Apri il menu principale

Moschea Alamgir

Moschea a Varanasi, India
Moschea Alamgir
Alamgir Mosque by the Ganges ghats, Varanasi.jpg
La moschea
StatoIndia India
Stato federatoUttar Pradesh
LocalitàVaranasi
ReligioneIslam
FondatoreAurangzeb
Inizio costruzioneXVII secolo

Coordinate: 25°18′39.6″N 83°00′36″E / 25.311°N 83.01°E25.311; 83.01

La moschea Alamgir si trova a Varanasi nello stato federato dell'Uttar Pradesh in India. È conosciuta anche come Beni Madhav ka Darera e moschea di Aurangzeb. Fu costruita nel XVII secolo dall'imperatore moghul Aurangzeb[1].

StoriaModifica

Nel luogo in cui attualmente sorge la moschea, c'era un tempio indù dedicato a Vishnu e fatto costruire dal reggente Maratha[1] Beni Madhur Rao Scindia. Quando l'imperatore moghul Aurangzeb conquistò la città distrusse il tempio e diede ordine di costruire una moschea al suo posto. Parti delle rovine del tempio originario furono usate per la costruzione del nuovo edificio[1]. La moschea prese il nome di Alamgir, lo stesso titolo onorofico che Aurangzeb acquisì quando divenne imperatore[2].

ArchitetturaModifica

 
La moschea vista dai ghat

La moschea si trova in una posizione elevata, sopra il Ghat Panchganga. Da un punto di vista architettonico, l'edificio è una miscela degli stili indù e islamico[2]. Il tetto è formato da cupole e minareti. Due dei minareti originali non esistono più: uno crollò uccidendo alcune persone e l'altro fu demolito a causa di problemi di stabilità[1].

L'interno della moschea è accessibile. È possibile salire sul tetto attraverso una ripida e angusta scala per godere di una splendida vista della città.

 
Vista dell'interno

NoteModifica

  1. ^ a b c d McCulloch&Betts2013, p. 213.
  2. ^ a b Brajesh2003, p. 90.

BibliografiaModifica

  • (EN) V. McCulloch, V. Betts, India – The North: Forts, Palaces, the Himalaya Dream Trip, in Footprint Travel Guides, ISBN 978-1907263743.
  • (EN) Brajesh Kumar, Pilgrimage Centres of India, in Diamond Pocket Books, 2003, ISBN 978-81-71821853.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica