Apri il menu principale

Nastri d'argento 2010

65ª edizione della cerimonia di premiazione dei Nastri d'argento

La cerimonia di premiazione della 65ª edizione dei Nastri d'argento si è svolta il 19 giugno 2010 al Teatro antico di Taormina ed è stata presentata da Alessandra Martines.[1]

Le candidature sono state rese note il 27 maggio 2010 presso Villa Medici, sede dell'Académie de France a Roma. I film presenti nelle candidature sono 31 sui 79 presi in considerazione, usciti tra la fine di maggio 2009 e il 28 maggio 2010.[2] Il maggior numero di candidature (dieci) è stato ottenuto da tre film: Mine vaganti, La nostra vita e La prima cosa bella.

In una premiazione caratterizzata dal gran numero di ex aequo (ben cinque) e da candidature condivise (Micaela Ramazzotti e Stefania Sandrelli per La prima cosa bella, Lunetta Savino e Elena Sofia Ricci per Mine vaganti),[1] il maggior numero di premi (cinque) è stato conquistato da Mine vaganti.

Il Nastro dell'anno, assegnato al film che rappresenta nella sua eccezionalità il "caso" artistico e produttivo dell'annata, è andato a Baarìa di Giuseppe Tornatore.[3]

I Nastri d'argento alla carriera sono stati assegnati all'attrice Ilaria Occhini, al compositore Armando Trovajoli, al regista Ugo Gregoretti e al Presidente del Festival di Cannes Gilles Jacob.[2]

In questa edizione sono stati introdotti i premi alla migliore commedia e al migliore film in 3D.[2]

Indice

Vincitori e candidatiModifica

I vincitori sono indicati in grassetto, a seguire gli altri candidati.

Regista del miglior filmModifica

Migliore commediaModifica

Miglior regista esordienteModifica

Migliore produttoreModifica

Migliore soggettoModifica

Migliore sceneggiaturaModifica

Migliore attore protagonistaModifica

Migliore attrice protagonistaModifica

Migliore attore non protagonistaModifica

Migliore attrice non protagonistaModifica

Migliore fotografiaModifica

Migliore scenografiaModifica

Migliori costumiModifica

Migliore montaggioModifica

Migliore sonoro in presa direttaModifica

Migliore colonna sonoraModifica

Migliore canzone originaleModifica

Migliore film europeoModifica

Migliore film extraeuropeoModifica

Migliore film in 3DModifica

Nastro dell'annoModifica

Riconoscimento speciale assegnato al film che rappresenta nella sua eccezionalità il caso artistico e produttivo dell'annata.

Nastro d'argento alla carrieraModifica

Nastro d'argento europeoModifica

Nastro d'argento specialeModifica

Menzioni specialiModifica

Nastro d'argento per il doppiaggio alla carrieraModifica

Nastro d'argento al miglior documentarioModifica

Targa per il miglior documentario sul cinemaModifica

Premio Guglielmo BiraghiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Cinemagazine online - Sito ufficiale SNGCI: Mine vaganti e La prima cosa bella, con cinque premi, trionfano ai Nastri d’Argento 2010 [collegamento interrotto], su cinegiornalisti.com. URL consultato il 22 giugno 2010.
  2. ^ a b c Cinemagazine online - Sito ufficiale SNGCI: Nastri d'Argento 2010: la grande sfida è tra Luchetti, Ozpetek e Virzì. Baarìa Nastro dell'anno, su cinegiornalisti.com. URL consultato il 22 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2011).
  3. ^ Cinemagazine online - Sito ufficiale SNGCI: A Baarìa il Nastro d’Argento dell’anno, su cinegiornalisti.com. URL consultato il 22 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 7 giugno 2015).
  4. ^ a b c Cinemagazine online - Sito ufficiale SNGCI: Nastri d'Argento 2010: i riconoscimenti speciali , su cinegiornalisti.com. URL consultato il 22 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2015).

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema