Apri il menu principale

Monticchio (L'Aquila)

frazione del comune italiano di L'Aquila
Monticchio
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
ProvinciaProvincia dell'Aquila-Stemma.png L'Aquila
ComuneCoat of Arms of L'Aquila, Italy.svg L'Aquila
Territorio
Coordinate42°19′15.39″N 13°27′52.93″E / 42.320942°N 13.464703°E42.320942; 13.464703 (Monticchio)Coordinate: 42°19′15.39″N 13°27′52.93″E / 42.320942°N 13.464703°E42.320942; 13.464703 (Monticchio)
Altitudine590 m s.l.m.
Abitanti1 000[1]
Altre informazioni
Cod. postale67020
Prefisso0862
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Monticchio
Monticchio

Monticchio è una frazione della città dell'Aquila distante circa 9 km dal capoluogo, originariamente compreso nel comune soppresso di Bagno, con cui oggi forma l'undicesima circoscrizione (Bagno-Monticchio). Conta circa 1.000 abitanti ed è ubicato ad un'altitudine di circa 600 metri s.l.m. alla pendici del Monte Cagno, nella Valle dell'Aterno. Nelle sue vicinanze è sita un'importante l'area artigianale ed industriale della periferia est aquilana (Bazzano).

StoriaModifica

 
Il tenente Andrea Bafile

Il paese è situato all'interno della Valle dell'Aterno, un luogo dominato, prima del XIII secolo, dalle città di Aveja e, successivamente, Forcona (area archeologica sita nella zona di Bagno - località Civita di Bagno), quest'ultima sede vescovile. La località originariamente nota come Monticulus, poi Montecchj, quindi Montecchio o Monticchio[2] e caratterizzata dal solo agglomerato di alcune case rurali, si sviluppò solo a partire dal XIII secolo quando venne edificata la chiesa parrocchiale di San Nicola[3]. Nel 1254 partecipò, con altri castelli del contado, alla fondazione dell'Aquila.

È patria del beato francescano Timoteo da Monticchio.

 
Danni del terremoto a Monticchio

Monticchio divenne noto nel risorgimento per essere un importante centro di reclutazione della carboneria, testimoniata anche dalla venuta in paese di Giuseppe Garibaldi[3]. Nella prima guerra mondiale perse la sua personalità più celebre, il tenente di vascello Andrea Bafile, poi medaglia d'oro al valor militare. Unito al comune di Bagno dopo l'unità d'Italia, è stato riunificato al capoluogo nel 1927 per la formazione della cosiddetta Grande Aquila data la soppressione e l'annessione al comune dell'Aquila dei comuni di Arischia, Bagno, Camarda, Lucoli, Paganica, Preturo, Roio, Sassa.

Nel 2009 è stato colpito, insieme agli altri centri della conca aquilana, dal terremoto dell'Aquila, in cui ha registrato gravi crolli in molte abitazioni ed una vittima. Nonostante la vicinanza all'epicentro, il paese ha comunque subito danni e vittime in maniera molto più lieve delle altre località nelle vicinanze, tra cui Onna, probabilmente anche a causa della natura geologica del terreno sottostante, di tipo roccioso nel caso di Monticchio e argilloso nel caso di Onna[4].

Monastero di San Nicola di BariModifica

Il monastero è la chiesa parrocchiale di Monticchio, fu edificato nel XIII secolo, e ricostituito dopo il terremoto del 1703. Ha un aspetto compatto composto dalla chiesa e da un edificio per ospitare i pellegrini. La facciata è settecentesca, con portale a colonne classiche e piccolo rosone al centro. Il campanile è a vela, a due piani. L'interno barocco è a navata unica e possiede una storica statua dedicata a san Pasquale Baylón. Inoltre vi è un pregevole organo di Luca Neri di Leonessa. Risale al XVII secolo, con aggiunte del somiere di basseria di Adriano Fedri. Il prospetto è composto da 21 canne di stagno ad unica campata con cuspide centrale e ali laterali. Nella cassa vi è un mantice a lanterna ottocentesco che ha sostituito i classici mantici a cuneo.

Danneggiata dal terremoto del 2009, è stata ristrutturata nel 2019.

Casa natale di Andrea BafileModifica

Si trova alla fine di via Bafile verso ovest, all'incrocio con via Portella e vicolo Croce. La casa è un'elegante struttura borghese tipicamente aquilana dell'Ottocento, suddivisa da pilastri in tre comparti, con finestre quadrotte e portali ad arco a tutto sesto con la cornice in pietra e chiave di volta riccamente decorata. Una targa ricorda che nel 1878 vi nacque il Tenente di Marina Militare Italiana, all'interno è ospitato un piccolo museo dedicato alla memoria dell'eroe abruzzese del Piave.

Nel 2018 è stato inaugurato, nel piazzale antistante la chiesa madre, un monumento con busto in bronzo dedicato ad Andrea Bafile, riqualificando un giardino già esistente, dotato di parco giochi. L'area ha cambiato nome in piazza del Monumento.

NoteModifica

  1. ^ Approssimativamente.
  2. ^ Il nome, in www.monticchio.org. URL consultato il 12 novembre 2010.
  3. ^ a b Provincia dell'Aquila, pp. 220-221.
  4. ^ Monticchio, paese fortunato, in www.tgcom.mediaset.it. URL consultato il 12 novembre 2010.

BibliografiaModifica

  • Provincia dell'Aquila, Guida turistica della Provincia dell'Aquila, L'Aquila, Provincia dell'Aquila, 1999;
  • Touring Club Italiano, L'Italia - Abruzzo e Molise, Milano, Touring Editore, 2005;

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN998150172652100180008 · GND (DE1137280999 · WorldCat Identities (EN998150172652100180008
  Portale L'Aquila: accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Aquila