Apri il menu principale

Montesicuro

frazione del comune italiano di Ancona
Montesicuro
frazione
Montesicuro – Veduta
Vista panoramica
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneFlag of Marche.svg Marche
ProvinciaProvincia di Ancona-Stemma.png Ancona
ComuneAncona-Stemma.png Ancona
Territorio
Coordinate43°33′10.19″N 13°27′41″E / 43.55283°N 13.46139°E43.55283; 13.46139 (Montesicuro)Coordinate: 43°33′10.19″N 13°27′41″E / 43.55283°N 13.46139°E43.55283; 13.46139 (Montesicuro)
Altitudine301 m s.l.m.
Abitanti344[1] (2001)
Altre informazioni
Cod. postale60131
Prefisso071
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantiMontesicuresi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Montesicuro
Montesicuro

Montesicuro (Montesciguro in dialetto anconitano) era un comune italiano, soppresso con Regio Decreto 15 aprile 1928, n. 882[2] ed accorpato al comune di Ancona, di cui è divenuto frazione. È uno dei Castelli di Ancona, sistema difensivo costruito a guardia dei confini della Repubblica di Ancona.

Montesicuro fa parte del cosiddetto "sistema delle frazioni" di Ancona, una cintura periurbana al capoluogo che include, tra le altre, Gallignano, Sappanico, Montacuto, Paterno, Poggio.

Rispetto al capoluogo si trova a sud-ovest in posizione dominante nel sistema collinare insistente tra la valle esina ed il vallone di Offagna. Le principali distanze sono[3]: Ancona, municipio: 12,5 km; Stazione FS: 10,5 km; Zona commerciale (Aspio): 6,4 km.

Mentre la popolazione residente fino agli anni '90 ha registrato un progressivo calo, gli ultimi anni hanno visto un'inversione di tendenza, con una crescita della popolazione residente non solo nella fascia degli anziani, ma anche, significativamente, in quella dei giovani sotto i 14 anni[4].

Indice

Elementi storici ed architettoniciModifica

Esistono varie opinioni sull'origine della denominazione di Montesicuro: secondo alcuni il nome deriverebbe dalle caratteristiche del luogo, anticamente sparso di boscaglie; secondo altri dalla posizione dominante e infine dall'emblema del castello rappresentato da una scure.

Quasi nulla è rimasto delle antiche mura castellane, in quanto la storia di Montesicuro somiglia a quella degli altri castelli della zona, essendo stato esposto più volte, nel XIV e XV secolo, alle aggressioni ed ai vandalismi ad opera dei comuni limitrofi in lotta con Ancona. La costruzione di nuovi edifici, tra cui Villa Foschi, oggi rinnovata e adibita a struttura di riposo per anziani, ha contribuito a cambiare sostanzialmente la fisionomia dell'antico abitato.

La chiesa parrocchiale è stata restaurata verso il 1750 con l'aggiunta di due piccole navate laterali; all'interno si trova una pala rappresentante la Madonna col Bambino e i Santi martiri Stefano e Lorenzo ed un Crocifisso del XVI secolo. Sono presenti anche vari edifici storici, come il Palazzo Comunale con l'antico orologio, il Palazzo delle Poste, che durante il fascismo era il Palazzo del Fascio, e l'antico edificio che ora funge da casa di riposo, ma che precedentemente ospitava un seminario.

Servizi presentiModifica

Nonostante la perdita di autonomia nei confronti del capoluogo, Montesicuro mantiene una comunità molto vitale, che si evidenzia in una presenza di servizi ancora notevole. A Montesicuro sono infatti presenti un ambulatorio medico, una scuola dell'infanzia ("La giostra"), una scuola primaria ("Levi") ed una scuola secondaria di primo grado. Sono inoltre presenti varie attività commerciali come il panificio, il bar (che funge anche da edicola, tabacchi e distributore carburanti), la macelleria/alimentari e le poste[5]. Sono presenti anche varie aziende agricole e vitivinicole che producono vino venduto in tutta Italia.

ContradeModifica

Il territorio di Montesicuro, come quello di tutte le altre frazioni di Ancona, è suddiviso in contrade. Esse sono[6]:

  • Aspio di Montesicuro[7],
  • Case Lanternari,
  • Fornaci di Montesicuro[8],
  • Grancia di Montesicuro[9],
  • Molino,
  • Monte Galluzzo di Montesicuro[10],
  • Piantate Lunghe di Montesicuro[11],
  • San Sebastiano.

SportModifica

Calcio a 5Modifica

A Montesicuro è situata la sede della Chevrolet Tre Colli, che milita nel campionato di serie B. La Chevrolet Tre Colli e la Chevrolet Team, iscritta al campionato di C2, disputano le partite casalinghe nel pallone tensostatico comunale del paese.

NoteModifica

  1. ^ Dati Censimento ISTAT 2001, su dawinci.istat.it. URL consultato il 26 ottobre 2008.
  2. ^ Aggregazione al comune di Ancona dei comuni di Montesicuro e Paterno nonché del territorio del comune di Falconara Marittima situato a destra del fiume Esino, ed aggregazione al comune di Chiaravalle del territorio del comune di Falconara Marittima situato a sinistra del fiume Esino., su www.normattiva.it. URL consultato il 19 aprile 2019.
  3. ^ Distanze stradali misurate tramite Google Maps
  4. ^ Dossier 2 bis urbanistica partecipata: Montesicuro - Presentazione Analisi risultati questionario Archiviato il 22 dicembre 2010 in Internet Archive.
  5. ^ I servizi presenti a Montesicuro, su montesicuro.it. URL consultato il 4 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 20 ottobre 2014).
  6. ^ I nomi sono per la maggior parte tratti dalla carta delle circoscrizioni del Comune di Ancona
  7. ^ Per distinguere questa contrada dalla frazione Aspio.
  8. ^ Per distinguerla dall'omonima contrada della frazione Gallignano.
  9. ^ Per distinguerla dall'omonima contrada della frazione Candia
  10. ^ Per distinguerla dall'omonima contrada della frazione Sappanico.
  11. ^ Per distinguerla dall'omonima contrada della frazione Candia.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marche