Apri il menu principale

Nastri d'argento 2019

Vincitori e candidatiModifica

I vincitori sono indicati in grassetto, a seguire gli altri candidati.[1][2]

Miglior filmModifica

Miglior registaModifica

Migliore regista esordienteModifica

Miglior film commediaModifica

Miglior produttoreModifica

Miglior soggettoModifica

Migliore sceneggiaturaModifica

Migliore attore protagonistaModifica

Migliore attrice protagonistaModifica

Migliore attore non protagonistaModifica

Migliore attrice non protagonistaModifica

Migliore attore in un film commediaModifica

Migliore attrice in un film commediaModifica

Migliore fotografiaModifica

Migliore scenografiaModifica

Migliori costumiModifica

Migliore montaggioModifica

Migliore sonoro in presa direttaModifica

Migliore colonna sonoraModifica

Migliore canzone originaleModifica

Premio Nino ManfrediModifica

Premi specialiModifica

Nastro specialeModifica

Premio specialeModifica

Premio HamiltonBehind the camera- Nastri d'ArgentoModifica

Premio Guglielmo BiraghiModifica

Premio Graziella BonacchiModifica

SIAE Nastri d'ArgentoModifica

Nuovo Imaie-Nastri d'Argento per il doppiaggioModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c Pierre Hombrebueno, Nastri d’argento 2019: Il traditore di Bellocchio parte in pole position. Ecco tutte le nomination, Best Movie, 30 maggio 2019. URL consultato il 2 giugno 2019.
  2. ^ a b NASTRI D'ARGENTO 2019, STRAVINCE IL TRADITORE DI MARCO BELLOCCHIO, su MYmovies.it, 29 giugno 2019. URL consultato il 29 giugno 2019.
  3. ^ a b c Antonella Catena, Nastri d’Argento 2019: Paola Cortellesi e gli altri primi vincitori, su amica.it, 29 giugno 2019. URL consultato il 29 giugno 2019.
  4. ^ Sara Sirtori, Nastri d’Argento 2019. Chiara, Pietro, Giampiero e Benedetta: sono loro il cinema italiano del futuro, su amica.it, 4 giugno 2019. URL consultato il 29 giugno 2019.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema