Apri il menu principale
Muʿādh Ṣāfī Yūsuf al-Kasāsbeh
29 maggio 1988 – 3 gennaio 2015 (26)
Nato aal-Karak, Giordania
Morto aal-Raqqa, Siria
Cause della morteEsecuzione capitale
Luogo di sepolturaSiria (luogo ignoto)
ReligioneMusulmano sunnita
Dati militari
Paese servitoGiordania Giordania
Forza armataAir Force Ensign of Jordan.svg Regia Aeronautica Giordana
Armaaviazione
Specialitàaviatore
Unità1º Squadrone
Anni di servizio2009 - 2015
GradoCapitano (postumo)
GuerreGuerra civile siriana
CampagneIntervento militare contro lo Stato Islamico
Studi militariAccademia dell'aeronautica Re Hussein
voci di militari presenti su Wikipedia

Muʿādh Ṣāfī Yūsuf al-Kasāsbeh (Arabo معاذ صافي يوسف الكساسبة; al-Karak, 29 maggio 1988al-Raqqa, 3 gennaio 2015) è stato un ufficiale giordano, pilota da caccia del 1º Squadrone della Regia Aeronautica Giordana.

Un tenente della Al-Quwwat al-Jawwiyya al-malikiyya al-Urdunniyya, Muʿādh al-Kasāsbeh è stato arso vivo dai terroristi di Dāʿesh che lo avevano catturato in seguito allo schianto del suo caccia F-16 che operava su al-Raqqa il 24 dicembre del 2014. Mentre effettuava una missione nell'ambito dell'intervento militare contro lo Stato Islamico il suo caccia precipitò (secondo valutazioni statunitensi e giordane) a causa di un difetto meccanico, anche se Dāʿesh affermò di aver abbattuto l'F-16 con un missile a guida infrarossa.[1]

Dāʿesh prese prigioniero al-Kasāsbeh prima di ucciderlo. Esso condusse negoziati col governo giordano, pretendendo di liberarlo assieme al giornalista giapponese freelance Kenji Goto qualora fosse stata liberata da Amman la terrorista Sagida al-Rishawi, condannata a morte dopo aver contribuito a perpetrare la strage del Radisson Hotel nella capitale giordana.[2] Il governo di Amman chiese una prova che il suo pilota fosse vivo e in buone condizioni ma, per tutta risposta, il 3 febbraio 2015 Dāʿesh divulgò un video in cui si mostrava al-Kasāsbeh ucciso brutalmente dalle fiamme in una gabbia nella quale era stato rinchiuso. Il barbaro assassinio di al-Kasāsbeh provocò fortissima impressione nell'opinione pubblica giordana e fu sentito come un oltraggio alla nazione, alla quale giunsero le espressioni di viva condanna da parte del mondo islamico e occidentale.

Vita personaleModifica

Muʿādh Ṣāfī Yūsuf Al-Kasāsbeh, nato ad al-Karak il 29 maggio 1988, era uno degli otto figli di Safi Yousef al-Kasasbeh, un professore in pensione.[3][4][5] Musulmano sunnita,[6] Muʿādh faceva parte di una famiglia appartenente alla tribù dei Barārsheh, della Giordania meridionale.[7] Suo zio, Fahd al-Kasāsbeh, fu un maggior generale del Regio Esercito Giordano.[8][9] Prima della sua prigionia, al-Kasasbeh aveva sposato nel settembre 2014 l'ingegnere Anwar al-Tarawneh e viveva nel villaggio di ʿAy, sulle montagne di al-Karak (Governatorato di al-Karak, a un centinaio di km a sud di Amman).[7][10]

Carriera militareModifica

Nel 2009, al-Kasāsbeh ottenne i gradi nell'Accademia dell'aeronautica Re Hussein (nonché base aerea di Mafraq) e divenne operativo nella Regia Aeronautica Militare Giordana. Completò il suo addestramento per le tattiche del caccia F-16, istruendosi col 120º Flying Squadr della Republic of Korea Air Force, nella base aerea di Seosan nel quadro del programma di scambio Sud-Corea-Giordania. Nel 2012 fu qualificato come pilota operativo di F-16 e fu assegnato al 1º Squadrone di guarnigione nella base aerea Muwaffaq Salti.[5]

Al tempo della sua cattura, al-Kasāsbeh aveva i gradi di tenente.[8] Ricevette postuma la promozione al rango di capitano.

Cattura e morteModifica

 
F-16 giordani, simili a quello su cui volava al-Kasāsbeh, nell'ottobre del 2009

Il jet che al-Kasāsbeh pilotava era un Lockheed Martin F-16, precedentemente impiegato dall'Aeronautica Militare Belga. Esso cadde, forse per un guasto meccanico o perché abbattuto da un missile, il 24 dicembre 2014 mentre effettuava un'operazione di attacco aereo contro una fabbrica di mattoni poco dopo la partenza dal campo di aviazione Muwaffaq Salti nel governatorato di al-Zarqa, durante l'intervento militare contro lo Stato Islamico.[11] Il governo giordano parlò di guasto tecnico che avrebbe provocato la sua espulsione dall'abitacolo mentre volava a bassa altitudine, ma Dāʿesh specificò che era stato il pilota stesso a eiettarsi dall'aereo dopo averlo colpito con l'ausilio di artiglieria contraerea.[11][12] L'ufficiale atterrò col suo paracadute in un lago nei pressi di al-Raqqa, dove venne subito estratto e catturato dai gihadisti dello Stato Islamico, che gli strapparono via l'equipaggiamento e l'uniforme da aviatore lasciandolo nudo dalla cintola in giù.[8][13][14][15] Un pattugliatore lo aveva cercato dopo la sua eiezione, secondo funzionari statunitensi, ma il pilota non aveva potuto sottrarsi alla cattura".[14] Il 30 dicembre 2014, Muʿādh apparve in un'intervista dettagliata della rivista Dābiq di Dāʿesh.[16][17]

Negoziati ebbero luogo, ma inutilmente, per la sua liberazione. La sua famiglia effettuò per suo conto pressioni sul governo giordano per facilitare il suo rilascio. Inizialmente fu proposto uno scambio tra lui, il giornalista giapponese Kenji Goto anch'egli sequestrato da Dāʿesh, in cambio di Sagida al-Rishawi. La donna aveva cercato di farsi esplodere all'interno di un hotel di Amman, poi fatto esplodere dal marito, ed era stata incarcerata in Giordania e condannata a morte.[18] Il governo giordano insisté nel chiedere prove sull'esistenza in vita del suo pilota, prima di procedere allo scambio. Da'esh rifiutò e pubblicò un video della sua esecuzione.[19] Alcuni analisti hanno affermato che l'offerta dello Stato Islamico era in realtà un inganno per beffarsi del governo giordano e del suo intervento nell'ambito della Coalizione, contro Dāʿesh.

Un'operazione militare per liberare al-Kasāsbeh, condotta forse dalle Forze Speciali Congiunte Giordane (in arabo: العمليات الخاصة المشتركة الأردنية‎, al-ʿAmaliyyāt al-Khāṣṣa al-Mushtaraka al-Urdunniyya), è possibile sia stata tentata il 1º gennaio 2015. Membri del gruppo anti-ISIS a Raqqa, chiamato proprio "Raqqa", hanno affermato di aver assistito ad un attacco aereo su Raqqa in una delle più dure azioni ostili della campagna condotta contro Dāʿesh, mentre quattro elicotteri scaricavano soldati con l'uniforme giordana. La missione fallì quando combattenti dell'ISIS dell'area cominciarono a lanciare missili antiaerei sugli elicotteri, obbligandoli al ritiro.[20] Il 3 gennaio del 2015 al-Kasāsbeh fu arso vivo da Dāʿesh col fuoco mentre si trovava rinchiuso in un gabbione.[2][21] La sua morte fu ripresa con un video di 22 minuti e 34 secondi, divulgato dalla Al Furqan Media Foundation di Dāʿesh, tramite Twitter.[18][22][23][24]

Il filmato, girato in stile snuff movie ed intitolato "La guarigione del torace dei credenti", mostra il pilota seduto a un tavolo con un occhio nero alla parte sinistra mentre confessa i dettagli del suo caccia e rivela i nomi degli altri 11 piloti giordani (maggiore Qays Ahmad al-Rawashda, maggiore 'Ata Nayif al-Sarayra, tenente 'Abd Allah Hasan al-Manasir, capitano al-Tayyib Khalifa Bani Yunus, capitano 'Uday al-Qar Allah, capitano Hamzah as-Sarayrah, maggiore Usamah Abu Hani, capitano Suhayb Abidah, tenente Bilal al-'Ajarima, sottotenente Muhammad 'Ali al-Masa'da e il maggiore Murad al-Zu'bi), tutti colpiti da sentenza di morte dal parte di Daesh. Venne successivamente condotto in una gabbia d'acciaio all'esterno, vestito con una tuta arancione e cosparso di benzina. Dopodiché l'ufficiale fu brutalmente bruciato vivo e il suo corpo carbonizzato fu infine ricoperto di pietre e sabbia da un trattore.

Alla morte assistettero numerosi uomini armati con passamontagna color sabbia e mimetica desertica, ma il video non fu mandato in onda da numerosi media per l'estrema brutalità delle immagini,[25] mentre Fox News postò il video nella sua interezza sul suo sito web.[26] Il governo giordano affermò che l'esecuzione era stata perpetrata in realtà il 3 gennaio, e non il 3 febbraio, come pretendeva il video su Twitter. Si è detto, senza possibili conferme, che al-Kasāsbeh era stato privato di cibo e bevande cinque giorni prima della sua uccisione.[27] Il 25 febbraio 2015, al-Iʿtisām, uno dei media dell'ISIS, divulgò un altro video con altri particolari dell'esecuzione.[28][29]

ReazioneModifica

 
Memoriale dedicato ad al-Kasāsbeh presso l'Università di Giordania

Il barbaro assassinio di al-Kasāsbeh offese l'amor proprio dell'opinione pubblica giordana, anche di quanti erano ostili alla partecipazione del Regno hascemita alle operazioni della Coalizione contro Dāʿesh, chiedendo un'azione di vendetta appropriata.[30] Re ʿAbd Allāh II interruppe la sua visita in USA e il governo giordano annunciò che tutti i prigionieri in sua mano, riconosciuti colpevoli di associazione terroristica, sarebbero stati giustiziati nel giro di "poche ore" per vendicare l'assassinio del pilota.[31] Il 4 febbraio 2015 Sagida al-Rishawi e un altro gihadista, Ziyād Khalaf al-Karbūlī, furono giustiziati per impiccagione nella prigione di Swaqa.[32][33][34]

Lo stesso giorno la Giordania lanciò la sua offensiva contro Dāʿesh, bombardando le sue posizioni presso Mosul (Iraq), uccidendo 55 combattenti dell'organizzazione terroristica, incluso un comandante veterano.[35] Il giorno seguente, la Giordania condusse una nuova offensiva aerea contro Dāʿesh, i suoi campi di addestramento e i suoi depositi di armi. Secondo fonti statunitensi, gli attacchi di 20 F-16, riforniti in volo e assistiti dagli USA, colpirono l'area di Raqqa (Siria). Al loro ritorno gli aviogetti sorvolarono la casa di al-Kasāsbeh a Karak in segno di omaggio.[36][37] Secondo la radio e la televisione giordane, i piloti avevano scritto dei messaggi sulle bombe che avrebbero sganciato sui loro obiettivi, come "Per voi, nemici dell'Islam", o versetti del Corano.[38][39] In 3 giorni di bombardamento, i cacciabombardieri giordani distrussero 56 obiettivi di Dāʿesh e avrebbero ucciso la cifra non verificabile e improbabile di 7000 combattenti dello Stato Islamico.[40]

Numerosi esponenti religiosi condannarono il crimine contro il pilota giordano, malgrado Dāʿesh pretendesse di aver agito nel rispetto della Shari'a.[41][42] La branca giordana della Fratellanza Musulmana, il Fronte d'Azione Islamica (in arabo: جبهة العمل الإسلامي‎, Jabhat al-ʿAmal al-Islāmī), condannò l'omicidio di al-Kasāsbeh, descrivendolo come un "crimine", senza mai fare però menzione dell'ISIS. Il loro leader, Shaykh Ḥammām Saʿīd, in un'intervista del 5 febbraio a Radio Sawa, chiese che la Giordania abbandonasse la Coalizione contro l'ISIS, dicendo: "La Giordania non dovrebbe far parte di una coalizione condotta dagli Stati Uniti".[43]

NoteModifica

  1. ^ Profile: IS-held Jordanian pilot Moaz al-Kasasbeh, su BBC News.
  2. ^ a b Jordan committed to anti-IS coalition, despite hostage drama, su Yahoo News, 1º febbraio 2015.
  3. ^ Egypt reviles ISIS killing of Jordanian pilot Al-Kasasbeh – Daily News Egypt, su Daily News Egypt.
  4. ^ Rod Nordland and Ranya Kadri, Jordan Executes Prisoners After ISIS Video of Pilot's Death, in The New York Times, 3 febbraio 2015. URL consultato il 4 febbraio 2014.
  5. ^ a b Profile of a patriotic pilot: Moaz al-Kasasbeh, Al Arabiya News, 4 febbraio 2015.
  6. ^ Profile: IS-held Jordanian pilot Moaz al-Kasasbeh, in BBC News, 3 febbraio 2015. URL consultato il 3 febbraio 2015.
    «Lt Kasasbeh's family urged IS to spare him, stressing that he was a devout Sunni Muslim.».
  7. ^ a b IS Hostage Pilot's Brother: 'It's Not Our War', su Sky News.
  8. ^ a b c Tribal Loyalties Drive Jordan's Effort to Free Pilot.
  9. ^ Jordan warns Islamic State militants against harming captured pilot, www.smh.com.au, 26 dicembre 2014. URL consultato il 6 febbraio 2015.
  10. ^ Greg Botelho and Jomana Karadsheh, Jordan unleashes wrath on ISIS: 'This is just the beginning', su CNN, 5 febbraio 2015.
  11. ^ a b Jordan pilot ejected over Syria after 'technical failure', su Yahoo News, Yahoo. URL consultato il 26 dicembre 2014.
  12. ^ Profile: IS-held Jordanian pilot Moaz al-Kasasbeh, su BBC News.
  13. ^ Laura Smith-Spark and Michael Martinez, Who was Jordanian pilot Moath al-Kasasbeh, killed by ISIS?, su CNN, 29 gennaio 2015.
  14. ^ a b US moves pilot-rescue teams closer as Coalition steps up war against IS, su arabnews.com.
  15. ^ ISIS terrorists capture Jordan pilot, plane not shot down, su NY Daily News.
  16. ^ https://english.alarabiya.net/en/News/middle-east/2015/02/04/Profile-of-Jordan-s-patriotic-pilot.html.
  17. ^ When Did Jordan Find Out Hostage Pilot Muath al-Kasasbeh Was Dead? - NBC News.
  18. ^ a b Jordan pilot hostage Moaz al-Kasasbeh 'burned alive', su BBC News.
  19. ^ Jordan confirms death of pilot, says killed January 3, The Jordan Times, 27 gennaio 2015. URL consultato il 3 febbraio 2015.
  20. ^ Special Forces May Have Tried To Rescue Jordanian Pilot Muath al-Kasaesbeh, su International Business Times, 4 febbraio 2015.
  21. ^ Pilot held by Islamic State puts Jordan's king in a tough spot, su Reuters.
  22. ^ Adam Chandler, Jordan's King Abdullah Vows Revenge for Death of Mouath al-Kasaesbeh, Who Was Burned Alive by ISIS, su The Atlantic, 4 febbraio 2015.
  23. ^ Video claims to show ISIS terrorists burning pilot alive, su AOL.com.
  24. ^ Video: IS verbrandt gevangengenomen Jordaanse piloot levend, The Post Online, 3 febbraio 2015.
  25. ^ Erik Wemple, Islamic State burning video: News organizations describe it, don't show it, Washington Post, 3 febbraio 2015.
  26. ^ Nicky Woolf, Fox News website embeds unedited Isis video showing brutal murder of Jordanian pilot, The Guardian, 4 febbraio 2015.
  27. ^ الطيار الأردني حُرم من الطعام قبل إعدامه بخمسة أيام, su صحيفة عاجل الإلكترونية.
  28. ^ al-I’tiṣām Media presents a new video message from The Islamic State: “Message to Jordan” | JIHADOLOGY.
  29. ^ http://stepagency-sy.net/archives/36071.
  30. ^ Martin Chulov, Jordanians turn their minds to revenge after Isis killing of pilot, in the Guardian.
  31. ^ John Hall and Tom Wyke and Steph Cockroft for MailOnline and David Williams, Chief Reporter for the Daily Mail, Jordan announces execution of six ISIS prisoners 'within hours' in retaliation after terrorists release lavish video of Jordanian pilot being TORCHED to death in a cage in yet another new low for humanity, Daily Mail, 3 febbraio 2015.
  32. ^ Jim Michaels e John Bacon, Jordan executes two in response to pilot's slaying (USA Today). URL consultato il 4 febbraio 2015.
  33. ^ Jordan executes Sajida al-Rishawi after pilot murder, in Al Arabiya News English, 4 febbraio 2015. URL consultato il 3 febbraio 2015.
  34. ^ Jordan executes two terrorists after alkasasabeh murder, su MehrNews (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2015).
  35. ^ Jordan carries out air strikes in Iraq, killing 55 IS militants, su i24news (archiviato dall'url originale il 6 febbraio 2015).
  36. ^ Jordanian fighter jets strike hard at ISIS, pay tribute to murdered pilot, su Fox News. URL consultato il 7 luglio 2015 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2015).
  37. ^ Jordanian warplanes bomb Isis targets, su The New Zealand Herald.
  38. ^ (AR) بالفيديو.."سيصلى نارا ذات لهب"..آيات قرآنية على صواريخ أردنية لدك داعش |اليوم السابع, Youm7.com. URL consultato il 6 febbraio 2015.
  39. ^ Jordanian pilots scribble messages for Isis on missiles: 'For you, the enemies of Islam', su International Business Times UK.
  40. ^ Jordan: Approximately 7,000 IS members killed in strikes | The Times of Israel.
  41. ^ Damien Gayle, Even Al-Qaeda condemn murder of Jordanian pilot as 'deviant'... and leading Muslim cleric calls for ISIS militants to be killed, crucified and have limbs 'chopped', in Daily Mail, 4 febbraio 2015. URL consultato il 6 febbraio 2015.
  42. ^ Scholar Khola Hasan on Murder of Jordanian Pilot Moaz al-Kassasbeh by ISIS.
  43. ^ Yoni Ben Menachem, Muslim Brotherhood in Jordan Refuses to Condemn Islamic State for Killing Jordanian Pilot, su Jerusalem Center for Public Affairs (JCPA), Jerusalem.

Voci correlateModifica

  Portale Aviazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aviazione