Apri il menu principale

Natalino Fossati

allenatore di calcio e ex calciatore italiano
Natalino Fossati
Natalino Fossati.jpg
Fossati nel 1964 con la maglia del Torino
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1978 - giocatore
2005 - allenatore
Carriera
Giovanili
19??-1962 Alessandria
1962-1963 Torino
Squadre di club1
1963-1964Genoa23 (1)
1964-1974Torino247 (9)
1974-1976Sampdoria13 (0)
1976-1978Biellese50 (4)
1976-1978Alessandria9 (0)
Carriera da allenatore
1980-1981 Aosta
1981-1982 Sant'Angelo
1982-1983 Orbassano
1983-1984 Alessandria
1984-1985 Pinerolo
1985-1986 Pro Vercelli
1986-1987 Pistoiese
1987-1988 Saviglianese
1988-1989 Rondinella
1989-1990 Pontedera
1990-1991 Derthona
1991-1992 Aosta
1992-1993 Pergocrema
1994-1995 Avezzano
2001-2002 Rondinella
2002-2005 Robbio
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Natalino Fossati (Mandrogne, 23 giugno 1944) è un ex allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo terzino.

Caratteristiche tecnicheModifica

Fu un terzino sinistro dinamico, valido sia in fase di copertura che negli sganciamenti in attacco, con una discreta propensione al gol. Questo grazie anche all'intenso lavoro su di lui operato da Nereo Rocco e in seguito da Edmondo Fabbri che ne valorizzò maggiormente l'attitudine offensiva.

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

Mosse i primi passi calcistici nelle giovanili dell'Alessandria per poi passare al Torino.

La società granata per fargli fare esperienza lo diede in prestito al Genoa nella stagione 1963-1964, dove conobbe Luigi Meroni.

Dopo solo un anno di lontananza tornò a vestire la maglia granata per formare, dalla stagione 1965-1966, assieme a Fabrizio Poletti, una buona coppia di terzini. Con il Torino rimase fino al campionato 1973-1974 collezionando complessivamente 329 presenze (21 nelle coppe europee) e 19 gol.

Venne ceduto l'anno successivo alla Sampdoria, ed in maglia blucerchiata disputò poche partite creando non pochi malumori nella tifoseria, furibonda nei confronti dell'allora presidente Lolli Ghetti che ne aveva avallato l'acquisto cedendo in cambio il forte difensore Nello Santin. Proseguì quindi la carriera con formazioni piemontesi delle serie minori.

In carriera ha totalizzato complessivamente 286 presenze e 10 reti in Serie A.

AllenatoreModifica

Appese le scarpe al chiodo, ha allenato diverse società (Alessandria, Pistoiese, Sant'Angelo, Aosta) riapprodando anche a Torino durante la gestione Massimo Vidulich in qualità di istruttore del settore giovanile.

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

Competizioni nazionaliModifica

Torino: 1967-1968, 1970-1971

BibliografiaModifica

  • M. Bonetto. Le vene granata, Bradipolibri
  • Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1980. Modena, Panini, 1979.
  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.

Collegamenti esterniModifica