Apri il menu principale

Myrna Loy

attrice statunitense

Myrna Loy, pseudonimo di Myrna Adele Williams (Helena, 2 agosto 1905New York, 14 dicembre 1993), è stata un'attrice statunitense.

Dotata di fascino ed eleganza, Myrna Loy è stata tra le attrici più note della Hollywood degli anni trenta. Tra le sue interpretazioni, quella dell'arguta Nora Charles nella serie di film de L'uomo ombra, in coppia con William Powell, nei panni del detective Nick Charles.

BiografiaModifica

 
Myrna Loy, esotica bellezza in Across the Pacific (1926)

Il padre David Franklin Williams discendeva da una famiglia gallese mentre la madre aveva ascendenti scozzesi e svedesi. La famiglia poteva dirsi benestante, David oltre essere un banchiere ed agente immobiliare è stato anche il più giovane deputato eletto in Montana.

A causa di problemi di salute, la madre Adelle Mae decise di trasferirsi a sud per trovare un clima più caldo facendosi accompagnare dalla figlia. Il padre, nonostante avesse acquistato dei terreni, non volle mai lasciare definitivamente il Montana per trasferirsi in California ma dopo la sua morte, causata dall'influenza spagnola, tutta la famiglia si trasferì a Culver City.

Myrna, che aveva iniziato a prendere lezioni di ballo, iniziò a partecipare a diversi spettacoli in diversi teatri della zona. Durante una rappresentazione venne notata da Natacha Rambova che la segnalò insistentemente al marito Rodolfo Valentino perché recitasse nel suo nuovo film, What Price Beauty? (1925). La giovanissima Myrna Loy fece così la sua prima apparizione cinematografica nel ruolo di una femme fatale. Grazie al suo fascino intrigante e ai suoi lineamenti vagamente esotici, l'attrice fu impiegata durante tutti gli anni venti in ruoli di seduttrice e di vamp. Ma il vero grande successo arrivò con l'avvento del sonoro, che le diede l'opportunità di mettere in luce il suo sorprendente brio recitativo e la sua solare bellezza, in ruoli di ironica moglie o capricciosa ereditiera.

Nel 1933 venne scritturata dalla Metro-Goldwyn-Mayer e, l'anno seguente, ottenne un grande successo al fianco di William Powell nella commedia L'uomo ombra (1934), diretta dal grande W.S. Van Dyke, e tratta dall'omonimo romanzo di Dashiell Hammett, in cui i due impersonarono una coppia di coniugi detective, ironici e amanti della vita mondana. Il film, che avrà ben cinque seguiti (l'ultimo dei quali, Il canto dell'uomo ombra, risale al 1947) offrì all'attrice la possibilità di dimostrarsi scanzonata, fascinosa e raffinata interprete brillante.

Negli anni trenta e quaranta tornò in altre occasioni in coppia con William Powell in numerose commedie come La donna del giorno (1936) di Jack Conway, Il paradiso delle fanciulle (1936) di Robert Z. Leonard, Ti amo ancora (1940) di W.S. Van Dyke. Fu inoltre partner di Clark Gable e Spencer Tracy in Arditi dell'aria (1938) di Victor Fleming, e di Cary Grant nelle commedie L'intraprendente signor Dick (1947) di Irving Reis e La casa dei nostri sogni (1948) di Henry C. Potter; ma interpretò anche ruoli drammatici e di maggior impegno, come ne I migliori anni della nostra vita (1946), diretto da William Wyler, in cui impersonò la dolce moglie di un reduce di guerra (interpretato da Fredric March).

Durante la Seconda guerra mondiale, si dedicò con costante impegno a spettacoli di intrattenimento per le truppe americane al fronte, e come organizzatrice di attività politiche e culturali per l'UNESCO. Negli anni cinquanta e sessanta l'attrice diradò i suoi impegni cinematografici, limitando le sue apparizioni a film come Dodici lo chiamano papà (1950), accanto a Clifton Webb, Dalla terrazza (1960), con Paul Newman, e Sento che mi sta succedendo qualcosa (1969) con Jack Lemmon. Negli anni settanta si dedicò maggiormente al teatro e alla televisione, ritirandosi dalle scene nel 1982.

Myrna Loy morì il 14 dicembre 1993 all'età di 88 anni in un ospedale di Manhattan durante un intervento chirurgico non specificato. Il suo corpo fu cremato a New York e le sue ceneri inumate al cimitero di Forestvale nella sua nativa Helena nel Montana.

RiconoscimentiModifica

  Kennedy Center Honors
— 1988

Nel 1991 le venne conferito il Premio Oscar alla carriera.[1]

FilmografiaModifica

Film e documentari su Myrna LoyModifica

Doppiatrici italianeModifica

  • Tina Lattanzi ne L'amico pubblico n. 1, La casa dei nostri sogni, Dodici lo chiamano papà, La grande pioggia, Ragazze alla finestra, Vento di primavera / L'intraprendente signor Dick, Ingratitudine
  • Lydia Simoneschi ne I migliori anni della nostra vita, Minuzzolo il cavallino rosso, Dalla terrazza, La figlia dell'ambasciatore, Merletto di mezzanotte, Non desiderare la donna d'altri, Sento che mi sta succedendo qualcosa
  • Rosina Galli in Ti amo ancora, Si riparla dell'uomo ombra
  • Giovanna Scotto in Un genio in famiglia
  • Eva Ricca nei ridoppiaggi de L'uomo ombra, Dopo l'uomo ombra, L'ombra dell'uomo ombra, L'uomo ombra torna a casa, Il canto dell'uomo ombra
  • Ada Maria Serra Zanetti in Dodici lo chiamano papà (ridoppiaggio), La donna del giorno (ridoppiaggio)
  • Dhia Cristiani ne I migliori anni della nostra vita (ridoppiaggio)
  • Melina Martello in Amami stanotte (ridoppiaggio)

NoteModifica

  1. ^ Informazioni biografiche tratte dalla pagina dell'imdb dedicata a questo personaggio Myrna Loy - Biography

BibliografiaModifica

  • (EN) Lawrence J. Quirk, The Films of Myrna Loy, The Citadel Press Secaucus, New Jersey ISBN 0-8065-0735-7

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN12503551 · ISNI (EN0000 0003 6840 9622 · LCCN (ENn80098354 · GND (DE119007940 · BNF (FRcb14014014k (data) · WorldCat Identities (ENn80-098354