Apri il menu principale

'ndrangheta

criminalità organizzata di origine calabrese
(Reindirizzamento da Ndrangheta)
'Ndrangheta
Struttura ndrangheta.jpg
Struttura tipica della 'ndrangheta
Nomi alternativila Santa, Picciotteria, Famiglia Montalbano
Area di origineCalabria
Aree di influenzaEuropa:
Italia, Francia, Slovacchia, Germania, Spagna, Svizzera, Belgio, Paesi Bassi, Albania, Austria, Regno Unito, Malta
Asia:
Libano, Turchia, Indonesia, Thailandia
Africa:
Africa occidentale e Sudafrica
America:
Brasile, Messico, Bolivia, Perù, Colombia, Argentina, Venezuela, Stati Uniti e Canada
Oceania:
Australia, Papua Nuova Guinea, Nuova Zelanda
PeriodoXIX secolo - in attività
BossAntonino Latella, Rocco Latella, Antonio Macrì, Domenico Tripodo, Girolamo Piromalli, Giorgio De Stefano, Paolo De Stefano, Giuseppe Nirta (1913 - 1995), Antonio Nirta, Luigi Vrenna, Antonio Pelle, Giuseppe Morabito, Pasquale Condello, Domenico Oppedisano
AlleatiCosa Nostra
Camorra
Sacra Corona Unita
Banda della Magliana
Cartelli colombiani
Mafia albanese
Cosa nostra statunitense
Stidda
Società foggiana
RivaliVarie bande di strada in Italia, e talvolta i suoi alleati
Attivitàtraffico di droga, riciclaggio di denaro, traffico di armi, estorsione, usura, racket, gestione dell'edilizia, contrabbando, contraffazione, ricettazione, furto, rapina, frode, truffa, traffico di esseri umani, immigrazione, prostituzione, evasione fiscale, appalto pubblico, gioco d'azzardo, gestione dei rifiuti, smaltimento dei rifiuti tossici, sequestro di persona, corruzione, omicidio, infiltrazioni nella pubblica amministrazione
PentitiGiacomo Ubaldo Lauro, Saverio Morabito, Antonino Belnome, Francesco Fonti, Antonino Fiume (2009), Antonino Fiume (2002), Luigi Bonaventura, Paolo Iannò, Gianni Cretarola, Roberto Moio, Raffaele Moscato, Antonio Valerio, Andrea Mantella, Francesco Albanese, Antonio Zagari, Francesco Conti, Arcangelo Furfaro, Francesco Trunfio

La 'ndrangheta[1][2][3][4][5] (pronuncia: [n'draŋgeta][6] probabilmente adattamento del dialettale 'ndrànghita[7], nota anche come Picciotteria e un tempo come Famiglia Montalbano[8]) è un'organizzazione criminale italiana di connotazione mafiosa originaria della Calabria, inserita esplicitamente dal 30 marzo 2010 nell'articolo 416-bis del codice penale[9] e riconosciuta come organizzazione criminale unitaria e con un vertice collegiale nel processo Crimine dalla corte di cassazione il 18 giugno 2016[10]. È l'unica mafia presente in tutti e 5 i continenti del mondo e secondo una indagine di Demoskopika del 2014, nel 2013 attiva in 30 nazioni con 400 cosche e 60 000 affiliati di cui 40 000 in Calabria[11], solo in Calabria vi sarebbero 166 cosche con almeno 4 000 affiliati (Corte d'appello di Catanzaro nel 2019)[12].

Si è sviluppata a partire da organizzazioni criminali operanti nella provincia di Reggio Calabria, dove è fortemente radicata, anche se il potere mafioso è dominante anche nelle province di Crotone, Catanzaro, Cosenza e Vibo Valentia. La sua attività principale è il narcotraffico, seguita dalla partecipazione in appalti, condizionamento del voto elettorale, estorsione, usura, traffico di armi, gioco d'azzardo, e smaltimento di rifiuti tossici e radioattivi.

In Calabria svolge un profondo condizionamento sociale fondato sia sulla forza delle armi che sul ruolo economico raggiunto attraverso il riciclaggio del denaro. Questa attività, che le ha permesso di controllare ampi settori dell'economia dall'impresa al commercio e all'agricoltura, spesso con una forte connivenza di aree della pubblica amministrazione a livello locale e regionale di tutti gli schieramenti politici.[13]. La relazione della Commissione parlamentare antimafia del 20 febbraio 2008[14] afferma che la 'ndrangheta «ha una struttura tentacolare priva di direzione strategica ma caratterizzata da una sorta di intelligenza organica», e la paragona alla struttura del movimento terroristico islamico al-Qaida. Dal 2013, la 'ndrangheta è considerata tra le più pericolose organizzazioni criminali del mondo con un fatturato che si aggira intorno ai 53 miliardi di euro[8][15][16][17][18], con numerose ramificazioni all'estero (dal Canada all'Australia e nei paesi europei meta dell'emigrazione calabrese)[19].

Indice

Etimologia del termineModifica

Il primo tentativo di una spiegazione etimologica di 'ndrangheta si deve a Ernesto Ferrero nel saggio "I gerghi della malavita dal '500 a oggi" spiegandola come " una voce scherzosa e imitativa che riproduce la perentorietà dell'azione criminale"[20]. Nello stesso anno di uscita del saggio, nel 1972, Tullio De Mauro propone una connessione con le voci "'ndragarsi, 'ndragato" derivanti da "'ndragari": "diventar cattivo, infuriare"[21].

L'etimologia che ha riscosso più consenso è quella formulata da Paolo Martino nel saggio "Per la storia della 'ndranghita"[22][23] che ’ndrangheta o talvolta anche ’ndranghita deriverebbe dal greco classico, da cui i dialetti calabresi sono fortemente influenzati, andragathía (ἀνδραγαθία) traducibile con "valore, prodezza, carattere del galantuomo"[24][25].

La parola sarebbe sopravvissuta nel toponimo Andragathia Regio, ritrovata in età moderna, nel Thesaurus Geographicus[26] (1587) e designava un'ampia zona situata a cavallo tra le odierne Calabria e Basilicata mentre in un documento del geografo olandese Abraham Ortelius, pubblicato ad Anversa nel 1596 designava una regione del Cilento[23][27]. Anche la parola 'ndrina usata per indicare la famiglia di appartenenza è formata dalla stessa radice, e deriverebbe dal greco e significa uomo valoroso, da cui anche ’ndrinu usato in alcuni dialetti calabresi come sinonimo del corrispettivo napoletano guappu[27].

Secondo l'Accademia della Crusca la spiegazione di Martino è debole: la giustificazione della sopravvivenza della parola greca classica all'età moderna facendo riferimento al lavoro del cartografo olandese; poiché l'area cilentana era priva di riferimenti geografici e facendo riferimento alla sua cultura classica e molto probabilmente denomina l'area come Andragathia regio associando i lucani cilentani alla loro "fama di combattenti fieri e valorosi"[23]. Invece tralasciando le scarse fonti lessicografiche calabresi e cercando nel secondo volume del vocabolario siciliano curato da Giovanni Tropea (Messina-Palermo, 1985) sotto la voce 'ndrànghiti ‘associazione mafiosa' è registrata con le varianti 'ntràgniti e 'ntrànchiti. Quest'ultima variante coincide con il significato di: "interiora di capretto o di pecora" anch'esso con le sue varianti ('ntragni, 'ntràgnisi, 'ntrànghisi) La parola deriverebbe dal latino interanĕa "interiora", in modo analogo ai corrispondenti francese entraignes, catalano entranyes, spagnolo entrañas e il portoghese entranhas. L'unico dubbio è che sia stato il siciliano ad acquisire la parola dallo spagnolo o dal catalano e si sia andato a sovrapporre a un già esistente 'ntrànchiti locale[23]. Il significato di "interiora, intestini" assume un significato nuovo e metaforico per "membri uniti da un legame interno, profondo, esclusivo e riservato"[23]. Il passaggio fonetico da 'ntranchiti a 'ndranghiti e viceversa si spiega con l'adattamento dei locutori della sonorità e della sordità consonantica[23]. La terminazione "-ti" è un suffisso dialettale calabrese di origine greca (-ta) per indicare un nome collettivo[23].

Secondo i due etnolinguisti John B. Trumper e Marta Maddalon invece la tesi proposta da Martino non è da rigettare ma piuttosto da rielaborare. In greco antico esiste la parola andragathìa derivata da andreìa che significa "coraggio" dovuto ad azioni militari e àndragàthema derivato di andragatho, "fare prodezze", termini ancora presenti nel mondo bizantino medievale e moderno e valide anche per il mondo calabrese. Sebbene il termine andragathìa sia ancora diffuso come afferma Martino, è anche vero che è diffuso col significato di "fare prodezze" e non di "coraggio". Mancano ancora oggi però dei riscontri su altri periodi storici per poter caratterizzare al meglio la storia linguistica della parola[28].

Nei dizionari calabresi il termine viene sempre tradotto genericamente come associazione malavitosa. Nel dizionario dialettale di Giovanni Malara (1909) le voci ndranali e ndranghiti fanno riferimento alla voce tracandali ovvero: "uomo balordo e stupido". I dizionari dello stesso periodo danno un significato simile. Rohlfs nel suo dizionario lo traduce come malavita[28].

La prima volta che si sente il termine ’ndrangheta è dallo scrittore Corrado Alvaro in un articolo del Corriere della Sera del settembre 1955.[29] Nella confessione di un certo Doldo in un verbale di un certo Nicola Zema del 12 maggio 1932 ricompare il termine sotto forma di dranghita mentre il termine ndranghiti viene ritrovato per la prima volta in un rapporto dei Reali Carabinieri di Bianco il 4 dicembre 1923 in collegamenti a un'associazione basata sull'onore dei soci e dedite a crimini contro la proprietà[28].

Nel 1948 compare per la prima volta ndranghita nella rivista Crimen[30] in riferimento a un'associazione della Locride a sua volta ripresa da un numero della Gazzetta delle Calabrie del 1932 che scriveva di ndrangata.[28] All'interno dei codici ritrovati dalle forze dell'ordine con le varie formule di rito, ma anche in molte canzoni dell'organizzazione più volte ci si appella a essa come onorata società.

A cavallo tra il XIX e il XX secolo tra le carte giudiziarie erano presenti anche i termini Picciotteria, Famiglia Montalbano e Camorra, l'ultimo in analogia ai fenomeni criminali del napoletano[31][32]. Picciotteria deriva da Picciotto che a sua volta viene fatto risalire alla forma dell'antico provenzale "pitxot variante francese di "petit"[28].

StoriaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Storia della 'ndrangheta.

Dalle origini al 1900Modifica

«È invisibile, come l'altra faccia della Luna.»

(Julie Tingwall[33])

La 'ndrangheta è già nota durante il regno dei Borbone. Nella primavera del 1792, venne affidata a Giuseppe Maria Galanti una missione in qualità di "Visitatore Reale"; questi percorse in lungo e in largo gran parte della Calabria, spesso avvalendosi anche di relazioni (risposte scritte sulla base di una sorta di questionario a domande fisse, da lui stesso predisposto) di notabili locali ritenuti attendibili e fidati; ne scaturì un quadro desolante, oltre che sul versante della situazione economica della regione, soprattutto su quello dell'ordine pubblico. Lo definisce bene Luca Addante, nell'introduzione alla riedizione del resoconto di Galanti ("Giornale di viaggio in Calabria", Rubbettino, 2008): "infiniti erano gli omicidi, i furti, i rapimenti; scandalosa l'ignoranza del clero; spocchiosi i notabili di paese, ossessionati dall'idea di arricchirsi e poi di nobilitarsi, rapaci monopolizzatori delle amministrazioni locali, cresciuti all'ombra di una decadente nobiltà di cui si preparavano a raccogliere le spoglie". Galanti, in particolare, riporta nel Giornale le descrizioni di inquietanti fenomeni di criminalità annotando come l'amministrazione della giustizia inefficiente, la corruzione e il monopolio dei baroni, stesse iniziando a produrre casi, come a Maida, di "una picciola combriccola di giovinastri scapestrati che commettono violenze col fare uso di armi da fuoco. La giustizia è inoperosa perché senza forza e senza sistema. Le persone maligne si fanno miliziotti [una sorta di guardie urbane]". Nel Distretto di Gerace, "le scorrerie de' malviventi nelle campagne sono generali. Quasi tutti i miliziotti sono i più facinorosi della provincia perché i delinquenti e i debitori adottano questa professione e vengono garantiti da' comandanti in disprezzo delle leggi. Con ciò restano impuniti i delitti, i quali crescono ogni giorno". A Monteleone, l'odierna Vibo Valentia, "vi è un gran numero di gente oziosa, detti nel paese "spanzati", i quali sono ordinariamente inquisiti. Questi a franca mano commettono assassini, furti, violenze alle donne, con un manifesto disprezzo della giustizia, la quale è inefficace a punirli. Questa turba di briganti pretendono essere incaricati dell'annotazione delle sete, a spese dell'arrendamento. Quando si nega condiscendere alle loro voglie, si minaccia l'amministrazione di ricorsi, oltre alle minacce alla sicurezza, contro la quale sono sempre disposti a essere armati e usi adoprare le armi da fuoco. Gli individui oziosi e truffatori, per non pagare i debiti e per esentarsi dalle pene de' loro delitti, si arruolano nella milizia. Questi anche ricattano la gente ricca, esercitano il contrabbando con baldanza, esercitano l'incarico di perseguitare i malviventi per dare sfogo alle loro private vendette, il che porta a una catena di delitti".

La Calabria, dunque, "era in preda a una generale disgregazione dei poteri pubblici e di quelli privati[34] ma, in un contesto così grave, Ferdinando IV decise piuttosto che era più importante e urgente rivolgere la propria attenzione alla costituzione di una coalizione anti-francese. "Non sono tempi per queste cose", replicò al ministro Simonetti, che proponeva di mettere in atto il piano di risanamento complessivo per la Calabria predisposto da Galanti.

Tra la fine degli anni ottanta e l'inizio degli anni novanta del XIX secolo, il fenomeno si rafforza a causa di alcune cellule degenerate del brigantaggio aspromontano che prendono corpo in vari paesi della provincia di Reggio Calabria.

XX secoloModifica

Con l'inizio del XX secolo e le prime emigrazioni di italiani, si insedia anche all'estero, soprattutto in Canada e Australia, ma non ha alcuna influenza, difatti molti calabresi preferiscono affiliarsi alla ben più potente mafia siciliana, in primis negli USA. È un'organizzazione criminale di tipo rurale con riti di iniziazione e codici che ne definiscono le regole.

Ma è nel primo ventennio del XX secolo che il fenomeno si accresce. Nella piana di Gioia Tauro verrà celebrato uno dei primi maxi processi alla ndrangheta calabrese risalente al 9 novembre 1929, data in cui venne emessa una sentenza di condanna per associazione a delinquere dal Tribunale di Palmi nei confronti di Santo Corio e altri 150 affiliati. In questo processo i giudici si avvalsero per l'accertamento penale dell'associazione criminale di tre collaboratori di giustizia, tutti di Gioia Tauro. Santo Corio, originario di Palmi, può essere ritenuto quindi come il primo capo della piana di Gioia Tauro dal 1925 sino alla fine degli anni quaranta, quando Santo Corio venne confinato e morì poco tempo dopo. Proiezioni di questo clan erano presenti negli Stati Uniti, nello Stato di New York e in Australia a Sydney. In questo clan operante nelle zone di Palmi, Gioia Tauro, Rosarno, Eranova, San Ferdinando erano coinvolte anche parecchie donne d'onore[35].

Dagli anni cinquanta, in contemporanea all'emigrazione meridionale ha cominciato a operare anche nel nord Italia, ed è con i sequestri di persona che negli anni settanta i media le danno attenzione sotto il nome di "anonima sequestri", tanto che sovente la sua importanza e consistenza viene paragonata a quella dell'omonima Anonima Sequestri sarda.

 
Antonio Macrì (detto "U Zzì 'Ntoni"), capobastone della Locride e in contatto con le famiglie canadesi e australiane

A partire dal 1950 si afferma su tutta la regione a causa della scarsa presenza dello Stato, o addirittura del favoreggiamento di personaggi politici che tramite essa ne potevano dirottare i voti. Negli anni sessanta si converte a mafia basata su legami di sangue e crescono in importanza tre 'ndrine o famiglie: i Piromalli nella piana di Gioia Tauro, i Tripodo a Reggio Calabria e i Macrì nella Locride. In questo periodo la 'ndrangheta, allora ribattezzata come anonima sequestri, comincia a usufruire del sequestro di persona per avere immediate liquidità da reinvestire nel narcotraffico. Secondo Giuseppe Lavorato La ‘ndrangheta ha spiccato il suo salto negli anni settanta, periodo in cui è diventata una delle organizzazioni criminali più ricche grazie anche ai rapporti che strinse con l’eversione nera fascista e con i numerosi fiancheggiatori dentro l’apparato dello stato[36].

Si viene a conoscenza dei rapporti fra 'ndrangheta e destra eversiva in un'inchiesta della procura di Reggio Calabria conclusasi nel 1994[37]. L'inchiesta rivela relazioni tra Junio Valerio Borghese, Stefano Delle Chiaie, i servizi segreti, le logge massoniche, Cosa Nostra e la mafia calabrese. Membri delle 'ndrine sarebbero stati coinvolti nel cosiddetto Golpe Borghese. Un uomo di contatto sarebbe stato Antonio Nirta. Il pentito Giacomo Lauro parla anche di un incontro nell'estate del 1970 tra i capibastone dei De Stefano Paolo e Giorgio e Junio Valerio Borghese[37]. Secondo la testimonianza di Vincenzo Vinciguerra, la 'ndrangheta per il golpe avrebbe messo in azione 4000 uomini[37]. Anche secondo Giuseppe Lavorato "la notte dell’8 dicembre 1970 grandi boss della ‘ndrangheta rimasero svegli e armati per essere chiamati a concorrere al completamento del colpo di Stato del principe nero"[36]. Riconducibile alla 'ndrangheta e all'estrema destra anche la Strage di Gioia Tauro, un attentato al treno Freccia del Sud che deragliò il 22 luglio 1970, uccidendo sei persone e ferendone una sessantina.[37] Tali relazioni però riveleranno il potere marginale della 'ndrangheta, infatti quando il golpe Borghese fu fatto rientrare a seguito del cambiamento di strategia che optava per il mantenimento del regime democristiano, operato da quei poteri che dapprima lo avevano avallato, essa venne scaricata assieme agli aspiranti golpisti di "estrema destra", rimanendo così fuori dal vero potere, a differenza di Cosa Nostra che alla fine mantenne il suo legame con il regime democristiano.[senza fonte]

Alcune fonti imputano alla criminalità organizzata calabrese l'attività di controllo della zona di via Gradoli in Roma[38]. La stessa Lucia Mokbel – che, al momento della perquisizione mancata all'interno 11, era inquilina dell'appartamento frontale all'interno 9 del civico 96 di quella strada –[39] era sia indicata in diverse inchieste giornalistiche come pregressa informatrice del SISDE[40] o della polizia,[41] sia la sorella di Gennaro Mokbel arrestato trentadue anni dopo nell'operazione Phuncards-Broker per essere l'elemento di congiunzione tra le società di telecomunicazione Fastweb e Telecom Sparkle, che fatturavano in modo falso, e gli interessi di esponenti della 'ndrangheta[42].[non chiaro il collegamento con la 'ndranghete]

Tra gli anni settanta e ottanta avvengono due guerre di mafia: la prima dovuta al desiderio delle nuove generazioni di entrare nel traffico di stupefacenti osteggiata dalle famiglie fedeli al vecchio modello di "onorata società", la seconda dovuta all'indipendenza delle 'ndrine fra di loro e sulla modalità di gestire i capitali accumulati dalle nuove attività.

Negli anni settanta furono create nuove doti di livello superiore: la Santa e il Vangelo e successivamente altre ancora le quali formano la società maggiore e di cui oggi tutti i capo-locali possiedono[43]. In questo periodo nasce, quindi, la sovrastruttura della Santa per tenere contatti con alcune frange del potere costituito.

Analogamente alle altre mafie italiane, all'interno sono presenti rigidi riti di affiliazione, riti di dote, codici comportamentali tra gli affiliati e durante le riunioni che tutti sono tenuti a rispettare; caso unico nel panorama italiano, tali riti sono in uso ancora oggi. Regole e formule non sono cambiate dalla fine dell'Ottocento; al più ne sono state aggiunte di nuove in funzione delle nuove doti create.

Già negli anni ottanta furono in grado di mettere in piedi un traffico di droga in tre continenti, il cosiddetto Siderno Group: dal Canada all'Australia, dal Sud America all'Italia[44]. Dagli anni novanta, nascono delle sovrastrutture per dirimere questioni tra le 'ndrine per evitare le faide, e per dare cariche di alto livello, prima inesistenti agli affiliati. In Calabria ci sono 3 mandamenti che dividono la provincia di Reggio Calabria in mandamento Ionico, Piana e Città i quali fanno riferimento al Crimine di Polsi[45][46]. A quest'ultimo fanno riferimento anche le camere di controllo della Lombardia[47] e della Liguria, il Crimine australiano e di Toronto, organismi analoghi ai mandamenti calabresi[48][49]. Negli anni novanta per sedare il fenomeno criminoso nell'Operazione Riace si utilizza l'intervento dell'esercito, successivamente si esegue una serie di maxiprocessi: "Wall Street", "Count Down", "Hoca Tuca", "Nord - Sud", "Belgio" e "Fine" che coinvolgono molte 'ndrine e la fine del cosiddetto "Siderno Group", un consorzio malavitoso tra il Canada e la Calabria.

Nel 1991 terminano la faida di Taurianova e Cittanova, e comincia quella di San Luca. Lo stesso anno viene assassinato il magistrato Antonino Scopelliti che stava lavorando al maxiprocesso di Palermo[50][51][52][53]. Nonostante ciò è proprio in questo periodo che stringe sempre in modo più stretto i contatti con i cartelli colombiani e le organizzazioni paramilitari sudamericane per un "controllo" del traffico di cocaina tra il Sud America e l'Italia, essendo favorita in ciò dal parallelo ridimensionamento di Cosa Nostra, fino a quel momento padrona indiscussa del traffico mondiale della droga ecc., a seguito dello scontro tra questa e lo Stato italiano ecc., dopo la fine della guerra Fredda e le stragi di Capaci contro Giovanni Falcone e via d'Amelio contro Paolo Borsellino del 1992[54].

XXI secoloModifica

Negli anni 2000 l'organizzazione ha continuato a rafforzarsi e a espandersi in Italia con presenze anche all'estero, replicando la sua struttura; stabilendo contatti permanenti con i narcotrafficanti sud americani[19], instaurando nuovi contatti con i cartelli messicani e contribuendo a creare nuove rotte della droga passando per l'Africa occidentale[55][56]. Un grandissimo esponente di 'ndrangheta fu Domenico Libri, capobastone della cosca Libri di Cannavò, fu latitante per ben 3 anni e venne arrestato dalla polizia francese nel 1992. Dalla corte Olimpia gli vennero attribuiti 6 ergastoli. Di notevole rilievo l'arresto nel 2004 di Giuseppe Morabito, il latitante e ricercato numero uno della 'ndrangheta e l'omicidio del vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria Francesco Fortugno. Da questo omicidio i ragazzi della città di Locri formarono una nuova organizzazione antimafia: Ammazzateci tutti. Nell'agosto 2007 è ritornata sotto i riflettori la faida di San Luca tra le cosche Nirta-Strangio e Pelle-Vottari dopo la strage di Ferragosto nel ristorante italiano Da Bruno a Duisburg in Germania (6 persone uccise).

«La strage di Duisburg è stata come un geyser. Uno zampillo ribollente e micidiale che da una fessura del suolo ha scagliato verso l'alto, finalmente visibile a tutti, il liquido miasmatico e pericolosissimo di una criminalità che partendo dalle profondità più remote della Calabria, si era da tempo diffusa ovunque nel sottosuolo oscuro della globalizzazione.»

(Relazione annuale sulla 'ndrangheta, Francesco Forgione, Presidente della commissione parlamentare antimafia, Il 20 febbraio 2008[57][58][59])

Nel 2008 viene Pubblicata la Relazione annuale dell'Antimafia per la prima volta principalmente incentrata sul fenomeno della mafia calabrese. Viene presentata da Francesco Forgione presidente della Commissione parlamentare Antimafia[60]. Il 31 maggio 2008 la 'ndrangheta viene inserita dal governo degli Stati Uniti nella lista Foreign Narcotics Kingpins, cioè delle organizzazioni e persone dedite al narcotraffico. La conseguenza sarà la possibilità di congelare i patrimoni in territorio statunitense degli 'ndranghetisti.[61].

 
Logo del movimento Ammazzateci tutti

Con l'arrivo del XXI secolo la 'ndrangheta entra di diritto fra le più potenti organizzazioni criminali al mondo[62][63], prima in Italia, con il monopolio del traffico di cocaina nel continente[64].

Nel settembre 2009 scoppia il caso Relitto di Cetraro, l'affondamento di navi contenenti rifiuti tossici in Calabria e per tutto il Mediterraneo fino in Somalia, scaturite dalle confessioni del pentito Francesco Fonti[65][66][67]. Il pentito Antonino Lo Giudice ha rivelato che ha fatto regali e favori vari a diversi magistrati[68].

Tra il 2010 e il 2011 si concludono le operazioni Crimine-Infinito e Minotauro che oltre a portare numerosi arresti mettono definitivamente in luce le strutture apicali dell'organizzazione e le loro relazioni: in Calabria con i mandamenti provinciali e il Crimine di Polsi, al di fuori con la Lombardia, le locali liguri, piemontesi, tedesche e le camere di controllo del Canada e dell'Australia[69][70][71][72].

Il 28 gennaio 2015 avviene l'arresto di 117 persone in Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte, Veneto, Calabria e Sicilia delle procure di Bologna, Catanzaro e Brescia tra cui affiliati dei Grande Aracri, accusate di associazione di tipo mafioso, estorsione, usura, porto e detenzione illegali di armi; tra questi, Sebastiano Maranzano capo dei Corona, cosca, società di attività commerciali, reimpiego di capitali di illecita provenienza, emissione di fatture per operazioni inesistenti, e un sequestro di beni per un valore di 330 milioni di euro, durante l'operazione Aemilia[73][74][75].

CaratteristicheModifica

Il legame familiareModifica

A differenza delle altre mafie in Italia (fatta eccezione per l'antica Cosa Nostra dove contava anche il legame di sangue e familiare), la struttura interna a ogni cosca della 'ndrangheta poggia sui membri di un nucleo familiare legati tra loro da vincoli di sangue, le 'ndrine[50][76]. Non sono rari matrimoni tra le varie cosche per saldare i rapporti tra famiglie mafiose. I matrimoni hanno un alto valore simbolico, e possono anche servire a sancire la fine di una faida: un esempio da tale punto di vista fu il matrimonio di Venanzio Tripodo, figlio di Domenico, con Teresa Romeo, di San Luca, figlia di Sebastiano. Esso sancì la ritrovata pace tra i De Stefano e i Tripodo. Inoltre spesso i banchetti nuziali sono stati occasione per veri e propri summit 'ndranghetisti: tale fu ad esempio, il banchetto seguito al matrimonio di Girolamo Mazzaferro[77]. In un paese o quartiere di città più 'ndrine aprono la locale, struttura che organizza la gestione malavitosa del territorio[50]. I locali creati al di fuori della Calabria spesso dipendono dal locale del paese d'origine dei membri[50].

Lo scarso pentitismoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: collaboratori di giustizia della 'ndrangheta.

Proprio a causa del forte legame familiare i casi di pentitismo sono stati fino a qualche anno fa pochi, poiché questi andavano contro i loro stessi parenti e familiari, e al giuramento che hanno fatto all'ingresso nel mondo della malavita. Tuttavia oggi con l'aumento della pressione dello Stato, a differenza di prima dove tale pressione era minima, e del puntamento dei riflettori mediatici, la 'ndrangheta comincia ad avere pentiti in misura sempre più crescente.

A tutt'oggi i pentiti di 'ndrangheta dunque non sono moltissimi, ma come detto sono in aumento; tra di essi si ricordano Francesco Albanese (nel 1900)[78], Rocco Varacalli[79] Pino Scriva di Rosarno nel 1983[80] Antonio Zagari nel 1990[81], Giacomo Lauro nel 1992[82], Francesco Fonti nel 1994[83], Angelo Salvatore Cortese ('ndrina Grande Aracri) nel 2008[84] e dal 2010 il capo del locale di Giussano, Antonio Belnome[85]; Luigi Bonaventura, reggente della 'ndrina originaria di Crotone ma operante anche in Lombardia[86], Giuseppina Pesce (figlia del boss di Rosarno).[87][88]

OrganizzazioneModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: 'ndrina, locale ('ndrangheta) e riti della 'ndrangheta.
 
Il locale e la società con le doti degli affiliati
 
Le cariche nella gestione di un locale che ha una società maggiore e minore detta anche società

La 'ndrangheta è strutturata sul territorio su più livelli, in Calabria principalmente si suddivide in mandamento tirrenico, mandamento ionico, e mandamento Città mentre all'estero e in altre parte d'Italia esiste il concetto di Camera di controllo con mansioni equivalenti a quelle del mandamento. Fino agli anni ottanta l'organizzazione era strutturata in modo orizzontale, in cui ogni locale aveva la sua zona di competenza, evitando faide tra le 'ndrine per il predominio sulla loro locale, e non hanno impedito ben due guerre di 'ndrangheta tra gli anni settanta e ottanta nate da alleanze a catena tra le 'ndrine che coinvolgevano anche più di una sola locale.

'ndranghetista è il nome generico che viene dato a un affiliato alla 'ndrangheta. È quindi tale una qualsiasi persona che appartiene alle famiglie malavitose, le 'ndrine; picciotto, camorrista, sgarrista, santista, vangelista, quartino, trequartino, padrino e capobastone sono i gradi con cui si identifica uno 'ndranghetista[89]. Una persona diventa 'ndranghetista in due modi: per nascita, quindi essendo già appartenente a una famiglia mafiosa o per "battesimo", cioè tramite il rito di affiliazione che lo lega all'organizzazione fino alla morte[50][90].

In un'informativa del ROS dell'Arma dei carabinieri risalente al 1995, denominata Galassia[91] firmata dal capitano Angelo Jannone, che permise l'arresto di 187 tra capi e gregari delle 'ndrine e di alcuni esponenti di Cosa nostra, viene chiarito che la 'ndrina è la struttura di base, composta da 7 uomini (d'onore), mentre 7 'ndrine, compongono il locale, detto anche "settandrina". Si spiega anche il concetto di "copiata", ossia il nominativo di altri uomini d'onore di rango superiore, presenti nei cerimoniali di conferimento di un grado superiore a un uomo d'onore, meccanismo che ha garantito l'espansione e la solidità della 'ndrangheta.

Le famiglieModifica

All'interno delle famiglie vi è una struttura gerarchica basata in gradi dette doti, al primo grado stanno i picciotti, poi i camorristi e infine gli sgarristi e rappresentano la cosiddetta società minore. Il capo-locale ha la dote di sgarro. Si entra nella 'ndrangheta, o, per dirla nel gergo mafioso, si viene battezzati con un rito tradizionale preciso, che può avvenire automaticamente, poco dopo la nascita se si tratta del figlio di un importante esponente dell'organizzazione (in questo caso, finché il bambino non raggiungerà i quattordici anni, età minima per entrare nella 'ndrangheta, si dirà che il piccolo è "mezzo dentro e mezzo fuori"), oppure con un giuramento, per il quale garantisce con la vita il mafioso che presenta il novizio, simile a una cerimonia esoterica, durante la quale il nuovo affiliato è chiamato a giurare nel nome di nostro Signore Gesù Cristo.[92] Il battesimo dura tutta la vita e a uno sgarro paga spesso la famiglia del nuovo affiliato.

I poteri delle 'ndrineModifica

Ogni famiglia ha pieni poteri oltre che controllo sulla zona e sul territorio che le appartiene, in cui opera con la massima tranquillità e gestisce il monopolio di ogni sua attività lecita o illecita che sia. La posizione di ogni singolo membro all'interno di una famiglia è severamente disciplinata e regolata da un ferreo codice al quale non si può sfuggire. Nel caso ci siano problemi con un adepto, questo viene portato davanti al tribunale della sua cosca.

Più 'ndrine nella stessa zona formano un'entità detta "locale".[93] Ogni locale ha un proprio capo, che ha potere di vita e di morte su tutti, un contabile, che gestisce la situazione economica e finanziaria, e un crimine, che governa le modalità di regolamento dei conti con le cosche rivali, organizzando omicidi, estorsioni e agguati.[94]

L'articolazione territorialeModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: santa ('ndrangheta), vangelo ('ndrangheta) e crimine ('ndrangheta) .
 
Struttura della 'ndrangheta alla luce dell'operazione Crimine del 2010

Fino alla grande guerra interna scoppiata nel 1985 non esisteva nulla di simile alla cupola di Cosa nostra, mentre successivamente le cosche della provincia di Reggio Calabria iniziano a strutturarsi in modo verticistico attraverso la "Santa" o Società Maggiore che presenta però differenze significative. Chi fa parte della Santa sono esponenti con il grado o dote di santista vangelista, quartino, quintino e associazione[50][95]. Inoltre dal 1991 è stata introdotta in Calabria la suddivisione territoriale in 3 mandamenti: la Piana o mandamento tirrenico (Piana di Gioia Tauro), la Montagna o mandamento ionico (la Locride) e la Città (Reggio Calabria). Queste, come tutti i locali al di fuori della Calabria e dell'Italia stanno al di sotto di una commissione definita "Provincia" o Crimine[45][46], la cui esistenza dal 18 giugno 2016 è considerata vera anche dalla sentenza del processo Crimine della Corte di Cassazione[9][10]. È probabile che questa sorta di Cupola, detta anche Crimine, si riunisca nel santuario di Polsi, luogo sacro della 'ndrangheta per assumere decisioni o per eleggere il capo-crimine[96]. Il Crimine sarebbe composto dal capo-crimine (a oggi l'unico capo-crimine conosciuto è il rosarnese Domenico Oppedisano arrestato nell'operazione Crimine del 13 luglio 2010), il capo-società e il mastro-generale[97].

Il 13 luglio 2010 viene scoperta una nuova struttura nel Nord Italia chiamata Lombardia sempre alle dipendenze delle commissioni calabresi[69][70][71].

Il 13 novembre 2012 l'operazione Saggezza porta alla conoscenza di una nuova struttura al di sopra dei 5 locali aspromontani di Antonimina, Ardore, Canolo, Ciminà e Cirella di Platì: la Corona, di cui il cui capo è detto Capo-Corona. Questa struttura sembra sia nata per dirimere questioni in seno a questi piccoli locali, a concedere doti e a poter competere economicamente alla pari di altre locali di 'ndrangheta più blasonate. Non se ne conosce ancora la relazione col Crimine e il mandamento ionico, in cui rientra[98][99].

AttivitàModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: 'ndrangheta e appalti.

Dal XIX secolo, e fino alla prima metà del XX secolo si caratterizzò essenzialmente come mafia agropastorale[100]. A partire dagli anni cinquanta le attività cominciano a diversificarsi, spaziando dal trafficare in droga a livello internazionale (Siderno Group) all'infiltrazione negli appalti per l'autostrada Salerno-Reggio Calabria e l'area industriale di Gioia Tauro negli anni settanta. I proventi del denaro vengono reinvestiti e riciclati all'estero.

Nel 2004 la Guardia di Finanza stima che la 'ndrangheta abbia guadagnato solo dal traffico di droga 22 miliardi e 340 milioni di euro (circa 44 000 miliardi di lire) che risulta essere quindi l'affare più redditizio[101] Ottiene il primato anche per il traffico delle armi con 2 miliardi e 353 milioni di euro (il guadagno delle altre organizzazioni mafiose si aggira attorno agli 800 milioni di euro)[101]. 4 100 milioni di euro il giro d'affari nell'usura, 4 600 milioni di euro per il traffico di armi e la prostituzione[101]. Questa è solo una parte dei guadagni.

Secondo dati Eurispes la 'ndrangheta nel 2004 ha avuto un giro d'affari stimato di 36 miliardi di euro[101]. Secondo Donato Masciandaro, docente di economia alla Bocconi, la cifra sarebbe invece di ben 55 miliardi di euro (pari al 5% del PIL italiano) poiché andrebbero aggiunti anche i guadagni dal riciclaggio di denaro[102].

Nel 2007, il rapporto Svimez, basato su stime Confesercenti, dice che in Calabria circa 150.000 società pagano il pizzo, la metà della totalità delle imprese presenti[103]. Nel rapporto dell'Eurispes per l'anno 2008 si rivela un giro d'affari di 44 miliardi di euro approssimato per difetto. Pari al 2.9% del PIL italiano. Il 62% degli introiti viene dal traffico di droga[104][105]. Le attività risulterebbero divise per:

Attività illecite Valore
Traffico di droga 27,240 miliardi €
Imprese e appalti pubblici 5,733 miliardi €
estorsione e usura 5,017 miliardi €
Traffico di armi 2,938 miliardi €
Prostituzione 2,867 miliardi €
Totale 43,795 miliardi €

Secondo lo studio del 2013 condotto da Transcrime, centro di ricerca dell'Università Cattolica del Sacro Cuore, i ricavi delle mafie italiane vengono ridimensionate e ammonterebbero a circa 25,7 miliardi di euro l'anno. Di questi, il 35% è appannaggio della Camorra, il 33% della 'ndrangheta, il 18% di Cosa Nostra e l'11% della Sacra Corona Unita.[106]

Un'indagine di Demoskopika pubblicata il 26 marzo 2013 afferma che la 'ndrangheta abbia nel mondo un giro d'affari di 53 miliardi di euro (73 miliardi di dollari) equivalente al 3,5% del PIL dell'Italia. Di seguito l'elenco delle attività e quanto rendono nel loro complesso[107][108].

Attività illecite Valore
Traffico di droga 24,2 miliardi €
traffico illegale di rifiuti 19,6 miliardi €
estorsione e usura 2,9 miliardi €
appropriazioni indebite 2,4 miliardi €
Gioco d'azzardo illegale 1,3 miliardi €
traffico di armi, prostituzione, contraffazione di beni e traffico di esseri umani < 1 miliardo €
Totale 53 miliardi €

Secondo l'Agenzia del Demanio dal 1986 al 2006 in Calabria vi sono 1093 immobili (di cui 800 nella provincia di Reggio Calabria) confiscati alla 'ndrangheta, di cui 562 abitazioni, 363 terreni, 122 locali, 18 capannoni e altri 28 beni immobili[109].

Questi guadagni rendono la 'ndrangheta una delle mafie più ricche del mondo; il successo di questa organizzazione può essere spiegato solo con un'abile politica di riciclaggio del denaro (inizialmente fornito dai sequestri di persona) e con un reinvestimento nel campo della droga che ha portato questa mafia a superare economicamente le altre: Cosa nostra, Camorra, Sacra Corona Unita, Società foggiana e Stidda. L'attività principale è il traffico di droga, dal quale raccoglie i maggiori proventi, di cui, la cocaina è il settore più importante.

In Calabria l'estorsione nei confronti delle società è asfissiante[110], ma anche nel nord Italia si è notato un aumento dell'attività estorsiva. Le infiltrazioni in appalti e sub-appalti cominciano negli anni settanta in Calabria[111] e continuano al giorno d'oggi anche nel Nord Italia (Autostrada A4, autostrada Milano-Torino[112], Treni ad Alta Velocità[112] ma anche la progressiva monopolizzazione del settore edile e movimentazione terra[113]); il territorio calabrese subisce poi l'appropriazione indebita di finanziamenti statali e dell'Unione europea[114][115]. Il riciclaggio di denaro attraverso banche, l'acquisizione di immobili e società è stata una delle principali attività degli ultimi 15 anni in Italia e all'estero. Alcune operazioni delle forze dell'ordine testimoniano la loro presenza nel settore dei locali notturni in Italia settentrionale[112].

In misura minore sono coinvolti nel traffico di armi e il controllo della prostituzione. Alcune 'ndrine sono dedite alla contraffazione di denaro (in Germania il locale di Corigliano). In Sud Africa è stato rilevato un traffico di diamanti e sempre nel continente africano anche scambio di armi per coltan. Dagli anni settanta agli anni novanta furono particolarmente attivi nei sequestri di persone in territorio italiano. Negli anni ottanta e novanta sarebbero stati coinvolti[116] nello smaltimento di rifiuti tossici (nell'operazione Export del luglio 2007 vengono sequestrati 135 container di rifiuti diretti in Cina, India, Russia e Nord Africa[117]) e radioattivi per mezzo di affondamento di navi nel mediterraneo e in Africa Orientale.

I rapporti con la politicaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Rapporti tra 'ndrangheta e politica.

Il voto di scambioModifica

Oltre al caso dell'assessore della Lombardia Domenico Zambetti, ci sono stati altri casi di presunto voto di scambio. Il pentito Roberto Moio ha affermato di aver incontrato molti politici e di aver ricevuto 30 000 euro per appoggiare dei candidati.[118]. In Calabria alcuni politici sono stati sospettati di voto di scambio.[119]

I rapporti con lo sportModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Rapporti tra 'ndrangheta e sport.

«l'organizzazione criminale più attiva nella ricerca del controllo di società di calcio è la ’ndrangheta»

(Franco Gabrielli, capo della Polizia alla Commissione parlamentare antimafia, 2017)

Secondo il Procuratore Nicola Gratteri per la 'ndrangheta il calcio è uno strumento di potere, come disse in una intervista nel 2015[120], il calcio "minore" in particolare è uno strumento per acquisire consenso sulla popolazione[121] e difatti poi il 3 maggio 2017 anche il capo della Polizia Franco Gabrielli entra nel merito di fronte alla Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e definisce la 'ndrangheta: "l'organizzazione criminale più attiva nella ricerca del controllo di società di calcio è la ’ndrangheta" che ne attesta la presenza nel mondo del calcio, nell'area reggina sin dagli anni '80 del XX secolo[122]. Gabrielli continuerà citando le operazioni Lex e All Inside che attestano il coinvolgimento dei Pesce nella squadra locale di Rosarno e del Sapri Calcio e delle infiltrazioni del Crotone Calcio da parte dei Vrenna a cavallo tra gli anni '90 e 2000[122].

Diffusione in ItaliaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: 'ndrangheta in Italia.

Diffusione nel mondoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: 'ndrangheta nel mondo.

La 'ndrangheta inizia a diffondersi all'estero a seguito delle emigrazioni di inizio XX secolo, quando ancora non era chiamata con l'attuale nominativo ma Mano nera o Picciotteria[123]. Si segnalano 19 'ndrine in Australia, 14 in Colombia, 13 in Germania e 10 in Canada e alcune opererebbero anche in Thailandia, Antille Olandesi e Togo[107][124].

Molto forte è la presenza in Australia[125][126], Canada[127] e Germania[128]. In Australia, dai proventi dei sequestri nella prima metà del Novecento nasce una fervente attività nella coltivazione di campi di marijuana. Negli anni cinquanta proprio in Canada e Australia nasce il cosiddetto Siderno Group[127], un consorzio di famiglie originarie di Siderno con collegamenti anche con elementi di Cosa nostra statunitense come Frank Costello dediti al traffico di eroina e di armi. L'attività più intensa si svolse tra gli anni ottanta e novanta ed è solo nell'ultimo decennio del 900 appunto che le forze dell'ordine arrestano i componenti del Siderno Group[129]. Quando si inserisce nel traffico di cocaina negli anni ottanta e comincia a controllarne i traffici si sposta in Spagna[16], Portogallo e Paesi Bassi[16] fino ad arrivare in Colombia[16] e a trattare direttamente con i Narcos e con l'AUC di Salvatore Mancuso Gómez[130][131]. Viene individuata in tutto il Sud America: Perù, Cile, Brasile, Argentina, Uruguay, Paraguay, Venezuela[110] e Bolivia[132]. Negli anni novanta si scopre che i proventi illeciti vengono riciclati in tutta Europa, Germania[133][134], Regno Unito, Paesi Bassi e nei paesi dell'Est: Russia, Ungheria, Polonia e Romania nell'acquisto di immobili, esercizi commerciali, imprese[135][136]. Molte 'ndrine infine in Austria e in Svizzera hanno conservato i loro capitali, e, soprattutto in quest'ultima, ci sono stati anche svariati traffici di armi[31].

Negli ultimi anni, le rotte del narcotraffico si sono spostate in Africa occidentale poiché più controllato il traffico diretto Europa-Sud-America. Sono stati sequestrati nel 2007 250 chili di cocaina provenienti dal Sud America e in transito a Dakar in Senegal che sarebbero dovuti arrivare in Italia per conto dei Morabito e della Locale di Africo[137], successive operazioni hanno visto le 'ndrine operative in Togo e Costa d'Avorio[56]. Nel continente, la 'ndrangheta sembra anche abbia commerciato in diamanti nel Sudafrica[138], e smaltito rifiuti tossici principalmente in Somalia, ma anche in Kenya e nella Repubblica Democratica del Congo[66][139] dove Antonio Nicaso, in un articolo su l'Espresso parla anche di compravendita di Coltan in cambio di armi con le milizie della regione[140].

Ad oggi, secondo il rapporto Europol 2013, ha un ruolo dominante nel mercato europeo della cocaina grazie ai rapporti intessuti in passato con i produttori[16].

Le infiltrazioni nella Pubblica amministrazione italianaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Rapporti tra 'ndrangheta e politica.

Amministrazioni comunaliModifica

Per mafia sono state sciolte numerose Amministrazioni comunali calabresi. Dal 1991 al 2013 ben 58 consigli comunali: per lo più in provincia di Reggio Calabria (33), ma anche nelle province di Catanzaro (7), Crotone (3), Vibo Valentia (13) e Cosenza (2). Gli scioglimenti hanno avuto luogo in tempi diversi, e per alcune amministrazioni è successo più d'una volta.

Limbadi è stato il primo comune d'Italia sciolto per mafia nel 1983: anche se ancora non esisteva la legge contro le infiltrazioni mafiose negli enti locali, a sciogliere l'ente fu l'allora presidente della repubblica Sandro Pertini perché risultò primo degli eletti nella lista civica Ramoscello d'olivo il Capubastuni Francesco Mancuso conosciuto e temuto in tutto il territorio calabrese come "Don Ciccio", latitante durante la campagna elettorale e al momento del voto, sorvegliato speciale di pubblica sicurezza con precedenti penali per vari reati, inoltre all'interno del consiglio comunale risultavano eletti soggetti ritenuti pienamente inseriti nell'organizzazione criminale del Mancuso. Il consiglio venne pertanto sciolto per motivi di ordine pubblico ad appena una settimana di distanza dalle elezioni amministrative[141].

Anche al nord alcuni comuni hanno subito tale sorte. Il primo comune del nord Italia sciolto per presunte infiltrazioni mafiose fu Bardonecchia, in Piemonte nel 1995. Nel novembre 2010, per la prima volta un comune lombardo (Desio, in Brianza) viene sciolto il consiglio comunale per evitare il commissariamento per infiltrazioni mafiose.[142] Nel marzo 2011 Bordighera è il primo comune ligure che viene sciolto per infiltrazioni mafiose della famiglia Pellegrino; e successivamente viene commissariato Ventimiglia per evitarne lo scioglimento[143][144]. Il 3 febbraio 2012 anche il comune ligure di Ventimiglia viene sciolto per mafia, insieme a quello di Bordighera (Provincia di Imperia) e Leini (Provincia di Torino)[145]. Nel maggio 2012 viene sciolto per 'ndrangheta anche il comune piemontese di Rivarolo Canavese. Il 9 ottobre 2012 viene sciolto per la prima volta in Italia un capoluogo di provincia: Reggio Calabria[146]. Il 16 ottobre 2013 viene sciolto il primo comune per mafia in Lombardia: Sedriano[147][148]. Il 20 aprile 2016 viene sciolto Brescello, il primo comune della regione Emilia Romagna[149][150][151]. Il 22 novembre 2017 in Calabria vengono sciolti 5 comuni, tra cui per la terza volta il comune di Lamezia Terme[152] (poi annullato dal Tar del Lazio[153]). Nel 2018 Platì viene sciolto per la terza volta e Limbadi per la seconda[154].

ASLModifica

In base all'art. 143 T.U.E.L., dal 1991 sono state sciolte quattro aziende sanitarie calabresi per infiltrazioni della 'ndrangheta di cui quella della provincia di Reggio Calabria nel 2019[184].

MagistraturaModifica

Neanche la magistratura è immune alle infiltrazioni della 'ndrangheta. Diversi sono stati i giudici accusati di collusione mafiosa e condannati come ad esempio:

  • Vincenzo Giglio. Ex giudice presso la Corte di Appello di Reggio Calabria. È stato arrestato per concorso esterno in associazione mafiosa in quanto rivelava segreti investigativi ad alcuni esponenti della 'ndrangheta.
  • Giancarlo Giusti. Ex giudice presso il Tribunale di Palmi. Ha assolto alcuni esponenti della 'ndrangheta in cambio di prestazioni sessuali e vacanze.

Francesco Forgione (ex presidente della Commissione Parlamentare Antimafia) nel suo saggio di inchiesta Porto franco. Politici, manager e spioni della repubblica della 'ndrangheta ha svelato che alcuni magistrati calabresi sono imparentati con esponenti di spicco della 'ndrangheta. I magistrati in questione hanno reagito a queste accuse querelando per diffamazione l'autore del saggio, il quale ha replicato dicendo che i fatti narrati sono verificati e che queste querele rendono ancora più note le discutibili frequentazioni dei giudici, che ritenendo assolutamente falso e gravemente diffamatorio il contenuto del saggio che li riguarda, hanno proposto azione giudiziaria nei confronti di Forgione, che è stato riconosciuto colpevole e condannato al risarcimento di 100000 euro. La sentenza ha inoltre dichiarato falso e diffamatorio il contenuto del saggio di Forgione, per l'"assenza del presupposto della verità, anche solo putativa, e per il discorso, evidentemente allusivo".

La PM Beatrice Ronchi ha duramente criticato l'operato dei magistrati Franco Mollace (DIA) e Alberto Cisterna per non avere attaccato la cosca Lo Giudice, il pentito Antonino Lo Giudice ha detto di aver fatto regali e favori vari ai due magistrati.

Rapporti con altre organizzazioniModifica

Rapporti con altre organizzazioni criminaliModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Rapporti tra 'ndrangheta e altre organizzazioni criminali.

I rapporti di collaborazione della 'ndrangheta con le altre mafie è sempre stato intenso soprattutto per il traffico di droga ma anche per il contrabbando di sigarette e le altre attività criminose. Ha avuto sempre un rapporto di reciproco rispetto, non intromettendosi mai in guerre fra cosche delle altre organizzazioni[186].

Ha avuto e ha rapporti con tutte le mafie italiane: Cosa nostra[187], Camorra, Banda della Magliana[188], Sacra Corona Unita[187], Basilischi[189]. Dell'organizzazione pugliese è anche responsabile della creazione, dal 1993 difatti, si viene a sapere che fu fondata da Giuseppe Rogoli, per volere di Umberto Bellocco (capobastone dell'omonima 'ndrina di Rosarno), e che inoltre all'interno della Sacra Corona Unita vi fossero altri elementi appartenenti alla cosca calabrese come: Giuseppe Iannelli, Giosuè Rizzi, Cosio Cappellari, Antonio e Riccardo Modeo[31][190]. Anche la mafia lucana nasce come una 'ndrina e dai calabresi dipende, è protetta e aiutata. Ottenuto difatti il nulla osta dalla 'ndrina dei Pesce di Rosarno, si formò un gruppo di malavitosi operante in tutta la Regione con a capo Giovanni Gino Cosentino. Quella organizzazione ambiva a diventare la quinta mafia del sud Italia[189]. Ha rapporti anche con le organizzazioni criminali straniere. Da quando, negli anni novanta, ha intensificato la sua attività nel narcotraffico ha ormai rapporti diretti con i narcos colombiani[191][192], mentre per l'eroina fin dagli anni ottanta sfrutta i canali con la mafia turca. Dal 2008 con l'Operazione Solare si è scoperto che alcune 'ndrine hanno stretto rapporti anche con organizzazioni messicane, quali i Los Zetas[193]. Nel traffico di esseri umani si appoggiano a malavitosi nigeriani e alla mafia albanese[194]. In Canada vi sono contatti con la criminalità della famiglia Rizzuto e gli Hells Angels.

Rapporti con la massoneria italianaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Rapporti tra la 'ndrangheta e la massoneria italiana.

«La ‘ndrangheta non esiste più!.... Una volta, a Limbadi, Nicotera, Rosarno c'era la ‘ndrangheta!. Adesso la ‘ndrangheta fa parte della Massoneria, diciamo è sotto la massoneria. Ha però le stesse regole!... La ‘ndrangheta non c'è più è rimasta la massoneria e quei quattro storti che ancora credono alla ‘ndrangheta!...»

(Pantaleone Mancuso durante un'intercettazione ambientale resa pubblica a marzo 2013[195])

La 'ndrangheta, seppur in modo collaterale, già negli anni sessanta aveva rapporti con la massoneria deviata, nella misura in cui questa faceva da tramite con le istituzioni[50][196][197]. Il fine era instaurare rapporti di cointeressenza con la classe politica, attraverso la clientela saldata dal voto di scambio[198].

Il legame fra le due organizzazioni si rafforza negli anni settanta, dopo la prima guerra di 'ndrangheta, quando alcuni capibastone entrano in logge deviate[50]. Così i guadagni ottenuti aumentarono, potendo contattare senza intermediari personaggi del mondo bancario, della magistratura, dell'imprenditoria e delle forze dell'ordine[197][199]. Questo nuovo modo di agire della mafia calabrese sembra sia stato voluto dal vecchio capobastone Girolamo Piromalli[197] e dalla nuova promessa Paolo De Stefano. Chi era contrario al progetto, come Antonio Macrì e Domenico Tripodo, riteneva che la 'ndrangheta non dovesse affiliarsi ad altre associazioni, nel rispetto delle tradizionali regole del codice mafioso[197]. Questi furono eliminati e per ovviare al problema morale Piromalli fonda la Santa, una sorta di ultimo grado gerarchico dell'organizzazione; in questo modo faceva credere agli affiliati che, una volta avuto accesso a questa posizione, sarebbe stato possibile affiliarsi alla massoneria[197]. Nasce così, attraverso «l'ibridazione tra massoneria deviata e alcune cuspidi della 'ndrangheta, [...] una vera e propria massomafia sovraordinata alla normale 'ndrangheta, dotata di una organizzazione e di un sistema di regole autonome»[200]. Tra i capibastone presumibilmente entrati nella massoneria deviata vi sono: Santo Araniti, Paolo De Stefano, Natale Iamonte, Antonio Nirta, Francesco Nirta, Giuseppe Nirta[201][202].

Nel 1992 con l'operazione Olimpia si ebbero maggiori informazioni; si scoprirono le persone che fecero accedere i santisti nella massoneria calabrese: il notaio Pietro Marrapodi, Pasquale Modafferi e il capo-loggia Cosimo Zaccone[203] A suggerire l'esistenza, negli ultimi anni, di un livello occulto della 'ndrangheta è stata un'intercettazione telefonica risalente alla fine del 2007. I carabinieri registrano, tramite una microspia, una conversazione tra Sebastiano Altomonte (originario di Bova Marina) e sua moglie. Altomonte in tale frangente sottolinea che «c'è una che si sa e una che non la sa nessuno». E poi, rimarcando il concetto: «c'è la visibile e l'invisibile [...] che non la sa nessuno, solo chi è invisibile». Questa entità non ha mai trovato conferme giudiziarie. Tuttavia, le parole di Sebastiano Altomonte, successivamente condannato per associazione mafiosa, rendono plausibile un attuale accostamento tra potere mafioso e ambienti massonici[196][204].

Il 7 novembre 2012 da un'inchiesta della DDA di Catanzaro emerge il presunto coinvolgimento della cosca per i lavori di ricostruzione dopo il terremoto in Abruzzo e la messa in opera a Roma della rete di fibre ottiche per internet e del coinvolgimento con Paolo Coraci fondatore di una loggia massonica che avrebbe chiesto il sostegno elettorale per D'Ambrosio in cambio di appalti nel Lazio, Lombardia e Veneto.[205] Nello stesso anno l'inchiesta Saggezza della DDA di Reggio Calabria è emerso che il legame con la massoneria italiana sarebbe molto forte, al punto di costituire una via di infiltrazione ai più lati vertici della politica e dell'economia italiana[206]

Il 17 novembre 2013 il Grande Oriente d'Italia sospende per la prima volta nella sua storia una loggia, nella fattispecie la loggia Rocco Verducci con sede a Gerace, e con il tempio a Siderno per un possibile coinvolgimento di persone affiliate irregolarmente e collegate alla criminalità organizzata calabrese. La scelta della sospensione è stata presa dopo l'ultima inchiesta giudiziaria: l'operazione Saggezza, in cui furono arrestate persone affiliate sia alla 'ndrangheta che alla loggia[207].

Il 4 gennaio 2016 si conclude l'operazione Kyterion 2 diretta dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro che porta all'arresto di 16 presunti affiliati ai Grande Aracri di Cutro, dalle indagini si evince presunti tentativi di collegarsi a esponenti del Vaticano e della Corte di Cassazione, nonché l'intrusione in ordini massonici e cavalierati da parte del capo-locale Nicolino Grande Aracri[208][209].

Dall'operazione Mammasantissima del Ros dei Carabinieri conclusa il 15 luglio 2016 emergerebbe il verbale del 2014 dell'ex Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia Giuliano Di Bernardo (1990 - 1993), ora Gran Maestro della Gran loggia regolare d'Italia, il quale riferisce al pubblico ministero Giuseppe Lombardo le confidenze di Ettore Loizzo, ai tempi vice del Gran Maestro: «Nel corso di una riunione della Giunta del Grande Oriente, che io indissi con urgenza nel '93 dopo l'inizio dell'indagine del dottor Cordova sulla massoneria, a mia precisa richiesta disse che poteva affermare con certezza che in Calabria, su 32 logge, 28 erano controllate dalla 'ndrangheta. Gli dissi subito: "E cosa vuoi fare di fronte a questo disastro?". Lui mi rispose: "Nulla". Io, ancora più sbigottito, chiesi perché. Lui mi rispose che non poteva fare nulla perché altrimenti lui e la sua famiglia rischiavano gravi rappresaglie... Faccio presente che la questione calabrese era molto più preoccupante in quanto la massoneria calabrese era ben più ramificata di quella siciliana»[210]. Da luglio ha iniziato a parlare dei rapporti tra massoneria e 'ndrangheta anche il pentito nonché massone Cosimo Virgiglio. Racconta che la massoneria fortemente politicizzata si serve della criminalità calabrese per il controllo dei flussi elettorali mentre essa per il riciclaggio di denaro. Secondo il pentito la loggia di Reggio Calabria sarebbe suddivisa in due parti: una pulita e una occulta; della seconda farebbero parte gli 'ndranghetisti. Racconta anche della presenza nelle logge di esponenti dei Piromalli e dei De Stefano. La commistione tra elementi criminali, con dote di Santa e massoni in gergo massonico viene definito "varco" (in riferimento alla Breccia di Porta Pia); e tecnicamente sarebbe il mondo massonico a entrare nelle file della 'ndrangheta[211][212][213].

Le operazioni di poliziaModifica

In ItaliaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Operazioni delle forze dell'ordine contro la 'ndrangheta.

Sono state effettuate diverse operazioni di polizia in Italia, soprattutto a partire dalla fine del XX secolo.

Nel resto del mondoModifica

Sono state svolte numerose operazioni internazionali di polizia in collaborazione in particolare con forze dell'ordine europee, statunitensi e sudamericane. Le ultime, del 2017 sono state le operazioni Buena Ventura e Stammer[214][215] per traffici internazionali di cocaina della Colombia, l'operazione Provvidenza in cui l'organizzazione aveva appoggi anche in New Jersey[216][217].

Ricevette grossa eco mediatica l'operazione Solare del 2008 in collaborazione con gli Stati Uniti per sgominare un traffico di droga che gli Aquino-Coluccio avevano con i messicani dei Los Zetas[218][219]. In collaborazione con le forze spagnole invece è degna di nota l'operazione Overting del 2015[10][220]. In Australia sin dagli anni '80 le forze dell'ordine in autonomia hanno svolto numerose operazioni contro la malavita calabrese; negli anni '90 da una collaborazione con la National Crime Authority nascerà l'operazione Cerberus[221]. L'ultima grande operazione sul suolo australiano è avvenuta nel 2008 a Melbourne con il sequestro del più grande carico di Ecstasy della nazione[222][223].

L'operazione internazionale più degna di nota fu però quella nata negli anni '90 in Canada che scoprì il cosiddetto Siderno Group, 'ndrine dell'area della Locride che commerciava in droga dal Canada verso l'Europa e verso l'Australia con stupefacente proveniente da Bolivia, Venezuela, Brasile, Cile e Perù e Colombia[224][225].

Con le operazioni Nasca, Timpano[226], Revolution[227], Acero-Krupy[228][229][230] e Apegreen[231][232] si dimostra quanto siano importanti i porti di Anversa, Rotterdam e Amsterdam per il traffico internazionale di droga.

FaideModifica

«Le faide sono incubatrici di violenza e riesplodono quando meno te lo aspetti.»

(Nicola Gratteri "Fratelli di sangue")

Nel corso della sua storia, la 'ndrangheta ha visto l'esplodere di varie guerre tra clan, alcune di queste caratterizzate da episodi di estrema violenza; non tutte le guerre hanno visto come luogo di scontro la sola regione Calabria ma talvolta, soprattutto a causa della vasta diffusione della 'ndrangheta, si sono verificate violenze in altre regioni italiane e anche all'estero. Qui sotto c'è un elenco in ordine cronologico delle principali faide.

Influenza culturaleModifica

TeatroModifica

  • Padroni delle nostre vite - tratto dalla storia di Pino e Marisa Masciari, Sciaraprogetti con Ture Magro (Auditorium di via Valvassori Peroni 56, Milano, 19-20 ottobre ore 21, 20 ottobre ore 19 2012)
  • Infami - tratto dal libro Infami. Venti storie di ordinaria antimafia di Alfonso Russi (La società dello Spettacolo)

CinemaModifica

TelevisioneModifica

LetteraturaModifica

  • La felpa rossa - Fuga dalla 'ndrangheta di Francesco Biamonte
  • Nel Mirino della 'ndrangheta di Francescantonio Falletti

MusicaModifica

A partire dagli anni '70 sono state prodotte cassette e dischi musicali dove vengono cantati fatti e storie dell'onorata società, riti, modo di comportarsi e modo di pensare; i loro "valori". La trilogia dal titolo La musica della mafia[260] è formata dai seguenti album:

  • La musica della mafia. Il canto di malavita
  • La musica della mafia volume II. Omertà, onuri e sangu
  • La musica della mafia volume III. Le canzoni dell'onorata società.

Inoltre prodotti dall'Elca Sound[261] il ciclo 'ndrangheta:

  • Ndrangheta. Canti e storie. "Cu è orbu, surdu e taci, campa cent'anni in paci"
  • Ndrangheta II. A storia cuntinua... "A mamma cumanda e u picciottu va e fa..."[262]
  • Ndrangheta III. Osso mastrosso carcagnosso.
  • Ndrangheta IV. Calabria organetto tarantella.

e Il canto di malavita calabrese di Fred Scotti[263].

Sono state anche ritrovate canzoni masterizzate artigianalmente che descrivevano i fatti del summit di Montalto presieduto da Giuseppe Zappia dove furono arrestati molti 'ndranghetisti, e una canzone di quando fu arrestato Gregorio Bellocco. Enzo Ciconte afferma che «I proverbi, i racconti, le canzoni, le poesie costituiscono una sorta di corpus giuridico che dettava norme e regole di comportamento»[264]. Sempre durante la sua latitanza, Gregorio Bellocco incise la canzone "U bunker"[265]

Dopo il 16 febbraio 2005 con l'arresto del capobastone Gregorio Bellocco è stata incisa una canzone da ignoti, forse da Giuseppe Bellocco, allora latitante, proprio dedicata al cugino arrestato. La ballata si trova nel disco Pensieri di un latitante[266].

Nel 2019 per la prima volta viene pubblicato il video musicale "Numeri uno" sulla piattaforma Youtube del cantante Domenico Bellocco in arte Glock 21 (persona non affiliata all'organizzazione) in cui in stile trap racconta il "mondo" di Rosarno[265].

NoteModifica

  1. ^ Cfr. il lemma ’ndrangheta con la lettera "n" minuscola dopo l'aferesi sul DOP.
  2. ^ Cfr. il lemma ’ndrangheta con la lettera "n" minuscola dopo l'aferesi sul Dizionario De Mauro.
  3. ^ Cfr. il lemma ’ndrangheta con la lettera "n" minuscola dopo l'aferesi a p. 751, vol. XIII, sulla Nuova Enciclopedia Universale Rizzoli Larousse, Milano, 1994.
  4. ^ Cfr. il lemma ’ndràngheta o ’ndrànghita con la lettera "n" minuscola dopo l'aferesi sull'enciclopedia Sapere.
  5. ^ Cfr. il lemma ’ndrangheta con la lettera "n" minuscola dopo l'aferesi sull'enciclopedia Treccani.
  6. ^ La lotta contro la mafia, i tanti nomi del patto di sangue, Carabinieri.it, su carabinieri.it. URL consultato il 14 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2008).
  7. ^ Cfr. in Alberto Nocentini, CAMORRA, MAFIA, ’NDRANGHETA parte III: origine di ’ndrangheta, per "Accademia della Crusca", 7 2014.
  8. ^ a b Relazione 2008 della Commissione Antimafia (PDF), su camera.it. URL consultato il 27 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 27 novembre 2013).
  9. ^ a b Attilio Bolzoni, Sentenza storica: "La 'ndrangheta esiste". Lo dice la Cassazione e non è una ovvietà, in repubblica.it, 18 giugno 2016. URL consultato il 22 ottobre 2016.
  10. ^ a b c Lucio Musolino, ‘Ndrangheta, processo Crimine in Cassazione. 11 nuove assoluzioni, ma tiene il concetto di “‘ndrangheta unitaria”, in il fatto quotidiano, 18 giugno 2016. URL consultato il 19 giugno 2016.
  11. ^ 'ndrangheta, colosso da 53 miliardi. "Più di McDonald's e Deutsche Bank insieme", in affaritaliani.it, 26 marzo 2014. URL consultato il 16 gennaio 2018.
  12. ^ 'Ndrangheta tentacolare, 166 le cosche, in ansa.it, 26 gennaio 2019. URL consultato il 28 gennaio 2019 (archiviato il 23 febbraio 2019).
  13. ^ Boccassini: 'ndrangheta trasversale ai partiti Prestipino: «Milano come Reggio Calabria», in Corriere.it.
  14. ^ Fast food e Al-Qaida, ammazzatecitutti.org, su ammazzatecitutti.org. URL consultato il 14 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2014).
  15. ^ ‘Ndrangheta spa, un'azienda da 53 miliardi di fatturato, su ilsole24ore.com. URL consultato il 15 luglio 2013.
  16. ^ a b c d e Threat Assessement: italian organized crime (PDF), su europol.europa.eu. URL consultato il 1º ottobre 2013.
  17. ^ 08 06 2006, More Over, Cosa Nostra, in The Guardian.
  18. ^ (EN) Calabrian Mafia is 'Europe's top crime gang', in The Telegraph. URL consultato il 10 gennaio 2012.
  19. ^ a b Forgione 2008.
  20. ^ Ernesto Ferrero, I gerghi della malavita dal '500 ad oggi, Milano, Mondadori, 1972, p. 184.
  21. ^ Paolo Martino, Per la storia della 'ndranghita, Milano, Belardi, 1988, p. 8, ISBN 88-85134-24-6.
  22. ^ Paolo Martino, Per la storia della 'ndranghita (PDF), in Università "La Sapienza", 1988. URL consultato il 21 settembre 2014.
  23. ^ a b c d e f g Alberto Nocentini, CAMORRA, MAFIA, 'NDRANGHETA parte III: origine di 'ndrangheta, in accademiadellacrusca.it, 7 aprile 2014. URL consultato il 21 settembre 2014.
  24. ^ Giuliano Turone, Il delitto di associazione mafiosa, Milano, Giuffrè Editore, 2008, p. 87.
  25. ^ La parola Andragathía (ανδραγαθια) è composta da agathia ("valore") e andròs (genitivo di anér con il significato di "uomo nobile").
  26. ^ Thesaurus geographicus, in AMS Historica. URL consultato il 22 settembre 2014.
  27. ^ a b Speciale Col - La 'ndrangheta - Calabriaonline, su calabriaonline.com. URL consultato il 6 dicembre 2011.
  28. ^ a b c d e Nicola Gratteri, Male lingue, Cosenza, Luigi Pellegrini editore, 2014, p. 168-173, ISBN 978-88-6822-183-6.
  29. ^ Tuttavia, in base ad alcuni studi svolti nel 2012 da professor Antonio Nicaso questa data va anticipata al 1931, anno in cui, tra gli atti giudiziari compare, un certo Domenico Dorta detto cucchiarone che confessa per la prima volta dell'esistenza della Drangheta.
  30. ^ IV, 2, 13-30 gennaio 1948
  31. ^ a b c Gratteri 2006.
  32. ^ Il primo romanzo organico scritto sulla mafia in Italia. “La famiglia Montalbano”, di Saverio Montalto, su lametino.it. URL consultato il 6 dicembre 2011.
  33. ^ 'ndrangheta, Nicaso.com, su nicaso.com. URL consultato il 5 dicembre 2008.
  34. ^ (A.M. Rao, 1992)
  35. ^ John Dickie, 2014 Onorate società: L'ascesa della mafia, della camorra e della 'ndrangheta.
  36. ^ a b Copia archiviata, su tramefestival.it. URL consultato il 29 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2017).
  37. ^ a b c d Ordinanza-sentenza del giudice istruttore Guido Salvini nei confronti di Azzi Nico ed altri (1995) (PDF), su archivioguerrapolitica.org (archiviato dall'url originale il 5 gennaio 2015).
  38. ^ Il deputato democristiano Benito Cazora, nei suoi contatti avuti con esponenti del 'ndrangheta e della malavita calabrese nel tentativo di trovare la prigione di Moro, era stato avvertito che la zona di via Gradoli era una "zona calda": egli avrebbe "girato" questo avvertimento che - in aggiunta alla segnalazione proveniente dalla famosa "seduta spiritica" cui avrebbe preso parte Romano Prodi - era stato comunicato sia ai vertici della Democrazia Cristiana sia agli organi di polizia; cfr. (Covo di via Gradoli un affare riservato) Intervista a Benito Cazora, del mensile Area, giugno 97, pag. 34-36, riportata dal sito vuotoaperdere.org
  39. ^ Il maresciallo Domenico Merola, (del commissariato di polizia Flaminio Nuovo) dichiarò che - durante la perquisizione allo stabile condotta da lui con quattro agenti il 18 marzo 1978 - non dispose l'accesso coercitivo all'interno 11 (al cui campanello non rispondeva nessuno) perché "una signora che abitava sullo stesso piano ci disse che lì viveva una persona distinta, forse un rappresentante, che usciva la mattina e tornava la sera tardi": cfr. Atti giudiziari. Processo Moro/Fascicolo 7 p. 289, riportato negli atti della Commissione parlamentare d'inchiesta sulla strage di via Fani, sul sequestro e l'assassinio di Aldo Moro e sul terrorismo in Italia (VIII leg. Doc. XXIII, vol. XLIII, 1ª Corte d'Assise di Roma: processo Moro. Processo Moro e Moro bis; vi è contenuto anche il dibattito su istanze presentate da avvocati di parte civile: p. 234, s.d.). La relazione di servizio sui controlli effettuati il 18 marzo fu prodotta nell'udienza del 23 settembre 1982 - al primo processo Moro - dal sottufficiale Merola (che l'avrebbe a suo dire consegnata a suo tempo al dirigente del commissariato Guido Costa, ma del documento non c'era traccia, fino ad allora, né agli atti del processo, né alla commissione Moro): essa recava l'intestazione "Polizia di Stato", una denominazione che nel 1978 non esisteva ancora e che fu introdotta solo dalla legge del 1981. Merola raccontò che l'ordine di perquisire i miniappartamenti della zona era nato la sera del 17 marzo, ma "non mi fu dato l'ordine di perquisire le case. Era solo un'operazione di controllo durante la quale furono identificati numerosi inquilini, mentre molti appartamenti furono trovati al momento senza abitanti e quindi, non avendo l'autorizzazione di forzare le porte, li lasciammo stare, limitandoci a chiedere informazioni ai vicini. L'interno 11 fu uno degli appartamenti in cui non trovammo alcuno. Una signora, che abitava sullo stesso piano, ci disse che lì viveva una persona distinta, forse un rappresentante, che usciva la mattina e tornava la sera tardi”. Lucia Mokbel al primo processo Moro (cfr. gli atti della Commissione parlamentare d'inchiesta, che riportano anche - VIII leg. Doc. XXIII, 5, vol. 124, pp. 87-92 - copia del verbale delle testimonianze di Lucia Mokbel e del suo convincente Gianni Diana del 18 aprile 1978 p. 87, s.d., e l'esame di Lucia Mokbel del 23 novembre 1979 p. 694, s.d..) dichiarò che era la signora in questione e che aveva però consegnato ai poliziotti un bigliettino, da lei indirizzato al commissario Elio Cioppa, in cui faceva sapere di aver sentito alle tre di notte il ticchettio di una trasmissione in Morse che proveniva dall'appartamento adiacente, il covo delle Br. Lucia Mokbel fu chiamata a testimoniare il 23 settembre 1982 al primo processo Moro. Al presidente Santiapichi la donna spiegò che in quel tempo abitava in via Gradoli presso un amico e che, verso le 2,30 di notte, percepì attraverso i muri un ticchettio simile a quello dell'alfabeto Morse. Alla domanda di Santiapichi sul perché avesse pensato proprio all'alfabeto Morse la Mokbel rispose: "perché avevo un amico ex ufficiale di marina che ogni tanto mi aveva fatto sentire questi segnali trasmessi di notte da un canale della Rai”. "La mattina dopo verso le 9 – aggiunge la Mokbel – si presentarono a casa alcuni poliziotti in borghese ci chiesero i documenti, ci fecero qualche domanda, io parlai dell'episodio notturno. Dissi loro che in questura conoscevo il commissario Elio Cioppa; loro mi consigliarono di scrivergli un biglietto. Cosa che feci sul momento, consegnando l'appunto con il racconto della mia disavventura notturna a una delle guardie affinché lo facesse pervenire al funzionario. Un paio di mesi più tardi, dopo la scoperta del covo, incontrai il dott. Cioppa in un ristorante; gli chiesi se avesse ricevuto il mio messaggio; mi rispose di non averlo mai avuto”. Tratto da Davide Zedda, Il caso Moro. La teoria cospirativa e i suoi fondamenti, La riflessione ed. In effetti, quel biglietto - se mai esistito - non è mai stato ritrovato.
  40. ^ Rita Di Giovacchino, Il libro nero della Prima Repubblica, Fazi Editore, 2003, ISBN 88-8112-633-8, Cap. II pag. 178/179
  41. ^ Sergio Flamigni, Il covo di Stato, Kaos edizioni; anche il convivente Diana era impiegato da un commercialista amministratore di immobili in cui figuravano società di copertura dei servizi segreti (così Sergio Flamigni. I segreti di Via Gradoli e la morte di Moro), tra cui alcuni intestatari di appartamenti in via Gradoli: si spiega quindi che l'appartamento dell'interno 11 fosse già stato segnalato e tenuto sotto controllo dall'UCIGOS da diversi anni, in quanto frequentato precedentemente anche da esponenti di Potere operaio e Autonomia Operaia
  42. ^ Padre egiziano e madre napoletana, Gennaro Mokbel, cresce a Roma nel quartiere semiperiferico del Nomentano: Chi è Gennaro Mokbel, fulcro dell'indagine, Il Sole 24 ORE, 23 febbraio 2010. È figlio di un ufficiale della marina del Cairo, il quale, dopo aver preso parte a un fallito putsch militare in Egitto nei primi anni settanta, era riparato in Italia insieme ad altri ufficiali e alle loro famiglie: cfr. Sergio Flamigni, Il covo di Stato, Kaos edizioni. Benché il cognome sia di origine libano-kuwaitina, nessuna parentela è provata nei confronti del capocosca australiano Tony Mokbel, che pure si valse di una copertura della 'ndrangheta per far perdere le sue tracce simulando la morte, durante la latitanza finita ad Atene nel 2007: cfr. (Dimitros "Jimmy" Samsonidis, Maxfractal ).
  43. ^ Relazione Crimine del 2010
  44. ^ 'Siderno Group La federazione delle famiglie calabresi in Canada, in Libera Informazione. URL consultato il 6 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 25 giugno 2010).
  45. ^ a b Dossier 'ndrangheta Potenzialmente eversiva...Intervista a Vincenzo Macrì di Marco Nebiolo,, in ntacalabria.it. URL consultato il 1º dicembre 2008.
  46. ^ a b 'ndrangheta, i boss intercettati. Le voci dalla stanza dei bottoni, in Repubblica.it. URL consultato il 26 maggio 2010.
  47. ^ Ordinanza infinito del 2010, p.65
  48. ^ L'arresto di Coluccio a Toronto una svolta nell'inchiesta, in Repubblica.it. URL consultato il 10 ottobre 2010.
  49. ^ Ordinanza Crimine del 2010, p.1993 e p.2067
  50. ^ a b c d e f g h Relazione sulla 'ndrangheta trasmessa al CSM dal procuratore aggiunto Salvatore Boemi (PDF). URL consultato il 22 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2007).
  51. ^ Varese, maxiprocesso alla 'ndrangheta, in Corrieredellasera.it.
  52. ^ Varese, maxiprocesso alla ' ndrangheta, in Corrieredellasera.it (archiviato dall'url originale il 14 febbraio 2009).
  53. ^ Como, nel caos il maxiprocesso Non entrano in aula 30 imputati, Corrieredellasera.it, in Archivio Corriere.it.
  54. ^ Ciconte 2009.
  55. ^ MNight club della 'ndrangheta all'Ortomercato, in Corriere.it. URL consultato il 6 ottobre 2010.
  56. ^ a b (EN) For Love or Money: An ‘Ndrangheta Daughter on West Africa’s Cocaine Trail, in OCCRP, 13 novembre 2017. URL consultato il 17 novembre 2017.
  57. ^ relazione antimafia, in IlSole24ore.
  58. ^ Relazione antimafia, in Repubblica.it.
  59. ^ Ndrangheta, commissione Antimafia: una enorme holding criminale [collegamento interrotto], in Adnkronos.
  60. ^ L'Antimafia lancia l'allarme "'ndrangheta come Al Qaeda ", in Repubblica.it.
  61. ^ Presidential Designation of Foreign Narcotics Kingpins, su georgewbush-whitehouse.archives.gov. URL consultato il 2008.
  62. ^ L'egemonia delle 'ndrine nello scenario mondiale di Antonio Cantisani, Calabria Ora del 19 ottobre 2008
  63. ^ relazione semestrale DIA gennaio-giugno 2008
  64. ^ Giovanni Bianconi, La 'ndrangheta ha conquistato il monopolio in Europa, in Archiviostampa.it.
  65. ^ Se c'è una nave dei veleni al largo di Melito Porto Salvo qualcuno sa già tutto, in Strill.it.
  66. ^ a b Complotto sotto il mare, in L'Espresso.
  67. ^ Verità sulla Jolly Rosso, su sciroccorosso.org. URL consultato il 15 settembre 2009.
  68. ^ Lo Giudice fa favori ai giudici, su malitalia.it.
  69. ^ a b Maxi blitz contro la 'ndrangheta: 304 persone arrestate in tutta Italia, in Corriere.it. URL consultato il 13 luglio 2010.
  70. ^ a b Maxi blitz contro la 'ndrangheta trecento arresti in tutta Italia, in Repubblica.it. URL consultato il 13 luglio 2010.
  71. ^ a b Lo stato sferra colpo letale alla 'ndrangheta: 3000 tra PS e CC in azione, 300 arresti, in Nuova Cosenza. URL consultato il 13 luglio 2010.
  72. ^ Ndrangheta, maxi blitz 150 arresti in tutta Italia, in Repubblica.it.
  73. ^ ‘Ndrangheta, 117 arresti in tutta Italia. Risate anche sul terremoto, in Corriere.it, 28 gennaio 2015. URL consultato il 29 gennaio 2015.
  74. ^ Le mani della 'ndrangheta sull'Emilia, 117 arresti. Indagati ridevano dopo sisma del 2012, in Repubblica.it, 28 gennaio 2015. URL consultato il 29 gennaio 2015.
  75. ^ 'ndrangheta in Emilia, sequestro da mezzo milione di euro a clan Grande Aracri, su Il Fatto Quotidiano. URL consultato il 16 luglio 2015.
  76. ^ Dossier 'ndrangheta, “Potenzialmente eversiva...” Intervista a Vincenzo Macrì di Marco Nebiolo,, in Narcomafie. URL consultato il 4 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 7 febbraio 2009).
  77. ^ ‘'ndrangheta di San Luca, c'era una volta la Maggiore e la Minore, Equilibrio e libertà poi venne il tifone e spazzò tutto e tutti, in nome del dio denaro [collegamento interrotto], in Melitoonline.
  78. ^ Gratteri, 2006.
  79. ^ Lo Stato scende a patti con il crimine, su antimafiaduemila.com, 9 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2013).
  80. ^ Faide di Arcangelo Badolati, Rocco Mammoliti di San Luca p54
  81. ^ Luca Pazzo, Scusate, per colpa dello Stato libererò i killer di vostro figlio, su repubblica.it, 8 ottobre 1999.
  82. ^ In carcere per truffa pentito di ' ndrangheta pagato due miliardi, in Corriere.it.
  83. ^ Relitto Cetrato Tecnici ministero da Procuratore Paola, in Nuova Cosenza.
  84. ^ Anche Cutro ha il suo pentito: Angelo Salvatore Cortese, su ilcrotonese.it.
  85. ^ Infinito, parla Antonino Belnome: ieri padrino, oggi pentito., in Stampoantimafioso.
  86. ^ Luigi Bonaventura, da boss a pentito: "Ecco la mia storia", su ildispaccio.it, 12 novembre 2012.
  87. ^ In carcere per truffa pentito di ' ndrangheta pagato due miliardi, su Corriere.it (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2013).
  88. ^ Giovanni Bianconi, La pentita della 'ndrangheta «Mio fratello dovrà uccidermi», su corriere.it, 24 novembre 2010.
  89. ^ 'ndrangheta, Le gerarchie, su nicaso.com.
  90. ^ 'ndrangheta, su calshop.biz.
  91. ^ Procedimento penale 350/93 R.G.N.R. della DDA di Catanzaro
  92. ^ Reclutamento, in Calabriaonline.
  93. ^ Dossier 'ndrangheta, “Potenzialmente eversiva...” Intervista a Vincenzo Macrì di Marco Nebiolo, in Narcomafie (archiviato dall'url originale il 7 febbraio 2009).
  94. ^ ‘Ndrangheta: Origini, storia, struttura, in Antimafiaduemila.com. URL consultato il 7 dicembre 2008.
  95. ^ Ciconte 2009.
  96. ^ Il Crimine, i mastri, le 'ndrine ecco la Cupola modello Cosa nostra, in Repubblica.it. URL consultato il 14 luglio 2010.
  97. ^ 'ndrangheta, maxi blitz: preso boss Domenico Oppedisano. In Liguria arrestato Mimmo Gangemi, in Crime Blog.it. URL consultato il 16 luglio 2010.
  98. ^ 'ndrangheta, decine arresti tra la Calabria e la Lombardia, in Repubblica.it.
  99. ^ ‘Ndrangheta: clan guidati da “Corona”, al vertice un vecchio boss, in CN24.tv.
  100. ^ Forgione, 2008.
  101. ^ a b c d ‘ndrangheta - Indagine Eurispes, su didaweb.net. URL consultato il 14 dicembre 2008.
  102. ^ Antonio Nicaso, 'Ndrangheta. Le radici dell'odio, 2008, p.74.
  103. ^ Forgione, 2008.
  104. ^ Calabria Ora, 22 maggio 2008, p6
  105. ^ ‘Ndrangheta, con droga e appalti giro d'affari di 44 miliardi,, in Il Sole24ore.
  106. ^ Progetto PON sicurezza 2007-2013 – Gli investimenti delle mafie (PDF), su transcrime.it. URL consultato il 20 gennaio 2013.
  107. ^ a b (EN) 'ndrangheta mafia 'made more last year than McDonald's and Deutsche Bank', in The Guardian, 26 marzo 2014. URL consultato il 31 marzo 2013.
  108. ^ (EN) news, Italy's 'ndrangheta mafia 'earns more than McDonalds', in Yahoo, 26 marzo 2014. URL consultato il 31 marzo 2013.
  109. ^ Forgione, 2008.
  110. ^ a b Forgione, 2008.
  111. ^ Forgione, 2008.
  112. ^ a b c Forgione, 2008.
  113. ^ Forgione, 2008.
  114. ^ Forgione, 2008.
  115. ^ Forgione, 2008.
  116. ^ Come afferma il pentito Francesco Fonti
  117. ^ Forgione 2008.
  118. ^ Pentito cosca, politici compravano voti - Top News - ANSA.it, su ansa.it.
  119. ^ "La 'ndrangheta prende favori per i voti", intervista a Giuseppe Baldessarro - Diritto di critica, su dirittodicritica.com.
  120. ^ Nicola Gratteri: «Per la ‘ndrangheta il calcio è uno strumento di potere», 19 maggio 2015. URL consultato il 3 maggio 2018.
  121. ^ Boss presidenti, rampolli in campo e squadre in mano ai clan: è la 'Ndrangheta football club, 20 maggio 2015. URL consultato il 3 maggio 2018.
  122. ^ a b Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni, in camera.it, 3 maggio 2017. URL consultato il 3 maggio 2018.
  123. ^ Gratteri 2006.
  124. ^ 'ndrangheta:Demoskopika, attive 380 cosche,50 mila affiliati, in Ansa.it, 26 marzo 2014. URL consultato il 31 marzo 2013.
  125. ^ Ciconte 2009.
  126. ^ Forgione 2009.
  127. ^ a b Forgione 2009.
  128. ^ Forgione 2009.
  129. ^ Gratteri 2006.
  130. ^ Forgione, 2008.
  131. ^ Narcos e generali la resa dei conti, Peacelink, su italy2.peacelink.org. URL consultato il 13 dicembre 2008.
  132. ^ Gratteri 2006.
  133. ^ Forgione 2009.
  134. ^ «La ' ndrangheta all'assalto della Borsa di Francoforte», in Corrieredellasera.it (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2013).
  135. ^ E ora la 'ndrangheta supera cosa nostra, Intervista a Enzo Ciconte, Grandi inchieste il sito di Ferruccio pinotti, su grandinchieste.blogspot.com. URL consultato il 14 dicembre 2008.
  136. ^ Gratteri 2006.
  137. ^ ‘Ndrangheta: Milano, 20 arresti, sequestrati 250 kg coca, in kataweb.
  138. ^ 'Ndrangheta le radici dell'odio, Roma, Aliberti Editore, 2008.
  139. ^ Memorie tossiche di un pentito, su democrazialegalita.it. URL consultato il 15 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 9 maggio 2010).
  140. ^ La nuova Gomorra, in L'espresso.
  141. ^ MANETTE AL BOSS: FU IL PRIMO DEGLI ELETTI NEL SUO COMUNE, in repubblica.it, 10 agosto 1985. URL consultato il 27 aprile 2018.
  142. ^ Desio, cade la giunta per infiltrazioni mafiose. Adesso si va verso il commissariamento, in Il Fatto Quotidiano. URL consultato il 27 novembre 2010.
  143. ^ Bordighera, infiltrazioni mafiose. Sciolto il consiglio comunale, in Repubblica.it. URL consultato il 10 marzo 2011.
  144. ^ ‘Ndrangheta, sindaco di Ventimiglia si dimette, in Il fatto quotidiano. URL consultato il 3 novembre 2011.
  145. ^ a b Il governo scioglie il Consiglio di Ventimiglia, in Corriere.it. URL consultato il 3 febbraio 2012.
  146. ^ a b Il Viminale scioglie per mafia il comune di Reggio Calabria, in Repubblica.it. URL consultato il 9 ottobre 2012.
  147. ^ Sedriano, Comune sciolto per mafia: la prima volta che accade in Lombardia, in Repubblica.it. URL consultato il 16 ottobre 2013.
  148. ^ a b ‘Ndrangheta, sciolti i consigli comunali di Sedriano (Milano) e Cirò (Crotone), in Corriere.it. URL consultato il 16 ottobre 2013.
  149. ^ a b Brescello: Comune sciolto per mafia, in gazzettadiparma.it, 20 aprile 2016. URL consultato il 20 aprile 2016.
  150. ^ a b Il governo scioglie per mafia il Comune reggiano di Brescello, in Repubblica.it, 20 aprile 2016. URL consultato il 20 aprile 2016.
  151. ^ ‘Ndrangheta, Cdm ha sciolto per mafia Brescello. È il primo comune in Emilia Romagna, in il fatto quotidiano, 20 aprile 2016. URL consultato il 20 aprile 2016.
  152. ^ a b c d e Lamezia Terme e altri 4 comuni sciolti per infiltrazioni mafiose, in corriere.it, 22 novembre 2017. URL consultato il 22 novembre 2017.
  153. ^ a b Lamezia Terme, il Tar del Lazio annulla lo scioglimento del Comune per mafia, in repubblica.it, 22 febbraio 2019. URL consultato il 22 febbraio 2019.
  154. ^ Mafia, 5 comuni sciolti per infiltrazioni: quarta volta per Platì. Nella lista anche Limbadi, città del clan Mancuso, in ilfattoquotidiano.it, 27 aprile 2018. URL consultato il 27 aprile 2018.
  155. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al am an ao ap Comuni sciolti, su autonomiecalabria.it. URL consultato il 10 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2012).
  156. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w ELENCO COMPLETO DECRETI EX ART. 143 DEL T.U. ENTI LOCALI (AGGIORNATO AL 26 APRILE 2018)LENCO COMPLETO DECRETI EX ART. 143 DEL T.U. ENTI LOCALI (AGGIORNATO AL 26 APRILE 2018) (PDF), su avvisopubblico.it. URL consultato il 27 aprile 2018.
  157. ^ Sciolto il Consiglio comunale di Amantea [collegamento interrotto], in Calabrianotizie.
  158. ^ a b Il governo scioglie i comuni di Casal di Principe e Castel Volturno, in Repubblica.it. URL consultato il 6 aprile 2012.
  159. ^ Sciolto il Comune di BagnaraNominati i commissari prefettizi - Reggio Calabria - Il Quotidiano della Calabria, su ilquotidianoweb.it (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2015).
  160. ^ Redazione online, Bordighera: sciolto per infiltrazioni mafiose il consiglio comunale, in Corriere della Sera, 10 marzo 2011. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  161. ^ Consiglio di Stato, Sez. III, sentenza 12.1.2013, n. 126. (XML), su giustizia-amministrativa.it (archiviato dall'url originale il 15 gennaio 2013).
  162. ^ a b c Seconda relazione semestrale del 2010 della DIA
  163. ^ a b Sciolti per mafia Salemi e Racalmuto in Calabria sciolti Platì e Bova Marina, in Repubblica.it. URL consultato il 23 marzo 2012.
  164. ^ Sciolto per mafia il Consiglio comunale di BovalinoEvidenziati «condizionamenti della criminalità» - Cronache - Il Quotidiano della Calabria, su ilquotidianoweb.it (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2015).
  165. ^ a b Mafia, sciolti i comuni di Corleone, Tropea, Bovalino e Arzano, in Repubblica.it, 10 agosto 2016. URL consultato il 12 agosto 2016.
  166. ^ a b Infiltrazioni Mafiose, sciolti i consigli comunali di Briatico e Samo, in il Quotidiano della Calabria, 21 gennaio 2012. URL consultato il 30 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2012).
  167. ^ 'ndrangheta: sciolti comuni, uno guidato Presidente Provincia, in gazzettadelsud.it, 8 maggio 2018. URL consultato il 9 maggio 2018.
  168. ^ a b Redazione, Il Consiglio Ministri ha sciolto i comuni di Careri e S.Ilario Ionio. Ecco gli amministratori, in Tirreno News, 14 febbraio 2012. URL consultato il 15 febbraio 2012.
  169. ^ Il Tar del Lazio annulla lo scioglimento per mafia del Comune di Cirò - Cronache - Il Quotidiano della Calabria, su ilquotidianoweb.it (archiviato dall'url originale il 21 gennaio 2015).
  170. ^ a b c d e Ivi.
  171. ^ Sciolto Consiglio comunale di Gioia Tauro, in Corriere.it.
  172. ^ Il Consiglio comunale di Joppolo non andava scioltoIl Tar Lazio: «Nessuna infiltrazione della mafia» - Cronache - Il Quotidiano della Calabria, su ilquotidianoweb.it (archiviato dall'url originale il 7 giugno 2015).
  173. ^ Leinì, sciolto il consiglio per "infiltrazioni mafiose", in Repubblica.it. URL consultato il 23 marzo 2012.
  174. ^ a b c d Mafia, sciolti sei comuni in Calabria, Campania e Sicilia, in Ilfatto.it. URL consultato il 6 aprile 2013.
  175. ^ Mongiana, sciolto per mafia il consiglio comunale, in Corriere della Calabria, 6 luglio 2012. URL consultato il 10 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2012).
  176. ^ Mafia, sciolto il Comune di Nardodipace, in calabrianotizie.it, 14 dicembre 2011. URL consultato il 3 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2015).
  177. ^ Alessandro Capponi, «Mafia a Nettuno». Sciolto il consiglio, in Archivio storico - Corriere della Sera, 25 novembre 2005. URL consultato il 21 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 27 febbraio 2013).
  178. ^ Infiltrazioni della 'ndrangheta sciolto il comune di Palizzi, in corrieredellacalabria.it, 1º maggio 2019. URL consultato il 1º maggio 2019.
  179. ^ Antonello Micali, Comune di Rivarolo sciolto per mafia, in Torino - Repubblica.it, 22 maggio 2012. URL consultato il 13 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 13 luglio 2012).
  180. ^ 'Ndrangheta, sciolto il Consiglio comunale di Scilla. Prorogate anche le commissioni a Tropea e Nicotera, in quotidianodelsud.it, 21 marzo 2018. URL consultato il 28 marzo 2018.
  181. ^ Sciolto per mafia il consiglio comunale di Siderno, in L'Avvenire di Calabria, 9 agosto 2018. URL consultato il 5 settembre 2018.
  182. ^ Siderno, sciolto per mafia il consiglio comunale, in corrieredellacalabria.it, 9 agosto 2018. URL consultato il 5 settembre 2018.
  183. ^ 'Ndrangheta, infiltrazioni mafiose al Comune di Stilo. Il Consiglio dei Ministri ha disposto lo scioglimento, in quotidianodelsud.it, 8 maggio 2019. URL consultato l'8 maggio 2019.
  184. ^ a b ‘Ndrangheta, il Consiglio dei ministri ha deciso lo scioglimento dell’Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria, in ilfattoquotidiano.it, 13 marzo 2019. URL consultato il 13 marzo 2019.
  185. ^ Asl di Locri sciolta per mafia, su casadellalegalita.info.
  186. ^ Forgione, 2008.
  187. ^ a b Ciconte, 1986.
  188. ^ Criminalità: legami 'ndrangheta-Camorra emersi durante guerra di Secondigliano, ammazzatecitutti.org, su ammazzatecitutti.org. URL consultato il 10 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 5 gennaio 2009).
  189. ^ a b Nicola Gratteri, Fratelli di sangue, Luigi Pellegrini Editore, 2007, p157, ISBN 88-8101-373-8.
  190. ^ Enzo Ciconte, Rapporti tra le mafie, in Processo alla 'Ndrangheta, Laterza, 1986.
  191. ^ Forgione 2008.
  192. ^ Narcos e generali, la resa dei conti, su italy2.peacelink.org. URL consultato il 14 dicembre 2008.
  193. ^ Messico-Calabria, la via dei narcos 200 arresti tra Centroamerica e Italia, in Repubblica.it.
  194. ^ Ansa del 13 gennaio 2005
  195. ^ Luni Mancuso e la 'ndrangheta di una volta «Ora non esiste più. È tutta massoneria», in Corriere.it.
  196. ^ a b Nicola Gratteri, Antonio Nicaso, La giustizia è una cosa seria: un migliore sistema giudiziario per sconfiggere le mafia, Milano, Mondadori, 2011, p. 134.
  197. ^ a b c d e Presenza mafiosa e riutilizzo dei beni confiscati nella Piana di Gioia Tauro: una proposta di analisi (PDF), su avvisopubblico.it. URL consultato il 10 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2009).
  198. ^ Mario Guarino, Poteri segreti e criminalità: l'intreccio inconfessabile tra 'ndrangheta, massoneria e apparati dello Stato, Bari, Dedalo, 2004, pp. 17-18.
  199. ^ Francesco Forgione, 'ndrangheta: boss, luoghi e affari della mafia più potente al mondo, Milano, Baldini Castoldi Dalai, 2008, pp. 38 e segg..
  200. ^ Saverio Lodato, Roberto Scarpinato, Il ritorno del principe, Milano, Chiarelettere, 2008, p. 245.
  201. ^ Gratteri 2006.
  202. ^ Calabria Ora del 24 settembre 2007
  203. ^ .Gratteri 2006
  204. ^ Dalla Calabria, ecco gli invisibili: massoni, politici, boss. Nelle intercettazioni il secondo livello della 'ndrangheta, in Milanomafia.it.
  205. ^ Cosca Mancuso-Tripodi voleva lavori terremoto Abruzzo, in Gazzettadelsudonline.
  206. ^ Lucio Musolino, ‘Ndrangheta: spunta la “Corona”, il punto di contatto tra cosche e massoneria, su ilfattoquotidiano.it, 13 novembre 2012.
  207. ^ "Affiliazioni irregolari e inquinamento malavitoso". E il Grande Oriente d'Italia sospende la loggia, in Repubblica.it, 17 novembre 2013. URL consultato il 20 novembre 2013.
  208. ^ ‘Ndrangheta, scoperta la cassaforte del boss Nicolino Grande Aracri: conto corrente con 200 milioni di euro, in Il Fatto Quotidiano, 6 gennaio 2015. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  209. ^ ‘Ndrangheta, colpo ai Grande Aracri. Legami clan-massoneria: “Se c'è un problema, loro devono risolverlo”, in Il Fatto Quotidiano, 4 gennaio 2015. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  210. ^ Da Cosa nostra a Cosa nuova «Ecco il piano per riunire i clan», 18 luglio 2016. URL consultato il 18 luglio 2016.
  211. ^ Nudo accanto allo scheletro: i riti della massoneria "hard", 21 settembre 2016. URL consultato il 25 settembre 2016.
  212. ^ Il patto di ferro tra 'ndrangheta e massoneria deviata, LA SANTA, 16 luglio 2016. URL consultato il 25 settembre 2016.
  213. ^ Massoneria, mafia, politica e servizi: ecco la “nuova” ‘ndrangheta. “In Calabria 28 logge su 32 controllate da clan”, è scontro, 18 luglio 2016. URL consultato il 25 settembre 2016.
  214. ^ Calabria: sequestrate 8 tonnellate di cocaina, 54 arresti. Indagati legati alla cosca Mancuso, in ilfattoquotidiano.it, 24 gennaio 2017. URL consultato il 25 gennaio 2017.
  215. ^ Narcotraffico: partnership e alleanze fra i clan vibonesi per l’importazione della cocaina, in ilvibonese.it, 24 gennaio 2017. URL consultato il 25 gennaio 2017.
  216. ^ ‘Ndrangheta a New York, e il boss disse: “Mi sono mangiato un rene e un cuore”, in il fatto quotidiano, 8 maggio 2015. URL consultato l'8 luglio 2015.
  217. ^ Maxi-blitz contro 'ndrangheta e mafia Usa. Arrestato il boss Francesco Ursino, in Repubblica.it.
  218. ^ Messico-Calabria, la via dei narcos 200 arresti tra America e Italia, in repubblica.it, 17 settembre 2008. URL consultato l'8 luglio 2015.
  219. ^ La Calabria e i narcos: 200 arresti, in repubblica.it, 18 settembre 2008. URL consultato l'8 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2015).
  220. ^ Le rotte della droga tra il Sudamerica e la Calabria Seicento chili di cocaina sequestrati e 44 arresti, in Ilquotidianoweb.it, 9 luglio 2015. URL consultato il 9 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2015).
  221. ^ Ciconte 2009.
  222. ^ Australia. Proveniva dall'[[Italia]] la più grande partita di ecstasy mai sequestrata su Fuoriluogo.it [collegamento interrotto], su fuoriluogo.it. URL consultato il 18 marzo 2009. Wikilink compreso nell'URL del titolo (aiuto)
  223. ^ Droga nei pomodori: maxi sequestro di ecstasy in Australia su CrimeBlog, su crimeblog.it. URL consultato il 18 marzo 2009.
  224. ^ Forgione 2009.
  225. ^ L'arresto di Coluccio a Toronto una svolta nell'inchiesta, in Repubblica.it. URL consultato il 6 ottobre 2010.
  226. ^ A Bruxelles un intero quartiere comprato dalla 'ndrangheta, in Repubblica.it.
  227. ^ II Relazione semestrale 2012 della DIA, p.82-87
  228. ^ Non solo droga, fiori e cioccolata nuovi interessi della 'ndrangheta, in adnkronos.it, 28 settembre 2015. URL consultato il 22 ottobre 2015.
  229. ^ ‘Ndrangheta, Gratteri: “Milano la più grande piazza di cocaina d’Europa, noi la contrastiamo da Reggio”, in strettoweb.com, 28 settembre 2015. URL consultato il 22 ottobre 2015.
  230. ^ (EN) Giulio Rubino, How the Italian mafia found a Dutch home, in euobserver.com, 27 marzo 2017. URL consultato il 27 marzo 2017.
  231. ^ ‘ndrangheta, operazione ‘Apegreen Drug’: 14 in manette. Ai domiciliari poliziotto infedele, in ilfattoquotidiano.it, 22 gennaio 2017. URL consultato il 15 novembre 2017.
  232. ^ ‘Ndrangheta, dall’Africa al Belgio il business europeo della cocaina è controllato da un paesino della Calabria, in ilfattoquotidiano.it, 14 novembre 2017. URL consultato il 15 novembre 2017.
  233. ^ Faide di Arcangelo Badolati, p41-44
  234. ^ Nicola Gratteri, Fratelli di sangue, Luigi Pellegrini Editore, 2007, p130, ISBN 88-8101-373-8.
  235. ^ a b Nicola Gratteri, Fratelli di sangue, Luigi Pellegrini Editore, 2007, p201-202, ISBN 88-8101-373-8.
  236. ^ Il patriarca di Andrea Galli, Edizione BUR settembre 2014, p.143
  237. ^ a b c d e Nicola Gratteri, Fratelli di sangue, Luigi Pellegrini Editore, 2007, p151-152, ISBN 88-8101-373-8.
  238. ^ pubblicazione 0 repubblica.it, Sparano al capocosca davanti al tribunale, 20 novembre 1986. URL consultato il 2 febbraio 2016.
  239. ^ Dietro la faida di Stefanaconi la regia dei Mancuso, 20 novembre 2012. URL consultato il 15 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2014).
  240. ^ Nicola Gratteri, Fratelli di sangue, Luigi Pellegrini Editore, 2007, p108-109, ISBN 88-8101-373-8.
  241. ^ Maroni: "Consiglio dei ministri in Calabria per un piano straordinario antimafia", in Repubblica.it.
  242. ^ 'ndrangheta: carabinieri arrestano boss Giuseppe D'Agostino, in Archivio Stampa.
  243. ^ Gratteri 2006.
  244. ^ Presunto boss Vincenzo D'Agostino scarcerato per decorrenza dei termini, in CrimeBlog.
  245. ^ faida di Sant'Ilario 30 anni a Filippone [collegamento interrotto], in CalabriaH24.
  246. ^ GEROCARNE. Luce sulla faida delle Serre. Tutti gli arrestati, i fatti, le intercettazioni decisive [collegamento interrotto], su zoomsud.it.
  247. ^ Da Corriere della Sera del 19/10/2006, Archivio '900
  248. ^ La santa, su lasantafilm.it. URL consultato il 14 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2009).
  249. ^ Il capitano 2: il ritorno delle fiamme gialle, Mymmovies.it, su mymovies.it. URL consultato il 10 dicembre 2008.
  250. ^ Era mio fratello: una storia sulla 'ndrangheta per Raiuno, in tvblog.it, 30 settembre 2007. URL consultato il 18 ottobre 2008.
  251. ^ Ndrangheta - Das blutige Business einer Mafia, in programm.ard.de, 22 ottobre 2010. URL consultato il 17 gennaio 2019.
  252. ^ 'NDRANGHETA: UN VIAGGIO A FINO MORNASCO, I COMMERCIANTI NON PARLANO. "ABBIAMO PAURA", su youtube.com, 29 dicembre 2014. URL consultato il 3 aprile 2015.
  253. ^ 'NDRANGHETA: SINDACO DI TREZZANO, MILANO COME BEIRUT GOVERNO INTERVENGA, su youtube.com, 2 febbraio 2015. URL consultato il 3 aprile 2015.
  254. ^ ‘Ndrangheta in Svizzera tra omertà e coperture. Bloccata intervista alla Rsi, in ilfattoquotidiano, 5 marzo 2015. URL consultato il 22 ottobre 2015.
  255. ^ Domenico naso, Lady ‘Ndrangheta, il documentario sulle donne della mafia più ricca e potente d’Italia, in fattoquotidiano.it, 6 marzo 2016. URL consultato il 18 dicembre 2016.
  256. ^ Uno di famiglia, 'ndrangheta da ridere, in ansa.it, 14 giugno 2018. URL consultato il 14 giugno 2018.
  257. ^ A Rosarno dove regna la ’ndrangheta e la densità criminale più alta in Italia, in lastampa.it, 18 settembre 2018. URL consultato il 18 settembre 2018.
  258. ^ 'Liberi di scegliere', la storia del giudice che salvava i bambini, in repubblicait, 16 gennaio 2019. URL consultato il 17 gennaio 2019.
  259. ^ Duisburg-Linea di sangue, Liotti indaga sulla faida del 2007, in ansa.it, 16 maggio 2019. URL consultato il 18 maggio 2019.
  260. ^ La musica della mafia, su malavita.com. URL consultato il 10 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2012).
  261. ^ Ndrangheta canti e storie - Elca Sound, su elcasound.com. URL consultato il 10 gennaio 2012.
  262. ^ Ndrangheta canti e storie - Elca Sound, su elcasound.com. URL consultato il 10 gennaio 2012.
  263. ^ Il canto di malavita calabrese - itunes, su itunes.apple.com. URL consultato il 10 gennaio 2012.
  264. ^ La globalizzazione delle cattive idee. Mafia, musica, mass media, su archivio900.it. URL consultato il 14 dicembre 2008.
  265. ^ a b «Non ci fotte nessuno»: la trap con i mitra in mano dei figli della 'ndrangheta, in espresso.repubblica.it, 19 febbraio 2019. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  266. ^ Servizio Rai sulle canzoni di 'ndrangheta, su it.youtube.com. URL consultato il 14 dicembre 2008.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN187147118205026341238 · LCCN (ENn2016039015 · GND (DE4332249-9 · BNF (FRcb12387172f (data) · WorldCat Identities (ENn2016-039015