New York Red Bulls

società calcistica statunitense con sede nella città di Harrison, nell'area metropolitana di New York
New York Red Bulls
Calcio Football pictogram.svg
NY Red Bulls crest.png
Red Bulls, Metros
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px concentric HEX-0000FF HEX-FF0000 White.svg Rosso, bianco
Dati societari
Città Harrison
Nazione Stati Uniti Stati Uniti
Confederazione CONCACAF
Federazione Flag of the United States.svg USSF
Campionato Major League Soccer
Fondazione 1995
Proprietario Austria Red Bull
Allenatore Austria Gerhard Struber
Stadio Red Bull Arena
(25 000 posti)
Sito web www.newyorkredbulls.com
Palmarès
Trofei nazionali 3 Supporters' Shield
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

Il New York Red Bulls, conosciuto precedentemente come New York/New Jersey MetroStars, è un club calcistico statunitense con sede nella città di Harrison (New Jersey). Nella stagione 2022 milita nella Major League Soccer (MLS), vertice della piramide calcistica statunitense. Fondato nel 1995, ha come colori sociali il rosso e il bianco. Includendo la stagione 2022, ha partecipato a tutti i 27 campionati nazionali della MLS.

I Red Bulls hanno vinto tre Supporters' Shield;[1] in ambito internazionale il miglior risultato ottenuto è stata la semifinale raggiunta in CONCACAF Champions League 2018.[2]

StoriaModifica

La nascita dei MetroStars e l'ingresso in MLSModifica

Nel 1996 il New York/New Jersey MetroStars fu una delle dieci franchigie fondatrici della Major League Soccer[3] e, per rendere competitiva fin da subito la franchigia, vennero acquistati diversi calciatori di spicco internazionale come Roberto Donadoni, Peter Vermes e Tab Ramos;[4] I fondatori del club, John Kluge e Stuart Subotnick optarono inizialmente per "Empire Soccer Club" come primo nome della società, ma successivamente cambiarono idea scegliendo "MetroStars", nome assonante con Metromedia, la media company di cui Kluge era proprietario.[5] Le prime tre partite giocate in assoluto dalla squadra newyorchese furono deludenti viste le tre sconfitte; la prima partita in casa, giocata al Giants Stadium, contro il New England Revolution terminò col parziale di 0-1 a causa dell'autorete di Nicola Caricola negli ultimi minuti di gioco.[6] La prima stagione registrò un record di 15 vittorie e 17 sconfitte, la qualificazione ai play-off e la conseguente eliminazione nel primo turno da parte del D.C. United. La seconda stagione risultò deludente dal punto di vista dei risultati e difatti il club si piazzò in ultima posizione nella propria conference, mancando così la qualificazione ai play-off ed anche in coppa nazionale l'arresto avvenne in semifinale; a fine stagione, Donadoni lasciò il club per tornare al Milan.[7][8] A due anni dalla nascita della MLS, la dirigenza decise di rimuovere dal nome del club la localizzazione geografica "New York/New Jersey", visto che la situazione si stava complicando; infatti, quando ancora il campionato non era partito e si stava decidendo quali città dovessero avere una propria franchigia, sia alla città di New York sia all'area del New Jersey era stato promesso uno slot. Successivamente si scelse di accorpare i due slot in uno solo e ciò, nel corso degli anni, attirò diverse critiche delle due tifoserie di zona.[9] Fino al prossimo cambio di proprietà, il club si sarebbe chiamato soltanto "MetroStars". Per riparare alle lacune difensive evidenti nei primi due anni di attività, la campagna acquisti per la stagione successiva vide l'ingaggio di Alexi Lalas[10] e di un nuovo gruppo di calciatori stranieri tra cui l'attaccante Eduardo Hurtado e i centrocampisti Diego Soñora e Wellington Sánchez.[11][12] Grazie ai nuovi innesti, la squadra centrò la qualificazione ai play-off e raggiunse, per il secondo anno di fila, la semifinale in coppa. L'uscita dalla fase finale avvenne per opera del Columbus Crew, uscito vincente in entrambe le partite disputate.[13] Con l'abbassamento del numero di giocatori stranieri da poter avere in organico ed il rinnovamento della rosa,[14] la squadra dell'anno precedente venne smantellata e rimpinguata con calciatori meno noti e i risultati sportivi ne risentirono pesantemente: vennero vinte solo sette partite su 32 giocate e il primo a subire le conseguenze di risultati così deludenti fu l'allenatore, Bora Milutinović, con una separazione consensuale a fine stagione.[15] La scelta del successivo allenatore dei MetroStars ricadde su Octavio Zambrano il quale firmò un contratto biennale.[16] Il nuovo anno si aprì con una querelle che vide protagonista Lothar Matthäus; nel corso della stagione passata il campione mondiale di Italia '90 trovò l'accordo con Stillitano, allora presidente e general manager del club, e Milutinović per trasferirsi l'anno seguente ai MetroStars ma con il passaggio di consegne, a livello dirigenziale, da Stillitano a Sakiewicz e l’allontanamento dell'allenatore serbo in favore di Zambrano, il difensore tedesco non era più convinto di trasferirsi in un ambiente in cui non avrebbe trovato chi, precedentemente, lo convinse ad accettare l'offerta americana.[17] La questione si risolse grazie al viaggio di Nick Sakiewicz in Spagna, dal quale tornò dopo aver intascato il sì definitivo dell'atleta.[18] La stagione si rivelò entusiasmante, la squadra infatti arrivò al primo posto nel proprio girone e la corsa alla finale MLS terminò in semifinale a seguito della sconfitta nel match di spareggio contro il Chicago Fire.[19] La stagione seguente fu segnata dai tragici attentati dell'11 settembre, causando la cancellazione degli ultimi due turni della stagione regolare, terminata al sesto posto.[20] Il 15 ottobre 2003 gioca la prima finale di coppa nazionale e la prima in assoluto nella propria storia: battuti in ordine Michigan Bucks, Columbus Crew, New England Revolution e D.C. United, l'ultima sfida fu disputata contro il Chicago Fire al Giants Stadium di East Rutherford; la partita terminò con la vittoria di Chicago, rimandando così la vittoria del primo titolo dei MetroStars.[21] In campionato riuscì a qualificarsi per la fase finale ma viene eliminato al primo turno dal New England Revolution.

L'era Red BullModifica

Fase di gioco tra Red Bulls e Philadelphia Union (2010) e la formazione del 2014

Nel 2006 l’azienda austriaca Red Bull acquistò il club e, come parte della loro sponsorizzazione, fu annunciato un cambio di nome e di identità visiva: la denominazione venne modificata in New York Red Bulls e fu presentato un nuovo logo.[22][23] Nel frattempo iniziarono i lavori per il nuovo impianto sportivo, i cui ritardi portarono la conclusione della costruzione nel 2010.[24] La prima stagione con la nuova proprietà terminò con la quarta qualificazione consecutiva ai play-off, terminati con l'immediata eliminazione alle semifinali di conference per mano del DC United. In questi primi anni di gestione del club, la nuova proprietà cercò di migliorare l'organico partendo dai vertici; vennero assunti Bruce Arena, fresco CT uscente degli Stati Uniti, e Claudio Reyna, capitano della nazionale.[25][26] Le successive stagioni confermarono la crescita delle prestazioni sportive del club; nel 2007 la squadra raggiunse i quarti di finale della fase finale mentre l'annata susseguente arrivarono fino alla finale MLS Cup: il 23 novembre 2008 il club contese al Columbus Crew la conquista del titolo e venne sconfitto per 3 a 1, perdendo la prima finale MLS.[27] Grazie al piazzamento raggiunto, i Red Bulls si qualificarono di diritto, per la prima volta, alla CONCACAF Champions League. Il cammino internazionale si interruppe subito con la sconfitta nel preliminare contro il W Connection, coerentemente con l'andamento stagionale; infatti, al momento dell'inizio della Champions League, la squadra raccolse solo due vittorie su 22 partite disputate e a fine stagione il record negativo fu di 5 vittorie su 30 partite disputate e l'ultimo posto nella classifica generale.[28] Gli anni 2010 furono il decennio più glorioso per il club: vennero acquistati calciatori del calibro di Rafael Márquez,[29] Thierry Henry,[30] Bradley Wright-Phillips[31] e Tim Cahill.[32] Parallelamente a questi ingaggi arrivarono i primi significativi risultati sportivi: per ben cinque volte arrivarono primi nella propria conference, conquistando il primo Supporters' Shield nel 2013 e poi nuovamente nel 2015 e nel 2018.[33] A livello internazionale, il club si qualificò per cinque volte alla Champions League nordamericana raggiungendo la semifinale nell'edizione 2018.

In particolare, nel 2018 il team newyorchese dominò la stagione regolare facendo il record di punti (71);[34] arrivati alla fase play-off da favoriti, superarono il Columbus Crew in semifinale di Conference ma vennero eliminati al turno successivo dall'Atlanta United.[35] La stagione successiva vide una discesa rispetto all'anno precedente; in campionato la squadra arrivò sesta nella propria conference, dodicesima in assoluto, mentre in coppa perse al quarto turno contro il New England Revolution. In Champions League batté agilmente l'Atlético Pantoja agli ottavi, ma si fermò successivamente ai quarti di finale a causa della doppia sconfitta subita dal Santos Laguna.[36] La stagione 2020, segnata da una lunga interruzione dovuta alla pandemia di COVID-19, terminò con un anonimo tredicesimo posto in classifica generale e che permise comunque la qualificazione alla fase successiva. Nei play-off i giocatori vennero eliminati al primo turno dal Columbus Crew.[37] La stagione successiva confermò le prestazioni altalenanti della squadra, in particolare durante la prima metà della stagione in cui persero dieci delle prime venti partite; nelle ultime dodici partite di campionato la squadra conquistò 25 punti su 36 disponibili, frutto di sette vittorie, quattro pareggi ed una sola sconfitta, riuscendo ad accedere per il dodicesimo anno di fila alla fase play-off.[38]

CronistoriaModifica

Di seguito la cronistoria del New York Red Bulls.[39]

Cronistoria del New York Red Bulls
  • 15 giugno 1995 - Viene fondato il New York/New Jersey MetroStars.
  • 1996 - 3º in Eastern Conference della MLS. Quarti di finale dei play-off.
  • 1997 - 5º in Eastern Conference della MLS.
    Semifinali di U.S. Open Cup

La società cambia denominazione in MetroStars.


La società cambia denominazione in New York Red Bulls.


Colori e simboliModifica

ColoriModifica

I colori del club sono il bianco ed il rosso. Dal 1996 al 1997 erano il bianco e nero, successivamente vennero utilizzati come colori primari il rosso e nero su disposizione dell'allora presidente Charlie Stillitano, il quale volle omaggiare il Milan, club italiano di cui era tifoso.[40] Nel corso della storia la prima divisa attraversò tre distinte fasi cromatiche: durante la prima stagione la maglia fu nera e bianca (1996); in seguito si passò ad un completo a strisce rosso nere (dal 1997 al 2005); a partire dal 2006, la divisa primaria si presentò infine totalmente bianca con inserti rossi.[41] Per quanto riguarda la seconda maglia, durante il periodo "MetroStars" la seconda divisa da gioco fu sempre bianca e nera o soltanto bianca; con forme a serpentina nel '96 e a strisce dal 1997 al 2002 e completamente bianca dal 2003 al 2005; a partire dall'era "Red Bull", la seconda divisa mutò cromatura nel corso degli anni. Le colorazioni più frequentemente utilizzate furono il rosso, il blu ed il nero.[41]

Nelle stagioni 2018 e 2019 adottò una terza divisa nera con dettagli rispettivamente bianchi nella prima stagione e color ceruleo durante la seconda, mentre nel 2021 venne prodotta una terza maglia completamente bianca con inserti azzurri.[41]

Simboli ufficialiModifica

StemmaModifica

Lo stemma del club è uno scudo quadrangolare con la base arrotondata e contornato da un doppio bordo blu: al suo interno sono raffigurati due tori rossi che corrono l'uno verso l'altro, in primo piano c'è un pallone mentre sullo sfondo viene rappresentato il sole. Lo stemma si completa con la scritta "Red Bull" in rosso all'interno e posto in alto e con la scritta "New York" in blu posizionata nella parte bassa e sempre al suo interno.[42] Il primo stemma, utilizzato dal 1996 al 2001, riprendeva due grattacieli grigi sullo sfondo ed in primo piano era posta una lettera "M" fiammeggiante, colorata di rosso al suo interno e con i contorni gialli. Lo stemma successivo, utilizzato dal 2002 al 2005, era uno scudo di stile gotico ed era diviso in quattro parti di cui tre stavano a rappresentare gli stati di New York, New Jersey ed il Connecticut, mentre la quarta porzione di scudo era composta da strisce rosse e nere. Il terzo stemma, il primo griffato Red Bull, ha lo stesso concept dell'ultimo stemma, l'unica differenza sta nella rimozione delle thin lines, delle linee sottili, volte a rappresentare la corsa dei due tori.[42]

Il primo logotipo del club newyorchese risale al 1996: questo era composto dalla scritta "metrostars" stilizzata di colore bianco, con lo sfondo e il contorno per metà giallo e per metà rosso.[43] Tale wordmark è rimasto in uso fino al 1998, anno in cui ne è susseguito uno identico nella forma e nel carattere, ma con colori diversi, le lettere in bianco su uno sfondo nero con il contorno rosso.[44] Nel 2006, anno dell'aggiornamento della brand identity della squadra di New York, è stato rinnovato il logotipo, scritto in stampatello, e con le parole "Red Bull" (in rosso) posizionate al di sotto di "New York" (in blu).[45]

InnoModifica

In un’intervista rilasciata al sito ufficiale della MLS, uno dei capi ultras della curva "South Ward" dichiarò che non esiste un inno ufficiale ma il gruppo è solito intonare canti e cori attraverso canzoni popolari di genere pop estrapolandone alcune parti e adattandole alla squadra.[46]

StruttureModifica

StadioModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Giants Stadium e Red Bull Arena (Harrison).
 
Il Giants Stadium nel 2007
 
Lo Stadio Red Bull Arena nel 2017

Il primo impianto sportivo utilizzato dal NY MetroStars è stato il Giants Stadium, a partire dal 1996 fino al 2009, già impiegato in precedenza dal N.Y. Cosmos e da altri club di altre discipline sportive. Durante questo periodo la squadra ha usufruito di altri impianti per giocare alcune partite di coppa; nel 1997 si giocò al Columbus Soccer Stadium la semifinale del torneo,[47] tra il 1999 ed il 2003 i MetroStars giocarono tre partite allo Yurcak Field di cui una semifinale,[48][49] sempre nello stesso periodo disputarono altre partite al Mitchel Athletic Complex, un campo sportivo di una base militare, dove si giocarono complessivamente tre turni di coppa.[50][51]

Il New York Red Bulls disputa le partite casalinghe alla Red Bull Arena a partire dal 2010 e la sua capienza può raggiungere i 25 000 spettatori. I lavori iniziarono nel settembre 2006 e la conclusione fu programmata per l'anno successivo ma in seguito all'acquisizione del club da parte della Red Bull la fine dei lavori venne posticipata al 2010.[52] La prima partita ufficiale casalinga dei Bulls venne giocata il 27 marzo 2010 contro il Chicago Fire.[53] Nel 2019 hanno affrontato il New England Revolution al MSU Soccer Park at Pittser Field, partita valida per il quarto turno della coppa nazionale.

Centro di allenamentoModifica

Situato nella Contea di Morris, il centro sportivo Red Bull Training Facility è costato 6 milioni di dollari ed è stato inaugurato nel 2013. L'impianto si estende su 6 ettari, comprende diversi terreni di gioco e nel corso degli anni, la struttura ha visto diversi lavori di ammodernamento, con l'implementazione di una struttura per l'Academy, nuovi spogliatoi, uffici per lo staff tecnico e varie altre strutture.[54] Nel 2021 la società annuncia la costruzione di un nuovo centro sportivo esteso su 32 ettari di terreno.[55]

SocietàModifica

Organigramma societarioModifica

Di seguito l'organigramma del New York Red Bulls, aggiornato al 30 novembre 2021.

Staff dell'area amministrativa

Modifica

Di seguito la cronologia degli sponsor tecnici del New York Red Bulls.[56]

Cronologia degli sponsor tecnici

Impegno nel socialeModifica

La società newyorchese è attiva anche nel sociale: fin dalla sua fondazione il club opera su più fronti per sostenere le persone meno abbienti della comunità e programma vari eventi con cui far avvicinare i bambini ed i ragazzi allo sport.[57]

Settore giovanileModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: New York Red Bulls II.

Nel 2015 il New York Red Bulls fondò la propria Academy, ovvero il corrispettivo di un settore giovanile, al cui interno vi sono varie squadre in base alle fasce d'età. Tutte le giovanili si allenano al centro sportivo Red Bull Training Facility.[58] Nello stesso anno, il club annunciò la creazione di una propria squadra riserve con sede a Montclair.[59] Nel dicembre 2021 viene confermata la presenza della squadra riserve nel campionato USL per la stagione 2022, l'ultima nella lega.[60] A partire dalla stagione 2023, la squadra prenderà parte alla MLS Next Pro.[61]

Diffusione nella cultura di massaModifica

Cinema e televisioneModifica

In una scena del film di Andy Fickman She's the Man (2006), viene inquadrata una parete sulla quale è appeso un poster di Eddie Gaven con indosso la maglia dei MetroStars.[62] A pochi mesi dalla chiusura della propria esperienza a New York e del ritiro dal calcio, Thierry Henry appare in un cameo nel film Entourage in cui scambia una breve conversazione con Ari Gold (Jeremy Piven) mentre passeggia con il proprio cane.[63]

In ambito televisivo, la franchigia viene citata in Sports Night (1998-2000), quando Dan Rydell (Josh Charles) chiede ai suoi amici di citargli almeno cinque squadre della lega in modo tale da non fare una brutta figura con la ragazza con cui deve uscire, dato che lei stessa gioca a calcio.[62]

Allenatori e presidentiModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori dei New York Red Bulls e Categoria:Presidenti dei New York Red Bulls

Di seguito l'elenco cronologico dei presidenti del New York Red Bulls.[64][65][66][67]

Presidenti
  • 1996-1999   Charlie Stillitano
  • 2000-2005   Nick Sakiewicz
  • 2006-2007  Alexi Lalas
  • 2007-   Marc De Granpré

Di seguito l'elenco cronologico degli allenatori del New York Red Bulls.[68]

Allenatori

CalciatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori dei New York Red Bulls

Legends RowModifica

 
Luis Robles

L'11 aprile 2022 è stato istituito il Legends Row ufficiale della società. Vengono selezionati gli atleti che si sono ritirati da almeno due anni. Di seguito il primo calciatore eletto.[69]

Maglie ritirateModifica

La società ha ritirato un solo numero di maglia, ovvero il 99 indossato da Bradley Wright-Phillips, a New York dal 2013 al 2019, e la peculiarità di questo ritiro sta nel fatto che, al momento della decisione, il calciatore era ancora in attività agonistica.[70]

CapitaniModifica

In totale sono stati tredici i capitani dei Bulls. Thierry Henry ha guidato la squadra per più stagioni (quattro tra il 2011 ed il 2014). Nel 2005 la squadra ha avuto due capitani (Youri Djorkaeff e Amado Guevara), nel 2006 sono stati tre (Djorkaeff, Guevara e Tony Meola) e due nel 2008 (Claudio Reyna Juan Pablo Ángel).[71]

Contributo alle NazionaliModifica

Nazionale statunitense e giovaniliModifica

A partire dalla sua fondazione, i Red Bulls ebbero tra le proprie fila diversi calciatori appartenenti agli Stati Uniti. Durante le prime edizioni della Gold Cup, posteriori alla nascita della franchigia newyorchese, vennero convocati Alexi Lalas nel 1998,[72] Clint Mathis e Richie Williams[73] nella vittoriosa spedizione del 2002, di nuovo Mathis nel 2003,[74] Juan Agudelo e Tim Ream nel 2011[75][76] ed Aaron Long nel 2019.[77] Per quanto riguarda la rassegna mondiale, gli unici calciatori convocati, appartenenti alla franchigia newyorchese, sono stati Tab Ramos e Lalas nel 1998,[78] e Mathis nel 2002.[79] A seguito della vittoria in Gold Cup nel 2002, gli Stati Uniti si qualificarono di diritto per la Confederations Cup, cui partecipano Mathis e Tim Howard.[80]

Ci sono stati altri calciatori di rilievo, i quali non parteciparono a tornei internazionali, ad aver vestito la maglia a stelle e strisce durante la loro presenza tra le fila dei MetroStars/RedBulls, ad esempio, Peter Vermes, Santino Quaranta e Sacha Kljestan.[81][82][83]

A livello giovanile diversi calciatori hanno preso parte a rassegne internazionali di rilievo; Lalas partecipò alle Olimpiadi nel 1996 e Jozy Altidore a quelle del 2008.[84] Tyler Adams è l'unico calciatore ad aver vinto il campionato nordamericano di categoria (2017).[85]

 
Roberto Donadoni

Altre nazionaliModifica

Tra la fine degli anni novanta e dai primi anni duemila diversi calciatori vestirono la maglia della propria nazionale durante il periodo in cui erano a New York, tra i più rappresentativi: Roberto Donadoni prese parte ad Euro 96, giocando tutte e tre le partite dell'Italia da titolare,[86] Lothar Matthäus con la Germania giocò da titolare tutte e tre le partite della fase a gironi di Euro 2000,[87] Craig Ziadie e Dane Richards con la Giamaica i quali parteciparono rispettivamente alla Gold Cup nel 2003 e nel 2009 e 2011,[88][89] Alfredo Pacheco con il El Salvador,[90] Rafa Márquez con il Messico,[91] vincitore della Gold Cup nel 2011. Per quanto concerne l'area asiatica, Tim Cahill è l'unico calciatore ad aver giocato con una nazione del continente mentre era di proprietà dei Bulls, l'Australia, con cui conquistò nel 2015 la Coppa d'Asia. Andrew Boyens arrivò a New York nel maggio 2008 e, dopo aver giocato 21 partite nell'arco della stagione, a novembre dello stesso anno vinse la Coppa delle nazioni oceaniane con la Nuova Zelanda;[92][93] altri calciatori degni di nota furono Eduardo Hurtado con l'Ecuador,[94] Giovanni Savarese con il Venezuela,[95] Dwayne De Rosario e Karl Ouimette con il Canada,[96][97] Roy Miller con la Costa Rica,[98] Kemar Lawrence con la Giamaica con cui partecipò alla Gold Cup nel 2015 e nel 2017 arrivando fino alla finale in entrambe le occasioni, alla Copa América nel 2015 e nel 2016.[99]

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

2013, 2015, 2018

Altri piazzamentiModifica

  • Major League Soccer
Finalista: 2008
Finalista: 2003, 2017
  • CONCACAF Champions League
Semifinalista: 2018

Statistiche e recordModifica

Partecipazione ai campionatiModifica

Di seguito la partecipazione del New York Red Bulls ai campionati.[100]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
MLS 27 1996 2022 27

Negli Stati Uniti non esiste un sistema di promozioni e retrocessioni fra le leghe, quindi la distinzione in livelli delle leghe va intesa in base all'importanza commerciale del campionato e alla ratifica da parte della federazione.

Partecipazione alle coppeModifica

Di seguito la partecipazione del New York Red Bulls alle coppe.[101]

Competizione Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Lamar Hunt U.S. Open Cup 21 1997 2019 21
CONCACAF Champions League 5 2009-2010 2019 5
Coppa Merconorte 1 2001 1

Statistiche di squadraModifica

 
Mike Grella

Includendo la stagione 2022, il club ha partecipato a 27 campionati nazionali, giocati tutti in MLS, e alla US Open Cup a partire dall'edizione 1997. Per quanto riguarda le competizioni continentali, ha disputato in cinque occasioni la CONCACAF Champions League, arrivando in semifinale nel 2018. Dalla sua fondazione, ha raggiunto per 22 volte i play-off di cui dodici volte consecutivamente (2010-2021).[102]

La vittoria casalinga con il maggior numero di reti di scarto avvenne contro il Real Salt Lake nel 2006 (6-0) mentre quella in trasferta avvenne nel 2016 (New York Red Bulls-New York City 7-0).[103][104] Le peggiori sconfitte sono arrivate entrambe, negli Stati Uniti, nel 2008 da parte del Chicago Fire in tutte e due le occasioni (5-1) e (2-5).[105][106] L'8 maggio 2004 si registra il pareggio in trasferta con il più alto numero di gol (10): S.J. Earthquakes-New York MetroStars 5-5.[107] Dal 10 luglio 2016 all'11 marzo 2017 realizzò una striscia di 18 gare consecutive senza perdere (undici vittorie e sette pareggi).[108]

Statistiche individualiModifica

 
Bradley Wright-Phillips

Il giocatore che detiene il maggior numero di presenze con la maglia dei Bulls è Luis Robles, con 281 apparizioni. Bradley Wright-Phillips è il miglior marcatore della storia dei newyorchesi (140 reti) ed è anche il miglior marcatore stagionale con 27 reti segnate nella stagione 2014. Mike Grella realizzò la rete più veloce della Major League Soccer segnando dopo appena sette secondi contro il Philadelphia Union, partita valida per la 33ª giornata di campionato.[109]

Di seguito i record di presenze e reti dei giocatori dei Bulls:[110]

Record di presenze
Record di reti

Capocannonieri per singola stagioneModifica

In competizioni nazionaliModifica

Di seguito i capocannonieri in competizioni nazionali dei calciatori del New York Red Bulls.[111][112]

Major League Soccer
Lamar Hunt U.S. Open Cup

TifoseriaModifica

 
Il gruppo ultras Empire Supporters Club

StoriaModifica

IIl primo gruppo di tifoseria organizzata furono gli Empire Supporters Club: fondato nel 1995, il loro motto è Soy del Metro che richiama l'influenza ispanica e, più in generale, variegata che caratterizza il gruppo ultras.[113][114] Esistono altri gruppi ultras riconosciuti il cui scopo è di sostenere i giocatori in campo per tutta la partita: The Viking Army e Torcida 96. Questi tre gruppi nei match casalinghi occupano i settori 101, 102 e 133.[115] A partire dalla stagione 2020, il club annunciò l'intenzione di assegnare un'area, all'interno dello stadio, per far sì che la tifoseria organizzata più calda potesse stare in piedi ed in totale sicurezza; i settori interessati furono il 101, 102 e 133, generalmente conosciuto come South Ward.[116]

Rivalità e gemellaggiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Atlantic Cup (Major League Soccer).

I Red Bulls rientrano tra i club interessati dalle I-95 soccer rivalries, ovvero le rivalità calcistiche riguardanti le città attraversate dalla Interstate 95. La principale inimicizia riguarda l'Atlantic Cup, ovvero la sfida al D.C. United.[117][118] I due club si incontrarono per la prima volta il 12 maggio 1996 e al termine dei tempi regolamentarsi il punteggio rimase fermo sull'1-1; non essendo ancora previsto il pareggio, il match terminò agli shootout e vide la vittoria dell'allora MetroStars.[119]

 Lo stesso argomento in dettaglio: Derby dell'Hudson River.

La principale rivalità del City è quella del derby contro il New York City, fin dall'annuncio di una seconda franchigia nella città di New York la rivalità ebbe modo di accendersi. Il 12 luglio 2019, le tifoserie organizzate dei due club crearono una fondazione no profit che gestisse questo particolare evento con l’assegnazione di una coppa alla squadra vincitrice per ogni derby giocato.[120] Il primo incontro risale al 15 maggio 2015 alla Red Bull Arena dove i Bulls vinsero il primo derby per 2-1 ed anche i successivi tre incontri, di cui l'ultimo incontro, disputatosi il 21 maggio 2016, terminò con un sonoro 7-0.[121]

Un'altra rivalità storica vede interessato il New England Revolution, altro club fondatore della MLS e facente parte della I-95 rivalries.[122] Mentre nell'ultimo decennio si è sviluppato un acceso confronto con il Philadelphia Union data la stretta vicinanza geografica (le due città distano poco meno di due ore di macchina l'una dall'altra),[123] sin dai primi anni dieci degli Union ci sono stati diversi scontri incandescenti tra le due squadre. In particolare, gli Union hanno battuto tre volte su quattro i Bulls in coppa nazionale portandosi dietro anche strascichi polemici, in un match del 2016, a causa di alcune scelte arbitrali aspramente criticate dall'allora allenatore dei Bulls, Jesse Marsch.[124]

OrganicoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: New York Red Bulls 2022.

Rosa 2022Modifica

N. Ruolo Giocatore
2   D Lucas Monzón
4   D Andrés Reyes
7   D Tom Edwards
8   C Frankie Amaya
9   A Patryk Klimala
10   C Lewis Morgan
11   A Ashley Fletcher
12   D Dylan Nealis
13   P Carlos Miguel Coronel
15   D Sean Nealis
16   C Dru Yearwood
17   A Cameron Harper
18   P Ryan Meara
N. Ruolo Giocatore
19   C Wikelman Carmona
20   D Issiar Dramé
21   D Omir Fernandez
22   C Florian Valot
23   C Cristian Cásseres
24   D Jason Pendant
33   D Aaron Long
37   C Caden Clark
42   A Brian White
47   D John Tolkin
67   D Omar Sowe
74   A Tom Barlow
82   C Luquinhas

Staff tecnicoModifica

Di seguito lo staff tecnico del NY Red Bulls aggiornato al 25 febbraio 2022.[125]

Staff dell'area tecnica
  •   Dennis Hamlet - Direttore sportivo
  •   Gerhard Struber - Allenatore
  •   Bernd Eibler - Allenatore in seconda
  •   Troy Lesesne - Allenatore in seconda
  •   Jyri Nieminien - Allenatore dei portieri
  •   Ivan Pierra - Preparatore atletico

NoteModifica

  1. ^ (EN) Philadelphia Union win 2020 MLS Supporters' Shield on regular season's final day, su mlssoccer.com, 8 novembre 2020. URL consultato l'8 gennaio 2022.
  2. ^ (EN) How The New York Red Bulls Reached the Scotiabank Concacaf Champions League Semifinals, su newyorkredbulls.com, 3 aprile 2018. URL consultato l'8 gennaio 2022.
  3. ^ (EN) A league is born: An oral history of the inaugural MLS match, su mlssoccer.com, 7 aprile 2020. URL consultato il 24 marzo 2021.
  4. ^ (EN) MetroStars still building, 11 aprile 1996. URL consultato il 10 marzo 2022.
  5. ^ L’estetica senza tempo dei New York Metrostars, su nssmag.com, 22 aprile 2021. URL consultato il 10 marzo 2022.
  6. ^ (EN) George Vecsey, Sports of the Times;Soccer comes home to Giants stadium, in The New York Times, 21 aprile 1996. URL consultato il 10 marzo 2022.
  7. ^ (EN) Tarik El-Bashir, Dallas defeats MetroStars in U.S. Open Cup semifinal, in The New York Times, 3 settembre 1997. URL consultato il 10 marzo 2022.
  8. ^ (EN) Tarik El-Bashir, Donadoni is leaving MetroStars for Italy, in The New York Times, 10 ottobre 1997. URL consultato il 10 marzo 2022.
  9. ^ (EN) The timeless aesthetics of the New York Metrostars, su nssmag.com, 22 aprile 2021. URL consultato il 13 marzo 2022.
  10. ^ (EN) Alex Yannis, MetroStars Trade for Lalas, in The New York Times, 5 febbraio 1998. URL consultato il 10 marzo 2022.
  11. ^ (EN) MetroStars acquire Hurtado, in The New York Times, 3 aprile 1998. URL consultato l'11 marzo 2022.
  12. ^ (EN) Alex Yannis, MetroStars: Import, Export, in The New York Times, 24 febbraio 1998. URL consultato il 10 marzo 2022.
  13. ^ (EN) Alex Yannis, Season Ends for MetroStars in a Shootout, in The New York Times, 4 ottobre 1998. URL consultato l'11 marzo 2022.
  14. ^ (EN) Alex Yannis, Still No Changes On Roster, in The New York Times, 19 gennaio 1999. URL consultato l'11 marzo 2022.
  15. ^ (EN) Alex Yannis, Milutinovic Is Leaving MetroStars, in The New York Times, 30 ottobre 1999. URL consultato l'11 marzo 2022.
  16. ^ (EN) Alex Yannis, Picking a New Coach is Old Hat for MetroStars, in The New York Times, 30 novembre 1999. URL consultato l'11 marzo 2022.
  17. ^ (EN) Alex Yannis, MetroStars Plan to Pay Matthaus a Visit, in The New York Times, 15 gennaio 2000. URL consultato l'11 marzo 2022.
  18. ^ (EN) Alex Yannis, Matthaus Reassures Team on Arrival, in The New York Times, 20 gennaio 2000. URL consultato l'11 marzo 2022.
  19. ^ (EN) Alex Yannis, MetroStars Turn Attention To Matthaus and Stadium, in The New York Times, 8 ottobre 2000. URL consultato l'11 marzo 2022.
  20. ^ (EN) MLS decides to end season, su nytimes.com, 14 settembre 2021. URL consultato il 23 marzo 2021.
  21. ^ (EN) Lamar Hunt US Open Cup 2003, su lhusoc.tripod.com, 16 marzo 2022.
  22. ^ (EN) Jane Havsy, MetroStars sold to Red Bull, in USA Today, 8 marzo 2006. URL consultato il 21 marzo 2022.
  23. ^ (EN) MetroStars sold and renamed Red Bull New York, in ESPN, 9 marzo 2006. URL consultato il 21 marzo 2022.
  24. ^ AEG Announces Red Bull Park Groundbreaking Plans, su web.mlsnet.com, New York Red Bulls, 11 agosto 2006. URL consultato il 27 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 16 settembre 2008).
  25. ^ (EN) autore Jack Bell, The Red Bulls and Arena Part Ways, in The New York Times, 6 novembre 2007. URL consultato il 21 marzo 2022.
  26. ^ (EN) Reyna to join Red Bulls, su skysports.com. URL consultato il 21 marzo 2022.
  27. ^ (EN) Jack Bell, Crew Defeats Red Bulls to Win M.L.S. Cup, in The New York Times, 8 marzo 2006. URL consultato il 23 marzo 2022.
  28. ^ (EN) Jack Bell, Red Bulls’ Resurrection Project?, in The New York Times, 10 agosto 2009. URL consultato il 23 marzo 2022.
  29. ^ (EN) New York Red Bulls sign Mexican National Team captain Rafa Marquez, 2 agosto 2010. URL consultato il 2 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 5 agosto 2010).
  30. ^ (EN) New York Red Bulls sign international star Thierry Henry, su newyorkredbulls.com, 13 luglio 2010. URL consultato il 14 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2010).
  31. ^ Red Bulls Sign Forward Bradley Wright-Phillips, su newyorkredbulls.com, 24 luglio 2013. URL consultato il 23 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 27 luglio 2013).
  32. ^ (EN) Tim Cahill, NY Red Bulls Mutually Part Ways: Latest Details and Reaction, su bleacherreport.com, 2 febbraio 2015. URL consultato il 23 marzo 2022.
  33. ^ (EN) Former Red Bulls congratulate New York on winning Supporters' Shield, su mlssoccer.com, 26 ottobre 2015. URL consultato il 23 marzo 2022.
  34. ^ (EN) Post-Game Notes: Red Bulls Earn Franchise’s Third Supporters’ Shield with an MLS-Record 71 Points, su newyorkredbulls.com, 29 ottobre 2018. URL consultato l'8 gennaio 2022.
  35. ^ (EN) Red Bulls knocked out by Atlanta United FC in MLS Eastern Conference final, su eu.northjersey.com, 29 novembre 2018. URL consultato l'8 gennaio 2022.
  36. ^ CONCACAF Champions League, su highpresssoccer.com, 13 marzo 2019. URL consultato l'8 gennaio 2022.
  37. ^ (EN) New York Red Bulls Clinch 11th-Straight Playoff Appearance, su newyorkredbulls.com, 29 ottobre 2020. URL consultato l'8 gennaio 2022.
  38. ^ (EN) "No one believed in us": Late surge continues New York Red Bulls' 12-year playoff streak, su mlssoccer.com, 8 novembre 2021. URL consultato l'8 gennaio 2022.
  39. ^ (EN) History, su metrofanatic.com. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  40. ^ NYRB: CHI AMA NON DIMENTICA. LA MEMORIA DELLA MLS CON METROFANATIC, su mlssocceritalia.com, 23 novembre 2018. URL consultato l'11 gennaio 2022.
  41. ^ a b c (EN) NY Red Bulls Home kit history, su footballkitarchive.com. URL consultato l'11 gennaio 2022.
  42. ^ a b New York Red Bulls Logo, su logos-world.net, 16 aprile 2021. URL consultato l'11 gennaio 2022.
  43. ^ (EN) Wordmark 1996, su sportslogos.net. URL consultato il 28 dicembre 2021.
  44. ^ (EN) Wordmark 1998, su sportslogos.net. URL consultato il 28 dicembre 2021.
  45. ^ (EN) Wordmark 2006, su sportslogohistory.com. URL consultato il 28 dicembre 2021.
  46. ^ (EN) Will new popular songs inspire chants from supporters' groups?, su mlssoccer.com, 23 maggio 2017. URL consultato il 28 dicembre 2021.
  47. ^ (EN) MetroStars in Cup Test, su nytimes.com, 2 settembre 1997. URL consultato il 24 novembre 2021.
  48. ^ (EN) Guevara's goal late in sudden death sends MetroStars past New England 2-1., su soccertimes.com, 27 agosto 2003. URL consultato il 24 novembre 2021 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2006).
  49. ^ (EN) 2017 US Open Cup Semi-Final & Finals hosting Draw, su onceametro.com, 14 luglio 2017. URL consultato il 24 novembre 2021.
  50. ^ (EN) METROSTARS BEAT TAMPA BAY, 3-0, IN THIRD ROUND OF U.S. OPEN CUP, su ussoccer.com, 25 luglio 2000. URL consultato il 24 novembre 2021.
  51. ^ (EN) METROSTARS 2000, su mlssoccer.com. URL consultato il 24 novembre 2021.
  52. ^ (EN) Red Bull Arena, su newyorkredbulls.com. URL consultato il 24 novembre 2021.
  53. ^ (EN) Red Bulls beat Chicago Fire, 1–0, in first-ever home opener at Red Bull Arena, 27 marzo 2010. URL consultato il 24 novembre 2021.
  54. ^ (EN) Sky Blue FC to Train at Red Bulls Training Facility, su newyorkredbulls.com, 18 febbraio 2020. URL consultato il 24 novembre 2021.
  55. ^ (EN) Red Bulls announce future home of new training facility, su newyorkredbulls.com, 27 ottobre 2021. URL consultato il 24 novembre 2021.
  56. ^ (EN) Sponsor, su newyorkredbulls.com. URL consultato il 30 novembre 2021.
  57. ^ (EN) Community, su newyorkredbulls.com. URL consultato il 30 novembre 2021.
  58. ^ (EN) Academy, su newyorkredbulls.com. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  59. ^ (EN) Red Bulls announce USL Pro team, su newyorkredbulls.com, 15 gennaio 2015. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  60. ^ (EN) USL Championship Announces 2022 Competition Format, su newyorkredbulls.com, 21 dicembre 2021. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  61. ^ (EN) MLS NEXT Pro unveils 21 clubs for inaugural season starting March 2022, su mlssoccer.com, 6 dicembre 2021. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  62. ^ a b (EN) Ranking MLS’s greatest pop-culture cameos, from ‘90210’ to ‘She’s All That’, su theathletic.com, 19 agosto 2019. URL consultato il 24 marzo 2021.
  63. ^ (EN) Thierry Henry to make cameo appearance in Entourage film as Arsenal legend is set for big screen debut, su dailymail.co.uk, 27 dicembre 2014. URL consultato il 25 novembre 2021.
  64. ^ (EN) Stillitano, su nytimes.com, 2 giugno 1999. URL consultato il 2 dicembre 2021.
  65. ^ (EN) PORTS BRIEFING: SOCCER; RED BULLS SELECT TOP EXECUTIVE, su nytimes.com, 21 aprile 2006. URL consultato il 2 dicembre 2021.
  66. ^ (EN) MetroStars Hire New GM, su apnews.com, 13 gennaio 2000. URL consultato il 2 dicembre 2021.
  67. ^ (EN) Lalas takes jobs to lift MetroStars, su nytimes.com, 14 giugno 2005. URL consultato il 2 dicembre 2021.
  68. ^ (EN) New York Red Bulls Name Gerhard Struber Head Coach, su newyorkredbulls.com, 6 ottobre 2020. URL consultato il 2 dicembre 2021.
  69. ^ (EN) Luis Robles to be First Inductee into New York Red Bulls Legends Row, su newyorkredbulls.com, 11 aprile 2022. URL consultato il 12 aprile 2022.
  70. ^ (EN) New York Red Bulls honor Bradley Wright-Phillips: The last to wear No. 99, su mlssoccer.com, 6 agosto 2018. URL consultato il 16 dicembre 2021.
  71. ^ (EN) Captains, su newyorkredbulls.com, 27 febbraio 2020. URL consultato il 25 novembre 2021.
  72. ^ (EN) Alexi Lalas, su ussoccerplayers.com. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  73. ^ (EN) Richie Williams, su ussoccerplayers.com. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  74. ^ (EN) Clint Mathis, su ussoccerplayers.com. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  75. ^ (EN) Tim Ream, su ussoccerplayers.com. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  76. ^ (EN) Juan Agudelo, su mnufc.com. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  77. ^ Aaron Long, su ussoccerplayers.com. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  78. ^ (EN) Tab Ramos, su ussoccerplayers.com. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  79. ^ (EN) USA Greatest World Cup Moments, No. 8: Clint Mathis proves why he's here, su mlssoccer.com, 28 maggio 2014. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  80. ^ (EN) Tim Howard, su ussoccerplayers.com. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  81. ^ (EN) Peter Vermes, su ussoccerplayers.com. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  82. ^ (EN) Santino Quaranta, su ussoccerplayers.com. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  83. ^ (EN) Sacha Kljestan, su ussoccerplayers.com. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  84. ^ (EN) Jozy Altidore, su ussoccerplayers.com. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  85. ^ (EN) Tyler Adams, su ussoccerplayers.com. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  86. ^ Calcio News, in la Repubblica, 4 maggio 1996. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  87. ^ (EN) Lothar Matthäus, su eu-football.info. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  88. ^ (EN) Craig Ziadie, su worldfootball.net. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  89. ^ (EN) Dane Richards, su mlssoccer.com. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  90. ^ (EN) Alfredo Pacheco, su edition.cnn.com, 28 dicembre 2015. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  91. ^ (EN) Rafael Marquez, su mlssoccer.com. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  92. ^ (EN) Cahill leaves NY Red Bulls, joins Shanghai Shenhua, su reuters.com, 3 febbraio 2015. URL consultato il 9 gennaio 2022.
  93. ^ (EN) Andrew Boyens, su metrofanatic.com. URL consultato il 9 gennaio 2022.
  94. ^ (EN) Eduardo Hurtado, su 11v11.com. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  95. ^ (EN) Giovanni Savarese, su mlssoccer.com. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  96. ^ (EN) Dwayne De Rosario, su canadasoccer.com. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  97. ^ (EN) Karl Ouimette, su canadasoccer.com. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  98. ^ (EN) Roy Miller, su mlssoccer.com. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  99. ^ (EN) Toronto FC sign defender Kemar Lawrence, su torontofc.ca, 7 maggio 2021. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  100. ^ (EN) MLS stats, su newyorkredbulls.com. URL consultato il 15 dicembre 2021.
  101. ^ (EN) the new york areas history in the us open cup, su soccerwalksnyc.com, 22 febbraio 2021. URL consultato il 15 dicembre 2021.
  102. ^ (EN) No one believed in us": Late surge continues New York Red Bulls' 12-year playoff streak, su mlssoccer.com, 7 novembre 2021. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  103. ^ (EN) NY Red Bulls-RSL 6-0, su proxy.espn.com. URL consultato il 15 dicembre 2021.
  104. ^ (EN) New York City FC 0-7 New York Red Bulls: MLS – as it happened, su theguardian.com, 21 maggio 2016. URL consultato il 15 dicembre 2021.
  105. ^ (EN) Chicago Fire-NY RedBulls 5-1, su redbull.newyork.mlsnet.com, 25 maggio 2008. URL consultato il 15 dicembre 2021 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2008).
  106. ^ (EN) Chicago Fire Down New York Red Bulls 5-2, su oursportscentral.com, 24 ottobre 2008. URL consultato il 15 dicembre 2021.
  107. ^ (EN) Metrostars score five times for tie, su nytimes.com, 9 maggio 2004. URL consultato il 15 gennaio 2022.
  108. ^ (EN) Seattle Sounders break New York Red Bulls’ MLS unbeaten streak, su onceametro.com, 19 marzo 2017. URL consultato il 15 gennaio 2022.
  109. ^ (EN) Mike Grella scores fastest goal in MLS history as New York routs Philadelphia, su theguardian.com, 18 ottobre 2015. URL consultato il 15 dicembre 2021.
  110. ^ (EN) Records, su metrofanatic.com. URL consultato il 25 novembre 2021.
  111. ^ (EN) Amado Guevara, su newyorkredbulls.com. URL consultato il 1º dicembre 2021.
  112. ^ (EN) Bradley Wright-Phillips, su newyorkredbulls.com. URL consultato il 1º dicembre 2021.
  113. ^ (EN) Red Bulls Fan Club gets lord, english-style, su observer.com, 17 ottobre 2009. URL consultato il 21 novembre 2021 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2009).
  114. ^ (EN) Under the Volcano, su blogs.soccernet.com, 16 luglio 2011. URL consultato il 21 novembre 2021 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2011).
  115. ^ (EN) Giants Stadium: Home of the New York Red Bulls, su web.mlsnet.com, 8 agosto 2007. URL consultato il 21 novembre 2021 (archiviato dall'url originale l'8 agosto 2007).
  116. ^ (EN) New York Red Bulls bring safe standing to South Ward of Red Bull Arena in 2020, su mlssoccer.com, 16 dicembre 2019. URL consultato il 21 novembre 2021.
  117. ^ (EN) DC United vs. New York Red Bulls: A detailed look at Atlantic Cup history, su mlssoccer.com, 5 maggio 2020. URL consultato il 21 novembre 2021.
  118. ^ (EN) N.Y. Red Bulls vs. D.C. United, MLS's longest rivalry kicks off once again, su espn.com, 28 agosto 2015. URL consultato il 21 novembre 2021.
  119. ^ (EN) Bring Back 1996, su newyorkredbulls.com, 20 marzo 2015. URL consultato il 21 novembre 2021.
  120. ^ (EN) Our story, su hudsonriverderbyfoundation.org, hudsonriverfoundation.org. URL consultato l'8 settembre 2020.
  121. ^ (EN) New York City FC 0-7 New York Red Bulls: MLS – as it happened, su theguardian.com, 21 maggio 2016. URL consultato il 21 novembre 2021.
  122. ^ (EN) Revs, Red Bulls renew I-95 rivalry, su foxnews.com, 15 gennaio 2015. URL consultato il 21 novembre 2021.
  123. ^ (EN) From New York City to Philadelphia: 5 Best Ways to Get There, su planetware.com, 26 febbraio 2020. URL consultato il 16 novembre 2021.
  124. ^ (EN) Open Cup thrillers and more: History between New York Red Bulls, Philadelphia Union, su mlssoccer.com, 13 ottobre 2019. URL consultato l'11 agosto 2021.
  125. ^ (EN) Technical staff, su newyorkredbulls.com, 2 febbraio 2021. URL consultato il 25 gennaio 2022.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio