Apri il menu principale

Nel mondo immaginario creato da J. R. R. Tolkien, la Nauglamír o Collana dei Nani è un preziosissimo monile fatto dai Nani degli Ered Luin durante la Prima Era.

StoriaModifica

La Nauglamír era una collana forgiata dai Nani di Belegost per Finrod Felagund, nobile principe dei Noldor, il quale dimorava nel regno sotterraneo di Nargothrond. Il drago Glaurung devastò però il Nargothrond, e venne in seguito ucciso da Túrin Turambar. Il padre di quest'ultimo, Húrin, prelevò infine dai grandi tesori custoditi nel regno sotterraneo unicamente la Nauglamír, e la portò a Thingol, Re degli Elfi del Doriath.
Thingol incaricò quindi alcuni artisti fra i Nani di Nogrod di incastonare nella Nauglamír lo splendido Silmaril che Beren e Lúthien avevano strappato dalla Corona Ferrea di Morgoth, l'Oscuro Signore. Una volta terminata la loro opera però, essi stessi erano attratti dal magnifico monile a tal punto che lo desiderarono unicamente per loro stessi. Così, quando Thingol rivendicò il prezioso oggetto, i Nani lo uccisero nelle sue stesse dimore di Menegroth e fuggirono con la Nauglamír più un grosso bottino, con l'intenzione di tornare alle proprie dimore nelle Montagne Azzurre.
Sulla via verso est incontrarono però Beren (marito di Lúthien, la figlia di Thingol) il quale li sterminò con l'aiuto di Elfi Verdi ed Ent. Tutti i tesori eccetto la Nauglamír vennero gettati nel fiume Ascar, mentre la preziosa collana venne indossata da Beren a Tol Galen.
Il monile venne in seguito ereditato dal figlio Dior, e salvato dalle grinfie dei figli di Fëanor durante la Caduta del Doriath grazie alla figlia Elwing. Questa si rifugiò alle Bocche del Sirion assieme ad altri esuli Sindar, scampando al Terzo Fratricidio degli Elfi (dopo quelli di Alqualondë e del Sacco del Doriath). Il prezioso Silmaril incastonato nella Nauglamír venne poi indossato da Eärendil, sposo di Elwing, che lo portò nelle Terre Imperiture di Aman, dove i Valar ordinarono che egli dovesse vagare per le distese del cielo con la sua nave Vingilot, divenendo a tutti gli effetti una stella.

  Portale Tolkien: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Tolkien