Apri il menu principale

Mortal Kombat: Shaolin Monks

videogioco del 2005
Mortal Kombat: Shaolin Monks
videogioco
Mksm.jpg
Immagine della sequenza di apertura del gioco
Titolo originaleMortal Kombat: Shaolin Monks
PiattaformaPlayStation 2, Xbox
Data di pubblicazioneFlags of Canada and the United States.svg 16 settembre 2005
Zona PAL 30 settembre 2005
GenereAzione, Picchiaduro, Avventura dinamica
OrigineStati Uniti
SviluppoMidway Games, Paradox Development
PubblicazioneMidway Games
DirezioneEd Boon
ProduzioneEd Boon, Shaun Himmerick, Barclay Smith
DesignAdam Puhl, John Edwards, Luke Whiteside
ProgrammazioneDavid Gautrey
Direzione artisticaSteve Beran, Tony Goskie, Mark Lappin
SceneggiaturaJames Krueger, John Vogel, Jon Greenberg
MusicheChase Ashbaker, Richard Carle, Brian Chard, Vincent Pontarelli
SerieMortal Kombat
Modalità di giocoSingleplayer, Multiplayer (1-2)
Fascia di etàBBFC18 · ESRBM · OFLC (AU): MA15+ · PEGI: 18

Mortal Kombat: Shaolin Monks è un videogioco per PS2 e Xbox uscito nel 2005, spin-off della serie Mortal Kombat, assieme a Mortal Kombat Mythologies: Sub-Zero e Mortal Kombat: Special Forces condivide la struttura di picchiaduro a scorrimento.

TramaModifica

Il gioco si svolge tra i primi due capitoli di Mortal Kombat. Liu Kang, Sonya Blade, Sub-Zero, Kano, Johnny Cage, Scorpion e Reptile stanno combattendo in un dojo sotto gli occhi di Shang Tsung, finché Liu Kang lo attacca. Non potendo difendersi, lo stregone gli manda contro la sua guardia del corpo, il gigantesco Goro. Liu Kang lo affronta finché arriva Kung Lao, che si unisce alla lotta contro Goro. Liu Kang allora attacca Tsung e i due iniziano a battersi, finché il dojo inizia a crollare. Appare Raiden che permette agli eroi di fuggire, ma Liu Kang e Kung Lao non riescono a fuggire in tempo e precipitano nella tana di Goro, dalla quale riescono poi a scappare.

Liu Kang ha dunque vinto il primo Mortal Kombat, ma Shang Tsung ne propone un altro nell'Outworld. A seguito di un'invasione di Tarkatan, Raiden accetta di far partecipare anche i guerrieri della Terra. Da lì inizia un'avventura che porta i protagonisti a sconfiggere Shang Tsung e Shao Kahn per poter salvare il loro regno. Durante la loro avventura, i due monaci shaolin vagano nei reami e uccidono in ordine Jade, Reptile, Baraka, Goro, Scorpion, Kano, Ermac, Shang Tsung e Kintaro per indebolire il potere di Shao Kahn. Infine si battono contro l'imperatore dell'Outworld, lo sconfiggono e salvano il regno della Terra. Dopo che Raiden, Kung Lao e Liu Kang si allontanano dopo aver sconfitto Shao Kahn, Quan Chi prende il suo amuleto poco prima dei titoli di coda.

PersonaggiModifica

Il gioco permette di utilizzare all'inizio solo due personaggi per la modalità Storia, ovvero Liu Kang e Kung Lao. Scorpion e Sub Zero possono essere sbloccati solo successivamente.

  • Liu Kang, monaco shaolin, campione del Mortal Kombat.
  • Kung Lao, ex-monaco Shaolin che cerca vendetta contro Goro, avendo egli ucciso il suo omonimo antenato.
  • Scorpion, campione degli dei anziani e servitore di Shao Khan, sbloccato dopo aver finito la modalità storia con Liu Kang.
  • Sub-Zero, guerriero delle terre desolate che dopo uno scontro aiuterà il giocatore a trovare Goro, sbloccato dopo aver finito la modalita storia con Kung Lao.

È possibile inoltre sbloccare altri 4 personaggi, da utilizzare esclusivamente nella modalità Versus:

  • Kitana, figliastra di Shao Kahn e in seguito alleata dei guerrieri della terra.
  • Johnny Cage, famoso attore hollywoodiano esperto di arti marziali.
  • Baraka, generale delle truppe tarkatan.
  • Reptile, rettile antropomorfo e alleato di Shang Tsung.

I boss presenti nel gioco sono Jade, Mileena, Kitana, Reptile, Baraka, Orochi Hellbeast, Goro, Scorpion, Shang Tsung, Kintaro e Shao Kahn, più i due boss segreti Kano e Ermac.

Oltre ai boss, diversi personaggi della saga fanno un cameo, tra cui Noob Saibot (in fuga da suo fratello Kuai Liang, il secondo Sub-Zero), Kabal (senza maschera e imprigionato in una gabbia da cui è possibile liberarlo), Smoke (il quale offre diverse sfide al completamento delle quali è possibile giocare a Mortal Kombat II), Sonya Blade (che appare per la prima volta nella sequenza iniziale del gioco) e Jax Briggs (che apparirà anche per aiutare Liu Kang/Kung Lao a sconfiggere Kano).

CriticaModifica

Siti media statistica Punteggi
GameRankings Xbox: 80.64% (42 reviews)[1]
PS2: 79.10% (47 reviews)[2]
Accoglienza
Recensione Giudizio
1UP.com B+[3]
GameSpot 7.5/10.0[4]
IGN 8/10[5]
TeamXbox 8.7/10[6]
X-Play 3/5[7]

Le copie vendute di Mortal Kombat: Shaolin Monks sono state oltre un milione,[8] e il gioco di per sé ha ricevuto complessivamente un'accoglienza positiva. Su GameRankings, ha ricevuto voti medi del 79.10% e del 80.64% rispettivamente per le versioni PlayStation 2 e Xbox.[1][2] Il gioco è stato lodato dalla critica per la traduzione del franchise in un gioco d'azione divertente,[5] e si è notato come il gameplay possiede gli stessi movimenti della serie classica di Mortal Kombat, tra cui le Fatality e l'esecuzione delle combo.[3] La modalità cooperativa si è distinta per dare ai giocatori l'accesso a bonus nascosti, ma allo stesso tempo è stata criticata per aver reso impossibile continuare a giocare in giocatore singolo.[4] Shaolin Monks è stato uno dei cinque giochi nominati da GameSpot per il premio del Gioco Più Sorprendente del 2005.[9]

SequelModifica

In programma vi erano un sequel basato su Scorpion e Sub-Zero, Mortal Kombat: Fire & Ice, e un remake nel 2013. Questo primo titolo, però, è stato cancellato a causa dei guai finanziari, mentre il secondo non è stato neanche annunciato.

NoteModifica

  1. ^ a b Game Rankings: Mortal Kombat: Shaolin Monks (Xbox), GameRankings. URL consultato il 7 agosto 2010.
  2. ^ a b Game Rankings: Mortal Kombat: Shaolin Monks, GameRankings. URL consultato il 7 agosto 2010.
  3. ^ a b Li, Richard, 1UP: Mortal Kombat: Shaolin Monks, 1UP.com, 21 settembre 2005. URL consultato il 7 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 5 gennaio 2010).
  4. ^ a b Navarro, Alex, GameSpot: Mortal Kombat: Shaolin Monks, GameSpot, 19 settembre 2005. URL consultato il 7 agosto 2010.
  5. ^ a b Perry, Douglas C., IGN: Mortal Kombat: Shaolin Monks, IGN, 16 settembre 2005. URL consultato il 7 agosto 2010.
  6. ^ Nardozzi, Dale, TeamXbox: Mortal Kombat: Shaolin Monks, TeamXbox, 21 settembre 2005. URL consultato il 7 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 22 novembre 2011).
  7. ^ Xplay review of MKSM, su g4tv.com. URL consultato il 5 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 13 agosto 2006).
  8. ^ Mortal Kombat: Midway Delivers A Million Armageddons, Kotaku, 8 gennaio 2007. URL consultato il 3 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2007).
  9. ^ GameSpot's Best of 2005 - Special Achievement Awards

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàBNF (FRcb16974909j (data)
  Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi