Morro d'Alba

comune italiano
Morro d'Alba
comune
Morro d'Alba – Stemma Morro d'Alba – Bandiera
Morro d'Alba – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Marche.svg Marche
ProvinciaProvincia di Ancona-Stemma.png Ancona
Amministrazione
SindacoEnrico Ciarimboli (lista civica Morro d'Alba comune) dall'11-6-2018
Territorio
Coordinate43°36′04.19″N 13°12′49.55″E / 43.601164°N 13.213764°E43.601164; 13.213764 (Morro d'Alba)Coordinate: 43°36′04.19″N 13°12′49.55″E / 43.601164°N 13.213764°E43.601164; 13.213764 (Morro d'Alba)
Altitudine199 m s.l.m.
Superficie19,46 km²
Abitanti1 831[1] (31-12-2020)
Densità94,09 ab./km²
FrazioniSanta Maria, Sant'Amico
Comuni confinantiBelvedere Ostrense, Monte San Vito, San Marcello, Senigallia
Altre informazioni
Cod. postale60030
Prefisso0731
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT042031
Cod. catastaleF745
TargaAN
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)[2]
Cl. climaticazona D, 1 936 GG[3]
Nome abitantimorresi
Patronosan Michele Arcangelo
Giorno festivo29 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Morro d'Alba
Morro d'Alba
Morro d'Alba – Mappa
Posizione del comune di Morro d'Alba nella provincia di Ancona
Sito istituzionale

Morro d'Alba è un comune italiano di 1 831 abitanti[1] della provincia di Ancona nelle Marche.

Geografia fisicaModifica

Il comune di Morro d’Alba è uno dei comuni della provincia di Ancona ed ha una superficie di 19,12 kmq.[4][5] Si trova situato su di un colle a 199 metri di altitudine posto ad una distanza intermedia tra i centri di Jesi e Senigallia e dunque tra le valli dei fiumi Esino e Misa che percorrono rispettivamente le due città. La distanza stimata dal mare è di circa 10 chilometri e si può ben scorgere dal panorama offerto dal castello che mostra proprio l’esempio del paesaggio tipico delle Marche dove le coltivazioni ordinate e i colori cangianti secondo le stagioni sfumano fino all’azzurro del mare da una parte, mentre sullo sfondo opposto la catena degli Appennini fa da cornice.

Il comune è parte dei Castelli di Jesi e della Valle del Triponzio, uno dei maggiori affluenti del fiume Esino.[6] Proprio la presenza dell’acqua infatti ha reso possibile la formazione dei primi insediamenti in questi territori. Molti sono infatti i pozzi, rinvenuti anche negli ambienti ipogei del castello, e molte sono le fonti come la Fonte del Re che era una fonte che si trovava nei pressi della frazione di Sant’Amico dove probabilmente si sono stanziate le prime comunità e che trae il nome dalla scoperta del medaglione de re dei Goti Teodorico risalente probabilmente al 500 e che si trova oggi al Museo Nazionale Romano. La presenza di Goti e Longobardi è inoltre attestata in alcuni toponimi e nel culto di San Michele Arcangelo, tutt’oggi patrono del paese e rappresentato anche nello stemma del comune.

StoriaModifica

Morro d'Alba ha origini lontanissime. La sua esistenza storica è accertata intorno all'anno Mille, quando compare come "Curtis" in un atto imperiale di Federico I. Ma le sue campagne, le zone dell'attuale territorio comunale, risultavano già abitate in epoca romana. Ad attestarlo è un medaglione aureo che riporta la scritta ricostruita "Theodoricus pius princeps invictus semper", rinvenuto in una tomba a Sant'Amico, nelle vicinanze del paese e oggi conservato presso il Museo delle Terme di Roma. Il toponimo sembra ricordare la "mora" o cippo di confine sull'"alba" o colle, che segnava la separazione tra i comitato medievali di Jesi e di Senigallia.

Compare invece come "Castrum" in un altro atto del 1213, quando Senigallia è costretta a cedere Morro d'Alba al vicino comune di Jesi. Entrerà così a far parte del contado della Respublica Aesina, e ne seguirà tutte le sorti storiche. Nel 1326, Morro d'Alba viene assediata dalle milizie di Fabriano, e nel 1365 le mura devono essere ricostruite, forse a causa dei danni subiti da una incursione dei banditi della "Compagnia Maledicta" di FraMoriale. Nel 1481 subisce diverse incursioni degli Anconetani.

Soltanto nel 1808, con il Regno Napoleonico, viene definitivamente sottratta al comune di Jesi; è poi nel 1860, con l'unità d'Italia, che Morro d'Alba entra a far parte della provincia di Ancona. Proprio questo avvenimento comportò, nel 1862, l'aggiunta del termine Alba al nome del paese, per evitare delle confusioni con altre località del Regno.

Il 23 ottobre 2016 dopo un referendum consultivo Morro D'Alba respinge fortemente la proposta di fusione per incorporazione con Senigallia.[7]

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Il comune di Morro d’Alba fa parte dell’associazione Borghi più belli d'Italia ed è uno dei borghi più suggestivi delle Marche; questo conserva ad oggi numerose testimonianze del suo passato quali la cinta muraria e il camminamento interno "La Scarpa", i sotterranei, il Palazzo comunale, la chiesa di San Gaudenzio e quella della Santissima Annunziata.

Architetture religioseModifica

Chiesa di San GaudenzioModifica

 
Chiesa di San Gaudenzio Morro d'Alba

La Chiesa di San Gaudenzio è collocata all’interno delle mura e caratterizzata da ricchissime decorazioni parietali e da un pavimento in pietra del Furlo bianca e rosa. Al suo interno sono presenti diverse tele tra cui un esemplare di ‘Ultima Cena’ (1735) appartenente a Giovanni Francesco Ferreri e ‘Il battesimo di Gesù’ (1941) di Ciro Pavisa che è una copia dell’omonima tela eseguita da Andrea Verrocchio con alcuni suoi collaboratori tra cui Leonardo da Vinci.[8]

Chiesa della Santissima AnnunziataModifica

La Chiesa della Santissima Annunziata venne eretta nel 1670 ed era nota alla popolazione come Chiesa di Santa Teleucania poiché qui nel 1819 i fratelli don Angelo e don Francesco Remedi avevano esposto al pubblico la salma della santa martire ottenuto a Roma. Oggi è usata come auditorium nel quale si organizzano congressi, concerti e mostre.[9]

Architetture civiliModifica

Camminamento "La Scarpa"Modifica

Il camminamento ‘La Scarpa’ definisce la peculiarità del borgo stesso racchiudendolo all’interno delle sua mura. Si tratta dell’antica fortezza medievale costruita proprio a scopo difensivo probabilmente già dal XIII secolo e che nel tempo ha subito numerose modifiche riscontrabili ancora oggi sulla struttura.[10]

Palazzo ComunaleModifica

Il Palazzo Comunale si trova all'interno del castello ed è stato realizzato tra 1763 e 1775. Nella sua sala consiliare sono presenti oltre che dei semibusti dedicati ai benefattori della città, anche alcune opere di autore ignoto quali la 'Vergine immacolata tra San Michele Arcangelo e San Benedetto' e 'San Michele Arcangelo e il demonio', entrambe risalenti alla fine del XVII secolo. Vi è anche una pala d’altare di Claudio Ridolfi, pittore di origine veneta attivo nelle Marche che si chiama 'Incoronazione della Vergine e i santi Francesco Bonaventura, Michele Arcangelo, Domenico Giuseppe' del 1630 circa.[11]

Museo UtensiliaModifica

E' ubicato presso "La Scarpa" che non è altro che il vecchio camminamento di ronda della fortezza. Il Museo si trova in questa sede dal 2008 ed espone una collezione ragionata di oggetti appartenenti alla cultura mezzadrile che ha caratterizzato questo territorio per anni. Venne inaugurato nel 1986 per volontà di Sergio Anselmi allora direttore del museo di storia della Mezzadria di Senigallia ed era allestito presso i locali dell’ex scuola media di Morro d’Alba.

Ad oggi è composto da otto sale situate negli ambienti del castello. In una di queste sale vi è un cannone di bottega napoletana fuso nel 1851 e che venne conquistato in battaglia dal Re Vittorio Emanuele II contro Carlo III di Borbone. Si trova qui perché è stato donato dal Museo storico nazionale di Artiglieria di Torino nel 1862 per far esercitare la locale Guardia Nazionale nonché poi anche per festeggiare qualche ricorrenza. Oggi lo troviamo in questi ambienti perchè non venne donato a titolo gratuito, bensì in cambio della cessione da parte del Comune di Morro d’Alba al Museo dell’Artiglieria di Torino della più antica bombarda italiana nota fino ad oggi, realizzata in un unico pezzo di ferro battuto, risalente probabilmente al XIV secolo e rinvenuta proprio qui durante i lavori di recupero delle grotte assieme a tre mascoli.[12]

EventiModifica

Numerose sono le tradizioni e le manifestazioni di Morro d'Alba tra cui ricordiamo la “Sagra del Lacrima” in occasione della prima domenica di Maggio in cui troviamo stand gastronomici e degustazione del vino DOC Lacrima di Morro d’Alba, la festa tipica del borgo ossia il “Cantamaggio” che si tiene la terza domenica di Maggio quando in piazza viene piantato l’albero del maggio e gruppi di cantori del paese e dei dintorni portano di casa in casa il canto rituale di questua che si conclude con la danza del saltarello e l’offerta di doni alimentari da parte dei padroni di casa. La festa termina il 31 Maggio con il rogo dell’albero in piazza per allontanare la negatività. Il 10 Agosto inoltre si tiene la manifestazione “Calici di Stelle” promossa dall’Associazione Nazionale Città del Vino di cui Morro d’Alba fa parte, durante la quale si potranno gustare il Lacrima e altri prodotti gastronomici locali morresi assistendo ad intrattenimenti musicali; e infine il terzo sabato e la terza domenica di Ottobre si tiene la “Festa del Lacrima e del Tartufo di Acqualagna” con stand gastronomici a tema, intrattenimenti musicali e varie attività.

Il comune di Morro d’Alba è inoltre dotato di aree camper e altre strutture ricettive ed è attraversato da diversi tipi di itinerari turistico-culturali realizzati nell’ambito dell’iniziativa Leader quali: la via del sole che partendo da Jesi tocca vari centri collinari i cui campi esposti a mezzogiorno favoriscono la coltura della vite e la produzione di pregiati vini DOC tra cui il Lacrima stesso, due differenti percorsi per gli appassionati di mountain bike, un itinerario dedicato a passeggiate a cavallo e infine l’itinerario storico-culturale che tocca i più interessanti siti storici, architettonici, artistici e museali della zona.[13][14]

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[15]

Istituzioni, enti e associazioniModifica

  • ALBANOSTRA - Società Mutuo Soccorso;
  • Archeoclub d'Italia - sede di Morro d'Alba;
  • Associazione A.V.I.S. - Sezione comunale;
  • Associazione Carabinieri in congedo;
  • Associazione Musicale Banda Cittadina;
  • Associazione Nazionale Bersaglieri;
  • Azione cattolica;
  • Circolo ACLI;
  • Circolo Morrese;
  • Danzaintondo;
  • Ducato della Lacrima;
  • G.A.T. (Gruppo Alternativo Teatrale);
  • Gruppo AIDO;
  • Nuovo Circolo "Don Aldo Montesi affiliato al C.S.I.;
  • Proloco - ProMorrod'Alba;
  • Croce Gialla Morro d'Alba - Pubblica Assistenza ONLUS;
  • Società Sportiva Morro d'Alba APD UNIONMORRO;
  • Società Sportiva Volley 3.

EconomiaModifica

Prodotti tipiciModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Lacrima di Morro d'Alba.

Il più famoso prodotto di questo paese sulle colline marchigiane è la Lacrima di Morro d'Alba, vino di una certa importanza nella regione e in Italia. Deve il suo nome alla particolare goccia (chiamata appunto lacrima) che fuoriesce dal grappolo d'uva quando essa giunge a maturazione.[senza fonte]

AmministrazioneModifica

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
14 luglio 1989 30 novembre 1994 Daniela Chiappa Ronconi Indipendente Sindaco [16]
21 novembre 1994 30 novembre 1998 Daniela Chiappa Ronconi Lista civica Sindaco [16]
30 novembre 1998 27 maggio 2003 Enrico Ciarimboli Lista civica Sindaco [16]
27 maggio 2003 15 aprile 2008 Simone Spadoni Lista civica Sindaco [16]
15 aprile 2008 27 maggio 2013 Simone Spadoni Impegno civile progresso democratico Sindaco [16]
27 maggio 2013 11 giugno 2018 Alberto Cinti Progresso democratico Sindaco [16]
11 giugno 2018 in carica Enrico Ciarimboli Morro d'Alba comune Sindaco [16]

SportModifica

Come detto sopra nelle associazioni è citata anche la squadra di calcio locale che è l'Union Morro D'Alba calcio, che gioca in Seconda Categoria, ma ha anche una squadra in Serie D di calcio a 5. A Morro d'Alba è inoltre presente una squadra di pallavolo, la Società Sportiva Volley 3.

NoteModifica

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Morro d'Alba: Clima e Dati Geografici, su comuni-italiani.it.
  5. ^ Morro d'Alba, su tuttitalia.it.
  6. ^ Sistema Museale Provincia di Ancona (a cura di), Guida di Morro d'Alba. La storia, l'arte, i musei..
  7. ^ il Resto del Carlino, Senigallia, referendum categorico. Morro d'Alba resta Comune - il Resto del Carlino, in il Resto del Carlino, 24 ottobre 2016. URL consultato il 12 giugno 2018.
  8. ^ Carlo Vernelli, Il patrimonio Storico e Artistico di Morro d'Alba.
  9. ^ Carlo Vernelli, Il Patrimonio Storico Artistico di Morro d'Alba.
  10. ^ Le Mura delle Marche - Morro d'Alba.
  11. ^ Carlo Vernelli, Il Patrimonio Storico-Artistico di Morro d'Alba.
  12. ^ Sistema Museale Provincia di Ancona (a cura di), Guida di Morro d'Alba. La storia, l'arte, i musei..
  13. ^ Sistema Provinciale Provincia di Ancona (a cura di), Guida di Morro d'Alba. La storia, l'arte, i musei..
  14. ^ Comune di Morro d'Alba - Eventi, su morrodalba.com.
  15. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  16. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che parlano delle Marche