Apri il menu principale
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Mycobacterium africanum
Immagine di Mycobacterium africanum mancante
Classificazione scientifica
Dominio Prokaryota
Regno Bacteria
Phylum Actinobacteria
Ordine Actinomycetales
Sottordine Corynebacterineae
Famiglia Mycobacteriacee
Genere Mycobacterium
Specie M. africanum
Nomenclatura binomiale
Mycobacterium africanum
Castets et al., 1969

Il Mycobacterium africanum è una specie, appartenente al genere Mycobacterium.

Indice

EpidemiologiaModifica

M. africanum si trova più comunemente nei paesi dell'Africa occidentale, causando fino a un quarto di casi di tubercolosi in paesi come il Gambia[1]. Si tratta di un'infezione solo umana e si diffonde per via aerea da individui con casi di malattia[1].

Ha un grado simile di infettività all'organismo regolare a quello del Mycobacterium tuberculosis, ma ha meno probabilità di progredire in malattia clinica in un individuo immunocompetente[2]. Tuttavia, M. africanum ha maggiori probabilità di passare dall'infezione e causare la malattia in un paziente sieropositivo. Nei paesi in cui il Mycobacterium africanum è endemico, rappresenta un'importante infezione opportunistica delle fasi successive dell'HIV[3].

PatogenesiModifica

Non è del tutto chiaro come le differenze genetiche tra M. africanum e M. tuberculosis diano luogo a una minore patogenicità del primo. Tuttavia, è noto che la regione di differenza 9 (RD9) è priva di M. africanum, ma presente in M. tuberculosis[4].

NoteModifica

  1. ^ a b B. de Jong, M. Antonio e S. Gagneux, Mycobacterium africanum—Review of an Important Cause of Human Tuberculosis in West Africa, PLOS Neglected Tropical Diseases, 2010, DOI:10.1371/journal.pntd.0000744, PMC 2946903, PMID 20927191.
  2. ^ B. de Jong, P. Hill, A. Aiken, T. Awine, A. Martin, I. Adetifa, D. Jackson-Sillah, A. Fox, K. DeRiemer, S. Gagneux, M. Borgdorff, K. McAdam, T. Corrah, P. Small e R. Adegbola, Progression to Active Tuberculosis, but Not Transmission, Varies by Mycobacterium tuberculosis Lineage in The Gambia, The Journal of Infectious Diseases, 2008, DOI:10.1086/591504, PMC 2597014.
  3. ^ B. de Jong, P. Hill, R. Brookes, J. Otu, K. Peterson, P. Small e R. Adegbola, Mycobacterium africanum: a new opportunistic pathogen in HIV infection?, AIDS, 2005, DOI:10.1097/01.aids.0000185991.54595.41, PMID 16184053.
  4. ^ R. Brosch, S. V. Gordon e M. Marmiesse et al, A new evolutionary scenario for the Mycobacterium tuberculosis complex, Proc. Natl. Acad. Sci. U.S.A., 2002, DOI:10.1073/pnas.052548299, PMC 122584, PMID 11891304.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica