Apri il menu principale

Coppa d'Oro dei Campioni del Mondo

torneo internazionale di calcio disputato a Montevideo (Uruguay)
(Reindirizzamento da Mundialito)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Mundialito" rimanda qui. Se stai cercando l'omonimo torneo per nazionali di calcio femminili, vedi Mundialito (calcio femminile).
Coppa d'Oro dei Campioni del Mondo
Copa de Oro de Campeones Mundiales
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione unica
Organizzatore Angelo Vulgaris
Date dal 30 dicembre 1980
al 10 gennaio 1981
Luogo Montevideo
Partecipanti 6
Formula Due gironi + finale
Impianto/i Stadio del Centenario
Direttore Washington Cataldi
Risultati
Vincitore Uruguay Uruguay
Secondo Brasile Brasile
Statistiche
Miglior marcatore Uruguay Victorino (3)
Incontri disputati 7
Gol segnati 19 (2,71 per incontro)
Pubblico 357 000
(51 000 per incontro)
RodolfoRodríguez-Mundialito1980.jpg
Il capitano dell'Uruguay, Rodolfo Rodríguez, solleva la Coppa d'Oro del Mundialito.

La Coppa d'Oro dei Campioni del Mondo (sp. Copa de Oro de Campeones Mundiales, ingl. World Champions' Gold Cup), più nota come Mundialito o come Mundialito 1980 (sebbene si svolse a cavallo tra il 1980 e il 1981), fu un torneo internazionale di calcio disputato a Montevideo (Uruguay) dal 30 dicembre 1980 al 10 gennaio 1981 tra le nazionali vincitrici – a quella data – del Mondiale.

La competizione venne organizzata per celebrare il cinquantenario del campionato del mondo 1930, il primo della storia, che si tenne proprio in terra uruguaiana.

Indice

TorneoModifica

AntefattiModifica

Il padre del Mundialito rispondeva al nome di Washington Cataldi, allora presidente del Peñarol (club molto vicino ai militari che dai primi anni 1970 governavano l'Uruguay) e uomo molto influente nel calcio sudamericano. Cataldi non solo ideò il torneo, ma ottenne l'importante avallo della FIFA, grazie ai buoni uffici del presidente João Havelange, cui Cataldi aveva contribuito alla rielezione a presidente dell'organismo mondiale.[1][2]

Nonostante il benestare della FIFA e della Federazione uruguaiana, l'organizzazione del Mundialito non vide coinvolti né la federazione internazionale né quella locale, ma fu invece appannaggio di un gruppo di privati capitanato da Angelo Vulgaris, un imprenditore greco residente in Uruguay, proprietario di una multinazionale del bestiame. In occasione del cinquantesimo anniversario dei primi mondiali di calcio, vinti dai padroni di casa della Celeste, Cataldi e Vulgaris misero in piedi un torneo assolutamente suggestivo dal punto di vista sportivo, che vedeva invitate le sole sei nazionali che – all'epoca – si erano fregiate almeno una volta del titolo mondiale (da qui la denominazione della manifestazione), ovvero l'Uruguay, l'Italia, la Germania Ovest, il Brasile, l'Inghilterra e l'Argentina.[1][2]

 
Aparicio Méndez, presidente de facto dell'Uruguay dal 1976 al 1981. Il regime dittatoriale da lui presieduto cercò di strumentalizzare il Mundialito a fini politici, sull'esempio di quanto aveva fatto la giunta militare argentina di Jorge Rafael Videla con il campionato del mondo 1978.

Le intenzioni originarie dell'organizzazione si scontrarono però con la difficile situazione politica che l'Uruguay stava vivendo in quegli anni. Come già accennato, dal 1973 il paese sudamericano era infatti ostaggio di una opprimente e sanguinaria dittatura fascista (una delle tante dell'operazione Condor), iniziata prima col colpo di Stato non violento del presidente Juan María Bordaberry, e proseguita poi col golpe dei militari del 1976. La junta militar al potere era inizialmente disinteressata al Mundialito (tanto che solo due anni prima aveva fortemente rifiutato di organizzare un evento simile), e finì per acconsentire al suo svolgimento solo a patto di non avere legami ufficiali con esso.

Quando l'organizzazione del torneo si mise in moto, la popolazione associò inevitabilmente la manifestazione a un'emanazione della dittatura, e mostrò ben poco interesse verso di essa; ciò nonostante, grazie a delle mirate campagne pubblicitarie, l'organizzazione riuscì a far mutare opinione al Paese, mostrando ai loro occhi il torneo per quello che era, ovvero soltanto una grande celebrazione sportiva. Le cose cambiarono radicalmente il 30 novembre 1980, a un mese esatto dall'inizio del Mundialito: in questa data era previsto nel Paese sudamericano un plebiscito popolare modificativo della Costituzione, che nelle intenzioni dei militari avrebbe dovuto legittimare il governo dittatoriale presieduto dall'allora presidente Aparicio Méndez; contrariamente alle aspettative, la giunta al potere uscì invece sonoramente sconfitta (a posteriori, fu il primo atto democratico che portò alla caduta della dittatura uruguaiana, avvenuta quattro anni più tardi).

Di fronte quindi al rischio che l'imminente Mundialito potesse trasformarsi in un ulteriore megafono per l'opposizione fresca vincitrice, il regime militare cercò frettolosamente di strumentalizzare il torneo a fini propagandistici per ricreare consenso intorno a sé e rompere l'isolamento internazionale del Paese, seguendo l'esempio compiuto due anni prima dalla giunta militare argentina di Videla ai mondiali casalinghi.[1][2] Se per le altre due compagini latine, Argentina e Brasile, le mosse del regime non crearono problemi – essendo all'epoca i due Paesi anch'essi sotto delle dittature –, in Europa l'eventualità della partecipazione al Mundialito cominciò a creare qualche serio imbarazzo alle nazionali invitate.

Gli inglesi declinarono la partecipazione, ufficialmente per problemi di date nei calendari (dato che il Mundialito si sarebbe disputato nel periodo natalizio, avrebbe intaccato il tradizionale turno di campionato del Boxing Day), ma in molti sospettarono che la scelta fosse in realtà un boicottaggio verso la giunta militare al potere. Come sostituta della nazionale dei Tre Leoni vennero invitati i Paesi Bassi (finalisti nelle ultime due edizioni dei campionati mondiali), ma come accadde oltre Manica, anche in terra olandese sorse il problema del prendere parte o meno al torneo; l'opinione pubblica fu fortemente critica, vennero organizzati sit-in e campagne stampa contrarie al Mundialito, e ci furono perfino delle inchieste agli Stati Generali, col ministro degli esteri che invitò la federalcio olandese a rinunciare all'appuntamento: pur in questo clima sfavorevole, i vertici degli Oranje decisero però in autonomia, scegliendo di partire comunque per Montevideo.

Anche in Italia in prossimità dell'evento nacque un movimento d'opinione volto a scoraggiare la partecipazione al Mundialito. Dopo i silenzi sulla dittatura di Videla ai mondiali argentini, stavolta una quarantina tra calciatori e allenatori italiani, spinti da alcuni esuli uruguaiani, firmarono un documento in cui si disapprovava la dittatura, chiedendo che il torneo fosse «anche una tribuna dove si condanni la politica di repressione e fame portata avanti in questi ultimi sette anni» (pur se, tra successivi distinguo e ritrattazioni, solamente il tecnico della Lazio, Castagner, e il difensore della Roma, Santarini, confermarono poi le loro parole). Nonostante ciò, la partecipazione degli Azzurri in Uruguay non fu mai messa seriamente in discussione.[2]

StadioModifica

Come sede di gara di tutti i sette incontri del Mundialito venne designato lo Stadio del Centenario di Montevideo, impianto realizzato in occasione del campionato del mondo 1930, e che nell'occasione era stato teatro della maggior parte delle sfide della prima rassegna iridata della storia.

Stadio del Centenario
Capienza: 65 000
Club: Peñarol
Località: Montevideo, Uruguay
 

FormulaModifica

Le sei compagini chiamate a partecipare furono divise in due gironi all'italiana da tre squadre ciascuno, al termine dei quali le prime classificate di ogni girone avrebbero disputato direttamente la finale per la vittoria del torneo.

Squadre partecipantiModifica

Le nazionali campioni del mondo partecipanti furono l'Uruguay (campione a Uruguay 1930 e Brasile 1950), l'Italia (campione a Italia 1934 e Francia 1938), la Germania Ovest (campione a Svizzera 1954 e Germania Ovest 1974), il Brasile (campione a Svezia 1958, Cile 1962 e Messico 1970) e l'Argentina (campione ad Argentina 1978). La sesta e ultima nazionale a potersi fregiare all'epoca del titolo mondiale, l'Inghilterra (campione a Inghilterra 1966), scelse di non partecipare; al suo posto furono pertanto invitati i Paesi Bassi, finalisti nelle edizioni del 1974 e del 1978 – preferiti alla Cecoslovacchia e all'Ungheria, finalisti nel 1934 e nel 1962 i primi, e nel 1938 e nel 1954 i secondi.

Sorteggio dei gruppiModifica

Il sorteggio accoppiò nel girone A i padroni di casa dell'Uruguay assieme all'Italia e ai Paesi Bassi: non mancarono polemiche per quello che gli addetti ai lavori tacciarono come un sorteggio "pilotato", cioè volto a contrapporre agli uruguaiani le due formazioni ritenute più deboli sulla carta.[1] Gli Azzurri, pur venendo da due semifinali mondiali ed europee, presentavano a Montevideo una nazionale abbastanza rimaneggiata in quanto il commissario tecnico, Bearzot, volle approfittare del Mundialito per provare alcuni esperimenti e testare nuovi innesti: in quest'ottica vennero viste la rinuncia tra i pali all'esperto capitano, Zoff, in favore del suo secondo Bordon, la fiducia agli acerbi Altobelli, Conti e Pruzzo, e le convocazioni degli esordienti Ancelotti, Bagni e Vierchowod, questo ultimo peraltro alla prima esperienza assoluta in maglia azzurra;[3] l'Italia doveva inoltre forzatamente rinunciare ai suoi attaccanti più prolifici, Paolo Rossi e Giordano, squalificati a seguito dello scandalo del Totonero, mentre questioni "burocratiche"[4] furono alla base della mancata disponibilità per il torneo di due giovani ma già affidabili elementi difensivi quali Franco Baresi e Collovati.[5]

Gli Oranje si presentarono alla rassegna con un organico non migliore: dopo la rivoluzione del calcio totale degli anni 1970, culminata con le due finali mondiali, all'inizio degli anni 1980 la nazionale olandese stava vivendo un periodo di profondo ricambio generazionale; i nuovi Peters, Hovenkamp e Kist erano sicuramente dei giocatori talentuosi, ma assolutamente non paragonabili ai campioni dell'epoca di Cruijff.

Dal canto suo, l'Uruguay non sembrava una squadra imbattibile sotto il profilo tecnico: in un gruppo di giocatori abbastanza anonimo, spiccava soltanto il talento di Paz, assieme all'esperto Morales e alle punte Ramos e Victorino; inoltre, la storia recente della nazionale uruguaiana era avara di successi, lontana dai fasti dei titoli mondiali e olimpici. Essere la squadra padrona di casa significava però avere alcuni netti vantaggi per la Celeste: giocare il torneo in patria non comportava problemi logistici e il tifo casalingo a supporto si traduceva nell'avere stimoli nettamente maggiori rispetto agli avversari; soprattutto, l'Uruguay era l'unica compagine ad aver svolto una precisa preparazione per ben figurare al Mundialito.[2]

Nel girone B finirono così per confluire, in una sorta di scontro fratricida, tutte e tre le nazionali cui venivano date le maggiori chance di vittoria del torneo, ovvero il Brasile, l'Argentina e la Germania Ovest. La Seleção, semifinalista alla Copa América 1979, similmente agli italiani arrivò all'appuntamento all'apparenza un po' in disarmo, priva di Falcão e Zico, ma il blasone dei verdeoro rimaneva immutato, potendo lo stesso contare su giovani campioni come Júnior, Cerezo e Sócrates. L'Albiceleste si presentava a Montevideo da campione del mondo in carica; inoltre, rispetto alla squadra trionfatrice due anni prima a Buenos Aires, stavolta gli argentini schieravano in formazione anche il giovane fuoriclasse Maradona, il quale nel 1979 aveva trascinato l'Under-20 alla vittoria del campionato mondiale di categoria. C'erano infine i tedeschi dell'Ovest, vincitori del campionato d'Europa 1980 giocato appena sei mesi prima, che per il Mundialito erano stati costretti a rinunciare a due importanti pedine come Schuster e Stielike (trattenuti nel vecchio continente dai rispettivi club, Barcellona e Real Madrid), ma che potevano sempre contare su campioni del calibro di Schumacher, Kaltz, Magath e soprattutto Rummenigge.[2]

AndamentoModifica

Fase a gironiModifica

 
L'uruguaiano Waldemar Victorino fu il miglior marcatore del Mundialito con 3 gol, nonché l'autore della rete decisiva ai brasiliani in finale.

Dopo una fastosa cerimonia di apertura allo Stadio del Centenario, il 30 dicembre 1980 prese il via il Mundialito con la gara inaugurale, che vedeva di fronte per il girone A i padroni di casa e gli olandesi. L'Uruguay non ebbe difficoltà a superare degli spenti Oranje già nel primo tempo con le reti di Ramos e Victorino. La successiva partita del gruppo, tra gli uruguaiani e l'Italia, divenne in pratica già decisiva, dato che con una vittoria la Celeste avrebbe matematicamente passato il turno. Così accadde, ma non senza polemiche: dopo una prima frazione di gioco abbastanza scialba, nella ripresa l'Uruguay passò in vantaggio grazie a un generoso rigore assegnato dal direttore di gara Guruceta, poi realizzato da Morales; Victorino arrotondò il punteggio in contropiede, ma la direzione di gara della giacchetta nera spagnola (giudicata confusionaria e permissiva) venne fortemente criticata dagli Azzurri, che lo accusarono di un arbitraggio fin troppo compiacente verso i padroni di casa.

Col 2-0 finale, l'Uruguay andò dritto in finale, mentre l'Italia (che chiuse la partita in nove per le espulsioni di Cabrini e Tardelli) si ritrovò fuori dopo una sola gara. L'ultima sfida del girone tra gli italiani e i Paesi Bassi, ormai ininfluente, si risolse in parità dopo appena un quarto d'ora, quando al vantaggio azzurro di Ancelotti rispose dopo pochi minuti Peters.[2] L'esordio del girone B avvenne il 1º gennaio 1981, con la sfida di richiamo tra i campioni d'Europa e del mondo in carica. La Germania Ovest andò in vantaggio alla fine del primo tempo con Hrubesch, e per lunghi tratti della seconda frazione sembrò poter amministrare tranquillamente il risultato contro un'Argentina non certo irresistibile, ma a sei minuti dal fischio finale un autogol di Kaltz ribaltò l'esito della sfida: i tedeschi si smarrirono improvvisamente, sicché quattro minuti dopo Díaz siglò il gol della vittoria per l'Albiceleste.

La seconda partita del gruppo fu l'atteso derby sudamericano tra Argentina e Brasile, terminato in parità con le reti di Maradona ed Edevaldo, ma ricordato soprattutto per la grande rissa scoppiata dopo il triplice fischio dell'arbitro, iniziata in campo e proseguita negli spogliatoi. Il risultato finale sembrava comunque soddisfare più gli argentini che i brasiliani; per superare il turno, ai verdeoro non sarebbe bastato battere la Germania Ovest nell'ultima e decisiva gara del girone, ma avrebbero dovuto farlo con almeno due reti di scarto. I tedeschi passarono in vantaggio all'inizio della ripresa con Allofs, ma furono subito rimontati dalle reti di Júnior e Cerezo, prima che nel finale Serginho e Zé Sérgio portassero il risultato a un rotondo 4-1. La goleada verdeoro maturata negli ultimi minuti (che innescò non pochi sospetti – alcuni parlarono di modelle brasiliane viste aggirarsi nell'albergo dei tedeschi il giorno precedente la partita) permise alla Seleção di appaiare in classifica gli argentini, ma in virtù della miglior differenza reti andarono in finale a discapito degli storici rivali.[2]

FinaleModifica

Il 10 gennaio 1981 si presentarono così all'atto finale del Mundialito le compagini di Uruguay e Brasile. La sfida di Montevideo propose una finale a sorpresa rispetto alle previsioni della vigilia, ciò nonostante gli spunti d'interesse non mancavano, soprattutto per via della riproposizione di un suggestivo replay della storica sfida del campionato del mondo 1950 – passata agli annali come il Maracanazo – che vide da una parte la Celeste festeggiare la sua seconda Coppa Rimet, e dall'altra la Seleção vivere la sua fin lì peggior tragedia sportiva; lo stesso tecnico sulla panchina dei padroni di casa, Roque Máspoli, trentuno anni prima era in campo a difendere la porta uruguaiana, emergendo come uno dei maggiori protagonisti di quella partita.[2]

L'esito della finale appariva meno scontato di quel che sembrasse: i verdeoro allenati da Telê Santana rappresentavano l'unione di tanti ottimi solisti come Batista, Cerezo, Éder, Júnior, Oscar e Sócrates, che due anni più tardi ai Mondiali di Spagna 1982 avrebbero messo in scena una delle nazionali brasiliane più spettacolari di sempre; l'Uruguay, partito in sordina, nel corso del torneo mise in mostra un solido gruppo di giovani, cui ai già citati Paz, Ramos e Victorino si aggiunse il giovane capitano, il portiere Rodríguez, che presto diverrà uno dei più forti numeri uno del calcio uruguaiano. Dopo un primo tempo a reti inviolate – a predominanza verdeoro ma coi padroni di casa sempre pronti a ripartire in contropiede –, all'inizio del secondo tempo passò per primo l'Uruguay grazie a un lampo di Barrios (subentrato nell'intervallo all'infortunato de la Peña). I brasiliani trovarono il pareggio al quarto d'ora della ripresa con un calcio di rigore trasformato da Sócrates, ma proprio quando sembrava imminente il vantaggio verdeoro, a dieci minuti dallo scadere Victorino raccolse un pallone vagante in mezzo all'area e batté l'estremo difensore brasiliano João Leite, siglando il 2-1 che valse il trionfo finale uruguaiano.

La Seleção non riuscì così a vendicare la sconfitta del Maracanã del 1950, mentre i giocatori della Celeste festeggiarono la vittoria del torneo in uno Stadio del Centenario gremito, con Rodríguez che poté sollevare al cielo la Coppa d'Oro davanti al pubblico di casa. Victorino, eroe della finale, completò il trionfo uruguaiano laureandosi capocannoniere della manifestazione con 3 gol. Pur non trattandosi di una competizione ufficiale, la vittoria nel Mundialito ebbe il merito di riportare l'Uruguay tra le grandi del calcio mondiale, permettendo alla squadra di lasciarsi alle spalle i tormentati anni 1970 e di spingerla verso la rinascita degli anni 1980, suggellata poi dalle vittorie in Copa América nelle edizioni di Copa América 1983 e Argentina 1987.

RisultatiModifica

Fase a gironiModifica

Gruppo AModifica

RisultatiModifica
Montevideo
30 dicembre 1980
Uruguay  2 – 0
referto
  Paesi BassiStadio del Centenario (65 000 spett.)
Arbitro:   Labó

Montevideo
3 gennaio 1981
Uruguay  2 – 0  ItaliaStadio del Centenario (55 000 spett.)
Arbitro:   Guruceta

Montevideo
6 gennaio 1981
Paesi Bassi  1 – 1  ItaliaStadio del Centenario (15 000 spett.)
Arbitro:   Wöhrer

ClassificaModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1.   Uruguay 4 2 2 0 0 4 0 +4
2.   Italia 1 2 0 1 1 1 3 -2
3.   Paesi Bassi 1 2 0 1 1 1 3 -2

Gruppo BModifica

RisultatiModifica
Montevideo
1º gennaio 1981
Argentina  2 – 1  Germania OvestStadio del Centenario (60 000 spett.)
Arbitro:   Castillo

Montevideo
4 gennaio 1981
Argentina  1 – 1  BrasileStadio del Centenario (60 000 spett.)
Arbitro:   Linemayr

Montevideo
7 gennaio 1981
Brasile  4 – 1
referto
  Germania OvestStadio del Centenario
Arbitro:   Silvagno

ClassificaModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1.   Brasile 3 2 1 1 0 5 2 +3
2.   Argentina 3 2 1 1 0 3 2 +1
3.   Germania Ovest 0 2 0 0 2 2 6 -4

FinaleModifica

Montevideo
10 gennaio 1981
Uruguay  2 – 1  BrasileStadio del Centenario
Arbitro:   Linemayr

Classifica marcatoriModifica

Autoreti

ConvocazioniModifica

L'età dei calciatori è relativa al 30 dicembre 1980, data di inizio della manifestazione.

  ArgentinaModifica

Allenatore:   César Luis Menotti

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Squadra
1 P Ubaldo Fillol 21 luglio 1950 (30 anni)
2 D Luis Galván 24 febbraio 1948 (32 anni)
3 D Alberto Tarantini 3 dicembre 1955 (25 anni)
4 D Jorge Olguín 17 maggio 1952 (28 anni)
5 C Américo Gallego 25 aprile 1955 (25 anni)
6 D Daniel Passarella 25 maggio 1953 (27 anni)
7 C Daniel Bertoni 14 marzo 1955 (25 anni)
8 C Osvaldo Ardiles 3 agosto 1952 (28 anni)
9 A Ramón Díaz 29 agosto 1959 (21 anni)
10 C Diego Armando Maradona 30 ottobre 1960 (20 anni)
11 A Mario Kempes 15 luglio 1954 (26 anni)
12 P Héctor Baley 16 novembre 1950 (30 anni)
13 C Carlos Fren 27 dicembre 1954 (26 anni)
14 A Leopoldo Luque 3 maggio 1949 (31 anni)
15 C Juan Barbas 23 agosto 1959 (21 anni)
16 C José Daniel Valencia 3 ottobre 1955 (25 anni)
17 D José Van Tuyne 13 dicembre 1954 (26 anni)
18 D Victorio Ocaño 9 giugno 1954 (26 anni)

  BrasileModifica

Allenatore:   Telê Santana

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Squadra
1 P Carlos 4 marzo 1956 (24 anni)
2 D Edevaldo 28 gennaio 1958 (22 anni)
3 D Oscar 20 giugno 1954 (26 anni)
4 D Luizinho 22 ottobre 1958 (22 anni)
5 C Batista 8 marzo 1955 (25 anni)
6 C Júnior 29 giugno 1954 (26 anni)
7 A Tita 1º aprile 1958 (22 anni)
8 C Toninho Cerezo 21 aprile 1955 (25 anni)
9 C Sócrates 19 febbraio 1954 (26 anni)
10 C Renato 21 febbraio 1957 (23 anni)
11 A Zé Sérgio 8 marzo 1957 (23 anni)
12 P João Leite 13 ottobre 1955 (25 anni)
13 D Getúlio 25 febbraio 1954 (26 anni)
14 D Juninho Fonseca 29 agosto 1958 (22 anni)
15 D Edinho 5 giugno 1955 (25 anni)
16 C Paulo Isidoro 3 luglio 1953 (27 anni)
17 A Serginho 23 dicembre 1953 (27 anni)
18 A Éder 25 maggio 1957 (23 anni)

  Germania OvestModifica

Allenatore:   Jupp Derwall

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Squadra
1 P Harald Schumacher 6 marzo 1954 (26 anni)
2 D Manfred Kaltz 6 gennaio 1953 (27 anni)
3 C Rainer Bonhof 29 marzo 1952 (28 anni)
4 D Karlheinz Förster 25 luglio 1958 (22 anni)
5 D Bernard Dietz 22 marzo 1948 (32 anni)
6 D Hans-Peter Briegel 11 ottobre 1955 (25 anni)
7 C Felix Magath 26 luglio 1953 (27 anni)
8 A Karl-Heinz Rummenigge 25 settembre 1955 (25 anni)
9 A Horst Hrubesch 17 aprile 1951 (29 anni)
10 C Hansi Müller 27 luglio 1957 (23 anni)
11 A Klaus Allofs 5 dicembre 1956 (24 anni)
12 P Eike Immel 27 novembre 1960 (20 anni)
13 D Kurt Niedermayer 25 novembre 1955 (25 anni)
14 D Wilfried Hannes 17 maggio 1957 (23 anni)
15 C Miroslav Votava 25 aprile 1956 (24 anni)
16 C Wolfgang Dremmler 12 luglio 1954 (26 anni)
17 C Karl Allgöwer 5 gennaio 1957 (23 anni)
18 C Ronald Borchers 10 ottobre 1957 (23 anni)

  ItaliaModifica

Allenatore:   Enzo Bearzot

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Squadra
1 P Ivano Bordon 13 aprile 1951 (29 anni)
2 D Giuseppe Baresi 7 febbraio 1958 (22 anni)
3 D Antonio Cabrini 8 ottobre 1957 (23 anni)
4 D Claudio Gentile 27 settembre 1953 (27 anni)
5 D Gaetano Scirea 25 maggio 1953 (27 anni)
6 D Pietro Vierchowod 6 aprile 1959 (21 anni)
7 C Carlo Ancelotti 10 giugno 1959 (21 anni)
8 C Giancarlo Antognoni 1º aprile 1954 (26 anni)
9 C Gianpiero Marini 25 febbraio 1951 (29 anni)
10 C Gabriele Oriali 25 novembre 1952 (28 anni)
11 C Marco Tardelli 24 settembre 1954 (26 anni)
12 P Giovanni Galli 29 aprile 1958 (22 anni)
13 C Renato Zaccarelli 18 gennaio 1951 (29 anni)
14 C Salvatore Bagni 25 settembre 1956 (24 anni)
15 C Bruno Conti 13 marzo 1955 (25 anni)
16 A Alessandro Altobelli 28 novembre 1955 (25 anni)
17 A Francesco Graziani 16 dicembre 1952 (28 anni)
18 A Roberto Pruzzo 1º aprile 1955 (25 anni)

  Paesi BassiModifica

Allenatore:   Jan Zwartkruis

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Squadra
1 P Pim Doesburg 28 ottobre 1943 (37 anni)
2 D Ben Wijnstekers 31 agosto 1955 (25 anni)
3 D Ronald Spelbos 8 luglio 1954 (26 anni)
4 D Ernie Brandts 3 febbraio 1956 (24 anni)
5 D Hugo Hovenkamp 5 ottobre 1950 (30 anni)
6 C Willy van de Kerkhof 16 settembre 1951 (29 anni)
7 C Martin Jol 16 gennaio 1956 (24 anni)
8 C Jan Peters 18 agosto 1954 (26 anni)
9 A Kees Kist 7 agosto 1952 (28 anni)
10 C René van de Kerkhof 16 settembre 1951 (29 anni)
11 A Pierre Vermeulen 16 marzo 1956 (24 anni)
12 D John Metgod 27 febbraio 1958 (22 anni)
13 C Michel Valke 25 agosto 1959 (21 anni)
14 A Pier Tol 12 luglio 1958 (22 anni)
15 A Toine van Mierlo 24 agosto 1957 (23 anni)
16 C Peter Arntz 5 febbraio 1953 (27 anni)
17 D Piet Wildschut 25 ottobre 1957 (23 anni)
18 P Hans van Breukelen 4 ottobre 1956 (24 anni)

  UruguayModifica

Allenatore:   Roque Máspoli

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Squadra
1 P Rodolfo Rodríguez 20 gennaio 1956 (24 anni)
2 D Walter Olivera 16 agosto 1953 (27 anni)
3 D Hugo de León 27 febbraio 1958 (22 anni)
4 D José Hermes Moreira 30 settembre 1958 (22 anni)
5 C Ariel Krasouski 31 maggio 1958 (22 anni)
6 D Daniel Martínez 21 dicembre 1959 (21 anni)
7 C Venancio Ramos 20 giugno 1959 (21 anni)
8 C Eduardo de la Peña 7 giugno 1955 (25 anni)
9 A Waldemar Victorino 22 maggio 1952 (28 anni)
10 C Rubén Paz 8 agosto 1959 (21 anni)
11 A Julio Morales 16 febbraio 1945 (35 anni)
12 P Fernando Alvez 4 settembre 1959 (21 anni)
13 A Jorge Siviero 13 maggio 1952 (28 anni)
14 D Nelson Marcenaro 4 settembre 1952 (28 anni)
15 D Víctor Diogo 9 aprile 1958 (22 anni)
16 C Arsenio Luzardo 4 settembre 1959 (21 anni)
17 C Jorge Barrios 24 gennaio 1961 (19 anni)
18 C Ernesto Vargas 1º maggio 1961 (19 anni)

NoteModifica

  1. ^ a b c d Massimiliano Ancona, Trent’anni fa la loggia organizzava il Mundialito, prima diretta delle tv di Berlusconi, in domani.arcoiris.tv, 10 marzo 2011.
  2. ^ a b c d e f g h i Giuliano Pavone, Montevideo killed the Rai star. La vera storia (dimenticata) del Mundialito 1980, in leroedeiduemari.blog.marsilioeditori.it, 7 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2014).
  3. ^ Azzurri, la vera novità il comasco Vierchowod, in La Stampa, 24 dicembre 1980, p. 23.
  4. ^ Giorgio Gandolfi, Bearzot deve rinunciare a Baresi ed a Collovati, in La Stampa, 20 dicembre 1980, p. 20.
  5. ^ Giorgio Gandolfi, Bearzot: «Collovati e Baresi? Non li avrei lasciati a casa», in Stampa Sera, 22 dicembre 1980, p. 11.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio