Neile Adams

attrice e ballerina statunitense

Neile Adams, all'anagrafe Ruby Neilam Salvador Adams (Manila, 10 luglio 1932), è un'attrice e ballerina filippina naturalizzata statunitense.

Neile Adams

BiografiaModifica

Nata a Manila nel 1932, Neile Adams non conobbe mai il padre[1] José Arrastia (di origini spagnole) e venne cresciuta dalla madre[2], la ballerina Carmen Salvador, di ascendenze tedesche e filippine. Durante la seconda guerra mondiale, la piccola Neile trascorse tre anni in un campo di concentramento giapponese e, in seguito, ancora adolescente, venne mandata in un convento di Hong Kong e successivamente in un collegio in Connecticut[2].

Iniziò la propria carriera artistica nei primi anni cinquanta come ballerina a New York. La sua bellezza classica, con i capelli scuri tagliati corti alla maschietta[3], e il suo talento di danzatrice le consentirono una rapida affermazione sulle scene di Broadway, dove recitò in Kismet e dove ebbe il ruolo di protagonista già al suo secondo musical, The Pajama Game[2], andato in scena nelle stagioni dal 1954 al 1956.

 
Neile Adams con Steve McQueen nel telefilm Alfred Hitchcock presenta (1960)

Fu in quel periodo che la Adams conobbe Steve McQueen, all'epoca giovane attore in cerca di affermazione sulle scene newyorkesi. Trasferitasi in California per recitare in un ruolo di coprotagonista nel film Questa notte o mai (1957)[4], con Anthony Franciosa, Jean Simmons e Paul Douglas, il 2 novembre 1956 lei e McQueen si sposarono dopo tre mesi di fidanzamento nella chiesetta di San Clemente, a sud di Los Angeles[5].

Dopo il matrimonio con McQueen, la Adams rallentò sensibilmente la propria attività artistica, comparendo negli anni successivi soltanto in alcune serie televisive, come Westinghouse Desilu Playhouse (1959), Undicesima ora (1964), L'ora di Hitchcock (1964) e Organizzazione U.N.C.L.E. (1965). Si rivelò al contempo una determinante artefice del successo di McQueen, che al suo fianco conquistò rapidamente la popolarità grazie alla serie televisiva Ricercato vivo o morto e si affermò definitivamente con il film I magnifici sette (1960), che gli diede la celebrità mondiale e lo avviò a diventare uno dei grandi miti del cinema americano. Dall'unione con McQueen sarebbero nati due figli, Terry il 5 giugno 1959 e Chad il 28 dicembre 1960, divenuto anch'egli attore.

La Adams e McQueen apparvero insieme in due puntate della serie tv Alfred Hitchcock presenta, entrambe prodotte nel gennaio 1960, One Grave Too Many e Man from the South. In quest'ultimo episodio, tratto da una novella di Roald Dahl e tra i più famosi della serie, la coppia recitò con Peter Lorre in un'avvincente storia nella quale un uomo mette in palio la sua nuova Cadillac contro il mignolo di un altro uomo, scommettendo che questi non riuscirà a far accendere per dieci volte consecutive un accendino[6]. Subito dopo sostenne un provino per entrare nel cast di West Side Story, ma la seconda gravidanza non le consentì di coltivare questa nuova chance di carriera[6].

Dopo le sporadiche apparizioni televisive della prima metà degli anni sessanta, la Adams non comparve sulle scene per diverso tempo. Il matrimonio con Steve McQueen, entrato in crisi alla fine del decennio, terminò con il divorzio nel 1972. Fu nello stesso anno che l'attrice riprese a recitare, tornando al cinema con il ruolo di Teddy, la moglie sordomuta del detective Steve Carella (Burt Reynolds) nel film ...e tutto in biglietti di piccolo taglio (1972), tratto da un romanzo di Ed McBain appartenente al filone poliziesco incentrato sulle vicende dell'87º Distretto. Nel corso degli anni settanta apparve inoltre in episodi di alcune celebri serie televisive come Pepper Anderson agente speciale (1976), La donna bionica (1977), Agenzia Rockford (1978), Fantasilandia (1980), accreditata con il nome di Neile McQueen.

Memore del suo passato in produzioni musicali, lavorò inoltre nei teatri di Las Vegas dove, sul finire degli anni settanta, fu protagonista in una versione di Can Can[7] e, nel 2000, di uno show personale a Londra[8]. Nel 1980 sposò in seconde nozze Alvin Toffel, ex pilota da combattimento e allora presidente del Norton Simon Museum, museo d'arte di Pasadena[9]. Il matrimonio durò fino alla morte di Toffel, avvenuta nel 2005.

Terry McQueen, primogenita della Adams e di Steve McQueen, morì il 19 marzo 1998, all'età di 38 anni, per le conseguenze di un'emocromatosi che le era stata diagnosticata fin dai tardi anni settanta[10].

Neile Adams è zia di Isabel Preysler, madre del cantante Enrique Iglesias.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

NoteModifica

  1. ^ Christopher Sandford, McQueen, la biografia, Baldini & Castoldi, 2003. pag. 83
  2. ^ a b c McQueen 2003, pag. 83
  3. ^ McQueen 2003, pag. 84
  4. ^ McQueen 2003, pag. 85
  5. ^ McQueen 2003, pag. 86
  6. ^ a b McQueen 2003, pag. 135
  7. ^ McQueen 2003, pag. 422
  8. ^ McQueen 2003, pag. 489
  9. ^ McQueen 2003, pag. 435
  10. ^ McQueen 2003, pag. 491

BibliografiaModifica

  • Neile McQueen Toffel, Mio marito, un amico, 1ª edizione, Sperling & Kupfer, 1988, pp. 377 pp, ISBN 88-200-0810-6.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN247996439 · ISNI (EN0000 0000 2477 1820 · Europeana agent/base/17966 · LCCN (ENn85132976 · GND (DE1173099883 · BNF (FRcb170743053 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n85132976