Apri il menu principale

La motovedetta (o vedetta) è un'unità navale veloce di piccole dimensioni adibita allo svolgimento di compiti di difesa costiera e servizi di polizia sia in mare che nelle acque interne. Queste navi possono essere in dotazione sia della marina militare di un determinato paese che delle sue forze di polizia. I loro compiti in genere vanno dalla lotta alla pirateria e repressione del contrabbando ai servizi di vigilanza e sorveglianza dei confini marittimi fino a alle operazioni di ricerca e salvataggio.

Indice

ClassificazioneModifica

Le motovedette sono navi minori (per dimensioni e dislocamento) rispetto ai pattugliatori, pertanto le due unità non vanno confuse. Le motovedette si distinguono in due categorie:

  • Motovedette costiere, dotate di minore autonomia, operano lungo le coste e nelle acque portuali.
  • Motovedette d'altura, dotate di maggiore autonomia, operano al largo in zone marine più lontane rispetto alle motovedette costiere.

Appartenente alla tipologia delle vedette è il guardacoste, che si distingue dalle vedette minori (incapaci di condurre attività di pattugliamento prolungato a largo raggio) per la presenza di caratteristiche costruttive tali da consentire attività autonoma prolungata.

CaratteristicheModifica

Di dimensioni minori rispetto ai pattugliatori, le vedette sono di solito lunghe intorno ai 30 metri, dispongono di un solo armamento principale affiancato all'armamento secondario (usualmente costituito da mitragliatrici); il motore è di tipo diesel sebbene sulle unità più recenti sono state montate delle turbine a gas e la loro velocità massima si aggira intorno ai 25 - 30 nodi (46 - 55 km/h).

Esempi di motovedette italianeModifica

Corpo delle capitanerie di porto - Guardia CostieraModifica

 
Una motovedetta della Guardia costiera

Le motovedette in dotazione al Corpo delle capitanerie di porto - Guardia costiera sono contraddistinte dalla sigla CP. Le classi 2000, 500 e 700 sono destinate prevalentemente alle attività di polizia marittima, vigilanza pesca e tutela dell'ambiente marino. La classe 300 e 800 sono disegnate per l'attività di ricerca e soccorso in mare[1].

Guardia di FinanzaModifica

Le motovedette della Guardia di Finanza fanno parte dei reparti operativi aeronavali, comandati da colonnelli, che dirigono e coordinano l'attività specialistica dei reparti marittimi e di volo (Servizio aereo della Guardia di Finanza ) in ambito di una o più regioni

Arma dei CarabinieriModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Servizio navale dell'Arma dei Carabinieri.
  • Motovedette d'altura
    • Classe 800
    • Classe 700
    • Classe 600
    • Classe S500
    • Classe N500
  • Motovedette costiere
    • Classe 200
    • Classe 100
  • Motovedette lagunari
    • Classe 300
    • Classe 100N
    • Classe T120

NoteModifica

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica