Apri il menu principale

Nazionale di calcio del Mali

Mali Mali
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Sport Football pictogram.svg Calcio
Federazione FMF
Fédération Malienne de Football
Confederazione CAF
Codice FIFA MLI
Soprannome Les Aigles
(Le Aquile)
Selezionatore Mali Mohamed Magassouba (ad interim)
Record presenze Seydou Keita (102)
Capocannoniere Seydou Keita (25)
Ranking FIFA 59° (25 luglio 2019)[1]
Esordio internazionale
Mali Mali 4 - 3 Rep. Centrafricana Rep. Centrafricana
Madagascar; 13 aprile 1960
Migliore vittoria
Mali Mali 11 - 0 Mauritania Mauritania
Senegal; 1º ottobre 1972
Peggiore sconfitta
Algeria Algeria 7 - 0 Mali Mali
Algeria; 13 novembre 1988
Kuwait Kuwait 8 - 1 Mali Mali
Kuwait City; 5 settembre 1997
Campionato del mondo
Partecipazioni 8
Coppa d'Africa
Partecipazioni 11 (esordio: 1972)
Miglior risultato Argento Secondo posto nel 1972

La nazionale di calcio del Mali è la rappresentativa calcistica nazionale del Mali ed è posta sotto l'egida della Fédération Malienne de Football. Fondata nel 1960, è affiliata alla FIFA dal 1962.

Nonostante la nazionale abbia ormai più di cinquant'anni di attività alle spalle e una buona competitività a livello continentale, non ha preso parte alle qualificazioni per il campionato del mondo prima del 2000 a causa di ripetuti abbandoni e non partecipazioni. Si è qualificata per dieci volte alla fase finale della Coppa d'Africa. Il suo miglior risultato nel torneo è la finale persa nel 1972 contro la Repubblica del Congo (3-2), mentre è salita sul terzo gradino del podio nel 2012 e in tre occasioni (1994, 2002 e 2004) ha chiuso il torneo in quarta posizione.

Ha vinto 3 Coppe Amílcar Cabral (1981, 1989, 2001).

Nel 2010, nella prima partita del primo turno della Coppa d'Africa, è stata protagonista di una rara rimonta da 0-4 a 4-4 contro l'Angola, avvenuta nell'ultimo quarto d'ora di gioco.

Nella graduatoria FIFA in vigore da agosto 1993 il miglior posizionamento raggiunto è stato il 23º posto nel giugno 2013, mentre il peggiore è stato il 117º posto di ottobre 2001; occupa attualmente il 59º posto della graduatoria.[1]

StoriaModifica

Esordi e ascesa ai vertici del calcio africano (1960-1972)Modifica

 
Salif Keïta nel 1968. Calciatore africano dell'anno nel 1970, ha vestito 28 volte la maglia del Mali, segnando 13 gol.[2]

Il Sudan francese ottiene l'indipendenza dalla Francia nel 1960 e diviene Federazione del Mali insieme al Senegal. Qualche mese la federazione si scioglie e nasce la Repubblica del Mali.

Dopo la fondazione della federazione calcistica del Mali, nel 1960 la nazionale partecipa alla Coppa Kwame Nkrumah, dove vince contro la Sierra Leone il 10 luglio a Bamako grazie ad un gol di Karounga Kéïta.

La Repubblica del Mali gioca il suo primo match dopo l'indipendenza il 22 settembre 1960 contro la Nigeria. L'8 novembre 1960 a Lagos vince per 3-1. Questa la formazione maliana scesa in campo: Abdoulaye Traoré dit M'Baye Elastique, Bouaré, Oumar Traoré, Labass, Bakaridian Samaké, Seydou Daw, Abdoulaye Diawara "Blocus", M'Baye Niambélé, Boubacar Touré, Karounga Kéïta.

Finalista della Coppa Kwame Nkrumah del 1963, perde per 4-0 con il Ghana ad Accra[3], dopo aver eliminato, il 24 febbraio 1963, il Senegal nel primo incontro tra le due squadre dopo la separazione della Federazione del Mali, avvenuta il 19 agosto 1960. In quella squadra figurano Ousmane Traoré "Ousmanebléni", Abdoulaye Diawara “Blocus”, il portiere Abdoulaye Traoré "Elastic"[4].

Il Mali prende poi parte alle eliminatorie della Coppa d'Africa 1965[5].

Nel 1965 è finalista dei Giochi panafricani di Brazzaville, in Congo, dove in finale affronta i padroni di casa. La partita si conclude sullo 0-0 dopo due tempi supplementari, uno di 30 e uno di 20 minuti. Avendo ottenuto più calci d'angolo dei maliani (7 contro 2), i congolesi vinsero il trofeo, come previsto dal regolamento[6].

Il Mali partecipa per la prima volta alla Coppa d'Africa in occasione dell'edizione del 1972. Allenata dal tedesco Karl-Heinz Weigang[7], la squadra giunge in finale, a Yaoundé contro la Rep. del Congo e perde per 3-2[8]. Il maliano Fantamady Keita si laurea miglior marcatore del torneo con 5 reti.

Declino del calcio maliano (1972-1994)Modifica

A quattro anni dall'inizio della dittatura militare di Moussa Traoré, durata dal 1968 al 1991, la nazionale maliana entra in una fase di declino. La squadra non parteciperà ad alcuna fase finale della Coppa d'Africa (per mancate qualificazioni o iscrizioni) e per un anno sarà esclusa dalla CAF dai tornei continentali a seguito delle minacce rivolte dal colonnello Tiécoro Bagayoko, membro del Comitato militare di liberazione nazionale e capo dei servizi di sicurezza del Mali, nei riguardi della classe arbitrale.

In questo periodo il Mali mette a referto la migliore vittoria della sua storia, battendo per 6-0 la Mauritania il 1º maggio 1975, e una delle sconfitte più larghe della sua storia, perdendo per 7-0 contro l'Algeria il 13 novembre 1988.

Nel 1989 il Mali vince per la prima volta la Coppa Amílcar Cabral[9].

Nel 1991, deposta la dittatura militare, la nazionale maliana di calcio torna sulla scena internazionale.

Una schiarita e risultati altalenanti (1994-2002)Modifica

Dopo un'assenza di ventidue anni, il Mali si qualifica per la Coppa d'Africa in occasione dell'edizione del 1994, giocata in Tunisia[10] · [11]. Il 26 marzo 1994 batte a Tunisi la Tunisia padrona di casa per 2-0 di fronte a 45.000 spettatori, nella gara inaugurale del torneo. Pur perdendo due giorni dopo contro lo Zaire (0-1) a Tunisi, si qualifica per la fase successiva grazie al secondo posto nel girone. Ai quarti di finale, il 2 aprile, elimina l'Egitto battendolo per 1-0 sempre a Tunisi, prima di cadere per 2-4 ai tiri di rigore nella semifinale del 6 aprile contro la Nigeria poi vincitrice del trofeo (2-2 dopo i tempi supplementari). Nella finale per il terzo posto, il 10 aprile a Tunisi, perde per 3-1 contro la Costa d'Avorio, chiudendo al quarto posto.

Nel 1997 il Mali vince per la seconda volta la Coppa Amílcar Cabral. Il 5 settembre di quell'anno fa, invece, registrare una delle peggiori sconfitte della propria storia, perdendo per 8-1 contro il Kuwait.

Ritiratasi prima del sorteggio delle qualificazioni CAF sia al campionato del mondo 1994 che al campionato del mondo 1998, nelle qualificazioni al campionato del mondo 2002 la selezione maliana delude ed esce già contro la Libia nel turno preliminare dell'aprile 2000.

Dal 1996 al 2000 il Mali manca la qualificazione a tre edizioni consecutive della Coppa d'Africa (1996, 1998 e 2000), ma ottiene il terzo posto al mondiale Under-20 del 1999 in Nigeria, torneo che vede emergere giovani talenti quali Seydou Keita (eletto miglior giocatore del torneo) e Mahamadou Dissa (capocannoniere della manifestazione).

Ritorno ai vertici continentali (2002-2004)Modifica

Ammessa alla fase finale della Coppa d'Africa 2002 in qualità di nazionale del paese ospitante, la compagine maliana riesce a raggiungere la semifinale del torneo. Superato il girone alle spalle della Nigeria con due pareggi (1-1 contro la Liberia e 0-0 contro la Nigeria) e una vittoria 2-0 contro l'Algeria), la squadra elimina ai quarti il Sudafrica (2-0 con gol di Bassala Touré e Dramane Coulibaly), ma in semifinale, di fronte ai 50.000 spettatori di Bamako, perde per 3-0 contro il Camerun poi vincitore del trofeo. Nella finale di consolazione è sconfitto per 1-0 dalla Nigeria e chiude quarto, come sei anni prima[12].

Presente anche alla Coppa d'Africa 2004 dopo aver vinto il girone di qualificazione sorpassando lo Zimbabwe per una migliore differenza reti, il Mali riesce a confermarsi tra le prime quattro nazionali d'Africa. Vinto il girone con Senegal, Kenya e Burkina Faso (3-1 al Kenya, 3-1 al Burkina Faso e 1-1 con il Senegal), elimina ai quarti la Guinea (2-1), ma è eliminato in semifinale dal Marocco (4-0) (2-1). La finale per il terzo posto è ancora una volta contro i nigeriani, che si impongono per 2-1, lasciando al Mali il quarto posto. Frédéric Kanouté, autore di 4 gol, figura nella squadra ideale del torneo ed è capocannoniere di questa edizione della Coppa d'Africa insieme ad altri tre calciatori.

Nel 2005 il Mali vince a Bamako la Coppa delle nazioni dell'Africa Occidentale[13][14].

Delusioni (2006-2010)Modifica

Dopo un biennio tutto sommato soddisfacente, il Mali attraversa una fase di crisi di risultati, malgrado possa contare su una generazione di calciatori molto validi affermatisi nei campionati europei, come Frédéric Kanouté (Siviglia), Mamadou Diarra (Real Madrid), Momo Sissoko (Juventus), Seydou Keïta (Barcellona).

Malgrado un organico sulla carta di prim'ordine, il Mali manca sia la qualificazione alla Coppa d'Africa 2006 che al campionato del mondo 2006 (penultimo nel girone di qualificazione)[15].

 
Giocatori del Mali in campo per l'amichevole contro la Lituania allo Stade Marville di La Courneuve, in Francia, il 6 febbraio 2007

Nel 2007 vince per la terza volta la Coppa Amílcar Cabral[16].

Si qualifica per la Coppa d'Africa 2008 vincendo il girone eliminatorio grazie al successo all'ultima giornata contro il Togo (2-0). Inserito in un girone con Benin, Nigeria e Costa d'Avorio, ottiene tre punti contro il Benin (1-0), un punto contro la Nigeria (0-0) e perde contro la Costa d'Avorio (3-0), venendo eliminato al primo turno del torneo per la prima volta nella sua storia[17][18].

 
Il Mali sconfitto ad Accra dalla Costa d'Avorio nella Coppa d'Africa 2008

Nel 2008, con una squadra composta da calciatori militanti nel campionato locale, prende parte al Torneo dell'Unione economica e monetaria ovest-africana, dove perde in finale a Bamako ai rigori contro la Costa d'Avorio.

Il Mali fallisce anche la qualificazione al campionato del mondo 2010. Malgrado qualche sconfitta sorprendente (contro Sudan e Rep. del Congo), vince il girone eliminatorio del secondo turno e accede al terzo turno di qualificazione, dove nel gruppo trova Ghana, Benin e Sudan. Chiude al terzo posto, a quattro punti dal Ghana capolista, e manca l'accesso a Sudafrica 2010, ma ottiene la qualificazione alla Coppa d'Africa 2010. Nella fase finale del torneo continentale esce però al primo turno, nel girone con i padroni di casa dell'Angola, dell'Algeria e del Malawi. Pareggia con l'Angola (4-4), perde con l'Algeria (1-0) e batte il Malawi (3-1), terminando il girone al terzo posto, a un punto dall'Angola e a pari punti con l'Algeria[19][20] · [21].

Rinascita (2010-2013)Modifica

Il Mali è finalista del Torneo dell'Unione economica e monetaria ovest-africana del 2001, sconfitto in finale contro il Senegal con una squadra interamente composta da giocatori militanti nel campionato maliano[22].

 
Mali e Ghana in campo per la finale per il terzo posto della Coppa d'Africa 2012

Dopo la bruciante eliminazione alla Coppa d'Africa 2010, la federazione ingaggia il francese Alain Giresse al posto del CT Stephen Keshi. Il debutto nelle eliminatorie della Coppa d'Africa 2012 è negativo a causa della sconfitta per 1-0 in casa di Capo Verde, ma nella gara di ritorno il Mali vince per 3-0 e poi si rilancia battendo la Liberia per 2-1. Il cammino del nuovo CT prosegue con una vittoria contro la RD del Congo (3-1) e una sconfitta di misura contro la Costa d'Avorio.

La fase finale della Coppa d'Africa 2012 vede il Mali, capitanato da Seydou Keita, decimato dalle assenze. Mancano Mohamed Sissoko (ritiratosi temporaneamente dalla nazionale)[23], Mahamadou Diarra (svincolato), Adama Coulibaly, Sigamary Diarra, Amadou Sidibé[24], Mahamane Traoré, Mohamed Fofana[25] e Khalilou Traoré (tutti infortunati)[26].

La competizione parte con una vittoria per 1-0 contro la Guinea e prosegue con la sconfitta per 2-0 contro il Ghana. Il successo contro il Botswana grazie ad un gol di Seydou Keita consente ai maliani di qualificarsi ai quarti di finale, dove la squadra di Giresse elimina il Gabon ai tiri di rigore (l'ultimo tiro dal dischetto, quello decisivo, è di Keita). In semifinale, contro la Costa d'Avorio di Didier Drogba, il Mali perde per 1-0, ma vince per 2-0 contro il Ghana la finale di consolazione, chiudendo così terzo[27] · [28]. Cheick Diabaté, autore di 3 gol, è capocannoniere del torneo ex aequo con un altro calciatore. Adama Tamboura e Seydou Keita figurano nell'undici ideale della Coppa d'Africa redatto dalla CAF e Cheick Diabaté è tra le riserve della squadra ideale del torneo[29]. Nel torneo si mettono in luce anche il 23enne Samba Diakité[30] e il portiere Soumbeyla Diakité, protagonista contro la Guinea[31]. La squadra maliana torna dunque sul podio continentale dopo quarant'anni, vincendo per la prima volta la finale per il terzo posto, già persa in tre occasioni (1994, 2002 e 2004)[32].

Nel maggio 2012 Giresse non raggiunge un accordo sul rinnovo del contratto e lascia la panchina della nazionale[33]. La federazione ingaggia al suo posto Amadou Pathe Diallo[34], in attesa della nomina di Patrice Carteron, in carica dal luglio 2012[35].

Nel giugno 2012 il Mali inizia il suo percorso nelle eliminatorie del mondiale di Brasile 2014 nel girone con Algeria, Benin e Ruanda.

Qualificatasi alla Coppa d'Africa 2013 grazie al successo contro il Botswana[36][37] ottenuto nell'ottobre 2012, la nazionale si presenta alla fase finale della coppa proprio mentre nel paese maliano infuria una guerra[38]. Nella rosa che vola in Sudafrica per disputare il torneo mancano il giocatore del Fulham Mahamadou Diarra, infortunato al ginocchio e Bakaye Traoré del Milan, mentre torna Mohamed Sissoko, militante nel PSG[39]. Sambou Yatabaré abbandonerà il ritiro della nazionale per la scarsa considerazione riservatagli dal CT nelle prime due partite del primo turno[40][41]. Il Mali ottiene dapprima il secondo posto nel girone di prima fase, alle spalle del Ghana, con una vittoria (1-0 contro il Nigeria), una sconfitta (1-0 contro il Ghana) e un pareggio (1-1 contro la RD del Congo). Ai quarti, il 2 febbraio, batte per 3-1 il Sudafrica padrone di casa ai tiri di rigore (1-1 dopo i tempi supplementari), ma in semifinale perde male (1-4) contro la Nigeria poi laureatasi campione d'Africa. Giunge sul podio sconfiggendo per 3-1 il Ghana nella "finalina".

Nuova crisi (2013-oggi)Modifica

Eliminata nel settembre 2013 nella seconda fase delle qualificazioni CAF al campionato del mondo 2014 (secondo posto nel girone vinto dall'Algeria e comprendente anche Benin e Ruanda), la squadra è affidata a dicembre al polacco Henryk Kasperczak, con cui si qualifica per la Coppa d'Africa 2015, dove esce al primo turno dopo tre pareggi per 1-1 contro Camerun, Costa d'Avorio e Guinea. Kasperczak si dimette e al suo posto subentra di nuovo il francese Alain Giresse.

Non andrà meglio, agli inizi del 2017, il percorso nella Coppa d'Africa 2017, conclusa ancora una volta con l'eliminazione al primo turno (0-0 contro l'Egitto, sconfitta per 1-0 contro il Ghana e 1-1 contro l'Uganda).

Nelle qualificazioni al campionato del mondo 2018 il Mali non va oltre l'ultimo posto nel girone del terzo turno. Nel settembre 2017 il CT Giresse lascia la nazionale[42].

Colori e simboliModifica

La magliaModifica

Maglie storicheModifica

CasaModifica
Qualificazione Coppa d'Africa 2012
Coppa d'Africa 2012
Coppa d'Africa 2013
TrasfertaModifica
Qualificazione Coppa d'Africa 2012
Coppa d'Africa 2012
Coppa d'Africa 2013

Commissari tecniciModifica

 
Patrice Carteron, allenatore della nazionale maliana dal 2012 al 2013
Lista dei commissari tecnici

PalmarèsModifica

Mali 1989, Gambia 1997, Guinea Bissau 2007

Partecipazione ai tornei internazionaliModifica

Mondiali
  • 1930 - Non iscritto
  • 1934 - Non iscritto
  • 1938 - Non iscritto
  • 1950 - Non iscritto
  • 1954 - Non iscritto
  • 1958 - Non iscritto
  • 1962 - Non iscritto
  • 1966 - Ritirato
  • 1970 - Non partecipante
  • 1974 - Non partecipante
  • 1978 - Non partecipante
  • 1982 - Non partecipante
  • 1986 - Non partecipante
  • 1990 - Non partecipante
  • 1994 - Ritirata
  • 1998 - Ritirata
  • 2002 - Non qualificato
  • 2006 - Non qualificato
  • 2010 - Non qualificato
  • 2014 - Non qualificato
  • 2018 - Non qualificato
Coppa d'Africa
  • 1957: Non partecipante
  • 1959: Non partecipante
  • 1962: Non partecipante
  • 1963: Non partecipante
  • 1965: Non qualificato
  • 1968: Non qualificato
  • 1970: Non qualificato
  • 1972: Secondo posto  
  • 1974: Non qualificato
  • 1976: Non qualificato
  • 1978: Squalificato
  • 1980: Non partecipante
  • 1982: Non qualificato
  • 1984: Non qualificato
  • 1986: Non qualificato
  • 1988: Ritirato
  • 1990: Non qualificato
  • 1992: Non qualificato
  • 1994: Quarto posto
  • 1996: Non qualificato
  • 1998: Non qualificato
  • 2000: Non qualificato
  • 2002: Quarto posto
  • 2004: Quarto posto
  • 2006: Non qualificato
  • 2008: Primo turno
  • 2010: Primo turno
  • 2012: Terzo posto  
  • 2013: Terzo posto  
  • 2015: Primo turno
  • 2017: Primo turno
  • 2019: Ottavi di finale

Legenda: Grassetto: Risultato migliore, Corsivo: Mancate partecipazioni

Tutte le roseModifica

Coppa d'AfricaModifica

Coppa d'Africa 1994
Farota, P K. Kéïta, D Dembelé, D Diop, D Guindo, D Mo. Keita, D So. Sangare, D A. K. Sidibé, D M. Sidibé, C Diallo, C N'Diaye, C H. Sangaré, C Sé. Sangaré, C I. S. Touré, C A. Traoré, C B. Traoré, A Camara, A Coulibaly, A Mak. Keita, A Soumano, A B. Touré, A S. Traoré, CT: Mam. Keita
Coppa d'Africa 2002
M. Sidibé, 2 D. Diakité, 3 S. Diawara, 4 A. Coulibaly, 5 F. Diawara, 6 M. Diarra, 7 Dabo, 8 Touré, 9 Bagayoko, 10 S. Coulibaly, 11 D. Sidibé, 12 S. Keita, 13 Camara, 14 Doukantié, 15 B. Diarra, 16 K. Kéïta, 17 Dr. Coulibaly, 18 Dissa, 19 Ad. Diakité, 20 Haïdar, 21 Da. Coulibaly, 22 Ab. Diakité, CT: Kasperczak
Coppa d'Africa 2004
M. Sidibé, 2 Diamoutene, 3 Diawara, 4 A. Coulibaly, 5 Thiam, 6 Diarra, 7 Sidibe, 8 Touré, 9 Abouta, 10 S. Coulibaly, 11 D. Sidibé, 12 Keita, 13 Koné, 14 D. Coulibaly, 15 Demba, 16 Bathily, 17 S. Traoré, 18 Sissoko, 19 Kanouté, 20 D. Traoré, 21 M. Traoré, 22 Tangara, CT: Stambouli
Coppa d'Africa 2008
M. Sidibé, 2 Koné, 3 Tamboura, 4 A. Coulibaly, 5 Diamoutene, 6 Diarra, 7 Sidibe, 8 Touré, 9 A. Sidibé, 10 D. Traoré, 11 D. Sidibé, 12 Keita, 13 Diallo, 14 D. Diakité, 15 Kanté, 16 S. Diakité, 17 S. Traoré, 18 Dembélé, 19 Kanouté, 20 M. Sissoko, 21 Dissa, 22 O. Sissoko, 23 M. Coulibaly, CT: Jodar
Coppa d'Africa 2010
Sidibé, 2 Berthé, 3 Tamboura, 4 Sow, 5 Diamoutene, 6 Diarra, 7 N'Diaye, 8 Diallo, 9 Bagayoko, 10 M. Maïga, 11 Samassa, 12 Keita, 13 Soumaré, 14 A. Traoré, 15 B. Traoré, 16 Diakité, 17 M. Traoré, 18 M. Sissoko, 19 Kanouté, 20 Fané, 21 Yatabaré, 22 O. Sissoko, 23 A. Maïga, CT: Keshi
Coppa d'Africa 2012
Sissoko, 2 A. Maïga, 3 Tamboura, 4 Berthé, 5 Kanté, 6 Yatabaré, 7 A. Traoré, 8 So. Keïta, 9 Diabaté, 10 M. Maïga, 11 Dembélé, 12 Se. Keita, 13 I. Coulibaly, 14 D. Diakité, 15 B. Traoré, 16 So. Diakité, 17 M. Traoré, 18 Sow, 19 Koné, 20 Sa. Diakité, 21 N'Diaye, 22 Sogoba, 23 O. Coulibaly, CT: Giresse
Coppa d'Africa 2013
Samassa, 2 Diawara, 3 Tamboura, 4 A. Coulibaly, 5 I. Coulibaly, 6 Sissoko, 7 C. Diarra, 8 K. Traoré, 9 Diabaté, 10 Maïga, 11 S. Diarra, 12 Keita, 13 Wague, 14 Yatabaré, 15 Samassa, 16 So. Diakité, 17 M. Traoré, 18 Sow, 19 S. Coulibaly, 20 Sa. Diakité, 21 N'Diaye, 22 Yirango, 23 O. Coulibaly, CT: Carteron
Coppa d'Africa 2017
Sissoko, 2 H. Traoré, 3 Koné, 4 S. Coulibaly, 5 C. Traoré, 6 L. Coulibaly, 7 M. Yatabaré, 8 Sylla, 9 Marega, 10 K. Coulibaly, 11 Sako, 12 Doumbia, 13 Wague, 14 S. Yatabaré, 15 Konaté, 16 Diakité, 17 Mam. N'Diaye, 18 Sow, 19 A. Traoré, 20 Bissouma, 21 Mah. N'Diaye, 22 Diarra, 23 O. Coulibaly, CT: Giresse


Coppa d'Africa 2019
Mounkoro, 2 H. Traoré, 3 Koné, 4 A. Haidara, 5 Kouyaté, 6 M. Haïdara, 7 Doumbia, 8 Samassékou, 9 Marega, 10 K. Coulibaly, 11 L. Coulibaly, 12 Koita, 13 Wague, 14 Adama Traoré (5 giugno 1995), 15 Fofana, 16 Diarra, 17 Sacko, 18 Doucoure, 19 Djenepo, 20 Niane, 21 Adama Traoré (28 giugno 1995), 22 Kéïta, 23 Diaby, CT: Magassouba


Giochi olimpiciModifica

NOTA: per le informazioni sulle rose successive al 1948 visionare la pagina della Nazionale olimpica.

Rosa attualeModifica

Lista dei convocati per le partite contro il Burundi del 12 e 16 ottobre 2018 valide per le qualificazioni alla Coppa d'Africa 2019[43].

Presenze e reti aggiornate al 9 settembre 2018[44].

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Reti Squadra
P Oumar Sissoko 13 settembre 1987 (32 anni) 29 0   Le Havre
P Djigui Diarra 27 febbraio 1995 (24 anni) 20 0   Stade Malien
P Mamadou Samassa 16 febbraio 1990 (29 anni) 12 0   Troyes
P Adama Keita 3 maggio 1990 (29 anni) 1 0   Djoliba
D Molla Wagué 21 febbraio 1991 (28 anni) 30 4   Udinese
D Salif Coulibaly 13 maggio 1988 (31 anni) 28 1   Al Ahly
D Hamari Traoré 27 gennaio 1992 (27 anni) 15 0   Rennes
D Mamadou Fofana 21 gennaio 1998 (21 anni) 4 0   Alanyaspor
D Charles Traoré 1º gennaio 1992 (27 anni) 3 0   Troyes
D Falaye Sacko 1º maggio 1995 (24 anni) 2 0   Vitória Guimarães
C Sambou Yatabaré 2 marzo 1989 (30 anni) 33 5   Anversa
C Yves Bissouma 30 agosto 1996 (23 anni) 17 3   Brighton & Hove Albion
C Lassana Coulibaly 10 aprile 1996 (23 anni) 9 0   Rangers
C Diadie Samassékou 11 gennaio 1996 (23 anni) 5 0   Salisburgo
C Amadou Haidara 31 gennaio 1998 (21 anni) 4 0   Salisburgo
C Souleymane Diarra 30 gennaio 1995 (24 anni) 2 0   Lens
C Cheick Doucouré 8 gennaio 2000 (19 anni) 0 0   Lens
A Moussa Marega 14 aprile 1991 (28 anni) 16 2   Porto
A Adama Traoré 5 giugno 1995 (24 anni) 14 2   Metz
A Moussa Doumbia 15 agosto 1994 (25 anni) 14 2   Rostov
A Abdoulay Diaby 21 maggio 1991 (28 anni) 13 5   Sporting Lisbona
A Kalifa Coulibaly 21 agosto 1991 (28 anni) 12 1   Nantes
A Moussa Djenepo 15 giugno 1998 (21 anni) 4 0   Standard Liegi
A Hadi Sacko 24 marzo 1994 (25 anni) 1 0   Las Palmas
A Almamy Gory 30 agosto 1996 (23 anni) 0 0   Le Havre

NoteModifica

  1. ^ a b Men's Ranking, su fifa.com.
  2. ^ Salif Keita, la panthère malienne, fifa.com
  3. ^ The Kwame Nkrumah Gold Cup - West African Football Competition, footysphere.com
  4. ^ Parcours du sportif : Abdoulaye Traoré dit M’Baye Elastic, le chat noir Archiviato il 21 gennaio 2014 in Internet Archive., bamanet.net, 28 juin 2010
  5. ^ Mali, blog de football-malien, 12 février 2004
  6. ^ African Games 1965, rsssf.com
  7. ^ Aigles: Yaoundé 72, KARL-HEINZ WEIGANG DIT TOUT, L'Essor, 17 décembre 2009
  8. ^ La légende de la CAN 8e édition le Congo Brazzaville crée la sensation 23 février–5 mars 1972 au Cameroun, rfi.fr
  9. ^ Dossier : le sport malien de 1960 à nos jours, la constance dans la volonté politique, bamanet.net, 17 settembre 2010
  10. ^ 1994 19e édition : le Nigeria fait l’unanimité, rfi.fr
  11. ^ 1994/2004: autre temps, autre espérance Archiviato il 14 febbraio 2006 in Internet Archive., L'Essor, 21 gennaio 2004
  12. ^ DEMI-FINALES DE LA CAN 2002 - MALI/CAMEROUN ET NIGERIA/SENEGAL Tout est possible, Sud Quotidien, 7 febbraio 2002
  13. ^ Mali: Coupe UFOA : le Mali dominateur, allafrica.com, 28 febbraio 2005
  14. ^ CSSA Nations Cup, rsssf.com
  15. ^ Match Mali-Togo, la grosse déception, afribone.com, 29 marzo 2005
  16. ^ Mali: Coupe Amilcar Cabral - Le Mali s'offre un troisième trophée, allafrica.com, 12 dicembre 2007
  17. ^ Match Mali-Côte d’Ivoire : Déception, amertume et angoisse, afribone.com, 31 gennaio 2008
  18. ^ Les Aigles du Mali, un gâchis , Avant France A’ - Mali, 21 marzo 2008
  19. ^ Aigles, Stephen Keshi : "C’est impossible de travailler au Mali" Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive., journaldumali.com, 26 gennaio 2010
  20. ^ CAN 2010 : Réactions des Aigles après leur élimination hier Archiviato il 17 ottobre 2013 in Internet Archive., journaldumali.com, 19 janvier 2012
  21. ^ Les Aigles du Mali et CAN Orange 2010 : Après le gâchis, le balai !, bamanet.net, 25 gennaio 2010
  22. ^ Le Sénégal gagne le tournoi de l'Uemoa sur le fil contre le Mali, rfi.fr, 6 novembre 2011
  23. ^ Absent à la CAN, Momo Sissoko espère retrouver le Mali à l'avenir, football365.fr, 5 febbraio 2012
  24. ^ CAN 2012: ALAIN GIRESSE « MALGRE L’ABSENCE DE NOMBREUX CADRES, LE MALI PEUT FAIRE UNE BONNE CAN », L'Essor, 10 gennaio 2012
  25. ^ Can 2012/ Forfait de Mohamed Fofana : « Je ne vais pas m'apitoyer sur mon sort », malifootball.com
  26. ^ Le Malien Mahamane Traoré forfait pour la CAN, rfi.fr, 23 gennaio 2012
  27. ^ Mali: les miraculés de la CAN ont la foi, slateafrique.com, 11 febbraio 2012
  28. ^ CAN 2012 : « Les aigles, comme des guerriers de retour » Archiviato il 15 febbraio 2012 in Internet Archive., maliweb.net, 14 febbraio 2012
  29. ^ L’équipe type de la CAN 2012 : Adama Tamboura et Seydou dans le Onze type, Cheick Tidiane Diabaté parmi les remplaçants Archiviato il 27 marzo 2012 in Internet Archive., malifootball.com, 16 febbraio 2012
  30. ^ CAN 2012: Samba Diakité, l’Aigle martial !, afriqueencouleur.blogspot.fr, 14 febbraio 2012
  31. ^ Can 2012 : Soumbeyla Diakité, l'atout goal des Aigles Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive., journaldumali.com, 28 gennaio 2012
  32. ^ Le Mali obtient le bronze, lequipe.fr, 11 febbraio 2012
  33. ^ Alain Giresse quitte les Aigles du Mali, rfi.fr, 9 maggio 2012
  34. ^ Nomination : Amadou Pathé Diallo, le nouveau sélectionneur national des Aigles du Mali, malifootball.com, 12 maggio 2012
  35. ^ Patrice Carteron nouveau sélectionneur du Mali , rfi.fr, 13 luglio 2012
  36. ^ CAN 2013 : le Mali qualifié sans souci, rfi.fr, 26 ottobre 2012
  37. ^ Patrice Carteron : « Au Mali, j’ai repris goût au football » Archiviato il 21 agosto 2014 in Internet Archive., gazetteinfo.fr, 30 ottobre 2012
  38. ^ Les Aigles déterminés à briller pour le Mali, rfi.fr, 17 gennaio 2013
  39. ^ CAN 2013 : le Mali pour faire oublier le conflit Archiviato il 12 aprile 2015 in Internet Archive., afrik.com, 16 gennaio 2013
  40. ^ Foot - CAN - MLI : S. Yatabaré claque la porte, lequipe.fr, 25 janvier 2013
  41. ^ https://www.rivistastudio.com/bianchi-allenatori-dafrica
  42. ^ https://www.modernghana.com/sports/801520/mali-coach-alain-giresse-quits.html
  43. ^ [Mali-Burundi]-25 Aigles dont un champion d'Afrique Cadets 2017, footmali, 5 ottobre 2018.
  44. ^ Mali national football team 2018, su national-football-teams.com, National Football Teams.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio