "Festschrift Richard Heuberger (Schlern-Schriften, 206)", a cura di Wilhelm Fischer, Innsbruck, Wagner, 1960, pp. 13-31
  3. ^ (DE) Eduard Widmoser, Südtirol A-Z, Südtirol-Verlag, 1982, ISBN 3-87 803-005-3, pag. 148
  4. ^ (DE) Martin Bitschnau e Hannes Obermair, Tiroler Urkundenbuch, II. Abteilung: Die Urkunden zur Geschichte des Inn-, Eisack- und Pustertals. Band 1: Bis zum Jahr 1140, Innsbruck, Universitätsverlag Wagner, 2009, pp. 318-322, n. 380, ISBN 978-3-7030-0469-8.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN236808504 · LCCN (ENsh2010005796 · GND (DE4069277-2 · WorldCat Identities (EN236808504
  Portale Austria: accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Austria