Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Palombo" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Palombo (disambigua).
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Palombo
Mustelus mustelus2.jpg Mustelus mustelus.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Chondrichthyes
Sottoclasse Elasmobranchii
Ordine Carcharhiniformes
Famiglia Triakidae
Genere Mustelus
Specie M. mustelus
Nomenclatura binomiale
Mustelus mustelus
Linneaus, 1758
Sinonimi

Galeus laevis, Mustelus equestris, Mustelus laevis, Squalus mustelus

Nomi comuni

Palombo comune, Palombo liscio

Areale

Mustelus mustelus distmap.png

Il Palombo[1] (Mustelus mustelus), conosciuto comunemente anche come palombo comune o palombo liscio, è uno squalo non pericoloso per l'uomo appartenente alla famiglia Triakidae.

Indice

Distribuzione e habitatModifica

Questa specie vive sulla piattaforma continentale dell'Oceano Atlantico orientale, al largo delle Isole Britanniche e della Francia fino al Sudafrica, compreso il Mar Mediterraneo,Mar Adriatico , Madera e le Isole Canarie, a una profondità compresa tra i -5 e i -625 metri.

DescrizioneModifica

Il palombo ha una colorazione uniforme grigia o grigio-bruna sul dorso e bianca sul ventre. La sua lunghezza è superiore ai due metri. Possiede 2 pinne dorsali: la prima è posta davanti alla ventrali, la seconda è situata anteriormente all'anale. Il lobo inferiore della pinna caudale è meno sviluppato di quella superiore. Possiede 5 fessure branchiali laterali, piccoli denti e una testa appiattita.

RiproduzioneModifica

È viviparo e gli embrioni hanno una placenta vitellina.

AlimentazioneModifica

Il palombo si nutre principalmente di crostacei, cefalopodi e aringhe.

PescaModifica

Viene catturato con la pesca a strascico e utilizzato per l'alimentazione umana, per ricavarne olio di pesce e per farne mangime per animali.

Caratteri nutrizionaliModifica

  • Proteico: 16 g
  • Lipidi: 1,2 g
  • Calorie: 80 kcal

(per 100 g di prodotto)[2]

NoteModifica

  1. ^ Mipaaft - Decreto Ministeriale n°19105 del 22 settembre 2017 - Denominazioni in lingua italiana delle specie ittiche di interesse commerciale, su www.politicheagricole.it. URL consultato il 28 agosto 2018.
  2. ^ Sergio Pili, I pesci:guida pratica per il consumatore, Nuoro, 1997.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

  Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci