Apri il menu principale
Sudafrica Sudafrica
South Africa FA.gif
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Sport Football pictogram.svg Calcio
Federazione SAFA
South African Football Association
Confederazione CAF
Codice FIFA RSA
Soprannome Bafana Bafana
Selezionatore Scozia Stuart Baxter
Record presenze Aaron Mokoena (107)
Capocannoniere Benni McCarthy (31)
Ranking FIFA 72º (20 dicembre 2018)[1]
Esordio internazionale
Australia Australia 1 - 2 Sudafrica Sudafrica
Sydney, Australia; 10 maggio 1947
Migliore vittoria
Australia Australia 0 - 8 Sudafrica Sudafrica
Adelaide, Australia; 17 settembre 1955
Peggiore sconfitta
Sudafrica Sudafrica 0 - 5 Brasile Brasile
Johannesburg, Sudafrica; 5 marzo 2014
Campionato del mondo
Partecipazioni 3 (esordio: 1998)
Miglior risultato Primo turno nel 1998, 2002, 2010
Coppa d'Africa
Partecipazioni 9 (esordio: 1996)
Miglior risultato Oro Campioni nel 1996
Campionato CONCACAF/Gold Cup
Partecipazioni 1 (esordio: 2005)
Miglior risultato Quarti di finale nel 2005
Confederations Cup
Partecipazioni 2 (esordio: 1997)
Miglior risultato Quarto posto nel 2009

La nazionale di calcio del Sudafrica (in afrikaans Suid-Afrikaanse nasionale sokkerspan, in inglese South Africa national football team), i cui calciatori sono soprannominati Bafana Bafana ("i nostri ragazzi" in lingua zulu), è la rappresentativa nazionale di calcio dell'omonimo paese africano ed è posta sotto l'egida della South African Football Association.

La nazionale sudafricana esordì nel 1924 e tornò sulla scena internazionale nel 1992, dopo una sospensione di sedici anni inflittale dalla FIFA e un bando effettivo di 40 anni causato dalle politiche di apartheid del governo nazionale. Ha ospitato la Coppa d'Africa 1996 e in quell'occasione si aggiudicò il torneo. Ha partecipato a tre fasi finali del campionato del mondo (1998, 2002 e 2010, nell'edizione disputata in casa), venendo eliminato in ogni circostanza al primo turno. Ha partecipato da paese ospitante alla Confederations Cup del 2009, chiusa al quarto posto.

Nella graduatoria FIFA in vigore da agosto 1993 il miglior posizionamento raggiunto dal Sudafrica è il 16º posto dell'agosto 1996, mentre il peggiore è il 124º posto del dicembre 1992. Attualmente occupa la 72ª posizione della classifica[1].

Indice

StoriaModifica

La nascita e la lunga esclusioneModifica

L'estremo stato del continente nero conobbe il calcio grazie agli inglesi, con la federazione che sorse nel 1892.[2] L'affiliazione alla FIFA avvenne nel 1952[2], ma nel febbraio 1957 - prima di affrontare l'Etiopia nell'edizione inaugurale della Coppa d'Africa - i dirigenti pretesero di far giocare una squadra composta di soli bianchi: il fatto comportò l'esclusione dal torneo.[2] A metà degli anni '60 la situazione dell'apartheid spinse la Fifa a comminare una squalifica più lunga, che durò sino al 1991.[2][3] Il ritorno ufficiale si consumò a Durban il 7 luglio 1992[4], quando la squadra batté (per 1-0) il Camerun.[5]

La ripresaModifica

Campioni d'Africa e la Confederations Cup (1996-1997)Modifica

 
Il difensore Mark Fish, colonna difensiva dei Bafana Bafana.

Nel 1996, a seguito della rinuncia keniota, la Coppa d'Africa fu ospitata proprio dai Bafana Bafana.[2] All'esordio assoluto nella competizione, fu ottenuta una vittoria per 3-0 ancora contro i Leoni indomabili: i gol furono di Masinga, Williams e Moshoeu.[6] Il successivo 1-0 contro l'Angola - firmato ancora da Williams - qualificò il Sudafrica per i quarti di finale[7]; nell'ultimo incontro del girone, i padroni di casa persero con l'Egitto che li accompagnò al turno seguente.[2] Battendo di misura (2-1) l'Algeria, venne centrato l'accesso alle semifinali[2]: il Ghana fu travolto per 3-0, con doppietta di Moshoeu e sigillo finale di Bartlett.[8] Il 3 febbraio, superando per 2-0 la Tunisia con le reti di Williams, i Bafana bafana vinsero il trofeo coronando - come meglio non potevano - il proprio ritorno sulla scena internazionale.[2][9] L'affermazione in campo continentale valse inoltre l'ingresso alla Confederations Cup 1997, la prima organizzata dalla Fifa.[2]

Prima di partecipare alla manifestazione, il Sudafrica ottenne anche una storica qualificazione ai Mondiali: il 16 agosto 1997, un gol di Masinga al Congo permise di staccare il biglietto per Francia '98.[10] La Confederations Cup si svolse invece nel dicembre dello stesso anno, con il Sudafrica che debuttò pareggiando contro la Repubblica Ceca: la doppietta di Šmicer non bastò per assicurare ai cechi - all'epoca seconda miglior formazione d'Europa - i 3 punti.[11] La sconfitta con gli Emirati minò tuttavia le speranze di qualificazione, poi definitivamente abbattute dal 4-3 contro l'Uruguay.[12] Nonostante l'eliminazione al primo turno, la squadra fu giudicata la più corretta del torneo ricevendo il premio fair play.[2]

Le prime partecipazioni alla Coppa del mondo (1998-2002)Modifica

Secondo classificato in Coppa d'Africa nel febbraio 1998[2], a giugno il Sudafrica esordì ai Mondiali.[13] La prima partita, contro i padroni di casa francesi, finì 3-0 per i Blues[14]; nel successivo incontro, pareggiato 1-1 con la Danimarca, McCarthy rispose al vantaggio di Nielsen trovando il primo storico gol dei Bafana Bafana nella competizione.[15] Anche l'ultima partita, decisiva per passare il turno, finì in parità: il 2-2 contro l'Arabia Saudita fu firmato da Bartlett, autore di una doppietta che non bastò per accedere agli ottavi di finale.[16] Nel 2000 la formazione raggiunse il terzo podio consecutivo a livello continentale, conquistando la medaglia di bronzo.[2]

Il 1º luglio 2001 fu un'altra data storica per il calcio locale, poiché strappando un pari (2-2) in Burkina Faso i sudafricani accedettero - per la seconda volta consecutiva - ai Mondiali.[17] La rassegna nippo-coreana fu migliore dal punto di vista dei risultati, allorché all'iniziale 2-2 con il Paraguay (raggiunto in rimonta[18]) seguì la prima vittoria di sempre nella manifestazione, conseguita ai danni della Slovenia: il gol di Nomvethe eliminò, di fatto, gli slavi.[19] Il passaggio del turno era decisamente vicino, ma fallì all'ultimo ostacolo: la sconfitta per 3-2 contro la già qualificata Spagna e il contemporaneo 3-1 dei sudamericani contro gli sloveni fecero scivolare al terzo posto gli africani, cui sarebbe bastato un punto (oppure una disfatta paraguaiana) per superare la prima fase.[20]

Le manifestazioni ospitateModifica

Il 15 maggio 2004 l'allora presidente della Fifa Joseph Blatter annunciò che il Sudafrica avrebbe ospitato il mondiale del 2010 (e - di conseguenza - la Confederations Cup 2009).[21] Il paese vinse la concorrenza del Marocco[21], fatto che suscitò numerose polemiche: nel 2015, al culmine di un'indagine condotta dalla FBI, Danny Jordaan (organizzatore del torneo) rivelò che lo stato aveva versato 10 milioni alla FIFA per aggiudicarsi l'organizzazione della coppa.[22] Si scoprì inoltre che la nazione maghrebina aveva vinto per 2 voti il sorteggio, poi pilotato a favore dei Bafana Bafana.[22]

Confederations Cup 2009Modifica

Nel giugno 2009, come prova generale del mondiale, il Sudafrica ospitò la Confederations Cup.[23] Il torneo si distinse per la comparsa della vuvuzela, strumento sonoro le cui note accompagnarono le partite.[24] La nazionale di casa esordì pareggiando per 0-0 contro l'Iraq, poi sconfisse per 2-0 la Nuova Zelanda e fu battuta per 2-0 dalla Spagna, terminando il girone A in seconda posizione[25]. In semifinale il Sudafrica fu battuto di misura dal Brasile, che trovò il gol dell'1-0 a due minuti dalla fine della partita.[26] Nella gara per il terzo posto i sudafricani capitolarono contro la Spagna (che li aveva già battuti nel gruppo), terminando così il torneo in quarta posizione.[27]

Mondiale 2010Modifica

 
Vista interna del Soccer City di Johannesburg, ricostruito per i Mondiali 2010.

L'anno dopo, nel 2010, il Sudafrica ospitò i mondiale di calcio del 2010, per la prima volta in Africa.

Nel 2005 gli organizzatori pubblicarono un elenco provvisorio di dodici stadi da impiegare per il torneo, dislocati a Bloemfontein, Città del Capo, Durban, Johannesburg (sede di due impianti), Kimberley, Nelspruit, Orkney, Polokwane, Port Elizabeth, Pretoria e Rustenburg. Tale lista venne poi ridotta a dieci (scartando le città di Kimberley e Orkney) e annunciata ufficialmente dalla FIFA il 17 marzo 2006. L'altitudine dei diversi stadi, nelle città africane, influenzò il movimento della palla[28] e le prestazioni dei giocatori,[29][30] anche se il capo medico della FIFA minimizzò tale impatto.[31] Sei dei dieci stadi erano situati a oltre 1200 metri sul livello del mare, con i due stadi di Johannesburg (Soccer City ed Ellis Park) ben oltre: uno dei due era a circa 1750 m.[32][33] Gli stadi in ordine di altezza sono: il Soccer City e Ellis Park, 1753m; Royal Bafokeng Stadium, 1500m; Free State Stadium, 1400m; Peter Mokaba Stadium, 1310m; Loftus Versfeld Stadium, 1214m; Mbombela Stadium, 660m; Green Point Stadium, Moses Mabhida Stadium e Nelson Mandela Bay Stadium vicino al livello del mare.[32][33]

Lo stadio selezionato per l'incontro d'apertura dell'11 giugno 2010 fu il FNB Stadium di Johannesburg (chiamato durante la competizione Soccer City), che ospitò anche la finale dell'11 luglio. Per il mondiale ne fu aumentata la capienza dagli originari 80.000 posti a sedere a 94.700[34] (ciononostante durante la manifestazione iridata la capacità massima fu di fatto limitata a 84.490 per via delle postazioni riservate alla stampa ed ai VIP).[35]

Il 23 ottobre 2009, dopo l'esonero di Joel Santana, Carlos Parreira tornò alla guida del Sudafrica. Aveva già ricoperto tale ruolo dal 2006 al 2008.[36]

 
Azione di gioco durante la gara inaugurale della fase finale del mondiale 2010 tra Sudafrica e Messico.

Ai sorteggi del 4 dicembre 2009 la nazionale sudafricana fu testa di serie in quanto rappresentativa del paese ospitante, e non per ranking FIFA. Nel girone A i Bafana Bafana furono opposti a Messico, Uruguay e ai vice-campioni del mondo della Francia. Gli africani ritrovarono nella fase a gruppi i transalpini, come nel mondiale di Francia 1998, anno della prima partecipazione del Sudafrica alla fase finale di un mondiale.

L'ex presidente del Sudafrica e simbolo nazionale Nelson Mandela, che aveva fortemente caldeggiato la candidatura del Sudafrica a sede dell'evento[37], non poté presenziare alla cerimonia di apertura a causa di un grave lutto in famiglia: la nipote tredicenne, infatti, aveva perso la vita in un incidente automobilistico proprio alla vigilia della manifestazione.[38] Un mese dopo egli presenziò a sorpresa alla cerimonia di chiusura, poco prima che le due finaliste scendessero in campo.[39]

Nella partita inaugurale della manifestazione il Sudafrica pareggiò contro il Messico per 1-1.[40] Dopo un primo tempo di studio, nel secondo tempo, al 55' Siphiwe Tshabalala segnò il gol del provvisorio 1-0. Verso il finire della gara il capitano del Messico Rafael Márquez segnò al 79' il gol del pareggio.[41] Nella seconda giornata l'Uruguay si dimostrò avversario di valore superiore e con una doppietta di Diego Forlán (un gol su calcio di rigore) e un gol di Álvaro Pereira travolse il Sudafrica per 3-0. Ininfluente fu per i Bafana Bafana la vittoria, seppur prestigiosa, ottenuta all'ultima giornata contro una derelitta Francia. Ai padroni di casa serviva vincere per 3-0 per riequilibrare la differenza reti: all'inizio sembrò riuscirci, portandosi sul 2-0, ma al 70' Florent Malouda segnò la rete del 2-1, risultato che eliminò entrambe le nazionali dal torneo. I padroni di casa furono quindi eliminati al primo turno, diventando la prima nazionale ospitante ad essere eliminata nella fase a gironi.

A mondiale concluso, alla scadenza del proprio contratto, Carlos Alberto Parreira annunciò il proprio ritiro dall'attività di allenatore, ma rimase come collaboratore in seno alla federazione.

Prestazioni deludenti (2010-oggi)Modifica

Alla fine del mondiale 2010 la panchina della nazionale fu affidata a Pitso Mosimane, collaboratore di Parreira. La squadra mancò la qualificazione alla fase finale della Coppa d'Africa 2012: inserita nel gruppo G assieme a Niger, Egitto e Sierra Leone, il Sudafrica vinse contro il Niger (2-0), pareggiò contro la Sierra Leone (0-0), vinse all'andata (1-0) e pareggiò al ritorno (0-0) contro l'Egitto e perse la partita di ritorno contro il Niger (2-1). All'ultima giornata il Niger era a 9 punti, con Sudafrica e Sierra Leone a 8 ed Egitto a 2. All'ultima giornata l'Egitto batté il Niger per 3-0, mentre il Sudafrica se la vide con la Sierra Leone. Certo che, a parità di punti, uno 0-0 favorisse la qualificazione dei Bafana Bafana per via della migliore differenza reti (Sudafrica +2, Sierra Leone 0 e Niger -2) e ignaro che, secondo il primo punto del regolamento, sarebbe andato avanti il Niger per il vantaggio negli scontri diretti (6 punti, frutto di 2 vittorie e 2 sconfitte, contro 5 punti frutto di 1 vittoria, 2 pareggi e 1 sconfitta sia per il Sudafrica sia per la Sierra Leone), Mosimane invitò i suoi a chiudere l'incontro sullo 0-0, credendo di ottenere in tal modo la qualificazione, ma regalando di fatto al Niger la qualificazione alla fase finale della competizione.[42]

Il 4 settembre 2006 la CAF aveva assegnato le tre edizioni della Coppa d'Africa e la Libia era riuscita ad aggiudicarsi l'organizzazione della fase finale di questa edizione della competizione.[43] In seguito allo scoppio della guerra civile libica nel 2011, il 28 settembre dello stesso anno la CAF decise uno scambio di edizioni: il Sudafrica avrebbe ospitato quella del 2013, mentre la Libia sarebbe stata sede della fase finale del torneo nel 2017.[44]

Nel giugno del 2012 il Sudafrica iniziò le qualificazioni CAF al campionato del mondo 2014. Due giorni dopo il pareggio all'esordio in casa contro l'Etiopia (1-1) Mosimane fu esonerato e rimpiazzato ad interim da Steve Komphela[45], prima della nomina del nuovo CT. Il 30 giugno 2012 si insediò come CT Gordon Igesun, che firmò un contratto di due anni. Nel girone delle qualificazioni CAF al mondiale brasiliano il Sudafrica si piazzò secondo dietro l'Etiopia, venendo clamorosamente eliminato.

Nel gennaio 2013 i Bafana Bafana ospitarono la Coppa d'Africa, per la seconda dopo la fase finale del 1996. La partita inaugurale e la finale del torneo sarebbero ospitate dal FNB Stadium di Johannesburg.[46] Il Sudafrica superò il girone con 5 punti, frutto di una vittoria e 2 pareggi, accedendo così ai quarti di finale. Il cammino dei padroni di casa si interruppe proprio qui contro il Mali, che trionfò ai tiri di rigore dopo l'1-1 dei tempi regolamentari.

Nel giugno 2014 la collaborazione tra Igesun e la federazione si interruppe. A luglio lo rimpiazzò Ephraim Mashaba, sotto la cui guida il Sudafrica si qualificò alla fase finale della Coppa d'Africa 2015, che si giocò in Guinea Equatoriale, eliminando all'ultima giornata del girone la Nigeria, fermata dai sudafricani sul 2-2 in casa sua. Nella fase finale, però, i Bafana Bafana non furono in grado di superare il girone, che li vedeva impegnati con Ghana, Algeria e Senegal.

Mashaba non riuscì a qualificare il Sudafrica alla fase finale della Coppa d'Africa 2017. Nel novembre 2016, dopo aver tenuto un comportamento giudicato deplorevole nel post-partita della sfida valida per le qualificazioni al campionato del mondo 2018 e vinta il 12 novembre per 2-1 contro il Senegal, Mashaba fu sospeso per ragioni disciplinari, avendo accusato alcuni dirigenti federali[47], per poi essere esonerato il mese successivo[48].

Il 4 maggio 2017 fu nominato CT il rientrante Stuart Baxter, già alla guida della nazionale dal 2004 al 2005. Il Sudafrica non riuscì a qualificarsi al campionato del mondo 2018, terminando all'ultimo posto il girone con Senegal, Burkina Faso e Capo Verde[49].

Colori e simboliModifica

SponsorizzazioniModifica

Quando la squadra ritornò a giocare a livello internazionale nel 1992, le maglie vennero fornite dalla società di abbigliamento sportivo italiana Kappa, con la quale venne stipulato un contratto fino al Campionato mondiale di calcio 1998.[50]

A partire dal 1998, le divise per tutte le squadre di calcio sudafricane vennero fornite dalla tedesca Adidas. Si ritiene che il contratto di sponsorizzazione valesse 14 milioni di rand all'anno.[51] Il contratto terminò nel 2010.

Il 7 giugno 2011, la SAFA annunciò che Puma sarebbe stato il suo nuovo sponsor tecnico e rivelò il nuovo kit dei Bafana Bafana.[52][53]

Due anni più tardi, nel mese di ottobre 2013, Puma ha rescisso il contratto a causa di alcune partite truccate dalla nazionale sudafricana prima del Mondiale 2010.[54]

Da marzo 2014 la Nike è diventata il fornitore tecnico del Sudafrica.

La squadra ha un solo sponsor principale, Castle Lager, marchio di proprietà della South African Breweries. Altri sponsor e fornitori sono Energade e Tsogo Sun Hotels.

Divise storicheModifica

Coppa d'Africa 1996
Casa Trasferta
Kappa
Mondiali 1998
Casa Trasferta
Kappa
Mondiali 2002
Casa Trasferta
adidas
Coppa d'Africa 2006
Casa Trasferta
adidas
Coppa d'Africa 2008
Casa Trasferta
adidas


Mondiali 2010
Casa Trasferta
adidas
2011
Casa Trasferta
Puma
Coppa d'Africa 2013
Casa Trasferta
Puma
2014
Casa Trasferta
Nike


Coppa d'Africa 2015
Casa Trasferta
Nike

Record individualiModifica

Dati aggiornati al 16 ottobre 2018.
In grassetto i calciatori ancora attivi in nazionale.

Presenze
# Giocatore Periodo Presenze Reti
1 Aaron Mokoena 1999-2010 107 1
2 Siphiwe Tshabalala 2006-oggi 91 12
3 Itumeleng Khune 2008-oggi 91 0
4 Siyabonga Nomvethe 1999-2012 82 16
5 Benni McCarthy 1997-2012 80 31
6 Shaun Bartlett 1995-2005 74 29
7 John Moshoeu 1992-2004 73 8
Delron Buckley 1999-2008 73 10
Bernard Parker 2007-2015 73 23
10 Lucas Radebe 1992-2003 70 2
Reti
# Giocatore Periodo Reti Presenze
1 Benni McCarthy 1997-2012 31 80
2 Shaun Bartlett 1995-2005 29 74
3 Katlego Mphela 2005-2013 23 51
Bernard Parker 2007-2015 23 73
5 Phil Masinga 1992-2001 18 58
6 Siyabonga Nomvethe 1999-2012 16 82
7 Sibusiso Zuma 1998-2008 13 67
8 Tokelo Rantie 2012-oggi 12 41
Siphiwe Tshabalala 2006-oggi 12 91
10 Teko Modise 2007-2012 10 66
Delron Buckley 1998-2008 10 73

PalmarèsModifica

Partecipazioni ai tornei internazionaliModifica

 
Mondiali
  • 1930 - Non partecipante
  • 1934 - Non partecipante
  • 1938 - Non partecipante
  • 1950 - Non partecipante
  • 1954 - Non partecipante
  • 1958 - Non partecipante
  • 1962 - Non partecipante
  • 1966 - Sospesa dalla FIFA
  • 1970 - Sospesa dalla FIFA
  • 1974 - Sospesa dalla FIFA
  • 1978 - Esclusa dalla FIFA
  • 1982 - Esclusa dalla FIFA
  • 1986 - Esclusa dalla FIFA
  • 1990 - Esclusa dalla FIFA
  • 1994 - Non qualificata
  • 1998 - Primo turno
  • 2002 - Primo turno
  • 2006 - Non qualificata
  • 2010 - Primo turno
  • 2014 - Non qualificata
  • 2018 - Non qualificata
 
Coppa d'Africa
  • 1957: Squalificata a causa dell'apartheid
  • 1959: Esclusa dalla CAF
  • 1962: Sospesa dalla FIFA
  • 1963: Sospesa dalla FIFA
  • 1965: Sospesa dalla FIFA
  • 1968: Sospesa dalla FIFA
  • 1970: Sospesa dalla FIFA
  • 1972: Sospesa dalla FIFA
  • 1974: Sospesa dalla FIFA
  • 1976: Esclusa dalla FIFA
  • 1978: Esclusa dalla FIFA
  • 1980: Esclusa dalla FIFA
  • 1982: Esclusa dalla FIFA
  • 1984: Esclusa dalla FIFA
  • 1986: Esclusa dalla FIFA
  • 1988: Esclusa dalla FIFA
  • 1990: Esclusa dalla FIFA
  • 1992: Esclusa dalla FIFA
  • 1994: Non qualificata
  • 1996: Campione  
  • 1998: Secondo posto  
  • 2000: Terzo posto  
  • 2002: Quarti di finale
  • 2004: Primo turno
  • 2006: Primo turno
  • 2008: Primo turno
  • 2010: Non qualificata
  • 2012: Non qualificata
  • 2013: Quarti di finale
  • 2015: Primo turno
  • 2017: Non qualificata
 
Confederations Cup
  • 1992: Esclusa dalla FIFA
  • 1995: Non qualificata
  • 1997: Primo turno
  • 1999: Non qualificata
  • 2001: Non qualificata
  • 2003: Non qualificata
  • 2005: Non qualificata
  • 2009: Quarto posto
  • 2013: Non qualificata
  • 2017: Non qualificata

Legenda: Grassetto: Risultato migliore, Corsivo: Mancate partecipazioni

Statistiche dettagliate sui tornei internazionaliModifica

MondialiModifica

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1930   Uruguay Non partecipante - - - -
1934   Italia Non partecipante - - - -
1938   Francia Non partecipante - - - -
1950   Brasile Non partecipante - - - -
1954   Svizzera Non partecipante - - - -
1958   Svezia Non partecipante - - - -
1962   Cile Non partecipante - - - -
1966   Inghilterra Sospesa dalla FIFA - - - -
1970   Messico Sospesa dalla FIFA - - - -
1974   Germania Ovest Sospesa dalla FIFA - - - -
1978   Argentina Esclusa dalla FIFA - - - -
1982   Spagna Esclusa dalla FIFA - - - -
1986   Messico Esclusa dalla FIFA - - - -
1990   Italia Esclusa dalla FIFA - - - -
1994   Stati Uniti Non qualificata - - - -
1998   Francia Primo turno 0 2 1 3:6
2002   Corea del Sud /   Giappone Primo turno 1 1 1 5:5
2006   Germania Non qualificata - - - -
2010   Sudafrica Primo turno 1 1 1 3:5
2014   Brasile Non qualificata - - - -
2018   Russia Non qualificata - - - -

Confederations CupModifica

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1992   Arabia Saudita Esclusa dalla FIFA - - - -
1995   Arabia Saudita Non qualificata - - - -
1997   Arabia Saudita Primo turno 0 1 2 5:7
1999   Messico Non qualificata - - - -
2001   Corea del Sud /   Giappone Non qualificata - - - -
2003   Francia Non qualificata - - - -
2005   Germania Non qualificata - - - -
2009   Sudafrica Quarto posto 1 1 3 4:6
2013   Brasile Non qualificata - - - -
2017   Russia Non qualificata - - - -

Tutte le roseModifica

MondialiModifica

Coppa del Mondo FIFA 1998
Vonk, 2 Mnguni, 3 Nyathi, 4 Jackson, 5 Fish, 6 Masinga, 7 Fortune, 8 Phiri, 9 Bartlett, 10 Moshoeu, 11 Mkhalele, 12 Augustine, 13 Buckley, 14 Sikhosana, 15 Khumalo, 16 Baloyi, 17 McCarthy, 18 Morula, 19 Radebe, 20 Mokoena, 21 Issa, 22 Gopane, CT: Troussier
Coppa del Mondo FIFA 2002
Vonk, 2 Nzama, 3 Carnell, 4 A. Mokoena, 5 Lekgetho, 6 Sibaya, 7 Fortune, 8 Mngomeni, 9 Mukansi, 10 Mnguni, 11 Pule, 12 T. Mokoena, 13 Issa, 14 Nomvethe, 15 Zuma, 16 Arendse, 17 McCarthy, 18 Buckley, 19 Radebe, 20 Marlin, 21 Pienaar, 22 Molefe, 23 Koumantarakis, CT: Sono
Coppa del Mondo FIFA 2010
Josephs, 2 Gaxa, 3 Masilela, 4 Mokoena, 5 Ngcongca, 6 Sibaya, 7 Davids, 8 Tshabalala, 9 Mphela, 10 Pienaar, 11 Modise, 12 Letsholonyane, 13 Dikgacoi, 14 Booth, 15 Thwala, 16 Khune, 17 Parker, 18 Nomvethe, 19 Moriri, 20 Khumalo, 21 Sangweni, 22 Walters, 23 Khuboni, CT: Parreira

Coppa d'AfricaModifica

Coppa d'Africa 1996
Arendse, P De Sá, P Tlale, D Fish, D Motale, D Motaung, D Nyathi, D Radebe, D Tovey, D Tucker, C Buthelezi, C Khumalo, C Makalakalane, C Mkhalele, C Moeti, C Moosa, C Moshoeu, C Tinkler, A Bartlett, A Masinga, A Mudau, A Williams, CT: Barker
Coppa d'Africa 1998
Baloyi, 2 Rabutla, 3 Nyathi, 4 Jackson, 5 Fish, 6 Masinga, 7 Bapela, 8 Ngobe, 9 Mokoena, 10 Moshoeu, 11 Mkhalele, 12 Augustine, 13 Ndlanya, 14 Fortune, 15 Mooki, 16 Gopane, 17 McCarthy, 18 Moeti, 19 Radebe, 20 Silent, 21 Mnguni, 22 Tlale, CT: Sono
Coppa d'Africa 2000
Vonk, 2 Khomane, 3 Schoeman, 4 Radebe, 5 Fish, 6 Salmon, 7 Fortune, 8 Mngomeni, 9 Bartlett, 10 Moshoeu, 11 Mkhalele, 12 Lekoelea, 13 Issa, 14 Ndlanya, 15 Mudau, 16 Tlale, 17 Nomvethe, 18 Bapela, 19 Ngobe, 20 Shai, 21 Tinkler, 22 Arendse, CT: Moloto
Coppa d'Africa 2002
Vonk, 2 Mabizela, 3 Carnell, 4 Kannemeyer, 5 Booth, 6 Sibaya, 7 Fortune, 8 Mngomeni, 9 Bartlett, 10 Mnguni, 11 August, 12 Sheppard, 13 Issa, 14 Nomvethe, 15 Zuma, 16 Baloyi, 17 McCarthy, 18 Buckley, 19 A. Mokoena, 20 Schoeman, 21 Tinkler, 22 Arendse, CT: Queiroz
Coppa d'Africa 2004
Arendse, 2 Molefe, 3 Lekgetho, 4 A. Mokoena, 5 Mabizela, 6 Sibaya, 7 Kannemeyer, 8 Mnguni, 9 Nhleko, 10 Fredericks, 11 Pule, 12 T. Mokoena, 13 Mhlongo, 14 Nomvethe, 15 Zuma, 16 Baron, 17 Winstanley, 18 Buckley, 19 Moshoeu, 20 Coyle, 21 Mayo, 22 Roberts, CT: Phumo
Coppa d'Africa 2006
Marlin, 2 Tau, 3 Tshabalala, 4 Katza, 5 Mabizela, 6 Gaxa, 7 Tshabalala, 8 Gumbi, 9 Nhleko, 10 Vilakazi, 11 van Heerden, 12 Makhanya, 13 Issa, 14 Nomvethe, 15 Zuma, 16 Josephs, 17 McCarthy, 18 Mphela, 19 Masilela, 20 Nkosi, 21 Mere, 22 Phali, 23 Mokoena, CT: Dumitru
Coppa d'Africa 2008
Fernández, 2 Fransman, 3 Masilela, 4 Mokoena, 5 Morris, 6 Davids, 7 Nhlapo, 8 Tshabalala, 9 Moriri, 10 Pienaar, 11 van Heerden, 12 Modise, 13 Mhlongo, 14 Chabangu, 15 Zuma, 16 Josephs, 17 Mphela, 18 Walaza, 19 Moon, 20 Evans, 21 Fanteni, 22 Dikgacoi, 23 Khune, CT: Parreira
Coppa d'Africa 2013
Sandilands, 2 Gaxa, 3 Masilela, 4 Nthethe, 5 Ngcongca, 6 Chabangu, 7 Majoro, 8 Tshabalala, 9 Mphela, 10 Serero, 11 Matlaba, 12 Letsholonyane, 13 Dikgacoi, 14 Khumalo, 15 Furman, 16 Khune, 17 Parker, 18 Phala, 19 Mahlangu, 20 Manyisa, 21 Sangweni, 22 Meyiwa, 23 Rantie, CT: Igesund
Coppa d'Africa 2015
Keet, 2 Coetzee, 3 Mathoho, 4 Nhlapo, 5 Jali, 6 Ngcongca, 7 Masango, 8 Zungu, 9 Ndulula, 10 Vilakazi, 11 Matlaba, 12 Letsholonyane, 13 Sangweni, 14 Hlatshwayo, 15 Furman, 16 Khuzwayo, 17 Parker, 18 Phala, 19 Zwane, 20 Manyisa, 21 Gcaba, 22 Mabokgwane, 23 Rantie, CT: Mashaba
Coppa d'Africa 2019
Keet, 2 Mkhwanazi, 3 Maela, 4 Cardoso, 5 Mkhize, 6 Mphahlele, 7 Maboe, 8 Zungu, 9 Mothiba, 10 Serero, 11 Zwane, 12 Mokotjo, 13 Mabunda, 14 Hlatshwayo, 15 Furman, 16 Bvuma, 17 Vilakazi, 18 Hlanti, 19 Tau, 20 Kekana, 21 Veldwijk, 22 Williams, 23 Lorch, CT: Baxter

Gold CupModifica

CONCACAF Gold Cup 2005
Marlin, 2 Lekgwathi, 3 Thwala, 4 Evans, 5 Katza, 6 Gaxa, 7 Klate, 8 Siphika, 9 Mokoena, 10 Bianchi, 11 van Heerden, 12 Kgatla, 13 Nkosi, 14 Nomvethe, 15 Mofedi, 16 Radebe, 17 Noble, 18 Raselemane, 19 Ndlela, 20 Petersen, 21 Leremi, 22 Langeveldt, CT: Baxter

Confederations CupModifica

FIFA Confederations Cup 1997
Arendse, 2 Motaung, 3 Nyathi, 4 Jackson, 5 Fish, 6 Masinga, 7 Larsen, 8 Ngobre, 9 Tovey, 10 Moshoeu, 11 Mkhalele, 12 Augustine, 13 Ndlanya, 14 Williams, 15 Khumalo, 16 Baloyi, 17 Mnguni, 18 Moeti, 19 Radebe, 20 Tinkler, CT: Barker
FIFA Confederations Cup 2009
Fernández, 2 Gaxa, 3 Masilela, 4 Mokoena, 5 Mhlongo, 6 Sibaya, 7 Davids, 8 Tshabalala, 9 Mphela, 10 Pienaar, 11 van Heerden, 12 Modise, 13 Dikgacoi, 14 Booth, 15 Mdledle, 16 Khune, 17 Parker, 18 Fanteni, 19 Moon, 20 Khumalo, 21 Mashego, 22 Baloyi, 23 Gould, CT: Santana

Giochi olimpiciModifica

NOTA: per le informazioni sulle rose successive al 1948 visionare la pagina della Nazionale olimpica.

Rosa attualeModifica

Questa è la rosa dei convocati per la Coppa delle Nazioni Africane 2013.[55] I dati delle presenze e dei gol sono aggiornati all'ultima amichevole disputata contro il Malawi.

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Reti Squadra
P Itumeleng Khune 20 giugno 1987 (32 anni) 48 0   Kaizer Chiefs
P Wayne Sandilands 23 agosto 1983 (35 anni) 2 0   Mamelodi Sundowns
P Senzo Meyiwa 24 settembre 1987 (31 anni) 0 0   Orlando Pirates
D Siboniso Gaxa 6 aprile 1984 (35 anni) 53 0   Kaizer Chiefs
D Tsepo Masilela 5 maggio 1985 (34 anni) 44 0   Kaizer Chiefs
D Bongani Khumalo 6 gennaio 1987 (32 anni) 32 1   Doncaster Rovers
D Siyabonga Sangweni 29 settembre 1981 (37 anni) 23 2   Orlando Pirates
D Morgan Gould 23 marzo 1983 (36 anni) 26 1   Kaizer Chiefs
D Thabo Nthethe 3 ottobre 1984 (34 anni) 7 0   Bloemfontein Celtic
D Thabo Matlaba 13 dicembre 1987 (31 anni) 3 0   Orlando Pirates
C Siphiwe Tshabalala 25 settembre 1984 (34 anni) 70 10   Kaizer Chiefs
C Kagisho Dikgacoi 24 novembre 1984 (34 anni) 47 2   Crystal Palace
C Reneilwe Letsholonyane 9 giugno 1982 (37 anni) 32 1   Kaizer Chiefs
C Lerato Chabangu 15 agosto 1985 (33 anni) 18 2   Moroka Swallows
C Oupa Manyisa 30 luglio 1988 (30 anni) 7 0   Orlando Pirates
C Thulani Serero 11 aprile 1990 (29 anni) 7 0   Ajax
C May Mahlangu 1º maggio 1989 (30 anni) 6 1   Helsingborgs IF
C Dean Furman 22 giugno 1988 (31 anni) 5 0   Oldham Athletic
C Thuso Phala 27 maggio 1986 (33 anni) 2 0   Platinum Stars
A Katlego Mphela 29 novembre 1984 (34 anni) 48 23   Mamelodi Sundowns
A Bernard Parker 16 marzo 1986 (33 anni) 47 12   Kaizer Chiefs
A Tokelo Rantie 8 settembre 1990 (28 anni) 5 2   Bournemouth
A Lehlohonolo Majoro 19 agosto 1986 (32 anni) 5 1   Kaizer Chiefs
A Kermit Erasmus 8 agosto 1990 (28 anni) 4 2   Orlando Pirates

NoteModifica

  1. ^ a b Men's Ranking, su fifa.com.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l Filippo Maria Ricci, Storia del calcio sudafricano, su treccani.it, 2002.
  3. ^ Corrado Sannucci e Maurizio Crosetti, Il mondo delle nuove Nazionali, in la Repubblica, 25 maggio 1991, p. 29.
  4. ^ Fabrizio Bocca, Il Sudafrica ritorna nella FIFA, in la Repubblica, 4 luglio 1992, p. 38.
  5. ^ Il Sudafrica batte il Camerun, in la Repubblica, 8 luglio 1992, p. 41.
  6. ^ Filippo Ricci, Sudafrica, un'altra festa con Mandela calciatore, in la Repubblica, 14 gennaio 1996, p. 43.
  7. ^ Calcio news, in la Repubblica, 21 gennaio 1996, p. 38.
  8. ^ Filippo Ricci, Coppa: Sudafrica in finale L'ultimo ostacolo è la Tunisia, in la Repubblica, 1º febbraio 1996, p. 47.
  9. ^ Filippo Ricci, La leggenda dei Bafana, in la Repubblica, 4 febbraio 1996, p. 41.
  10. ^ Il Sud Africa sbarca a Francia '98, su www2.raisport.rai.it, 16 agosto 1997.
  11. ^ Sergio Di Cesare, Montero e Mendez fanno da guida al giovane Uruguay, in La Gazzetta dello Sport, 14 dicembre 1997.
  12. ^ Sergio Di Cesare, Zagallo ferma Ronaldo: "È stanco, stressato e triste", in La Gazzetta dello Sport, 18 dicembre 1997.
  13. ^ Emilio Marrese, La Francia chiede un po' di affetto, in la Repubblica, 12 giugno 1998, p. 48.
  14. ^ Emanuela Audisio, Guarda Platini, con Zizou è di nuovo festa, in la Repubblica, 13 giugno 1998, p. 48.
  15. ^ Francia 98: Danimarca-Sudafrica 1-1, tre espulsi, in Adnkronos, 18 giugno 1998.
  16. ^ Delusione Sudafrica, in la Repubblica, 25 giugno 1998, p. 48.
  17. ^ Africa "mondiale", su www2.raisport.rai.it, 1º luglio 2001.
  18. ^ (EN) South Africa peg back Paraguay, su news.bbc.co.uk, 2 giugno 2002.
  19. ^ Vince il Sudafrica Slovenia eliminata, su repubblica.it, 8 giugno 2002.
  20. ^ Il Brasile ricorre al turnover turchi disperati contro la Cina, in la Repubblica, 13 giugno 2002, p. 56.
  21. ^ a b Calcio, i Mondiali 2010 si giocheranno in Sudafrica, su repubblica.it, 15 maggio 2004.
  22. ^ a b Marco Mensurati e Fabio Tonacci, Sudafrica, il sogno corrotto: dieci milioni per il Mondiale, tangenti anche per le maglie, su repubblica.it, 29 maggio 2015.
  23. ^ Daniele Meloni, Sudafrica ed Egitto l'Africa per due Ma occhio anche a Usa e le altre, su repubblica.it, 9 giugno 2009.
  24. ^ Dai nostri (pochi) inviati in Sudafrica, su pazzoperrepubblica.blogspot.it, 17 giugno 2009.
  25. ^ Festa Sudafrica Nuova Zelanda ko, in la Repubblica, 18 giugno 2009, p. 55.
  26. ^ Brasile in finale Sudafrica beffato, su repubblica.it, 25 giugno 2009.
  27. ^ Spagna terza (3-2) Sudafrica in lacrime, in la Repubblica, 29 giugno 2009, p. 42.
  28. ^ Altitude will have impact on World Cup ball, MSNBC, 4 dicembre 2009. URL consultato il 13 giugno 2010.
  29. ^ Altitude training and physical performance for high altitude football, su altitude.org. URL consultato il 29 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2010).
  30. ^ Jamie Jackson, World Cup 2010: England's altitude training will be tested against USA, in The Guardian (London), 7 giugno 2010. URL consultato il 13 giugno 2010 (archiviato il 10 giugno 2010).
  31. ^ Piers Edwards, Fifa medical chief downplays World Cup altitude effect, in BBC Sport, BBC, 23 febbraio 2010. URL consultato il 13 giugno 2010.
  32. ^ a b Quick guide to the ten World Cup grounds, in Racing Post, Centurycomm. URL consultato il 13 giugno 2010.
  33. ^ a b And the city to avoid..., Soccer America, 3 settembre 2009. URL consultato il 13 giugno 2010 (archiviato il 1º giugno 2010).
  34. ^ (EN) Soccer City Stadium – Johannesburg, FIFA.com, 28 maggio 2010. URL consultato il 5 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2010).
  35. ^ (EN) Soccer City Stadium – Johannesburg, FIFA.com, 15 giugno 2010. URL consultato il 5 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2010).
  36. ^ Gazzetta.it Calcio: Sudafrica, Parreira nuovo ct[collegamento interrotto], gazzetta.it.
  37. ^ Blatter boccia le finaliste: Gioco troppo duro, repubblica.it, 12 luglio 2010. URL consultato il 12 luglio 2010.
  38. ^ Lutto per Mandela, muore la nipote tredicenne, euronews.it, 11 giugno 2010. URL consultato il 12 luglio 2010.
  39. ^ Olanda-Spagna vale il mondo Ovazione per Mandela allo stadio - Ultime notizie sportive - La Gazzetta dello Sport
  40. ^ Oliver Holt, South Africa 1-1 Mexico: The Daily Mirror match report, in Daily Mirror, Trinity Mirror, 11 giugno 2010. URL consultato il 29 giugno 2010 (archiviato il 12 giugno 2010).
  41. ^ James Maasdorp, South Africa draws in pulsating WC opener, in ABC News, Australian Broadcasting Corporation, 12 giugno 2010. URL consultato il 29 giugno 2010 (archiviato il 14 giugno 2010).
  42. ^ Il Sudafrica esulta. E poi piange, in Sport Mediaset, 9 ottobre 2011. URL consultato il 26 novembre 2012.
  43. ^ (EN) Angola to host 2010 Nations Cup, BBC Sport, 4 settembre 2006.
  44. ^ Calcio, Coppa d'Africa: Sudafrica sostituisce Libia come sede 2013, repubblica.it, 28 settembre 2011.
  45. ^ Esonerato Ct Sudafrica Mosimane, in La Gazzetta dello Sport, 5 giugno 2012. URL consultato il 26 novembre 2012.
  46. ^ (EN) Clarification On Afcon Venues, Soccer Laduma, 4 maggio 2012.
  47. ^ Sudafrica, UFFICIALE: sospeso il ct Mashaba, calciomercato.com, 13 novembre 2016.
  48. ^ calcioweb.eutitolo=Sudafrica: esonerato il CT Mashaba, 22 dicembre 2016, https://www.calcioweb.eu/2016/12/sudafrica-esonerato-ct-mashaba/10062462.
  49. ^ (EN) Bafana lose 2-0 to Senegal, fail to qualify for 2018 World Cup, Eyewitness News, 10 novembre 2017.
  50. ^ (EN) Bafana to be decked out in Puma, su The Sowetan. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  51. ^ Companies want more bang for their sponsorship buck, su The Sunday Times. URL consultato il 5 dicembre 2010.
  52. ^ (EN) New Sponsor and kit, Eyewitness News. URL consultato il 7 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 15 agosto 2011).
  53. ^ (EN) [1]
  54. ^ Puma dice addio al Sudafrica, contratto rescisso per alcune partite truccate, in Passione Maglie.
  55. ^ Gordon Igesund announces 2013 african cup of nations squad Kickoff.com. Retrieved 30 December 2012

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio