Apri il menu principale
Næstved IF
Calcio Football pictogram.svg
"De Grønne" (i Verdi)
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali Bianco, verde
Dati societari
Città Næstved
Nazione Danimarca Danimarca
Confederazione
Federazione Flag of Denmark.svg DBU
Fondazione 1939
Presidente Steen Hansen
Stadio Næstved Stadion, Næstved
(10000 posti)
Sito web www.naestvedboldklub.dk
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

Il Næstved Boldklub è una società calcistica danese con sede a Næstved. Fondata ufficialmente il 1º ottobre 1996 all'interno della polisportiva Næstved Idræts Forening (nata nel 1939), ne ereditò titoli precedenti e colori sociali (nel campionato danese, infatti, il club era indicato come Næstved IF). Milita attualmente nella 2. Division, la terza serie del campionato danese (DBU). La squadra disputa le gare interne nello Stadio Næstved, impianto in grado di ospitare 10.000 spettatori e dotato di 2.300 posti a sedere. I colori sociali sono il verde e il bianco, che ne compongono anche la divisa in casa e in trasferta: la terza maglia prevede invece un completo di colore rosso.

Il periodo d'oro del club risale agli anni settanta e ottanta: dal 1972 al 1988 la squadra collezionò infatti 2 secondi posti e 4 terzi posti nella Superligaen. Nella stagione 1973-1974 ha partecipato alla Coppa UEFA, venendo però eliminata dal Fortuna Düsseldorf nei trentaduesimi di finale, dopo aver perso 1-0 in trasferta e pareggiato 2-2 in casa. Nel 1994 la squadra raggiunse la finale della Coppa di Danimarca, dove venne però sconfitta dal Brøndby IF ai calci di rigore per 3-1. Nel 2000 la squadra ebbe una parabola discendente, che la portò in pochi anni in seconda divisione (terza lega), con il rischio di retrocedere nelle divisioni minori (cosa mai successa dalla fondazione nel 1939). Al momento, la società pare essere in ripresa ed è stabilmente presente nella 1a divisione danese.

Lo sponsor attuale della squadra è la banca danese DiBA.

La tragedia del 2006Modifica

Il 12 giugno 2006 il ventiseienne giocatore del Næstved Rasmus Green perse conoscenza durante un allenamento con la squadra. Nonostante i numerosi tentativi di rianimazione tentati dai compagni, dal medico della squadra e dai sanitari chiamati sul posto, il giocatore arrivò morto all'ospedale di Næstved. I tifosi dedicarono una pagina web allo scomparso[1] e la squadra ha da allora ritirato la maglia numero 7 indossata dal giocatore al momento della scomparsa.

Risultati rilevantiModifica

  • 1972 - Terzo posto in Superligaen[2] (miglior piazzamento dal 1939)
  • 1973 - Partecipazione alla Coppa Uefa (eliminata nei 32esimi dal Fortuna Düsseldorf)
  • 1975 - Terzo posto in Superliga danese
  • 1980 - Secondo posto in Superliga danese
  • 1981 - Terzo posto in Superliga danese
  • 1986 - Terzo posto in Superliga danese
  • 1988 - Secondo posto in Superliga danese
  • 1994 - Secondo posto in Coppa di Danimarca (sconfitta in finale ai rigori per 3-1 dal Brøndby IF)

Statistiche di squadraModifica

Dati aggiornati all'11 dicembre 2009

Categoria Partecipazioni

SUPERLIGA[2]

24

1a DIVISIONE

33

2a DIVISIONE

13

Record di presenzeModifica

# Nome Nazionalità Presenze Goal
1 Frank Hougaard   511 ?
2 Mogens Hansen   427 ?
3 Søren Juel   375 ?
4 Torben Johansen   355 22
5 Aage Hermansen   338 ?
6 Alex Nielsen   320 ?
7 Klaus Juliussen   316 ?
8 Jørgen Hansen   309 ?
9 Benny Jacobsen   295 ?
10 Poul Nielsen   287 ?

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

1977, 1991, 1993-1994
2005-2006, 2014-2015

Competizioni internazionaliModifica

1989

Altri piazzamentiModifica

Secondo posto: 1980, 1988
Terzo posto: 1972, 1975, 1981, 1986
Finalista: 1994
Secondo posto: 2017-2018

NoteModifica

  1. ^ (DA) Til minde om Rasmus Green, Naestvedfan.dk. URL consultato l'11 dicembre 2009.
  2. ^ a b La denominazione "Superliga" nacque ufficialmente solo nel 1991.

Collegamenti esterniModifica