Apri il menu principale
Nawal El Moutawakel
PortraitNawalElMoutawakelJune2016.jpg
Nawal El Moutawakel nel 2016.
Nazionalità Marocco Marocco
Altezza 162 cm
Peso 65 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Ostacoli
Record
200 m 23"67 (1985)
400 m 51"70 (1987)
400 m 53"45 (indoor - 1986)
100 hs 14"85 (1983)
400 hs 54"61 (1984)
Carriera
Nazionale
1981-1987Marocco Marocco
Palmarès
Giochi olimpici 1 0 0
Campionati africani 5 1 0
Giochi del Mediterraneo 2 0 0
Universiadi 1 0 1
Giochi panarabi 4 0 0
Campionati arabi 5 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Nawal El Moutawakel (in arabo: نوال المتوك ‎; Casablanca, 15 aprile 1962) è un'ex ostacolista e velocista marocchina, vincitrice della medaglia d'oro nei 400 metri ostacoli ai Giochi olimpici di Los Angeles 1984.

La vittoria a Los Angeles è ricordata in quanto è stata la prima medaglia d'oro del Marocco, la prima medaglia di un'atleta africana e la prima medaglia di una donna musulmana ai Giochi olimpici.

Indice

BiografiaModifica

Nel 1995, El Moutawakel divenne membro del consiglio della International Association of Athletics Federations (IAAF),[1] e nel 1998 divenne un membro del Comitato Olimpico Internazionale (IOC).[1]

È stata anche presidente della commissione di valutazione per la selezione della città ospitante dei Giochi olimpici estivi del 2012. Nel 2006, El Moutawakel è stata una degli otto portatori della bandiera olimpica alla cerimonia d'apertura dei Giochi olimpici invernali di Torino 2006.

Tuttora (2017) è membro del CIO, mentre dal 2002 è membro fondatore e presidente dell'Associazione Marocchina per lo Sport e lo Sviluppo.[2]

Nel suo paese ha ricoperto anche importanti cariche politiche: dal 1989 al 1997 è stata ispettore del Ministero della gioventù e dello sport, dal 1997 al 1998 ha ricoperto la carica di sottosegretario del Ministero degli affari sociali, con delega alla gioventù ed allo sport; nominata Ministro per la gioventù e lo sport, ha ricoperto tale carica dal 2007 al 2009.[2]

PalmarèsModifica

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
1981 Campionati arabi[3]   Tunisi 100 m piani   Oro 11"86
200 m piani   Oro 24"30
1982 Campionati africani   Il Cairo 100 m piani   Argento 11"7
100 m hs   Oro 13"8
400 m hs   Oro 58"42
1983 Campionati magrebini[4]   Casablanca 200 m piani   Oro 24"0
100 m hs   Oro 13"4
400 m hs   Oro 58"5
Mondiali   Helsinki 100 m hs Batteria 14"85
400 m hs Semifinale 57"10
Giochi del
Mediterraneo
  Casablanca 400 m hs   Oro 56"59
1984 Campionati africani   Rabat 200 m piani   Oro 23"93
400 m hs   Oro 56"01
Giochi olimpici   Los Angeles 400 m hs   Oro 54"61  
1985 Giochi panarabi[5]   Rabat 100 m piani   Oro 11"85
200 m piani   Oro 23"67
400 m piani   Oro 53"23
400 m hs   Oro 58"47
Campionati africani   Il Cairo 400 m hs   Oro 56"00
Universiadi   Kōbe 400 m hs   Bronzo 55"59
1987 Universiadi   Zagabria 400 m hs   Oro 55"21
Campionati arabi[3]   Algeri 200 m piani   Oro 24"33
400 m piani   Oro 54"28
400 m hs   Oro 59"93
Mondiali   Roma 400 m hs Batteria 57"21
Giochi del
Mediterraneo
  Laodicea 400 m hs   Oro 56"28

Campionati nazionaliModifica

 
Nawal El Moutawakel nel 2009.
  • 3 volte campionessa nazionale dei 100 metri piani (1977, 1978, 1985)
  • 3 volte campionessa nazionale dei 200 metri piani (1977, 1978, 1985)
  • 1 volta campionessa nazionale dei 400 metri piani (1985)
  • 3 volte campionessa nazionale dei 400 metri ostacoli (1977, 1978, 1985)
  • 1 volta campionessa NCAA dei 400 metri ostacoli (1984)

Coppe e meeting internazionaliModifica

1981
1985

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) IAAF Council Members - Nawal El Moutawakel, su iaaf.org, IAAF. URL consultato il 9 marzo 2010 (archiviato dall'url originale il 16 marzo 2010).
  2. ^ a b (EN) Ms Nawal El Moutawakel, su olympic.org, CIO. URL consultato il 26 agosto 2015.
  3. ^ a b (EN) Pan Arab Championships, su gbrathletics.com. URL consultato il 5 marzo 2017.
  4. ^ (EN) Maghreb Championships, su gbrathletics.com. URL consultato il 5 marzo 2017.
  5. ^ (EN) Pan Arab Games, su gbrathletics.com. URL consultato il 5 marzo 2017.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica