Naga the White Serpent

personaggio di The Slayers

Naga the White Serpent (白蛇のナーガ?, Sāpento no Nāga), conosciuta in Italia come Naga del Serpente, è un personaggio dell'anime e manga Slayers di Hajime Kanzaka

Naga the White Serpent
UniversoSlayers
Nome orig.白蛇のナーガ (Sāpento no Nāga)
Lingua orig.Giapponese
AutoreHajime Kanzaka
Voce orig.Maria Kawamura
Voci italiane
Caratteristiche immaginarie
Alter egoGracia Ul Naga Seiryuun
SpecieUmana
SessoFemmina

Storia modifica

Naga è un'amica/avversaria di Lina Inverse durante le sue prime avventure, infatti accompagna Lina nei film e negli OAV. Alle volte è la sua partner ed altrettante volte la sua nemica. Pare che Naga sia in realtà Gracia Ul Naga Saillune, la figlia del principe Prince Philionel El Di Saillune e sorella maggiore di Amelia Wil Tesla Saillune, che diventerà più tardi una compagna di viaggio di Lina.

Pare che la madre di Gracia fosse stata uccisa in un attentato sanguinario (il che spiegherebbe l'avversione di Naga per il sangue). Dopo il funerale di Gracia è scomparsa portando con sé il succinto bikini di cuoio indossato solitamente da Naga, il tesoro segreto di sua madre.

Viene spesso implicato che sia la sorella perduta da lungo tempo di Amelia, ossia Gracia Ul Naga Seiryuun. Lo stesso Kanzaka ha poi confermato la veridicità di questa tesi[1].

Carattere modifica

Naga è una maga dal seno prorompente e dalla risata insopportabile, il suo comportamento (e la sua risata) infastidiscono Lina. Sebbene Naga come maga sia abile quanto Lina Inverse, la sua arroganza e la sua totale mancanza di buon senso la portano spesso al delirio. Così come per Lina è facile trovarla in locande e taverne ad ingurgitare quantità enormi di cibo e bevande.

Accoglienza modifica

Originariamente Naga the White Serpent doveva essere presente solo in una storia di Slayers ("La sfida di Naga"), ma una risposta molto positiva da parte dei lettori l'ha trasformata in uno dei personaggi principali ricorrenti del franchise. Nel 2000, ha vinto il voto popolare "Best of Dragon Magazine" in due categorie, dove in una di queste si piazzò al primo posto come miglior personaggio di supporto della rivista[2]. Nel 1999, il giornalista Dave Halverson definì Lina e Naga di Slayers come "due delle stelle più brillanti del [medium] anime sia in Giappone che negli Stati Uniti"[3], così come "forse i migliori design di personaggi dell'universo degli anime"[4]. Naga ha continuato ad essere uno dei personaggi più importanti e popolari di Slayers in Giappone[5].

Sia la doppiatrice giapponese Maria Kawamura che quella americana Kelly Manison vennero entrambe lodate dalla critica specializzata, con Halverson che definì Manison e Cynthia Martinez (voce di Lina) come il miglior duo di doppiatrici che aveva sentito nel 1998[6][7][8][9]. Il personaggio interpretato da Kawamura, inclusa la sua famigerata risata schiamazzante, è considerato il suo ruolo più famoso[10][11][12].

Naga è stata descritta come un "fanservice che cammina" da Citlin Donovan di The Mary Sue[13] e come "decisamente la preferita da quasi tutta la parte maschile del pubblico" della rivista polacca Kawaii[14]. Nel 2006, Helen McCarthy scrisse "Naga e il suo seno sono diventati tre personaggi molto popolari nella serie, e i fan a lungo termine della serie aspettano con impazienza di vedere come gli sceneggiatori possano spiegare non solo la sua scomparsa tra la fine degli special e l'inizio della serie principale, ma anche perché non viene nemmeno menzionata dopo gli eventi dei video"[15]. Nel 2006, Chris Beveridge di Mania.com ha elencato l'assenza di Naga nella serie TV di Slayers come uno dei dieci motivi per cui "farà sempre schifo", affermando che "oltre al suo meraviglioso costume che crea un sacco di grandi piaceri per gli occhi quando si tratta di cosplay, ha rappresentato il tipo di 'risata anime' che solo pochi preziosi hanno"[16]. Era anche una perfetta frustrazione quando si trattava di avere a che fare con Lina, qualcosa che la serie TV non ha mai avuto. Nate Ming di Crunchyroll ha notato Naga per la sua "presenza incredibilmente dominante e prepotente"[17], e Krzysztof Wojdyło della rivista polacca Otaku l'ha collocata prima nella sua classifica del 2012 dei primi dieci personaggi formosi in tutti i manga e gli anime, notando che nonostante il suo passato piuttosto cupo nascosto sotto il suo sorriso costante e un comportamento un po' psicotico", è rimasta "probabilmente il personaggio più divertente e memorabile" in quella lista[18]. Nello stesso anno, Lynzee Loveridge di Anime News Network ha incluso l'abito di Naga tra le vesti da combattimento meno pratiche per via dei suoi spallacci[19]. Nel 2013, Wirtualna Polska ha classificato il petto di Naga come il nono paio di seni più belli della cultura pop[20].

La copertina della prima edizione del 2001 del gioco di ruolo americano Ironclaw mostra Lina e Naga sotto forma di cameo. I protagonisti della miniserie anime del 2002, Cosplay Complex, si vestono rispettivamente da Naga e Lina nel terzo episodio. Lina e Naga hanno anche fatto un'apparizione cameo nella serie a fumetti francese Les Légendaires Origines del 2014[21].

Note modifica

  1. ^ (EN) Interview with Mr.Hajime Kanzaka (Blaster! XII), su Slayers Again!. URL consultato il 24 luglio 2017 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2013).
    «Tamiki: Oh, you were expecting it! By the way, there are many fans who don't know that Naga and Amelia are the sisters. I think that when they read the Slayers Special episodes and Slayers main series in the order of publication, they will know it soon. But many people read full of the main series first and then read the Slayers Special series. In this case, it is very difficult for them to realize of the relationship between Amelia and Naga.
    Kanzaka: When they read the main series first, Amelia is accepted as Amelia. And when they read the Slayers Special later, it is obscure that Amelia and Naga are related. But Mr. Araizumi knew that they were sisters and he made Amelia and Naga have the similar hair style and similar breasts. Some fans realized their relationship watching their illustrations.»
  2. ^ Dragon Magazine, Kadokawa Shoten, gennaio 2001.
  3. ^ (EN) Gamers' Republic, n. 7, p. 120.
  4. ^ (EN) Dave Halverson, Anime Republic 02, vol. 9.
  5. ^ (JA) 「VALKYRIE ANATOMIA」,「スレイヤーズ」とのコラボイベントを8月13日より開催, in 4Gamer.net, 10 agosto 2018. URL consultato il 26 agosto 2020.
  6. ^ (EN) Dani Moure, Slayers Great, su Mania.com, 2 novembre 2004. URL consultato il 26 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2014).
  7. ^ (EN) Adam Arnold, Slayers: The Book of Spells DVD, su Animefringe. URL consultato il 26 agosto 2020.
  8. ^ (EN) Zac Bertschy, Slayers Return DVD - Review, su animenewsnetwork.com, Anime News Network, 13 gennaio 2004. URL consultato il 26 agosto 2020.
  9. ^ (EN) Gamers' Republic, n. 4, p. 88.
  10. ^ (EN) Christopher Macdonald, AX 2002: Anime Expo Opening Ceremonies, su animenewsnetwork.com, Anime News Network, 6 luglio 2002. URL consultato il 26 agosto 2020.
  11. ^ (EN) Scott Green, VIDEO: Long Awaited Full-Sized "Gothicmade" Anime Movie Trailer, in Crunchyroll, 30 agosto 2012. URL consultato il 26 agosto 2020.
  12. ^ (EN) Jason Hidalgo, Geekology: Summer 2015 Anime Season Final Review, su Technobubble, 3 ottobre 2015. URL consultato il 26 agosto 2020.
  13. ^ (EN) Caitlin Donovan, Six Leading Ladies of Shonen Anime Part 1: The ’90s, su The Mary Sue, 3 settembre 2014. URL consultato il 26 agosto 2020.
  14. ^ (PL) Kuma-chan e BEK, Slayersowy who's who, in Kawaii, n. 36, febbraio-marzo 2002, pp. 10-13.
  15. ^ (EN) Helen McCarthy, The Anime Encyclopedia: A Guide to Japanese Animation Since 1917, Stone Bridge Press, p. 591.
  16. ^ (EN) Chris Beveridge, Ten Reasons Why Slayers Will Always Suck, su Mania.com, 15 settembre 2009. URL consultato il 26 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2013).
  17. ^ (EN) Nate Ming, FEATURE: Fanart Friday - Not Quite Royalty Edition, su crunchyroll.com, Crunchyroll, 27 giugno 2015. URL consultato il 26 agosto 2020.
  18. ^ (PL) Krzysztof Wojdyło, Top 10: Gdy rozmiar ma znaczenie, in Magazyn Otaku, n. 42, settembre 2012, p. 77.
  19. ^ (EN) Lynzee Loveridge, 8 Most Impractical Fighting Regalia, su animenewsnetwork.com, Anime News Network, 1º settembre 2012. URL consultato il 26 agosto 2020.
  20. ^ (PL) Najpiękniejsze piersi popkultury, su Komiks.wp.pl, 2 agosto 2013. URL consultato il 26 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2014).
  21. ^ (FR) Les Légendaires Origines – Tome 3 – Gryfenfer, su Otakia.com. URL consultato il 26 agosto 2020.

Collegamenti esterni modifica

  Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga