Apri il menu principale
Niccolò Ardinghelli
cardinale di Santa Romana Chiesa
Niccolò Ardinghelli2.jpg
Ritratto del cardinale Ardinghelli, opera di Sebastiano del Piombo
Template-Cardinal.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato17 marzo 1503 a Firenze
Ordinato presbiteroin data sconosciuta
Nominato vescovo13 luglio 1541 da papa Paolo III
Consacrato vescovoin data sconosciuta
Creato cardinale19 dicembre 1544 da Papa Paolo III
Deceduto22 agosto 1546 (43 anni) a Roma
 

Niccolò Ardinghelli (Firenze, 17 marzo 1503Roma, 22 agosto 1547) è stato un cardinale italiano.

Indice

BiografiaModifica

Figlio di Pietro, nacque a Firenze nel 1503. Era bene istruito nel diritto, nella poesia, e nelle lettere italiane, in latino e greco. Era molto apprezzato e vicino sia a papa Paolo III[1], di cui divenne segretario sin dal 1540, che al cardinal nipote.

Nel 1525 gli fu affidato il canonicato di Firenze e tra gennaio 1538 e il luglio 1539 fu inviato nella Marca come vicelegato. Fu ordinato vescovo di Fossombrone nel 1541; nello stesso anno fu inviato alla corte di Francesco I in qualità di nunzio straordinario con la missione di conciliare la pace fra lui e Carlo V. Fu nominato cardinale col concistoro del 19 dicembre 1544 con il titolo di Sant'Apollinare.

Morì il lunedì 22 agosto 1547, e fu sepolto nella chiesa di Santa Maria sopra Minerva a Roma, ove si legge un onorevole epitaffio scritto da suo nipote Alessandro Ruspoli, figlio di Bartolomeo e Maria Ardinghelli.[2]

Genealogia episcopaleModifica

  • ...
  • Cardinale Niccolò Ardinghelli

NoteModifica

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN9487645 · ISNI (EN0000 0000 4535 0048 · LCCN (ENno2001004177 · GND (DE1029974918 · CERL cnp01940037