Nanše

divinità sumera

Nanše (in sumero 𒀭𒀏, DNINA, Nanše) è, nella mitologia sumera, la dea della giustizia nonché protettrice della città di Nina (l'attuale Surghul in Iraq) e di Lagash[1], figlia del dio Enki che organizzò l'universo affidando alla figlia i pesci e la pesca.

La traduzione del nome significa "interprete dei sogni" ed era anche considerata la divinità in grado di conferire ai sacerdoti la capacità di predire il futuro dall'interpretazione dei sogni (oniromanzia).

È colei che ha giudicato l'uomo nel primo giorno dell'anno insieme a Nidaba e Haia, facendola arrabbiare per gli uomini imperfetti.[2]

NoteModifica

  1. ^ Samuel Noah Kramer, I Sumeri, in Grandi Tascabili Economici, Newton, 1997, p. 103.
  2. ^ Samuel Noah Kramer, I Sumeri, in Grandi Tascabili Economici, Newton, 1997, p. 103-104.

BibliografiaModifica

  • Gwendolin Leick, A Dictionary of Ancient Near Eastern Mythology, New York, Routledge, 1998

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Encyclopedia mythica, su pantheon.org. URL consultato il 2 giugno 2007 (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2007).
  Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia