Apri il menu principale

Muscolo stapedio

muscolo
Muscolo stapedio
Musculusstapedius.png
Il muro mediale e parte dei muri posteriore ed anteriore delle cavità del timpano di destra; visione laterale.
Anatomia del Gray(EN) Pagina 1046
Nome latinomusculus stapedius
SistemaSistema muscolare
Localizzazione anatomicacavo del timpano
Origineeminenza piramidale
Inserzionecollo della staffa
Azionicontrolla l'ampiezza delle onde sonore dell'orecchio interno
Nervonervo facciale
Identificatori
TAA15.3.02.062
FMA49027

Lo stapedio è il più piccolo dei muscoli striati del corpo umano e ha un aspetto bipennuto. Con appena un millimetro di lunghezza, il suo scopo è quello di stabilizzare l'osso più piccolo del corpo: la staffa.

Si trova nell'eminenza piramidale, al di dietro della staffa. Dalla piramide fuoriesce il tendine che si inserisce sulla testa della staffa. Quando lo stapedio si contrae, la staffa viene tirata verso il cavo timpanico, cioè lateralmente.

Lo stapedio si trova nell'orecchio medio, ed è innervato dal ramo timpanico del VII nervo encefalico, il nervo facciale.

FunzioneModifica

Esso ha il compito di prevenire un eccessivo movimento della staffa, aiutando così il controllo dell'ampiezza delle onde sonore dall'ambiente esterno all'interno dell'orecchio. È paragonabile al ruolo del muscolo tensore del timpano, che affievolisce primariamente quei suoni associati con la masticazione.

PatologiaModifica

La paralisi dello stapedio permette oscillazioni più ampie da parte della staffa, provocando reazioni di aumento della percezione delle onde sonore. Questa condizione, nota come iperacusia, provoca nei soggetti che ne soffrono una percezione dei rumori normali di tutti i giorni come se fossero intollerabilmente alti.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina