Apri il menu principale
Nalene Jessup
UniversoL'ultimo padrino
AutoreMario Puzo
1ª app. inL'ultimo padrino
Ultima app. inL'ultimo padrino
Interpretata daPenelope Ann Miller
Voce italianaIsabella Pasanisi
Specieumana
SessoFemmina
ProfessioneBallerina da nubile, insegnante da divorziata

Nalene Jessup è un personaggio di finzione del romanzo L'ultimo padrino di Mario Puzo e del film omonimo del 1997.

DescrizioneModifica

Nalene Jessup nasce nel 1947 e da ragazza si dedica alla carriera di ballerina allo Xanadu Hotel di Mr Alfred Gronevelt, interessandosi anche ai libri e alla cultura, oltre che alla politica. Durante un'esibizione conosce Joseph De Lena, nipote di Domenico Clericuzio, il mafioso più potente di New York, che sposa appena dopo una settimana in una cappella di Las Vegas.

Moglie e marito sono opposti, ma il loro rapporto rimane solido per molti anni: Nalene è amante di cinema, teatro, lirica, libri, politica, mentre invece Pippi è più amante della caccia, della lotta, e non ha il minimo interesse per ciò che invece affascina la moglie. Ciò che li accomuna è la passione per il ballo.

Dalla loro unione nascono due figli, ad un anno di distanza l'uno dall'altra: Crocifisso, che prende le sembianze della madre ma la tempra del padre, e Claudia, che somiglia fisicamente al padre ma caratterialmente alla madre.

Pippi inonda la moglie di doni e le permette ogni agiatezza, ma le nasconde abilmente il fatto di essere un mafioso e la sudditanza a cui la sottopone. Le permette di viaggiare in Europa con le amiche, ma le nega soltanto di usare la carta di credito. Lei stessa si domanda il perché di tanta libertà, e giunge alla conclusione che nessuno oserebbe farle la corte per via del rispetto intimorito che la gente prova per il marito.

Laureata con lode all'Università del Nevada, Nalene cresce i figli con affetto, ma inizia a nutrire sospetti per Pippi: troppa disponibilità economica, troppi viaggi per affari su cui lui non discute, troppa considerazione da parte dello zio Domenico Clericuzio. E i metodi educativi che sfodera verso i bambini sono a volte brutali e a volte comunque troppo rigorosi.

Consapevole dei suoi tradimenti e ormai lontana dal provare passione per lui, Nalene assiste al processo a carico del marito per l'omicidio di Danny Fuberta, un imbroglione che ha truffato i Clericuzio, ma il mafioso viene assolto dall'accusa. Lei coglie l'occasione per annunciare il desiderio di divorziare da lui, avendo compreso ormai tutto di lui e del suo potere, e dichiara di volersi portare via i figli, inorridita al pensiero che possano crescere e diventare come lui.

Minacciata in maniera magistrale e terrorizzante dal marito, permette a Cross di rimanere con lui, prendendosi solo Claudia. Trasferitasi a Sacramento, diventa insegnante e perde completamente di vista l'ex marito e i Clericuzio, continuando a ricevere le visite del figlio.

Muore di tumore nel 1990, e proibisce ai Clericuzio di partecipare al suo funerale.

CuriositàModifica

Il personaggio di Nalene, analogamente a quello di Kay Adams, ha dei tratti vagamente simili con quelli di Eleanor Coppola, moglie del regista Francis Ford Coppola, rappresentando infatti la donna WASP all'interno di una famiglia di origine italoamericana, risultando così l'elemento intruso in una struttura familiare dai legami molto forti come può essere quella italiana.