Apri il menu principale

Monumento a Giuseppe Verdi (Parma)

Monumento a Giuseppe Verdi
Parma - monumento a Giuseppe Verdi.jpg
Ara centrale
AutoriEttore Ximenes e architetto Lamberto Cusani
Data1913 - 1920
Materialegranito e bronzo
Ubicazionepiazzale della Pace, Parma
Coordinate44°48′18.27″N 10°19′38.16″E / 44.805075°N 10.327267°E44.805075; 10.327267Coordinate: 44°48′18.27″N 10°19′38.16″E / 44.805075°N 10.327267°E44.805075; 10.327267

Il monumento a Giuseppe Verdi è un'opera in granito e bronzo situata in piazzale della Pace a Parma.

L'attuale memoriale è costituito dall'ara centrale di un maestoso monumento dedicato al maestro Giuseppe Verdi danneggiato durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale.[1]

StoriaModifica

In occasione del centenario della nascita del grande maestro Giuseppe Verdi, la città di Parma decise di omaggiarlo con un monumento degno del suo nome. Per questo fu dato incarico del progetto all'architetto Lamberto Cusani, che avviò la costruzione nel 1913 nel piazzale antistante la stazione ferroviaria. L'immensa opera, alta quanto il Palazzo della Pilotta ed interamente realizzata in granito e bronzo dallo scultore Ettore Ximenes ed aiuti, fu inaugurata il 22 febbraio 1920.[2]

Il monumento fu colpito dai bombardamenti alleati del 13 maggio 1944, durante la seconda guerra mondiale; nonostante i danni non fossero particolarmente gravi, si decise di abbatterlo, non senza aspre polemiche, per lasciar posto a nuovi palazzi.[3] Fu risparmiata la grande ara centrale, poi ricollocata in piazzale della Pace accanto al Palazzo della Pilotta. Delle 28 statue che lo adornavano, alcune si salvarono, ma parte di esse fu trafugata da privati o gettata nel torrente; ne rimasero quindi solo 9, trasportate nella sala del teatro Arena del Sole di Roccabianca, ove oggi ancora si trovano.[1]

DescrizioneModifica

Il monumento era costituito da un enorme arco trionfale, sormontato da leoni trainanti un carro mitologico; attorno ad esso si dipartivano simmetricamente due porticati semicircolari, arricchiti da 28 statue raffiguranti i personaggi delle opere verdiane (le 27 opere canoniche oltre all'Inno di Guerra), ordinate nella corretta sequenza temporale di composizione:

 
Il monumento a Giuseppe Verdi nel 1920

Ara centraleModifica

 
Particolare dell'altorilievo con Giuseppe Verdi
 
Retro dell'ara centrale

Al centro dell'emiciclo non più esistente era infine posta la monumentale ara, oggi situata in piazzale della Pace.

La parte anteriore è costituita da un grande altorilievo che rappresenta al centro Giuseppe Verdi in meditazione, contornato dalle Muse che gli suggeriscono, nell'ordine, l'Ispirazione, la Melodia, il Canto, il Ritmo della Danza, l'Amore e la Morte.[5]

La parte posteriore è invece suddivisa in tre distinti altorilievi, che rappresentano, in successione: la scena dell'approvazione, da parte delle Province Parmensi, dell'annessione al Regno d'Italia (12 settembre 1859); la scena, con la celebre epigrafe Viva V.E.R.D.I., della trionfale accoglienza riservata dalla città di Torino al Maestro, Delegato del parmense, al momento del suo arrivo per recare nelle mani del re Vittorio Emanuele II l'esito del Plebiscito; la scena di tale consegna da parte di Verdi ed altri delegati al re (15 settembre 1859).[5]

 
Particolare dell'altorilievo con Giuseppe Verdi

NoteModifica

  1. ^ a b Luoghi verdiani – Verdi a Parma, su www.scorcidiparma.it. URL consultato il 26 settembre 2015.
  2. ^ Verdi e il monumento perduto - Un giovane regista lo racconta, su parma.repubblica.it. URL consultato il 26 settembre 2015.
  3. ^ Verdi, monumento al mito, su www.gazzettadiparma.it. URL consultato il 26 settembre 2015.
  4. ^ Monumento a Giuseppe Verdi (1920), su www.clubdei27.com. URL consultato il 26 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2015).
  5. ^ a b Monumento a Giuseppe Verdi (oggi), su www.clubdei27.com. URL consultato il 26 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2015).

BibliografiaModifica

  • Barbara Zilocchi, Parma, il monumento a Giuseppe Verdi: ideazione, costruzione e demolizione, Parma, Grafiche Step, 2014.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica