Mylo Xyloto

album dei Coldplay del 2011
Mylo Xyloto
ArtistaColdplay
Tipo albumStudio
Pubblicazione24 ottobre 2011
Durata44:09
Dischi1
Tracce14
GenereRock alternativo[1]
Rock elettronico[2]
Britpop[2]
EtichettaParlophone
ProduttoreMarkus Dravs, Daniel Green, Rik Simpson
Registrazione2010-2011, The Bakery e The Beehive, Londra (Regno Unito)
FormatiCD, LP, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oroArgentina Argentina[3]
(vendite: oltre 20 000)
Austria Austria[4]
(vendite: oltre 10 000)
Cile Cile[5]
(vendite: oltre 5 000)
Dischi di platinoAustralia Australia (2)[6]
(vendite: oltre 140 000)
Belgio Belgio[7]
(vendite: oltre 30 000)
Canada Canada (3)[8]
(vendite: oltre 240 000)
Colombia Colombia[9]
(vendite: oltre 200 000)
Danimarca Danimarca (4)[10]
(vendite: oltre 80 000)
Europa Europa (3)[11]
(vendite: oltre 3 000 000)
Finlandia Finlandia[12]
(vendite: oltre 21 028)
Francia Francia (3)[13]
(vendite: oltre 300 000)
Germania Germania (2)[14]
(vendite: oltre 400 000)
Irlanda Irlanda (2)[15]
(vendite: oltre 30 000)
Italia Italia (3)[16]
(vendite: oltre 180 000)
Messico Messico[17]
(vendite: oltre 60 000)
Norvegia Norvegia[18]
(vendite: oltre 30 000)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda (2)[19]
(vendite: oltre 30 000)
Portogallo Portogallo[20]
(vendite: oltre 20 000)
Regno Unito Regno Unito (5)[21]
(vendite: oltre 1 500 000)
Spagna Spagna[22]
(vendite: oltre 40 000)
Stati Uniti Stati Uniti[23]
(vendite: oltre 1 000 000)
Svezia Svezia[24]
(vendite: oltre 40 000)
Svizzera Svizzera (2)[25]
(vendite: oltre 60 000)
Coldplay - cronologia
Album precedente
(2009)
Album successivo
(2012)
Singoli
  1. Every Teardrop Is a Waterfall
    Pubblicato: 3 giugno 2011
  2. Paradise
    Pubblicato: 12 settembre 2011
  3. Charlie Brown
    Pubblicato: 3 febbraio 2012
  4. Princess of China
    Pubblicato: 13 aprile 2012
  5. Up with the Birds/U.F.O.
    Pubblicato: 21 aprile 2012
  6. Hurts Like Heaven
    Pubblicato: 27 luglio 2012
  7. Up in Flames
    Pubblicato: 16 novembre 2012

Mylo Xyloto è il quinto album in studio del gruppo musicale britannico Coldplay, pubblicato il 24 ottobre 2011 dalla Parlophone.[26]

Negli Stati Uniti ha venduto nei primi sei mesi del 2012 oltre 415.000 copie.[27] Al 2012, le copie vendute sono state più di 8 milioni in tutto il mondo.[28]

DescrizioneModifica

Composizione e registrazioneModifica

Il frontman del gruppo, Chris Martin, ha affermato che non crede che "i gruppi debbano superare i 33 anni", ma in seguito ha ritrattato la frase dicendo che ciò che intendeva, ovvero che bisogna sempre procedere "come se questo fosse il nostro ultimo [disco], perché è l'unico modo di andare avanti."[29] Il bassista Guy Berryman, che precedentemente aveva scritto il desiderio del gruppo di "iniziare semplicemente a lavorare e vedere come proseguiva", ha riportato che il gruppo sarebbe tornato al lavoro in studio:[30]

«Abbiamo già una lista di idee dei brani. Non ci fermiamo mai a scrivere. Entriamo in studio con tutti i migliori piani preparati e poi quando finiamo non era mai ciò che intendevamo. È semplicemente emozionante meravigliarsi su cosa verrà fuori dagli speaker nel giro di un anno. Abbiamo prodotti veramente emozionanti in mente. È tempo di portare la nostra musica verso differenti direzioni ed esplorare a fondo altre possibilità.»

Uno degli obiettivi dell'album è stato quello di scrivere brani con un maggior uso di sperimentazione con strumenti acustici, manipolazione e strumenti elettronici, rivisitando o meno lo stile dell'album precedente, Viva la vida or Death and All His Friends. Quando Martin ha deciso di non pubblicare un album da solista, alcune voci hanno affermato che il quinto album sarebbe stato il loro ultimo, fatto smentito dallo stesso Martin.

Particolare attesa e curiosità ha suscitato la collaborazione con la cantante barbadiana Rihanna, sulla quale Chris Martin ha detto:

«Ha una voce grandiosa e così differente dalla mia. Quando ho ascoltato le sue parti vocali ho pensato "Wow, sembra così diversa", ma ritengo che questo sia dovuto anche al fatto che abbia cantato in una canzone differente da quelle che siamo soliti sentire da lei.»

All'album ha inoltre collaborato in qualità di compositore aggiuntivo il musicista britannico Brian Eno.

TitoloModifica

In un'intervista concessa a MTV News, Martin è intervenuto a proposito della scelta del titolo dell'album, dichiarando:[31][32]

«[Chiamando l'album Mylo Xyloto] abbiamo preso una pistola e ci siamo sparati sui piedi. È stata solo una prova.. ci suona fresco, è nuovo. Non significa nulla se non la musica dell'album. Forse prima che la gente sapesse cosa fossero le Snickers, anche quella parola poteva suonare strana, o Google.. o Yahoo!. Perciò perché non provare ad inventare qualcosa di nuovo?»

In occasione del San Diego Comic-Con 2012, il gruppo ha annunciato che l'album ha ispirato la pubblicazione di un'omonima serie di fumetti, scritta dal gruppo insieme al regista Mark Osborne, il quale ha dichiarato in merito:[33]

«È la storia di Mylo Xyloto, giovane abitante dell'immaginaria Silencia sul fronte di una guerra per reprimere la musica e i colori nel suo mondo. Mylo scopre che quello per cui è stato addestrato a combattere e odiare non è del tutto un suo nemico.»

TracceModifica

Testi e musiche di Guy Berryman, Jonny Buckland, Will Champion e Chris Martin.

  1. Mylo Xyloto – 0:42
  2. Hurts Like Heaven – 4:02
  3. Paradise – 4:38
  4. Charlie Brown – 4:45
  5. Us Against the World – 4:00
  6. M.M.I.X. – 0:48
  7. Every Teardrop Is a Waterfall – 4:01
  8. Major Minus – 3:30
  9. U.F.O. – 2:18
  10. Princess of China – 3:59
  11. Up in Flames – 3:13
  12. A Hopeful Transmission – 0:33
  13. Don't Let It Break Your Heart – 3:54
  14. Up with the Birds – 3:46
Tracce bonus nell'edizione giapponese
  1. Charlie Brown (Live from Glastonbury 2011) – 4:48
  2. Life Is for Living (Live from Glastonbury 2011) – 2:30
  3. Every Teardrop Is a Waterfall (Live from Glastonbury 2011) – 4:38

FormazioneModifica

Gruppo
Altri musicisti
Produzione
  • Markus Dravsproduzione, registrazione
  • Daniel Green – produzione, missaggio, registrazione
  • Rik Simpson – produzione, missaggio, registrazione
  • Mark "Spike" Stent – missaggio
  • Michael Brauer – missaggio
  • Robin Baynton – registrazione
  • Andy Rugg – registrazione, assistenza missaggio
  • Matt McGinn – registrazione, assistenza missaggio
  • Matt Miller – registrazione, assistenza missaggio
  • Christian Green – registrazione, assistenza missaggio
  • Olga Fitzroy – registrazione, assistenza missaggio
  • Ryan Gilligan – registrazione, assistenza missaggio
  • Matt Green – registrazione, assistenza missaggio
  • Pierre Eiras – registrazione, assistenza missaggio
  • David Emery – registrazione, assistenza missaggio
  • Ian Sylvester – registrazione, assistenza missaggio
  • Noah Goldstein – registrazione, assistenza missaggio
  • Ian Shea – registrazione, assistenza missaggio
  • Andrew Denny – registrazione, assistenza missaggio
  • Deepu Panjwani – registrazione, assistenza missaggio
  • Nobuyuki Murakami – registrazione, assistenza missaggio
  • Hidefumi Ohbuchi – registrazione, assistenza missaggio
  • Mr Tim Crompton – registrazione, assistenza missaggio
  • Bob Ludwig – mastering

ClassificheModifica

Classifiche di fine annoModifica

Anno Classifica Posizione
2011 Australia[45] 10
Austria[46] 23
Belgio (Fiandre)[47] 7
Belgio (Vallonia)[48] 19
Canada[49] 18
Danimarca[50] 13
Finlandia (album stranieri)[51] 3
Francia[52] 7
Irlanda[53] 12
Italia[54] 9
Messico[55] 36
Nuova Zelanda[56] 14
Paesi Bassi[57] 3
Polonia[58] 62
Regno Unito[59] 5
Spagna[60] 14
Stati Uniti[61] 35
Svezia[62] 12
Svizzera[63] 3
Ungheria[64] 87
2012 Stati Uniti[65] 17

NoteModifica

  1. ^ (EN) Mylo Xyloto, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ a b Recensione di Mylo Xyloto su Rockol.it
  3. ^ (ES) Musica (PDF), su prensariomusica.com. URL consultato il 22 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2012).
  4. ^ (DE) Coldplay, Mylo Xyloto – Gold & Platin, IFPI Austria. URL consultato il 26 gennaio 2012.
  5. ^ (ES) Mylo Xyloto de Coldplay ya es disco de oro en Chile, La Tercera. URL consultato l'8 aprile 2012.
  6. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2012 Albums, Australian Recording Industry Association. URL consultato l'8 aprile 2012.
  7. ^ (NL) GOUD EN PLATINA - albums 2011, Ultratop. URL consultato l'8 aprile 2012.
  8. ^ (EN) Mylo Xyloto – Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 9 gennaio 2020.
  9. ^ (ES) "Mylo Xyloto" es disco de Platino en Colombia, Revista Metrónomo, 3 novembre 2011. URL consultato il 2 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2012).
  10. ^ (DA) Certificeringer, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato l'8 gennaio 2020.
  11. ^ (EN) IFPI Platinum Europe Awards - 2012, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 23 febbraio 2013.
  12. ^ (FI) Kaikkien aikojen myydyimmät ulkomaiset albumit, IFPI Finland. URL consultato il 10 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2017).
  13. ^ (FR) Certifications Albums Triple Platine - année 2011[collegamento interrotto], Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 24 febbraio 2012.
  14. ^ (DE) Coldplay, Mylo Xyloto – Gold-/Platin- und Diamond-Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 20 marzo 2019.
  15. ^ (EN) 2011 Certified Awards - Multi-Platinum, su irishcharts.ie. URL consultato il 20 aprile 2012.
  16. ^ Mylo Xyloto (certificazione), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  17. ^ (ES) Certificaciones, Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato l'8 gennaio 2020. Digitare "Mylo Xyloto" in "Título".
  18. ^ (NO) Troféoversikt - 2011, IFPI Norge. URL consultato il 12 ottobre 2020.
  19. ^ (EN) NZ Top 40 Albums Chart, The Official NZ Music Charts. URL consultato il 21 giugno 2012.
  20. ^ (PT) Top 30 Artistas - Semana 17 de 2012, Associação Fonográfica Portuguesa. URL consultato il 3 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 9 maggio 2012).
  21. ^ (EN) Mylo Xyloto, British Phonographic Industry. URL consultato il 29 dicembre 2019.
  22. ^ (ES) Top 100 Albumes - Semana 01: del 02.01.2012 al 08.01.2012 (PDF)[collegamento interrotto], Productores de Música de España. URL consultato il 26 gennaio 2012.
  23. ^ (EN) Coldplay, Mylo Xyloto – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 3 giugno 2011.
  24. ^ (SV) Mylo Xyloto, Sverigetopplistan. URL consultato il 29 dicembre 2019.
  25. ^ (DE) Edelmetall 2012, Schweizer Hitparade. URL consultato l'8 gennaio 2020.
  26. ^ (EN) New album, Mylo Xyloto, out on October 24, Coldplay, 12 agosto 2011. URL consultato il 29 dicembre 2019.
  27. ^ (EN) Adele, Gotye Lead Mid-Year SoundScan Charts, su billboard.com. URL consultato il 5 luglio 2012.
  28. ^ (EN) Coldplay's Mylo Xyloto, su usatoday.com. URL consultato il 17 novembre 2012.
  29. ^ (EN) Sean Michaels, Coldplay will never split up, Londra, The Guardian, 3 dicembre 2008. URL consultato il 12 agosto 2009.
  30. ^ Coldplay to begin recording follow-up to Viva la Vida | STV Entertainment Archiviato l'11 luglio 2012 in Archive.is.. News.stv.tv (2009-01-06). Retrieved on 2011-01-27.
  31. ^ (EN) Coldplay: 'Mylo Xyloto album title doesn't mean anything', Digital Spy, 20 settembre 2011. URL consultato il 13 novembre 2011.
  32. ^ (EN) Gil Kaufman, Coldplay OK With Fans' Mylo Xyloto Title Confusion, MTV, 20 settembre 2011. URL consultato il 13 novembre 2011.
  33. ^ Coldplay: l'album Mylo Xyloto diventa un fumetto', International Business Times, 11 luglio 2012. URL consultato l'11 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2012).
  34. ^ (ES) Rankings, Cámara Argentina de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 28 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2013). Nel campo Tipo, selezionare Ranking Semanal Pop e nel campo Fecha selezionare la data del 16 ottobre 2011.
  35. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (NL) Coldplay - Mylo Xyloto, Ultratop. URL consultato il 7 ottobre 2014.
  36. ^ (EN) John Williams, Coldplay red hot on Cdn. charts, su jam.canoe.ca. URL consultato l'8 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2012).
  37. ^ (EL) Official Cyta-IFPI Albums Sales Chart - Εβδομάδα 47 (19-25/11)/2011, cyta.gr. URL consultato l'8 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 25 gennaio 2012).
  38. ^ (EN) TOP 75 ARTIST ALBUM, WEEK ENDING 27 October 2011, Chart-Track. URL consultato il 28 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2016).
  39. ^ (EN) Oficjalna lista sprzedaży : OLIS - Official Retail Sales Chart - sales for the period 24.10.2011 - 30.10.2011, OLiS. URL consultato il 7 novembre 2011.
  40. ^ (EN) Coldplay - Mylo Xyloto (album) - Portuguese Albums Chart, portuguesecharts.com. URL consultato il 3 novembre 2011.
  41. ^ (EN) 2011 Top 40 Official UK Albums Archive - 5th November 2011, Official Charts Company. URL consultato il 30 ottobre 2011.
  42. ^ (CS) TOP50 Prodejní - COLDPLAY - Mylo Xyloto, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 4 novembre 2011.
  43. ^ (EN) Keith Caulfield, Coldplay Claims Third No. 1 Album on Billboard 200 Chart, Billboard, 2 novembre 2011. URL consultato il 2 novembre 2011.
  44. ^ (HU) Top 40 album-, DVD- és válogatáslemez-lista: 2011. 43. hét: 2011. 10. 24. - 2011. 10. 30., Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 3 novembre 2011.
  45. ^ (EN) ARIA Charts - End Of Year Charts - Top 100 Albums 2011, Australian Recording Industry Association. URL consultato l'8 aprile 2012.
  46. ^ (DE) Austrian Top-40 - Jahreshitparade Alben 2011, austriancharts.at. URL consultato l'8 aprile 2012.
  47. ^ (NL) Charts Vlaanderen - Jaaroverzichten 2011, Ultratop. URL consultato l'8 aprile 2012.
  48. ^ (FR) Charts Belgique Francophone - Rapports Annuels 2011, Ultratop. URL consultato l'8 aprile 2012.
  49. ^ (EN) Year End Charts - Top Canadian Albums - Issue Date: 2011, Billboard. URL consultato l'8 aprile 2012.
  50. ^ (DA) Album Top-100, hitlisterne.dk. URL consultato l'8 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2012).
  51. ^ (FI) Myydyimmät levyt - Vuosi 2011, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato l'8 aprile 2012.
  52. ^ (FR) Classement Albums - année 2011, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato l'8 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2014).
  53. ^ (EN) Best of 2011, Irish Recorded Music Association. URL consultato l'8 aprile 2012.
  54. ^ Classifiche annuali Fimi-GfK: Vasco Rossi con "Vivere o Niente" è stato l'album più venduto nel 2011, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 16 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2012).
  55. ^ (ES) Top 100 Mexico - Los Mas Vendidos 2011 (PDF), Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato l'8 aprile 2012.
  56. ^ (EN) Adele dominates NZ end of year charts, Television New Zealand, 16 dicembre 2011. URL consultato l'8 aprile 2012.
  57. ^ (NL) Dutch Charts - Jaaroverzichten - Album 2011, dutchcharts.nl. URL consultato l'8 aprile 2012.
  58. ^ (PL) Top 100 - annual chart, Związek Producentów Audio Video. URL consultato l'8 aprile 2012 (archiviato dall'url originale l'11 marzo 2012).
  59. ^ (EN) The Top 20 biggest selling albums of 2011 revealed!, Official Charts Company, 2 gennaio 2012. URL consultato l'8 aprile 2012.
  60. ^ (ES) Top 50 Albumes 2011 (PDF), Productores de Música de España. URL consultato l'8 aprile 2012.
  61. ^ (EN) Year End Charts - Top Billboard 200 Albums - Issue Date: 2011, Billboard. URL consultato l'8 aprile 2012.
  62. ^ (SE) Årslista Album - År 2011, su hitlistan.se. URL consultato l'8 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2011).
  63. ^ (EN) Swiss Year-End Charts 2011, Schweizer Hitparade. URL consultato l'8 aprile 2012.
  64. ^ (HU) Összesített album- és válogatáslemez-lista - eladási darabszám alapján - 2011, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato l'8 aprile 2012.
  65. ^ (EN) Billboard 200, Billboard. URL consultato il 15 dicembre 2012.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock