Apri il menu principale

Naruhito

imperatore giapponese
Naruhito
(令和天皇 Reiwa Tennō?)
Crown Prince Naruhito (2018).jpg
Naruhito nel 2018
Imperatore del Giappone
Stemma
In carica dal 1º maggio 2019 (0 anni)
Incoronazione 22 ottobre 2019[1]
Predecessore Akihito
Erede Principe Akishino
Trattamento Maestà imperiale
Nascita Palazzo Tōgū, Tokyo, Giappone, 23 febbraio 1960 (59 anni)
Casa reale Famiglia imperiale del Giappone
Padre Akihito
Madre Michiko
Consorte Masako
Figli Aiko

L'imperatore Naruhito (令和天皇 Reiwa Tennō?), nato principe Hiro (浩宮 Hiro-no-miya?), (Tokyo, 23 febbraio 1960) è il 126º imperatore del Giappone dal 1º maggio 2019. Il suo nome imperiale (nome del suo regno e che sarà usato come nome postumo) è Reiwa.

Chiamato da bambino principe Hiro (浩宮), divenne principe ereditario al trono del crisantemo in seguito alla morte del nonno, l'Imperatore Hirohito, avvenuta il 7 gennaio 1989. L'imperatore è noto per la sua attività nelle opere caritatevoli che svolgeva, in particolare, quando non era ancora principe ereditario. Già da principe ereditario ha assolto una lunga serie di funzioni imperiali.

È sposato con Masako Owada, la coppia ha una figlia, la principessa Aiko.

Dopo averlo annunciato con cinque mesi d'anticipo, il padre Akihito ha abdicato il 30 aprile 2019.[2][3][4] La cerimonia di intronizzazione di Naruhito ha avuto luogo il giorno successivo.[5] In occasione dell'ascesa al trono di Naruhito, prende il via l'era Reiwa, designazione ufficiale del suo periodo di regno presentata il 1º aprile 2019 dal Primo Ministro Shinzo Abe,[6] che significa "bella armonia".[7]

Secondo una delle interpretazioni della controversa Dichiarazione della natura umana dell'imperatore, promulgata dal nonno Hirohito nel 1946, Naruhito è il secondo imperatore del Giappone a salire sul trono senza godere di prerogative divine.

BiografiaModifica

 
Incoronazione di Naruhito (2019)

IstruzioneModifica

Ha conseguito la laurea in storia all'Università Gakushūin nel 1982. Nel luglio dello stesso anno iniziò un corso intensivo di tre anni in inglese prima di entrare al Merton College dell'Università di Oxford. Presenterà la sua tesi nel 1989.[8]

L’imperatore Naruhito suona la viola e ama fare jogging, trekking, e alpinismo nel suo tempo libero. Ha scritto parecchi articoli e un libro, The Thames And I: A Memoir Of Two Years At Oxford (ISBN 1-905246-06-4). Durante la sua permanenza ad Oxford Naruhito ha viaggiato per tutta l'Europa e ha incontrato molti membri delle famiglie reali europee, tra cui la famiglia reale britannica. I modi relativamente rilassati della famiglia reale inglese colpirono il principe: "La Regina Elisabetta II, notai con sorpresa, si versò il tè da sola e servì dei tramezzini".[8] Inoltre ebbe occasione di sciare con Giovanni Adamo II del Liechtenstein, andò in vacanza nel mediterraneo con Juan Carlos I di Spagna ed andò in barca con Sonja e Harald V di Norvegia e Beatrice dei Paesi Bassi.[8]

Fidanzamento e matrimonioModifica

Il principe e Masako Owada si incontrarono per la prima volta ad un tè organizzato dall'Infanta Elena di Spagna nel novembre del 1986, quando lei era studentessa all'Università di Tokyo.[8]

Il principe corteggiò e alla fine si dichiarò (ufficialmente due volte) alla giovane, divenuta intanto diplomatica del Ministero giapponese degli Affari Esteri, che lavorava insieme con il padre Hisashi Owada, attualmente giudice presso la Corte Internazionale di giustizia, ex vice ministro per gli affari esteri ed ex ambasciatore giapponese alle Nazioni Unite. Il palazzo imperiale annunciò il loro fidanzamento il 19 gennaio 1993.

Il 9 giugno 1993 il principe della corona del Giappone e Masako Owada si sposarono nel Tempio Shinto Imperiale di Tokyo di fronte a 2 500 convitati, tra i quali tutti i regnanti e molti capi di Stato d'Europa. Si stima inoltre che 500 milioni di persone in tutto il mondo seguirono in diretta le nozze attraverso la radio e la televisione.

Sposando il principe ereditario, Masako Owada ricevette un titolo nobiliare (principessa della corona del Giappone) nonché l'attributo di "sua altezza imperiale". È conosciuta popolarmente come principessa Masako, anche se l'appellativo non è tecnicamente corretto. La coppia si è stabilita a Palazzo Togu-gosho, nell'area imperiale di Tokyo.

Principessa AikoModifica

La coppia imperiale ha una figlia, sua altezza imperiale la principessa Aiko (il suo titolo ufficiale è Toshi no Miya, o principessa Toshi), nata il 1º dicembre 2001.

La nascita della bambina, avvenuta più di otto anni dopo il matrimonio dei genitori, ha acceso un dibattito vivace in Giappone. Ci si interroga se si debba cambiare o meno la legge di successione imperiale del 1947, cioè se si debba passare da un forma di progenitura a preferenza maschile a una egualitaria, che permetterebbe anche alle donne di ereditare il trono del crisantemo.

Una commissione di esperti scelta dal governo ha stilato una relazione il 25 ottobre 2006 suggerendo una legge di successione imperiale che permetta una primogenitura egualitaria. Il 20 gennaio 2006 il primo ministro Junichiro Koizumi ha usato parte del suo discorso annuale per rispondere alle controversie nate in seguito alla sua proposta di legge da sottoporre al vaglio del parlamento giapponese che permetterebbe anche alle donne di accedere al trono al fine di dare stabilità futura alla successione. Koizumi non ha annunciato una scadenza per la legislazione né ha introdotto dettagli sui contenuti ma ha notato che questo sarebbe in linea con le conclusione della commissione governativa del 2005.

Diversi progetti di modifica alla successione imperiale in linea esclusivamente maschile sono stati accantonati temporaneamente dopo l'annuncio, nel febbraio del 2006, che il fratello minore dell'imperatore Naruhito, il principe Akishino, e sua moglie, la principessa Kiko, stavano aspettando il loro terzo figlio. Il 6 settembre 2006 alle 8:27 (Fuso orario giapponese), la principessa Kiko ha dato alla luce un maschio, il secondo in linea di successione al trono del crisantemo in base alle leggi vigenti, dopo il padre Akishino. La nascita del principe Hisahito non solo offre alla famiglia imperiale il primo erede maschio dopo 40 anni ma potrebbe anche significare che i disegni di legge per permettere alle donne la successione al trono non abbiano seguito.

Lavoro e impegni reali come principe della coronaModifica

Naruhito è membro onorario della "Commissione mondiale sull'acqua per il XXI secolo" e offre il suo patronato alla "Global Water Partnership", un ente fondato dalla Banca Mondiale, dalle Nazioni Unite e dal ministero svedese per lo sviluppo.

Il principe è membro del Consiglio di Stato, l'organo più alto del governo giapponese presieduto dal padre, l'Imperatore Akihito. Fanno parte del protocollo reale anche le commissioni nell'Esercito giapponese. Ha offerto il suo patronato al Comitato dei giochi olimpici invernali 1998 fino al 1998, quando fu fatto membro del Comitato Olimpico Internazionale. Per conto della corona il principe assolve diversi incarichi imperiali, sia in Giappone sia all'estero.

Titoli e trattamentoModifica

  • 23 febbraio 1960 – 23 febbraio 1991: Sua Altezza Imperiale il Principe Hiro
  • 23 febbraio 1991 - 30 aprile 2019: Sua Altezza Imperiale il Principe della Corona del Giappone
  • 1º maggio 2019 - in carica: Sua Maestà l'Imperatore

Albero genealogicoModifica

Naruhito del Giappone Padre:
Akihito del Giappone
Nonno paterno:
Hirohito
Bisnonno paterno:
Taishō
Trisavolo paterno:
Meiji
Trisavola paterna:
Nobile Yanagihara Naruko
Bisnonna paterna:
Imperatrice Teimei
Trisavolo paterno:
Principe Kujō Michitaka
Trisavola paterna:
Nobile Ikuko Noma
Nonna paterna:
Imperatrice Kōjun
Bisnonno paterno:
Principe Kuniyoshi Kuni
Trisavolo paterno:
Principe Kuni Asahiko
Trisavola paterna:
Nobile Makiko Izumi
Bisnonna paterna:
Principessa Chikako Shimazu
Trisavolo paterno:
Principe Shimazu Tadayoshi
Trisavola paterna:
Nobile Sumako Yamazaki
Madre:
Michiko Shōda
Nonno materno:
Hidesaburō Shōda
Bisnonno materno:
Teiichirō Shōda
Trisavolo materno:
?
Trisavola materna:
?
Bisnonna materna:
Kinu Shōda
Trisavolo materno:
?
Trisavola materna:
?
Nonna materna:
Fumiko Soejima
Bisnonno materno:
Tsunatake Soejima
Trisavolo materno:
?
Trisavola materna:
?
Bisnonna materna:
Aya
Trisavolo materno:
?
Trisavola materna:
?

OnorificenzeModifica

Onorificenze giapponesiModifica

  Gran Maestro, Gran Cordone e Collare dell'Ordine del Crisantemo
  Gran Maestro e Gran Cordone dell'Ordine dei fiori di Paulownia
  Gran Maestro dell'Ordine del Sol Levante
  Gran Maestro e Gran Cordone dell'Ordine del Sacro Tesoro
  Gran Maestro dell'Ordine della Cultura
  Sovrano dell'Ordine della Corona Preziosa
  Decorazione della Croce Rossa
  Medaglia della Croce Rossa

Insignito da Principe della Corona:

  Gran Cordone dell'Ordine del Crisantemo
— 23 febbraio 1980[9]
  Decorazione della Croce Rossa
  Medaglia della Croce Rossa

Onorificenze straniereModifica

  Gran Decorazione in Oro con Fascia dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria)
— 1999
  Collare dell'Ordine di Khalifa (Bahrain)
  Gran Cordone dell'Ordine di Leopoldo (Belgio)
— [10]
  Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca)
— 16 novembre 2004[11]
  Collare dell'Ordine di Zayed (Emirati Arabi Uniti)
— 23 gennaio 1995[12][13]
  Gran Collare dell'Ordine di Sikatuna (Filippine)
— 3 dicembre 2002[14]
  Gran Croce dell'ordine al merito di Germania
— 7 aprile 1997
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Salvatore (Grecia)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (Italia)
— 9 marzo 1982[15]
  Cavaliere dell'Ordine del Leone d'Oro di Nassau (Lussemburgo)
— 27 novembre 2017[16]
  Gran Commendatore dell'Ordine del Difensore del Reame (Malesia)
— 2012[17]
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav (Norvegia)
— 26 marzo 2001
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona (Paesi Bassi)
— 1991[18]
  Medaglia dell'Investitura di Re Guglielmo Alessandro (Paesi Bassi)
— 30 aprile 2013
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Cristo (Portogallo)
— 2 dicembre 1993[19]
  Ordine al Merito dello Stato del Qatar
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Carlo III (Spagna)
— 8 novembre 2008[20]
  Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia)
— 26 marzo 2007[21]
  Cavaliere di Gran Croce con Collare dell'Ordine della Corona (Tonga)
— 1º agosto 2008[22][23][24]
  Medaglia dell'incoronazione di Re George Tupou V (Tonga)
— 1º agosto 2008[25]
  Medaglia dell'incoronazione di Re Tupou VI (Tonga)
— 4 luglio 2015
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica ungherese (Ungheria)
— 10 aprile 2000

NoteModifica

  1. ^ Enthronement ceremony for new emperor mulled for Oct. 2019, Mainichi Shimbun, 31 dicembre 2017. URL consultato il 31 dicembre 2017.
    «The government is mulling scheduling the enthronement ceremony for the next emperor for October 2019, months after Crown Prince Naruhito accedes to the Imperial Throne on May 1 that year upon his father Emperor Akihito's abdication, it has been learned.».
  2. ^ Ora c'è una data per l'abdicazione di Akihito: l'Imperatore del Giappone lascerà il 30 aprile 2019, in rainews, 1º dicembre 2017. URL consultato il 17 agosto 2018.
  3. ^ Giappone: fissata data incoronazione del nuovo imperatore, in LUISS - Sicurezza internazionale, 31 marzo 2018. URL consultato il 17 agosto 2018.
  4. ^ Giappone: l'imperatore Akihito ha adbicato, la cerimonia finale, su ANSA. URL consultato il 30 aprile 2019.
  5. ^ Ha abdicato l’imperatore del Giappone, su ilpost.it, il Post, 30 aprile 2019. URL consultato il 30 aprile 2019.
  6. ^ Andrea Muratore, Il Giappone verso la transizione imperiale tra tradizione e futuro Archiviato il 17 aprile 2019 in Internet Archive., Gli Occhi della Guerra, 7 aprile 2019
  7. ^ (EN) Japan assures world that Reiwa is all about 'beautiful harmony' and has nothing to do with 'command', in The Japan Times, 3 aprile 2019. URL consultato il 9 aprile 2019.
  8. ^ a b c d Ben Hills, Princess Masako: Prisoner of the Chrysanthemum Throne, ISBN 1585425680, Penguin, 2006.
  9. ^ Ebook Library
  10. ^ Guillaume and Stephanie of Luxembourg's religious wedding Ceremony Archiviato il 25 dicembre 2012 in Archive.is., Prince Naruhito, having no Luxembourgish decoration, has worn the ribbon bar Archiviato il 25 maggio 2013 in Internet Archive. of Grand Cordon of the Order of Leopold
  11. ^ www.borger.dk Archiviato il 17 dicembre 2012 in Archive.is., Persondetaljer - Hans Kejserlige Højhed Naruhito
  12. ^ Immagine
  13. ^ Upi
  14. ^ Elenco dei filippini insigniti di onorificenze giapponesi e dei giapponesi insigniti di onorificenze filippine.
  15. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  16. ^ Luxarazzi
  17. ^ Semakan Penerima Darjah Kebesaran, Bintang dan Pingat Persekutuan., su istiadat.gov.my.
  18. ^ Hola
  19. ^ (PT) Cidadãos Estrangeiros Agraciados com Ordens Portuguesas, presidencia.pt. URL consultato il 13 giugno 2012.
  20. ^ Bollettino Ufficiale di Stato
  21. ^ "Noblesse et Royautés" Archiviato il 22 maggio 2013 in Internet Archive. (French), Guests to Victoria of Sweden's wedding, Photo Archiviato l'11 dicembre 2012 in Archive.is.
  22. ^ Glittering Royal Events Message Board: Re: Coronation in Tonga Archiviato il 5 luglio 2015 in Internet Archive.
  23. ^ Articolo
  24. ^ Immagine
  25. ^ Asahi Archiviato il 5 luglio 2015 in Internet Archive.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Kunaicho, su kunaicho.go.jp. URL consultato il Their Imperial Highnesses The Crown Prince and Crown Princess (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2007).
Controllo di autoritàVIAF (EN33149676 · ISNI (EN0000 0000 7876 9371 · LCCN (ENn82121881 · GND (DE132078481 · NDL (ENJA00264807 · WorldCat Identities (ENn82-121881
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie