Apri il menu principale

Natale Evola

criminale statunitense

Natale Giuseppe Evola, detto "Joe Diamond" (New York, 22 gennaio 1907New York, 28 agosto 1973), è stato un mafioso statunitense, uno dei più potenti mafiosi e trafficanti di eroina di New York dagli anni venti agli anni settanta.

Evola è stato il boss della famiglia Bonanno dal 1971 al 1973.

BiografiaModifica

I primi anniModifica

Natale Evola nasce il 22 gennaio del 1907 a New York, nel quartiere di Bay Ridge a Brooklyn, da Filippo e Francesca Evola, due giovani emigrati siciliani di Castellammare del Golfo, in provincia di Trapani. Aveva due fratelli: Joseph e Paul, e due sorelle Anna e Mary. Alla metà degli anni venti, ancora giovanissimo, viene fatto "uomo d'onore" nella famiglia Castellammarese, dove si occupa principalmente di contrabbando di alcool e di altri racket. Nel 1931, il suo amico e nuovo capo della "famiglia", Joseph Bonanno, lo nomina "capodecina".

Storia criminaleModifica

Nel corso della sua carriera criminale, Evola ebbe numerosi arresti sia dalla polizia di New York sia dall'FBI. I primi precedenti penali di Evola risalivano al 1930, ed includevano arresti per: coercizione, possesso di pistola, condanna federale per narcotici, cospirazione ed ostruzione alla giustizia. Dagli anni quaranta, Evola era uno dei principali trafficanti di eroina nella città di New York. Nel 1957 è uno dei delegati della famiglia Bonanno nella famosa Riunione di Apalachin, nello Stato di New York.

Condanna per drogaModifica

Nel 1959 viene arrestato assieme ad altri mafiosi per traffico di eroina, e nel 1960 viene condannato a 5 anni di carcere e alla multa di 10.000 dollari. Oltre ad Evola gli arrestati delle varie "Famiglie" sono: Vito Genovese, Charles Barcellona, Charles Di Palermo, Joseph Di Palermo, Salvatore Santoro, Vincent Gigante, Daniel Lessa, Nicholas Lessa, Rocco Mazzie, Carmine Polizzano e Ralph Polizzano.

Affari legaliModifica

Evola aveva numerose imprese e società legali come il: "Belmont Garment Delivery" e l'"Amity Garment Delivery", situati sulla 240' strada e sulla 37' strada a New York.

Modus operandiModifica

Così è descritto nel 1958, nei documenti ufficiali dell'FBI e del Narcotics Bureau: "Presente nel 1957 alla riunione di Appalachin, con altri leader mafiosi di New York. È uno dei principali trafficanti di narcotici, ed è attivo nel racket dei sindacati del lavoro al Garment Center, l'industria dell'abbigliamento di New York".

Gli ultimi anniModifica

Nel 1968, subito dopo la faida interna della "Famiglia", viene nominato "vicecapo", e nel 1971 diventa il nuovo boss dei Bonanno, carica che manterrà fino al 28 agosto del 1973, anno della sua morte avvenuta per cause naturali.

Mafiosi associatiModifica

Boss della famiglia BonannoModifica


Giuseppe Bonanno
189? - 1908

Salvatore Bonanno
1908 - 1911

Vito Bonventre
1921 - 1930

Nicola Schirò
1921 - 1930

Salvatore Maranzano
1930 - 1931

Joseph Bonanno
1931 - 1965

Gaspar DiGregorio
1965 - 1966

Paul Sciacca
1966 - 1971

Natale Evola
1971 - 1973

Philip Rastelli
1973 - 1991

Joseph Massino
1991 - 2004

Vacante (vari boss di strada)
2004 - 2013

Michael Mancuso
2013 - attualmente

BibliografiaModifica

  • New Yor Magazine, 1 gen 1973, 68 pagine, Vol. 6, Num. 1, ISSN 0028-7369, Pubblicato da New York Media, LLC
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie