Apri il menu principale

Museo di Tolosa

museo di storia naturale di Tolosa
Muséum de Toulouse
Logo museum 100px.gif
Grand carré MHNT.jpg
Il Grand Carré, ingresso del museo
Ubicazione
StatoFrancia Francia
LocalitàTolosa
Caratteristiche
TipoStoria naturale
FondatoriPhilippe-Isidore Picot de Lapeyrouse
Apertura1796
Sito web

Coordinate: 48°50′31.59″N 2°21′22.63″E / 48.842109°N 2.356286°E48.842109; 2.356286

Il Museo di Tolosa (Muséum de Toulouse) è un museo di storia naturale di Tolosa. Contiene oltre 2,5 milioni di esemplari ed è il secondo più grande museo di storia naturale della Francia, dopo il Museo di storia naturale di Parigi.

Indice

StoriaModifica

Il museo fu fondato nel 1796 dal naturalista Philippe-Isidore Picot de Lapeyrouse. All'epoca era situato all'interno di vecchie strutture del locale monastero dei frati carmelitani. Nel 1865 fu aperto al pubblico nella sede attuale, sotto la direzione di Edouard Filhol.

Il museo di Tolosa fu il primo al mondo ad avere una sezione dedicata alla preistoria, grazie alla collaborazione di Émile Cartailhac, Jean-Baptiste Noulet e Eugène Trutat. Oggi il museo si trova all'interno di un moderno edificio inaugurato nel 2007, costruito su progetto dell'architetto Jean-Paul Viguier.

Esposizioni permanentiModifica

Le esposizioni permanenti comprendono cinque temi tra loro collegati:

Sequenza 1 - Sentire la potenza della Terra.
Natura del sistema solare e sua formazione. Natura della Terra - la tettonica a placche, attività sismica e vulcanica, l'erosione, la petrografia e la mineralogia.
Sequenza 2 - Superare la nozione di gerarchia.
La natura della vita - la biodiversità, classificazione e organizzazione.
Il percorso di questa sequenza mette in rilievo il legame tra l'uomo e gli animali per mezzo dell'albero della filogenetica e i diversi sistemi che permettono di classificare e organizzare la diversità delle specie.
Sequenza 3 - Familiarizzare con la grande scala del tempo.
Storia della Terra di 3,8 miliardi di anni. Introduzione dei tempi geologici, la paleontologia e l'evoluzione degli esseri viventi.
Sequenza 4 - Ammettere l'evidenza.
Le principali funzioni degli esseri viventi: l'alimentazione, la respirazione, la locomozione, la riproduzione, la protezione e la comunicazione.
Sequenza 5 - Inventare il futuro.
L'impatto delle attività umane sull'ecosistema, la pressione demografica e le risorse naturali.

Altri progettiModifica

Galleria d'immaginiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN130895847 · ISNI (EN0000 0001 2158 3469 · BNF (FRcb120455376 (data)