Borsa di New York

borsa valori statunitense
(Reindirizzamento da New York Stock Exchange)

La Borsa di New York (New York Stock Exchange; NYSE) soprannominata "The Big Board", è la più grande borsa valori del mondo per volume di scambi e la seconda per numero di società quotate. Il suo volume di azioni è stato superato dal Nasdaq negli anni 1990, ma la capitalizzazione totale delle 2800 aziende del NYSE è cinque volte quella del listino tecnologico concorrente. Il NYSE contratta 1,46 miliardi di azioni al giorno.[1]

New York Stock Exchange
Logo
Logo
La borsa di New York
StatoBandiera degli Stati Uniti Stati Uniti
Forma societariaBorsa valori
Fondazione1817 a New York
Sede principaleWall Street
Sito webwww.nyse.com

La capitalizzazione totale del New York Stock Exchange è di 21 000 miliardi di dollari, di cui oltre 7 000 miliardi di aziende non americane. Nel 2005 era gestita da NYSE Group, una fusione con Archipelago Exchange. Qualche anno più tardi, nel 2007 NYSE Group completò la fusione con Euronext, formando NYSE Euronext, acquistato poi da IntercontinentalExchange nel 2012 che sono i proprietari di entrambe le borse valori tornate separate. Inoltre anche da citare l'inversamente proporzionalità del denaro e dei soldi quotati[non chiaro]

Le contrattazioni del New York Stock Exchange si trovano al numero 11 di Wall Street, sebbene la sede si trovi al 18 di Broad Street, tra gli angoli di Wall Street ed Exchange Place a New York.

L'istituzione dello Stock Exchange di New York risale al 1817, anche se già da qualche anno i broker si riunivano nel vicino Tontine Coffee House o all'ombra di un grande platano americano per svolgere i loro affari e commerci. Già nel 1792 fu stilato il Buttonwood Agreement che formalizzava le attività dei broker. Fu così che nacque ufficialmente il New York Stock Exchange.

La borsa visse un periodo di floridezza lungo tutto l'Ottocento ad eccezione della crisi del 1869 causata dall'affarista Jay Gould. Il periodo più drammatico della borsa fu senza dubbio il crollo del 1929, seguito dal calo dei prezzi delle materie prime e dei titoli, che per qualche caratteristica si ripropose nel 1987, altro grande momento di panico e di cattiva gestione a causa di forti speculazioni.[2]

Simbolo

modifica

Il simbolo della borsa di Wall Street è il toro, statua in bronzo posizionata davanti alla borsa valori. Questo animale simboleggia il rialzo del mercato[3] e fu realizzato di propria iniziativa da Arturo Di Modica, scultore italiano, che durante una notte del dicembre del 1989, all'insaputa di tutti, posizionò la scultura a ridosso di Wall Street. Nel 2005 la scultura è stata messa in vendita per $5 milioni, con la clausola che la statua potrà avere un proprietario ma non dovrà essere rimossa dalla sua posizione originaria.[4]

Organizzazione

modifica

Presiede la Borsa di NY un Comitato direttivo composto da 25 membri, guidato da un presidente. Complessivamente sono 1375 i membri della Borsa, costituiti da persone fisiche. Gli operatori sono raggruppati in tre categorie: i brokers ("intermediari"), i dealers ("autonomi"), gli specialist ("specializzati"). Dal 1985 è stata aperta la filiale New York Futures Exchange (NYFE).

 
La Borsa al 10-12 di Broad Street, 1882
 
Piano della Borsa di New York nel 1908

La prima organizzazione registrata di negoziazione di titoli a New York tra broker che trattano direttamente tra loro può essere fatta risalire al Buttonwood Agreement. In precedenza, lo scambio di titoli era stato mediato dai banditori, che conducevano anche aste più banali di merci come quelle che riguardavano grano e tabacco[5]. Il 17 maggio 1792, ventiquattro broker firmarono il Buttonwood Agreement, che fissava una commissione minima addebitata ai clienti e obbligava i firmatari a dare la preferenza agli altri firmatari nelle vendite di titoli. I primi titoli scambiati erano per lo più titoli governativi come i titoli di guerra della Guerra Rivoluzionaria e le azioni della Prima Banca degli Stati Uniti d'America[5], sebbene le azioni della Bank of New York fossero titoli non governativi scambiati nei primi giorni[6]. La Bank of North America, insieme alla Prima Banca degli Stati Uniti d'America e alla Bank of New York, furono le prime azioni quotate alla Borsa di New York.

Nel 1817, gli agenti di cambio di New York, operanti in base al Buttonwood Agreement, istituirono nuove riforme e si riorganizzarono. Dopo aver inviato una delegazione a Filadelfia per osservare l'organizzazione del loro consiglio di broker, sono state adottate restrizioni al trading manipolativo, nonché organi formali di governo. Dopo essersi riformato come New York Stock and Exchange Board, l'organizzazione di broker iniziò ad affittare spazi esclusivamente per il trading di titoli, che in precedenza aveva luogo presso la Tontine Coffee House. Diversi luoghi furono utilizzati tra il 1817 e il 1865, quando fu adottata l'attuale posizione[5].

L'invenzione del telegrafo elettrico ha consolidato i mercati di New York ed è salito al predominio su Filadelfia dopo aver resistito ad alcuni momenti di panico del mercato meglio di altre alternative[5]. L'Open Board of Stock Brokers è stato istituito nel 1864 come concorrente del NYSE. Con 354 membri, l'Open Board of Stock Brokers rivaleggiava con il NYSE in termini di membri (che ne contava 533) "perché utilizzava un sistema di trading continuo più moderno, superiore alle sessioni di chiamata per due volte al giorno del NYSE". L'Open Board of Stock Brokers si fuse con il NYSE nel 1869. Robert Wright di Bloomberg scrive che la fusione ha aumentato i membri del NYSE così come il volume degli scambi, poiché "diverse dozzine di borse regionali erano anche in concorrenza con il NYSE per i clienti. Acquirenti, venditori e rivenditori volevano tutti completare le transazioni nel modo più rapido ed economico tecnologicamente possibile e ciò significava trovare i mercati con il maggior numero di scambi o la maggiore liquidità nel linguaggio odierno. Ridurre al minimo la concorrenza era essenziale per mantenere un gran numero di ordini e la fusione ha aiutato il NYSE a mantenere la sua reputazione di fornire una liquidità superiore"[7]. La guerra civile ha fortemente stimolato il trading speculativo di titoli a New York. Nel 1869, l'adesione doveva essere limitata e da allora è stata aumentata sporadicamente. La seconda metà del diciannovesimo secolo ha visto una rapida crescita nel trading di titoli[8].

Il trading di titoli nell'ultimo periodo del diciannovesimo secolo e all'inizio del ventesimo secolo era soggetto a panico e crolli. Alla fine la regolamentazione governativa del trading di titoli fu considerata necessaria, con i cambiamenti probabilmente più drammatici che si verificarono negli anni '30 dopo che un grave crollo del mercato azionario fece precipitare la Grande Depressione. Il NYSE ha anche imposto regole aggiuntive in risposta ai controlli sulla protezione degli azionisti, ad esempio nel 2012 il NYSE ha imposto regole che limitano gli intermediari dal voto su azioni non istruite[9].

Lo Stock Exchange Luncheon Club è stato situato al settimo piano dal 1898 fino alla sua chiusura nel 2006[10].

Il 21 aprile 2005, il NYSE ha annunciato i suoi piani per fondersi con Archipelago in un accordo inteso a riorganizzare il NYSE come società quotata in borsa. Il consiglio di amministrazione del NYSE ha votato per fondersi con la rivale Archipelago il 6 dicembre 2005 ed è diventata una società pubblica a scopo di lucro. Ha iniziato a fare trading con il nome di NYSE Group l'8 marzo 2006. Il 4 aprile 2007, il NYSE Group ha completato la sua fusione con Euronext, il mercato azionario europeo combinato, formando così NYSE Euronext, la prima borsa valori transatlantica.

Wall Street è il principale centro monetario statunitense per le attività finanziarie internazionali e la principale sede statunitense per la conduzione di servizi finanziari all'ingrosso. "Comprende una matrice di settori finanziari all'ingrosso, mercati finanziari, istituzioni finanziarie e imprese del settore finanziario" (Robert, 2002). I settori principali sono l'industria dei titoli, le banche commerciali, la gestione patrimoniale e le assicurazioni.

Prima dell'acquisizione di NYSE Euronext da parte dell'ICE nel 2013, Marsh Carter era il presidente del NYSE e il CEO era Duncan Niederauer. Il presidente è Jeffrey Sprecher[11]. Nel 2016, Intercontinental Exchange Inc., proprietario del NYSE, ha guadagnato 419 milioni di dollari in entrate[12].

XX secolo

modifica
 
Il presidente Ronald Reagan si rivolge al NYSE, 1985

La borsa fu chiusa poco dopo l'inizio della prima guerra mondiale (31 luglio 1914), ma fu parzialmente riaperta il 28 novembre di quell'anno per aiutare lo sforzo bellico scambiando obbligazioni e riaperta per azioni negoziazione a metà dicembre[13].

Il 16 settembre 1920, l'attentato di Wall Street avvenne all'esterno dell'edificio, uccidendo quaranta persone e ferendone altre centinaia[14][15][16].

Il crollo della borsa del giovedì nero il 24 ottobre 1929 e il panico da svendita iniziato il martedì nero, il 29 ottobre, sono spesso accusati di aver fatto precipitare la Grande Depressione. Nel tentativo di ripristinare la fiducia degli investitori, il 31 ottobre 1938 la Borsa svelò un programma in quindici punti volto a migliorare la protezione del pubblico degli investitori.

Il 1º ottobre 1934, la borsa fu registrata come borsa valori nazionale presso la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti, con un presidente e un consiglio di trentatré membri. Il 18 febbraio 1971 fu costituita la società senza scopo di lucro e il numero dei membri del consiglio fu ridotto a venticinque.

Una delle famose trovate pubblicitarie di Abbie Hoffman ebbe luogo nel 1967, quando condusse i membri del movimento Yippie alla galleria dell'Exchange. I provocatori hanno lanciato manciate di dollari verso il piano sottostante. Alcuni commercianti hanno fischiato, altri hanno riso e salutato. Tre mesi dopo la Borsa chiuse la galleria con vetri antiproiettile[17]. Hoffman scrisse un decennio dopo: "Non abbiamo chiamato la stampa; a quel tempo non avevamo davvero idea di qualcosa chiamato evento mediatico"[18].

Il 19 ottobre 1987, il Dow Jones Industrial Average (DJIA) è sceso di 508 punti, una perdita del 22,6% in un solo giorno, il secondo più grande calo di un giorno registrato dallo scambio. Il lunedì nero è stato seguito dal martedì nero, un giorno in cui i sistemi dell'Exchange non hanno funzionato bene e alcune persone hanno avuto difficoltà a completare i loro scambi[19].

Successivamente, il 13 ottobre 1989 ci fu un altro calo importante per il Dow: il Mini-Crash del 1989. L'incidente è stato apparentemente causato da una reazione a una notizia di un accordo di acquisizione con leva finanziaria da 6,75 miliardi di dollari per UAL Corporation, la società madre di United Airlines, che è fallita. Quando l'affare UAL è fallito, ha contribuito a innescare il crollo del mercato delle obbligazioni spazzatura, facendo crollare il Dow di 190,58 punti, o del 6,91%.

Allo stesso modo, c'è stato un panico nel mondo finanziario durante l'anno 1997; la crisi finanziaria asiatica. Come la caduta di molti mercati esteri, il 27 ottobre 1997 il Dow subì un calo del valore del 7,18% (554,26 punti), in quello che in seguito divenne noto come il Mini-Crash del 1997, ma dal quale il DJIA si riprese rapidamente. Questa è stata la prima volta che la regola dell'"interruttore di circuito[20]" ha funzionato.

XXI secolo

modifica

Il 26 gennaio 2000, un alterco durante le riprese del video musicale di "Sleep Now in the Fire" dei Rage Against the Machine, diretto da Michael Moore, ha causato la chiusura delle porte dello scambio e la scorta della band da il sito dalla sicurezza[21] dopo che i membri hanno tentato di ottenere l'ingresso nello scambio.

All'indomani degli attacchi dell'11 settembre, il NYSE è stato chiuso per quattro sessioni di negoziazione, riprendendo lunedì 17 settembre, una delle rare volte in cui il NYSE è stato chiuso per più di una sessione e solo la terza volta dal marzo 1933. primo giorno, il NYSE ha subito un calo del 7,1% in valore (684 punti); dopo una settimana è sceso del 14% (1.370 punti). Si stima che circa 1,4 trilioni di dollari siano stati persi entro cinque giorni di negoziazione[22]. Il NYSE era a soli 5 isolati da Ground Zero.

Il 6 maggio 2010, il Dow Jones Industrial Average ha registrato il suo più grande calo percentuale intraday dal crollo del 19 ottobre 1987, con una perdita di 998 punti successivamente chiamata Flash Crash 2010 (poiché il calo si è verificato pochi minuti prima del rimbalzo). La SEC e la CFTC hanno pubblicato un rapporto sull'evento, sebbene non sia giunto a una conclusione sulla causa. Le autorità di regolamentazione non hanno trovato prove che la caduta sia stata causata da ordini errati ("dito grasso", "fat finger")[23].

Il 29 ottobre 2012 la borsa è stata chiusa per due giorni a causa dell'uragano Sandy[24]. L'ultima volta che la borsa fu chiusa a causa del maltempo per due giorni interi fu il 12 e 13 marzo 1888[25].

Il 1 maggio 2014, la borsa è stata multata di $ 4,5 milioni dalla Securities and Exchange Commission per saldare le accuse di aver violato le regole del mercato[26].

Il 14 agosto 2014, le azioni di classe A di Berkshire Hathaway, ossia quelle con il prezzo più alto del NYSE, hanno raggiunto per la prima volta $ 200.000 per azione[27].

L'8 luglio 2015, problemi tecnici hanno colpito la borsa, interrompendo le negoziazioni alle 11:32 del mattino. Il NYSE ha rassicurato gli operatori di borsa che l'interruzione "non era il risultato di una violazione informatica" e il Dipartimento per la sicurezza interna ha confermato che "non vi era alcun segno di attività dannosa"[28]. Il trading alla fine riprese alle 15:10 dello stesso giorno.

Il 25 maggio 2018, Stacey Cunningham, chief operating officer del NYSE, è diventata il 67º presidente del Big Board, succedendo a Thomas Farley[29]. Fu la prima donna leader nei 226 anni di storia dello scambio.

Nel marzo 2020, il NYSE ha annunciato l'intenzione di passare temporaneamente al trading interamente elettronico il 23 marzo 2020, a causa della pandemia di COVID-19[30]. Insieme al PHLX e al BSE, il NYSE ha riaperto il 26 maggio 2020[31].

Palazzo

modifica

Il principale edificio della Borsa di New York, costruito nel 1903, si trova al 18 di Broad Street, tra gli angoli di Wall Street e Exchange Place, ed è stato progettato in stile Beaux Arts da George B. Post[32]. La struttura adiacente all'11 di Wall Street, completata nel 1922, fu progettata in uno stile simile da Trowbridge & Livingston. Gli edifici sono stati entrambi designati National Historic Landmark nel 1978[33][34][35]. Il numero 18 di Broad Street è anche un punto di riferimento designato di New York City[36].

Giorni festivi

modifica
 
Il NYSE Building nel periodo natalizio (dicembre 2008)

La Borsa di New York è chiusa il giorno di Capodanno, il Martin Luther King Jr. Day, il compleanno di Washington, il Venerdì Santo, il Memorial Day, il Juneteenth National Independence Day, il Giorno dell'Indipendenza, il Labor Day, il Ringraziamento e il Natale. Quando tali festività cadono in un fine settimana, la festività viene osservata nel giorno della settimana più vicino. Inoltre, la Borsa chiude presto il giorno prima del Giorno dell'Indipendenza, il giorno dopo il Ringraziamento e la Vigilia di Natale[37]. Il NYSE ha una media di circa 253 giorni di negoziazione all'anno.

Trading

modifica

La Borsa di New York (a volte indicata come "The Big Board"[38]) fornisce un mezzo per acquirenti e venditori per scambiare azioni di società registrate per il commercio pubblico. Il NYSE è aperto per le contrattazioni dal lunedì al venerdì dalle 9:30 alle 16:00 ET, ad eccezione dei giorni festivi dichiarati in anticipo dalla Borsa.

Il NYSE negozia in un formato di asta continua, in cui i trader possono eseguire transazioni azionarie per conto degli investitori. Si riuniranno attorno al posto appropriato dove un broker specializzato, che è impiegato da un'azienda membro del NYSE (ovvero, non è un dipendente della Borsa di New York), funge da banditore in una protesta aperta in ambiente del mercato delle aste per riunire acquirenti e venditori e per gestire l'asta vera e propria. Occasionalmente (circa il 10% delle volte) facilitano le negoziazioni impegnando il proprio capitale e, naturalmente, diffondono informazioni alla folla che aiutano a riunire acquirenti e venditori. Il processo di asta si è spostato verso l'automazione nel 1995 attraverso l'uso di computer palmari wireless (HHC). Il sistema ha consentito ai trader di ricevere ed eseguire ordini elettronicamente tramite trasmissione wireless. Il 25 settembre 1995, il membro del NYSE Michael Einersen, che ha progettato e sviluppato questo sistema, ha eseguito 1000 azioni di IBM attraverso questo HHC ponendo fine a un processo di 203 anni di transazioni cartacee e inaugurando un'era di trading automatizzato.

A partire dal 24 gennaio 2007, tutte le azioni del NYSE possono essere scambiate tramite il suo mercato ibrido elettronico (ad eccezione di un piccolo gruppo di azioni molto costose). I clienti possono ora inviare ordini per l'esecuzione elettronica immediata o indirizzare gli ordini al piano per il trading nel mercato delle aste. Nei primi tre mesi del 2007, oltre l'82% di tutto il volume degli ordini è stato consegnato al piano elettronicamente[39]. NYSE collabora con le autorità di regolamentazione statunitensi come SEC e CFTC per coordinare le misure di gestione del rischio nell'ambiente del trading elettronico attraverso l'implementazione di meccanismi come interruttori automatici e punti di rifornimento di liquidità[40].

Dopo il crollo del mercato del Black Monday nel 1987, il NYSE ha imposto limiti al trading per ridurre la volatilità del mercato e le massicce vendite dovute al panico. A seguito della modifica delle regole del 2011, all'inizio di ogni giorno di negoziazione, il NYSE fissa tre livelli di interruzione del circuito a livelli del 7% (Livello 1), 13% (Livello 2) e 20% (Livello 3) del prezzo di chiusura medio dell'S &P 500 per il giorno di negoziazione precedente. I ribassi di livello 1 e 2 comportano un'interruzione delle negoziazioni di 15 minuti a meno che non si verifichino dopo le 15:25, quando non si applicano interruzioni delle negoziazioni. Un calo di livello 3 comporta la sospensione del trading per il resto della giornata[41]. (Il più grande calo di un giorno dell'S&P 500 dal 1987 è stato il calo dell'11,98% del 16 marzo 2020.)

Posti a sedere

modifica

Fino al 2005, il diritto di negoziare direttamente le azioni in borsa era conferito ai possessori di un numero limitato di "sedi". Il termine deriva dal fatto che fino al 1870 i membri del NYSE sedevano sulle sedie per fare trading. Nel 1868 il numero dei seggi fu fissato a 533, e questo numero fu aumentato più volte nel corso degli anni. Nel 1953 il numero dei seggi fu fissato definitivamente a 1.366.

Questi posti erano una merce ricercata in quanto conferivano la possibilità di scambiare azioni direttamente al NYSE e i titolari dei posti erano comunemente indicati come membri del NYSE. I prezzi dei posti a sedere sono variati ampiamente nel corso degli anni, generalmente diminuendo durante le recessioni e aumentando durante le espansioni economiche. Nel gennaio 1927 il costo del posto raggiunse l'allora record di $ 185.000[42]. Il posto più costoso aggiustato per l'inflazione fu venduto nel 1929 per $ 625.000, che oggi sarebbero oltre sei milioni di dollari. In tempi successivi, i posti sono stati venduti fino a $ 4 milioni alla fine degli anni '90 e fino a $ 1 milione nel 2001. Nel 2005, i prezzi sono saliti a $ 3,25 milioni quando è entrato in vigore un accordo di NYSE per fondersi con Archipelago ed è diventata un società a scopo di lucro, quotata in borsa. I proprietari dei posti hanno ricevuto $ 500.000 in contanti per posto e 77.000 azioni della società appena costituita. Il NYSE vende licenze di un anno per fare trading direttamente in borsa. Le licenze per il trading di base sono disponibili per $ 40.000 e una licenza per il trading di obbligazioni è disponibile per un minimo di $ 1.000 a partire dal 2010[43]. Nessuno dei due è rivendibile, ma può essere trasferibile durante un cambio di proprietà di una società in possesso di una licenza commerciale.

La famiglia Barnes è l'unico lignaggio conosciuto ad avere cinque generazioni di membri del NYSE: Winthrop H. Barnes (ammesso nel 1894), Richard WP Barnes (ammesso nel 1926), Richard S. Barnes (ammesso nel 1951), Robert H. Barnes (ammesso nel 1972), Derek J. Barnes (ammesso nel 2003).

Indice composito NYSE

modifica

A metà degli anni '60 fu creato il NYSE Composite Index (NYSE: NYA), con un valore base di 50 punti pari alla chiusura annuale del 1965[44]. Ciò è stato fatto per riflettere il valore di tutte le azioni scambiate in borsa, in contrasto con l'allora predominante Dow Jones Industrial Average che traccia solo 30 azioni. Per elevare il profilo dell'indice composito, nel 2003, il NYSE ha fissato il suo nuovo valore base di 5.000 punti pari alla chiusura annuale del 2002. La sua chiusura alla fine del 2013 è stata di 10.400,32.

Cronologia

modifica
  • Nel 1792, NYSE acquisisce i suoi primi titoli negoziati[45][46].
  • Nel 1817 viene adottata la costituzione del New York Stock and Exchange Board. Era stato anche istituito dai broker di New York come organizzazione formale[47].
  • Nel 1863, il nome cambiò in Borsa di New York.
  • Nel 1865, il New York Gold Exchange fu acquisito dal NYSE[48].
  • Nel 1867 furono introdotti per la prima volta i ticker di borsa[49].
  • Nel 1885, i 400 membri del NYSE nel Consolidated Stock Exchange si ritirarono dal Consolidated per disaccordi sulle aree commerciali di scambio[50].
  • Nel 1896, il Dow Jones Industrial Average (DJIA) viene pubblicato per la prima volta sul Wall Street Journal[49].
  • Nel 1903, il NYSE si trasferisce in una nuova sede al 18 di Broad Street.
  • Nel 1906, il DJIA supera i 100 il 12 gennaio.
  • Nel 1907, Panico del 1907.
  • Nel 1909 inizia il trading di obbligazioni.
  • Nel 1915, la base della quotazione e del trading di azioni cambia dalla percentuale del valore nominale ai dollari.
  • Nel 1920 una bomba esplose a Wall Street fuori dall'edificio del NYSE. Ci furono trentotto morti e centinaia di feriti.
  • Nel 1923, la Poor's Publishing introdusse il suo "Indice Composito", oggi denominato S&P 500, che tracciava un piccolo numero di società sul NYSE[51].
  • Nel 1929 fu istituito il sistema di quotazione centrale; Il giovedì nero, il 24 ottobre e il martedì nero, il 29 ottobre segnano la fine del mercato rialzista dei ruggenti anni Venti.
  • Nel 1938, NYSE nomina il suo primo presidente.
  • Nel 1943, la sala trading viene aperta alle donne mentre gli uomini prestavano servizio nella seconda guerra mondiale.
  • Nel 1949 inizia il terzo mercato rialzista più lungo (otto anni).
  • Nel 1954, il DJIA supera il picco del 1929 in dollari corretti per l'inflazione.
  • Nel 1956, il DJIA chiude per la prima volta sopra i 500 il 12 marzo.
  • Nel 1957, dopo che Poor's Publishing si è fusa con lo Standard Statistics Bureau, l'indice composito Standard & Poors è cresciuto fino a tenere traccia di 500 società sul NYSE, diventando noto come S&P 500[51].
  • Nel 1966, NYSE inizia un indice composito di tutte le azioni ordinarie quotate. Questo è indicato come il "Common Stock Index" e viene trasmesso quotidianamente. Il punto di partenza dell'indice è 50. Successivamente viene ribattezzato NYSE Composite Index[52].
  • Nel 1967, Muriel Siebert diventa la prima donna membro della Borsa di New York[53].
  • Nel 1967, i manifestanti guidati da Abbie Hoffman lanciarono per lo più banconote da un dollaro false ai trader dalla galleria, portando all'installazione di vetri antiproiettile.
  • Nel 1970 fu fondata la Securities Investor Protection Corporation.
  • Nel 1971, NYSE è stata costituita e riconosciuta come organizzazione senza scopo di lucro[52].
  • Nel 1971 è stato fondato il NASDAQ, che compete con il NYSE come primo mercato azionario elettronico al mondo[54]. Il NASDAQ è la seconda borsa valori al mondo per capitalizzazione di mercato, dietro solo al NYSE[55].
  • Nel 1972, il DJIA chiude per la prima volta sopra i 1.000 il 14 novembre.
  • Nel 1977, i broker stranieri vengono ammessi al NYSE.
  • Nel 1980 fu istituito il New York Futures Exchange.
  • Nel 1987, il lunedì nero, il 19 ottobre, vede il secondo più grande calo percentuale DJIA di un giorno (22,6%, o 508 punti) nella storia.
  • Nel 1987, l'adesione al NYSE raggiunge la cifra record di 1,5 milioni di dollari.
  • Nel 1989, il 14 settembre, sette membri di ACT-UP, The AIDS Coalition to Unleash Power, entrarono al NYSE e protestarono incatenandosi al balcone che si affacciava sul trading floor (luogo dove vengono acquistati e venduti strumenti finanziari quali azioni e bond[56]) e spiegando uno striscione, "SELL WELCOME", in riferimento al produttore farmaceutico Burroughs Wellcome. In seguito alla protesta, Burroughs Wellcome ha ridotto di oltre il 30% il prezzo dell'AZT (un farmaco utilizzato da persone affette da HIV e AIDS)[57].
     
    Il trading floor della Borsa di New York nel marzo 2022
  • Nel 1990 inizia il mercato rialzista più lungo (dieci anni).
  • Nel 1991, il DJIA supera i 3.000.
  • Nel 1995, il DJIA supera i 5.000.
  • Nel 1996 è stato introdotto il ticker (simbolo azionario) in tempo reale, ossia un codice utilizzato per identificare in modo univoco le azioni di un determinata azienda quotata in borsa[58].
  • Nel 1997, il 27 ottobre, una svendita nei mercati azionari asiatici danneggia anche i mercati statunitensi; il DJIA vede il più grande calo di punti di un giorno di 554 (o 7,18%) nella storia[59].
  • Nel 1999, il DJIA supera i 10.000 il 29 marzo.
  • Nel 2000, il DJIA raggiunge il picco di 11.722,98 il 14 gennaio; viene lanciato il primo indice globale NYSE con il ticker NYIID.
  • Nel 2001 termina il trading in frazioni (n16), sostituite da decimali (incrementi di $ 0,01); si verificano gli attacchi dell'11 settembre causando la chiusura del NYSE per quattro sessioni.
  • Nel 2003, NYSE Composite Index rilanciato e fissato valore pari a 5.000 punti.
  • Nel 2006, NYSE e ArcaEx si fondono, creando NYSE Arca e formando il NYSE Group, Inc. di proprietà pubblica a scopo di lucro; a sua volta, NYSE Group si fonde con Euronext, creando il primo gruppo di borsa transatlantico; il DJIA supera i 12.000 il 19 ottobre.
  • Nel 2007, il presidente degli Stati Uniti George W. Bush si presenta senza preavviso all'Aula circa un'ora e mezza prima di una decisione sui tassi di interesse del Federal Open Market Committee del 31 gennaio[60]; NYSE annuncia la sua fusione con la Borsa americana; NYSE Composite chiude sopra 10.000 il 1 giugno; DJIA supera quota 14.000 il 19 luglio e chiude a un massimo di 14.164,53 il 9 ottobre.
  • Nel 2008, il DJIA ha perso più di 500 punti il 15 settembre a causa dei timori di fallimenti bancari, con conseguente divieto permanente di vendita allo scoperto "nuda"[61] e divieto temporaneo di tre settimane su tutte le vendite allo scoperto di titoli finanziari; nonostante ciò, la volatilità record continua per i successivi due mesi, culminando ai minimi di mercato di 5 anni e mezzo.
  • Nel 2009, il secondo mercato rialzista più lungo e attuale inizia il 9 marzo dopo che il DJIA ha chiuso a 6.547,05 raggiungendo il minimo di 12 anni; DJIA torna a 10.015,86 il 14 ottobre.
  • Nel 2013, il DJIA chiude sopra i massimi del 2007 il 5 marzo; DJIA chiude sopra i 16.500 alla fine dell'anno.
  • Nel 2014, il DJIA chiude sopra i 17.000 il 3 luglio e sopra i 18.000 il 23 dicembre.
  • Nel 2015, il DJIA ha raggiunto il massimo storico di 18.351,36 il 19 maggio[62].
  • Nel 2015, il DJIA è sceso di oltre 1.000 punti a 15.370,33 subito dopo l'apertura il 24 agosto 2015, prima di riprendersi e chiudere a 15.795,72, un calo di oltre 669 punti.
  • Nel 2016, il DJIA ha raggiunto il massimo storico di 18.873,6.
  • Nel 2017, il DJIA raggiunge per la prima volta quota 20.000 (il 25 gennaio).
  • Nel 2018, il DJIA raggiunge per la prima volta quota 25.000 (il 4 gennaio)[63]. Il 5 febbraio, il DJIA ha perso 1.175 punti, diventando così il più grande calo di punti nella storia[64].
  • Nel 2020, il NYSE è passato temporaneamente al trading elettronico a causa della pandemia di COVID-19[65].

Fusione, acquisizione e controllo

modifica

Nell'ottobre 2008, NYSE Euronext ha completato l'acquisizione della Borsa americana (AMEX) per 260 milioni di dollari in azioni[66].

Il 15 febbraio 2011, NYSE e Deutsche Börse hanno annunciato la loro fusione per formare una nuova società, ancora senza nome, in cui gli azionisti di Deutsche Börse avrebbero il 60% di proprietà della nuova entità e gli azionisti di NYSE Euronext avrebbero il 40%.

Il 1º febbraio 2012 la Commissione Europea ha bloccato la fusione di NYSE con Deutsche Börse, dopo che il commissario Joaquín Almunia ha dichiarato che la fusione "avrebbe portato a un quasi monopolio dei derivati finanziari europei in tutto il mondo"[67]. Invece, Deutsche Börse e NYSE dovrebbero vendere i loro derivati Eurex o le azioni LIFFE per non creare un monopolio. Il 2 febbraio 2012, NYSE Euronext e Deutsche Börse hanno deciso di annullare la fusione[68].

Nell'aprile 2011, Intercontinental Exchange (ICE), una borsa americana di futures, e NASDAQ OMX Group avevano fatto insieme una proposta non richiesta per acquistare NYSE Euronext per circa US $ 11.000.000.000, un accordo in cui il NASDAQ avrebbe preso il controllo delle borse[69]. NYSE Euronext ha rifiutato questa offerta due volte, ma alla fine è stata interrotta dopo che il Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti ha indicato la propria intenzione di bloccare l'accordo a causa di preoccupazioni antitrust[69].

Nel dicembre 2012, l'ICE aveva proposto di acquistare NYSE Euronext in uno scambio di azioni con una valutazione di $ 8 miliardi[69][70]. Gli azionisti di NYSE Euronext riceverebbero $ 33,12 in contanti o $ 11,27 in contanti e circa un sesto di una quota di ICE. Jeffrey Sprecher, presidente e amministratore delegato di ICE, manterrà tali posizioni, ma quattro membri del consiglio di amministrazione del NYSE verranno aggiunti al consiglio di amministrazione di ICE[70].

Il 24 gennaio 2023, un problema tecnico nel NYSE ha causato il panico a causa di ordini di negoziazione involontari aperti e chiusi in più di 250 titoli[71].

Apertura e chiusura della Borsa con le campanelle

modifica

Le campanelle di apertura e chiusura del NYSE segnano l'inizio e la fine di ogni giornata di negoziazione. La campanella di apertura viene suonata alle 9:30 per segnare l'inizio della sessione di negoziazione della giornata. Alle 16:00 suona la campanella di chiusura e il trading giornaliero si interrompe. Ci sono campanelle situate in ciascuna delle quattro sezioni principali del NYSE che suonano tutte contemporaneamente una volta premuto un pulsante[72]. Ci sono tre pulsanti che controllano le campanelle, situati sul pannello di controllo dietro il podio che si affaccia sul trading floor. La campanella principale, che viene suonata all'inizio e alla fine della giornata di negoziazione, è controllata da un pulsante verde. Il secondo pulsante, di colore arancione, attiva una campanella a colpo singolo che serve per segnalare un momento di silenzio. Un terzo pulsante rosso controlla una campanella di riserva che viene utilizzato nel caso in cui la campanella principale non suoni[73].

 
Gli astronauti della NASA Scott Altman e Mike Massimino brandiscono il martelletto per la "campanella di chiusura".

Il segnale per iniziare e interrompere il trading non è sempre stato una campanella; un martelletto era il segnale originale, che è ancora utilizzato accanto alla campanella. Tuttavia, il martelletto è spesso danneggiato. Durante la fine del 1800, il NYSE decise di sostituire il martelletto con un gong per segnalare l'inizio e la fine della giornata. Dopo che il NYSE si è trasferito nella sua sede attuale in Broad Street al numero 18 nel 1903, il gong è passato al formato a campanella attualmente in uso. La campanella stessa è stata prodotta da Bevin Brothers a East Hampton, nel Connecticut, conosciuta colloquialmente come "Bell Town" per la sua storia di fonderie di campanelle e produzione di giocattoli in metallo.

Uno spettacolo comune oggi sono gli eventi altamente pubblicizzati in cui una celebrità o un dirigente di una società si trova dietro il podio del NYSE e preme il pulsante che segnala il suono delle campanelle. A causa della quantità di copertura ricevuta dalle campanelle di apertura/chiusura, molte aziende coordinano il lancio di nuovi prodotti e altri eventi legati al marketing che iniziano lo stesso giorno in cui i rappresentanti dell'azienda suonano la campanella. Fu solo nel 1995 che il NYSE iniziò a far suonare regolarmente le campanelle a ospiti speciali; prima di allora, suonare le campanelle era solitamente responsabilità dei gestori di sala della borsa[72].

Personaggi famosi che hanno suonato la campanella

modifica

Molte delle persone che suonano la campanella sono dirigenti aziendali le cui società commerciano in borsa, di solito per annunciare nuovi prodotti, acquisizioni, fusioni o offerte pubbliche. Tuttavia, ci sono stati anche molti personaggi famosi al di fuori del mondo degli affari che hanno suonato la campanella, come il sindaco di New York City Rudy Giuliani e il presidente del Sudafrica Nelson Mandela. Anche due segretari generali delle Nazioni Unite hanno suonato la campanella. Il 27 aprile 2006, il segretario generale Kofi Annan ha suonato la campanella di apertura per lanciare i Principi delle Nazioni Unite per l'investimento responsabile[74]. Il 24 luglio 2013, il segretario generale Ban Ki-moon ha suonato la campanella di chiusura per celebrare l'adesione del NYSE all'iniziativa per le borse sostenibili delle Nazioni Unite[75].

Celebrità che hanno suonato la campanella includono atleti come Joe DiMaggio dei New York Yankees e il campione olimpico di nuoto Michael Phelps, intrattenitori come il rapper Snoop Dogg, membri dell'equipaggio del College GameDay di ESPN, la cantante e attrice Liza Minnelli[76] e membri del gruppo rock Kiss.

Inoltre, sono stati selezionati molti personaggi conosciuti per suonare la campanella per merito dei loro contributi pubblici, come membri del dipartimento di polizia e dei vigili del fuoco di New York City dopo gli attacchi dell'11 settembre, membri delle forze armate degli Stati Uniti in servizio all'estero e partecipanti in vari enti di beneficenza.

Anche diversi personaggi di fantasia hanno suonato la campanella, tra cui Topolino, La Pantera Rosa, Mr. Potato, Dart Fener[77] e Gene e Rebel di Emoji - Accendi le emozioni[78].

Presidenti

modifica
  1. ^ "Borsa di New York : Lista Azioni", advfn.com. URL consultato il 7 agosto 2018.
  2. ^ Loretta Bruschini Vincenzini, Storia della Borsa, Ten, Newton, Roma, 1998, pag.44-52
  3. ^ Il rialzo è simboleggiato dal movimento del toro (ingl. bull), che, quando carica, lo fa a testa bassa, che rialza per incornare l'avversario. Si dice perciò, quando la borsa è in rialzo, che si trova in fase "toro"; al contrario, quando la borsa cala per più giorni, si ricorre a un altro animale dicendo che la Borsa è in "fase orso", in quanto l'orso (ingl. bear) tende ad attaccare i nemici drizzandosi sulle zampe posteriori e cercando di "graffiare" l'avversario con le possenti unghie delle zampe anteriori, che muove dall'alto verso il basso.
  4. ^ "New York Stock Exchange (Nyse)", traderpedia.it. URL consultato il 7 agosto 2018.
  5. ^ a b c d National Register of Historic Places Inventory – Nomination Form, 11 Wall Street, su npgallery.nps.gov, National Park Service. URL consultato il 10 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 29 agosto 2019). OCRed document unreable
  6. ^ (EN) FCC, Financial consulting company – New York Stock Exchange, su financial-consulting.pro. URL consultato il 15 giugno 2017 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2023).
  7. ^ Robert E. Wright, The NYSE's Long History of Mergers and Rivalries, in Bloomberg, 8 gennaio 2013. URL consultato il 10 aprile 2017 (archiviato dall'url originale l'11 aprile 2017).
  8. ^ NYSEData.com Factbook: Chronology of New York Stock Exchange (1792–1929), su nyxdata.com. URL consultato il 15 giugno 2017 (archiviato dall'url originale il 13 maggio 2016).
  9. ^ Scott Hirst, Frozen Charters, in The Harvard Law School Program on Corporate Governance Discussion Paper, No. 2016-01, 1º gennaio 2017. URL consultato il 1º novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 6 novembre 2020).
  10. ^ Peter Edmonston, Where Wall Street Meets to Eat, the Last Lunch, in The New York Times, 28 aprile 2006. URL consultato il 29 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2012).
  11. ^ Intercontinental Exchange – Board of Directors, su ir.theice.com. URL consultato il 20 giugno 2015 (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2015).
  12. ^ Alexander Osipovich, Startup Exchange Cleared to Take on NYSE, Nasdaq for Stock Listings, in The Wall Street Journal, New York City, United States, 26 ottobre 2017. URL consultato il 26 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2017).
  13. ^ The exchange opens, in The Independent, 7 dicembre 1914. URL consultato il 24 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2012).
  14. ^ Thomas A Baily e David M. Kennedy, The American Pageant, 10th, D.C. Heath and Company, 1994, ISBN 0-669-33892-3.
  15. ^ (EN) James Barron, After 1920 Blast, The Opposite Of 'Never Forget'; No Memorials on Wall St. For Attack That Killed 30, in The New York Times, 17 settembre 2003, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 16 settembre 2020 (archiviato dall'url originale il 22 marzo 2016).
  16. ^ Terrific Explosion Outside Morgan's Office, in The Wall Street Journal, 17 settembre 1920, p. 3, ISSN 0099-9660 (WC · ACNP). URL consultato il 6 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 13 agosto 2021).
  17. ^ James Ledbetter, The day the NYSE went Yippie, CNN, 23 agosto 2007. URL consultato il 9 luglio 2015 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2015).
  18. ^ Abbie Internet Archive, Soon to be a major motion picture, New York : Putnam, 1980, ISBN 978-0-399-50503-4. URL consultato il 14 agosto 2023.
  19. ^ Terrible Tuesday: How the Stock Market Almost Disintegrated A Day After the Crash, in The Wall Street Journal. URL consultato il 15 maggio 2020.
  20. ^ (EN) Yen Nee Lee, 'Circuit breakers' are being triggered across Asia — here's how they differ across major markets, su CNBC, 13 marzo 2020. URL consultato il 14 agosto 2023.
  21. ^ Rage against Wall Street, su Green Left Weekly #397, 15 marzo 2000. URL consultato l'11 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2007).
  22. ^ (EN) Marc Davis, How September 11 Affected The U.S. Stock Market, in Investopedia, 2 settembre 2011. URL consultato il 17 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 16 novembre 2016).
  23. ^ SEC.gov (PDF). URL consultato il 6 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2011).
  24. ^ Stock markets to open today; NYSE backup plan criticized – Business Courier, su bizjournals.com, 31 ottobre 2012. URL consultato il 14 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2013).
  25. ^ Nina Mehta, U.S. Stocks to Open After Longest Storm Outage Since 1888, in Bloomberg.com, Bloomberg, 31 ottobre 2012. URL consultato il 14 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2013).
  26. ^ Sarah N Lynch, New York Stock Exchange to pay $4.5 million to settle SEC charges, in Reuters, Washington, maggio 2014. URL consultato il 15 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2014).
    «The New York Stock Exchange agreed on Thursday to pay $4.5 million to settle charges brought by U.S. securities regulators that the exchange flouted its own rules, marking the latest crackdown on violations of market structure rules.»
  27. ^ (EN) Steve Schaefer, Berkshire Hathaway Shares Top $200,000, Buffett Worth Nearly $66B, su Forbes. URL consultato il 14 agosto 2023.
  28. ^ Patrick Gillespie, Matt Egan e Heather Long, New York Stock Exchange suspends trading, su CNN Money, 8 luglio 2015. URL consultato l'8 luglio 2015 (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2015).
  29. ^ New York Stock Exchange to Have First Female Leader in 226-Year History, in The Wall Street Journal, 22 maggio 2018. URL consultato il 22 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 22 maggio 2018).
  30. ^ (EN) Avie Schneider, New York Stock Exchange To Shift To All-Electronic Trading, in NPR, 18 marzo 2020. URL consultato il 17 febbraio 2021.
  31. ^ Lauren Aratani, New York Stock Exchange reopens two months after closing due to Covid-19, su the Guardian, 26 maggio 2020. URL consultato il 14 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2021).
  32. ^ National Historic Landmarks Survey, New York (PDF), su cr.nps.gov, National Park Service (archiviato dall'url originale il 20 giugno 2007).
  33. ^ New York Stock Exchange, su National Historic Landmark summary listing, National Park Service, 17 settembre 2007 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2007).
  34. ^ George R. Adams, New York Stock Exchange National Register of Historic Places Inventory-Nomination (1MB PDF) (PDF), su npgallery.nps.gov, National Park Service, marzo 1977. URL consultato il 30 gennaio 2008 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2023).
  35. ^ National Register of Historic Places Inventory-Nomination (1MB PDF) (PDF), su npgallery.nps.gov, National Park Service, 1983. URL consultato il 10 marzo 2016 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2023).
  36. ^ (EN) Joseph Berger, New York Stock Exchange Among 6 Buildings Gaining Landmark Status, in The New York Times, 11 luglio 1985, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 15 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2019).
  37. ^ Holidays and Trading Hours, su nyse.com, New York Stock Exchange. URL consultato il 25 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 9 maggio 2017).
  38. ^ Headline: Big Board; Inline text: NYSE or New York Stock Exchange. Big Board vs. Nasdaq: Let Round 2 Begin, in The New York Times, 22 aprile 2005. URL consultato il 30 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 30 luglio 2021).
    «Rivalry between New York Stock Exchange and Nasdaq»
  39. ^ Adam Shell, Technology squeezes out real, live traders, in USA Today, 12 luglio 2007. URL consultato il 6 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 17 dicembre 2011).
  40. ^ Joe Mecane, What's an Exchange to Do? The Role of the Exchange in Evaluating Algorithms, in FIXGlobal, 15 marzo 2011. URL consultato il 29 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2013).
  41. ^ NYSE Market Model: Circuit Breakers, su New York Stock Exchange. URL consultato il 1º marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  42. ^ (EN) Business: Business Notes, Jan. 24, 1927, in Time, 24 gennaio 1927. URL consultato il 14 agosto 2023.
  43. ^ NYSE License Application Forms (PDF), su NYSE Trading License Publication. URL consultato il 6 settembre 2017 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2015).
  44. ^ Waring, David. "The New York Stock Exchange(NYSE)." Informed Trades, 2007, p.1
  45. ^ NYSE, New York Stock Exchange > About Us > History > Firsts & Records, su nyse.com. URL consultato il 10 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2010).
  46. ^ NYSE, New York Stock Exchange – About Us – History – Timeline – Timeline 2008 Specialists are Transformed into Designated Market Makers (DMMs), su nyse.com, 1º gennaio 1991. URL consultato il 10 giugno 2010 (archiviato dall'url originale l'11 giugno 2010).
  47. ^ NYSE, New York Stock Exchange – About Us – History – Timeline – Timeline, su nyse.com. URL consultato il 10 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 15 maggio 2010).
  48. ^ George Winslow, "New York Gold Market" in The Encyclopedia of New York City (2d ed.: eds. Kenneth T. Jackson, Lisa Keller & Nancy Flood).
  49. ^ a b NYSE, New York Stock Exchange – About Us – History – Timeline, su nyse.com. URL consultato il 10 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2010).
  50. ^ Samuel Armstrong Nelson, The Consolidated Stock Exchange of New York: Its History, Organization, Machinery and Methods, A.B. Benesch Company, 1907.
  51. ^ a b (EN) S&P 500 | stock market, in Encyclopedia Britannica. URL consultato il 10 marzo 2018 (archiviato dall'url originale l'8 ottobre 2017).
  52. ^ a b NYSE, New York Stock Exchange – About Us – History – Timeline – Timeline, su nyse.com, 20 dicembre 1967. URL consultato il 10 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 13 agosto 2010).
  53. ^ First Female Member of NYSE Muriel Siebert Dies at 80, su NPR.org, 26 agosto 2013. URL consultato il 7 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2014).
  54. ^ (EN) History of the NASDAQ and American Stock Exchanges (Business Reference Services, Library of Congress), su loc.gov. URL consultato il 10 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 14 aprile 2013).
  55. ^ What is NASDAQ?, in Business News Daily. URL consultato il 10 marzo 2018 (archiviato dall'url originale l'11 marzo 2018).
  56. ^ Trading floor (definizione), su IG. URL consultato il 14 agosto 2023.
  57. ^ ACT UP Demonstrations on Wall Street, su NYC LGBT Historic Sites Project, Outweek. URL consultato il 4 settembre 2020 (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2020).
  58. ^ NYSE, New York Stock Exchange – About Us – History – Timeline 1995 Video: Trading Posts Upgrade, su nyse.com, 1º gennaio 1991. URL consultato il 10 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2010).
  59. ^ CNNMoney.com – U.S. stocks whipped by losses – October 27, 1997, su money.cnn.com. URL consultato il 2 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2017).
  60. ^ Katy Byron, President Bush makes surprise visit to NYSE, in CNN Money, Cable News Network, 31 gennaio 2007. URL consultato il 20 febbraio 2007 (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2007).
  61. ^ vendite allo scoperto nude, su dirittobancario.it.
  62. ^ Noel Randewich, Stocks end mixed; Dow creeps up to new record high, su Reuters, 19 maggio 2015. URL consultato il 1º luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2017).
  63. ^ Fred Imbert, Dow closes above 25,000 for the first time after strong jobs data, in CNBC, 4 gennaio 2018. URL consultato il 10 marzo 2018 (archiviato dall'url originale l'11 marzo 2018).
  64. ^ (EN) Dow Plunges 1,175, The Biggest Point Drop In History, in NPR.org. URL consultato il 10 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2018).
  65. ^ NYSE | A Necessary Step: All-Electronic Trading at the NYSE, su nyse.com. URL consultato il 25 maggio 2021.
  66. ^ NYSE Euronext Completes Acquisition of American Stock Exchange, su nyse.com, New York Stock Exchange, 1º ottobre 2008 (archiviato dall'url originale l'8 ottobre 2008).
  67. ^ Europe Blocks NYSE and Deutsche Boerse Merger, in CNBC, 1º febbraio 2012. URL consultato il 1º febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2012).
  68. ^ NYSE Euronext and Deutsche Boerse Terminate Business Combination Agreement, NYSE Euronext, 2 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 12 luglio 2015).
  69. ^ a b c Anupreeta Das e Jenny Strasburg, Upstart in Talks To Buy NYSE, in The Wall Street Journal, 20 dicembre 2012, p. A1. URL consultato il 29 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 4 agosto 2020).
  70. ^ a b Steve Rothwell, For the New York Stock Exchange, a sell order, in San Jose Mercury News, Associated Press, 19 dicembre 2012.
  71. ^ (EN) John Mccrank, Medha Singh e Chuck Mikolajczak, NYSE glitch leads to busted trades, prompts investigation, in Reuters, 25 gennaio 2023. URL consultato il 25 gennaio 2023.
  72. ^ a b What is the history behind the opening and closing bells on the NYSE?, su investopedia.com. URL consultato il 23 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2013).
  73. ^ Ralph Jr. Gardner, Lessons in Ringing the New York Stock Exchange's Closing Bell, in The Wall Street Journal, 30 aprile 2010. URL consultato il 24 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2015).
  74. ^ United Nations Secretary-General Launches Principles for Responsible Investment at the NYSE, su Principles for Responsible Investment, NYSE. URL consultato il 13 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 14 maggio 2014).
  75. ^ United Nations Secretary-General Ban Ki-moon Visits the NYSE and Rings The Closing Bell® to Commemorate NYSE Euronext's Participation in the United Nations Sustainable Stock Exchanges (SSE) Initiative, su NYSE. URL consultato il 13 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 26 luglio 2013).
  76. ^ Liza Minnelli Rings The New York Stock Exchange Closing Bell Photos and Images – Getty Images, su gettyimages.com. URL consultato il 26 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2017).
  77. ^ The Tradition of the NYSE Bell, su investopedia.com. URL consultato il 23 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 18 settembre 2013).
  78. ^ Events, su nyse.com. URL consultato il 1º aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2018).
  79. ^ (EN) Vanessa Romo, A Woman Has Been Named As NYSE President., in NPR, 22 maggio 2018. URL consultato il 12 marzo 2022.

Voci correlate

modifica

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
Controllo di autoritàVIAF (EN151220177 · ISNI (EN0000 0001 0672 5000 · BAV 494/87356 · LCCN (ENn79128010 · GND (DE124897-2 · BNF (FRcb11949451v (data) · J9U (ENHE987007265937505171 · WorldCat Identities (ENlccn-n79128010