Mr. Doctor

cantante, compositore e musicista italiano
Mr. Doctor
NazionalitàItalia Italia
GenereRock progressivo
Rock sperimentale
Rock gotico
Art rock
Periodo di attività musicale1987 – 1997
GruppiDevil Doll
Album pubblicati5
Studio6

Mr. Doctor, pseudonimo di Mario Panciera (...), è un cantante, compositore e musicista italiano. È stato il leader del gruppo rock sperimentale Devil Doll. Dalla seconda metà degli anni '90 il gruppo non ha più reso disponibile al pubblico nuovo materiale e la vera identità di Mr. Doctor è stata rivelata solo nel 2007.

BiografiaModifica

Mr. Doctor reclutò i membri dei Devil Doll attraverso un annuncio su un giornale nel marzo del 1987 che recitava:

(EN)

«A man is the less likely to become great the more he is dominated by reason: few can achieve greatness - and none in art - if they are not dominated by illusion»

(IT)

«Più un uomo è dominato dalla ragione, meno è probabile che diventi grande: pochi possono ottenere la grandezza - e nessuno nell'arte - se non sono dominati dall'illusione»

(Mr. Doctor[1])


Tra aprile e giugno videro la luce due formazioni a nome Devil Doll: una in Italia a Venezia e una in Slovenia a Lubiana.[1]

Già a dicembre il gruppo registrò l'album The Mark of the Beast nei Tivoli Studios di Lubiana. L'album sarebbe stato però stampato nel 1988 in un'unica copia, con copertina disegnata a mano, in possesso del solo Mr. Doctor. L'ingegnere del suono Jurij Toni (noto per il suo lavoro con i Laibach) manifestò disappunto per la scelta di non immettere l'album in commercio, ma rimase stupito dalle qualità artistiche del gruppo e dalle capacità interpretative di Mr. Doctor, decidendo di curare tutte le uscite successive.[1]

Nel 1988 vide la luce The Girl Who Was... Death, il primo album disponibile al pubblico, ispirato alla serie televisiva degli anni settanta Il prigioniero.[1]

A novembre dello stesso anno venne formata la Hurdy Gurdy Records, casa discografica il cui nome e logo vennero ideati dallo stesso Mr. Doctor. Questa etichetta si sarebbe occupata di gestire l'intero mercato discografico dei Devil Doll negli anni a seguire.[1]

La fama della band crebbe accresciuta dalle rarissime esibizioni dal vivo e dalle successive uscite discografiche: Eliogabalus (1990), Sacrilegium (1992), The Sacrilege of Fatal Arms (1993) e Dies Irae (1996).[1]

Le tracce di Mr. Doctor cominciarono a perdersi già nel 1992 quando, in seguito a un taglio non desiderato di una sua intervista su un network televisivo sloveno, chiuse i rapporti con la stampa. Da quel giorno le notizie sui Devil Doll divennero sempre più diradate fino a che, dopo l'uscita di Dies Irae, non se ne ebbero più. Quest'ultimo lavoro rischiò peraltro di non vedere mai la luce, a causa di un incendio nei Tivoli Studios che distrusse lo studio e i nastri, e solo una massiccia pressione del produttore e dei fan portò a non abbandonare il lavoro e a inciderlo nuovamente in uno studio differente.[1]

Nell'ottobre del 2007 Mario Panciera, autore di un libro sul punk inglese intitolato 45 Revolutions, è stato intervistato dalla rivista slovena Dnevnik e, nel rispondere a un'osservazione dell'intervistatore, ha ammesso di aver utilizzato in passato lo pseudonimo di Mr. Doctor.

Discografia parzialeModifica

Discografia con i Devil DollModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Devil Doll.

AlbumModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g (EN) Giampaolo Banelli, Interview with Jurij Toni, su Devil Doll - The Website Dominated by Illusion, 18 dicembre 1996.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàEuropeana agent/base/101211