Napoleone Luigi Bonaparte

nobile francese
Luigi II
Napoléon Louis Bonaparte (1804-1831).jpg
Re d'Olanda
Stemma
In carica 1º luglio 1810 - 13 luglio 1810
Predecessore Luigi I
Successore Regno incorporato all'Impero Francese
Granduca di Berg e Clèves
In carica 3 marzo 1809 - 1º dicembre 1813
Predecessore Gioacchino Murat
Successore titolo soppresso
Nome completo Napoleone Luigi Bonaparte
Nascita Parigi, 11 ottobre 1804
Morte Forlì, 17 marzo 1831
Luogo di sepoltura Chiesa di Saint-Leu-Saint-Gilles, Saint-Leu-la-Forêt, Île-de-France
Casa reale Bonaparte
Padre Luigi I d'Olanda
Madre Ortensia di Beauharnais
Consorte Charlotte Napoléone Bonaparte

Napoleone Luigi Bonaparte, detto anche Luigi II d'Olanda (Parigi, 11 ottobre 1804Forlì, 17 marzo 1831), è stato un nobile francese.

BiografiaModifica

InfanziaModifica

 
Napoleone Luigi con la madre, Ortensia di Beauharnais, e il fratello minore, il futuro Napoleone III

Napoleone Luigi era il figlio secondogenito di Luigi, re d'Olanda, e Ortensia di Beauharnais. Suo padre era il fratello minore dell'Imperatore Napoleone Bonaparte e re d'Olanda, mentre sua madre era la figlia di Giuseppina di Beauharnais prima moglie di Napoleone.

Principe Reale del Regno d'OlandaModifica

 
Il principe Napoleone Luigi in tenera età, di François Kinson, 1806

Il fratello maggiore di Napoleone Luigi, Napoleone Carlo Bonaparte, morì nel 1807 all'eta di quattro anni. Alla sua morte, Napoleone Luigi divenne Principe Reale del Regno d'Olanda. Ciò rendeva Napoleone Luigi il maggiore dei nipoti dell'Imperatore che in quel periodo non aveva ancora figli e quindi probabile successore, status che perse il 20 marzo 1811, quando la seconda moglie di suo zio l'Arciduchessa Maria Luisa d'Austria, diede alla luce un figlio maschio Napoleone Francesco Carlo Giuseppe Bonaparte, titolato come Re di Roma ed in seguito Duca di Reichstadt.

Granduca di Berg e di Clèves e Re d'OlandaModifica

 
Napoleone Luigi Bonaparte in un ritratto di Félix Cottrau

Nel 1809 Napoleone lo designò Granduca di Berg e Clèves, titolo che mantenne fino al 1813.

Per i dieci giorni fra l'abdicazione del padre e l'invasione dell'esercito francese, nel 1810, fu anche Re d'Olanda, adottando il nome di Luigi II.

EsilioModifica

Quando Napoleone venne deposto nel 1815 dopo la Battaglia di Waterloo il casato dei Borboni fu restaurato sul trono di Francia. Napoleone Luigi fuggì in esilio, ma i Bonaparte non abbandonarono mai l'idea di ripristinare l'Impero napoleonico.

Matrimonio e morteModifica

 
Charlotte Napoléone Bonaparte, Contessa de Survilliers, di Johann Ender, 1854

Napoleone Luigi sposò la sua prima cugina, Carlotta, figlia di Giuseppe Bonaparte, fratello maggiore di Napoleone I. Egli morì il 17 marzo 1831, a Forlì, dove partecipò ai moti per l'indipendenza italiana, precedendo il duca di Reichstadt di un anno. L'Impero napoleonico fu restaurato dal fratello minore, che divenne Napoleone III nel 1852.

Luigi Napoleone è sepolto a Saint-Leu-la-Forêt, nell'Île-de-France.

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Giuseppe Maria Buonaparte Sebastiano Nicola Buonaparte  
 
Maria Anna Tusoli  
Carlo Bonaparte  
Maria Saveria Paravicini Giuseppe Maria Paravicini  
 
Maria Angela Salineri  
Luigi I d'Olanda  
Giovanni Geronimo Ramolino Giovanni Agostino Ramolino  
 
Maria Letizia Boggiani  
Maria Letizia Ramolino  
Angela Maria Pietrasanta Giuseppe Maria Pietrasanta  
 
Maria Giuseppa Malerba  
Luigi II d'Olanda  
François de Beauharnais, Marchese de la Ferte-Beauharnais Claude de Beauharnais, Conte des Roches-Baritaud  
 
Renée Hardouineau  
Alexandre de Beauharnais  
Marie Henriette Pyvart de Chastullé François Jacques Pyvart de Chastullé  
 
Jeanne Hardouineau de Landanière  
Ortensia di Beauharnais  
Joseph Gaspard Tascher de La Pagerie Gaspar Joseph Tascher de La Pagerie  
 
Marie Françoise Bourdeau de La Chevalerie  
Marie Josèphe Rose Tascher la Pagerie  
Rose-Claire des Vergers de Sanois Joseph-François des Vergers de Sanois  
 
Marie Browne  
 

OnorificenzeModifica

  Gran Maestro e Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Unione
— 1º luglio 1810

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN47544420 · ISNI (EN0000 0000 2139 2788 · LCCN (ENnb2012016720 · GND (DE117618071 · BNF (FRcb15771729d (data) · BAV (EN495/67159 · CERL cnp00390686 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2012016720