Apri il menu principale

Museo storico della motorizzazione militare

museo italiano
Museo storico della motorizzazione militare
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàRoma
IndirizzoViale dell'esercito 170, all'interno della città militare della Cecchignola
Caratteristiche
TipoMilitare
FondatoriIl capo del corpo automobilistico nel 1955
Apertura1955
Sito web

Coordinate: 41°48′50.26″N 12°29′09″E / 41.813962°N 12.485833°E41.813962; 12.485833

Il museo storico della motorizzazione militare è sito in viale dell'Esercito 170 nella città militare della Cecchignola, nel quartiere Giuliano-Dalmata a Roma.

Indice

StoriaModifica

Il museo è stato fondato nel 1955 su iniziativa del Capo del corpo automobilistico allora in carica. Il museo risulta essere l'unica mostra italiana di veicoli del XX secolo della motorizzazione militare.[1]
Originariamente era sito in spazi limitati per essere spostato nell'attuale sede nel 1991.[1]

DescrizioneModifica

Il museo misura 50000 m² tra viali spaziosi e blocchi schematici a scheda secondo la moda dell'inizio del secolo scorso.[1][2]
Il museo consta di oltre trecento pezzi tra automobili ed autocarri sia civili che militari d'epoca, 60 pezzi tra mezzi cingolati, blindati e corazzati e sessanta motocicli.[1][2]
Inoltre vi è una biblioteca archivio con materiale su mezzi a motore, materiale fotografico e documentari ed una carta su muro raffigurante una manovra del maresciallo Cadorna nel Trentino nel 1916.[1][2]

Tra gli automezzi esposti vi sono dei carri a traino animale risalenti ad un periodo compreso tra il 1914 ed il 1916, una Fiat 501 torpedo, un autocarro Fiat-SPA 38R e due autocarri Fiat, una Fiat 513 modello 4 1910 utilizzata da Vittorio Emanuele III durante la prima guerra mondiale, un'ambulanza Fiat Tipo 2 del 1910 utilizzata nel film Addio alle armi, oltre a vari carri.[2]

CollegamentiModifica

  È raggiungibile dalla stazione Laurentina.

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica