Apri il menu principale
Monte Sises
Monte Sises con resti dell'osservatorio.JPG
La vetta del monte con i resti dell'osservatorio prima del restauro del 2016.
StatoItalia Italia
RegionePiemonte Piemonte
ProvinciaTorino Torino
Altezza2 658 m s.l.m. e 2 438 m s.l.m.
CatenaAlpi
Coordinate44°56′36.06″N 6°53′44.45″E / 44.94335°N 6.89568°E44.94335; 6.89568Coordinate: 44°56′36.06″N 6°53′44.45″E / 44.94335°N 6.89568°E44.94335; 6.89568
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monte Sises
Monte Sises
Mappa di localizzazione: Alpi
Monte Sises
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Occidentali
Grande SettoreAlpi Sud-occidentali
SezioneAlpi Cozie
SottosezioneAlpi del Monginevro
SupergruppoCatena Bucie-Grand Queyron-Orsiera
GruppoGruppo Queyron-Albergian-Sestrière
SottogruppoGruppo Grand Queyron-Vergia-Rognosa
CodiceI/A-4.II-A.2.a

Il Monte Sises (2 658 m s.l.m.) è una vetta in fronte al comune di Sestriere dove, fino ai primi anni del ventunesimo secolo, era situato l'arrivo della vecchia funivia Sestriere-Sises.

CaratteristicheModifica

Si trova lungo la cresta che innalzandosi dal colle del Sestriere conduce alla Rognosa di Sestriere, passando prima dal monte Alpette (2.302 m) e successivamente attraverso il monte Querellet (2.726 m).

Sulla vetta è situato un piccolo edificio in pietra a pianta dodecagonale, che risulta visibile fin dal paese ed è conosciuto come il Belvedere. Costruita nel 1931 e completamente ristrutturata ad opera di un privato che la ha acquisita dalla società degli impianti (Sestrieres SPA) nel 2016 per adibirla a saltuaria abitazione. Tale costruzione è posta 50 metri più in alto della ex stazione di arrivo (edificio arancione in stile liberty) dei primi impianti di risalita. Attualmente non è dotata di impianto elettrico. È stato costruito un impianto per l'acqua che viene raccolta dal tetto e convogliata in un serbatoio. Due pannelli solari provvedono a mantenere una temperatura di poco sopra lo zero all'interno mentre la stufa a legna permette di raggiungere 15/20 gradi dopo qualche ora dall'accensione.

In occasione dei XX Giochi olimpici invernali di Torino 2006 la partenza della gara di slalom gigante maschile era situata alle pendici di questo monte.