Apri il menu principale

Niccolò Capocci

cardinale italiano del XIV secolo
Niccolò Capocci
cardinale di Santa Romana Chiesa
Nicola Capocci.jpg
Cardinalbishop.svg
 
Natofine XIII secolo
Creato cardinale1350 da papa Clemente VI
Deceduto26 luglio 1368 a Montefiascone
 

Niccolò Capocci, anche Nicola o Nicolò (Roma, fine XIII secoloMontefiascone, 26 luglio 1368), è stato un cardinale e vescovo cattolico italiano; nominato cardinale da papa Clemente VI, è noto come il cardinale di Urgell.

BiografiaModifica

Appartenente al ramo della famiglia romana dei Capocci dei Monti, strettamente legata ai Colonna, Niccolò fu avviato fin dalla giovane età alla carriera ecclesiastica, seguendo le orme dello zio, il cardinale Pietro Colonna, che lo accolse nella sua casa in qualità di familiare. Il cardinale Colonna aveva svolto un ruolo fondamentale durante il conclave del 1314-1316, che elesse papa Giovanni XXII, dato che solo all'ultimo aveva dato l'appoggio per l'elezione del pontefice; per tale motivo il nuovo papa si sentiva in debito con il cardinale e concesse numerosi benefici anche ai suoi parenti.

Il Capocci si formò presso l'Università di Perugia e, grazie alla benevolenza papale, fin dal settembre 1316 ricevette in beneficio i canonicati di Saint-Germain a Mons (Belgio), Cassel (Francia settentrionale), Magonza, S. Maria Maggiore a Roma, Verdun. Negli anni seguenti, dal momento che il cardinal Colonna godeva di largo credito presso Lodovico il Bavaro, il papa continuò a prodigargli favori così che il Capocci ricevette nel 1322 un canonicato a Lincoln, le prepositure di Saint-Omer nella diocesi di Thérouanne e di S. Maddalena di Verdun, un rettorato nella diocesi di Elne, la cappellania di Campione nella Francia settentrionale. Fu poi cappellano papale ad Avignone.

Il 10 gennaio 1341 fu nominato vescovo di Utrecht, ma rassegnò le dimissioni dalla sede episcopale il 20 novembre 1342.

Il 13 giugno 1348 fu nominato vescovo di Urgell, dove successe a Pietro di Narbona, dopo una lunga vacanza. Nel concistoro del 17 dicembre 1350 il Capocci fu nominato cardinale da papa Clemente VI, con il titolo di San Vitale ed il nuovo cardinale fece il suo ingresso in Curia il 3 febbraio successivo.

Partecipò al conclave del 1352 che elesse papa Innocenzo VI.

Missione diplomatica in Francia ed InghilterraModifica

 
Papa Innocenzo VI

Nel 1356 papa Innocenzo VI gli affidò la missione in Francia ed Inghilterra per trovare una mediazione e porre fine alla guerra, ma la mediazione non portò alcun risultato, anzi la guerra continuò più cruenta di prima.

Dopo il fallimento della missione in terra inglese, papa Innocenzo VI inviò il Capocci con il cardinale di Périgord per mediare tra il reggente di Francia, il futuro Carlo V, e Carlo il Malvagio, re di Navarra.

Partecipò al conclave del 1362 Accompagnò papa Urbano V nel suo ritorno in Italia, ma il Capocci morì a Montefiascone il 26 luglio 1368.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN26979848 · ISNI (EN0000 0000 5276 7474 · LCCN (ENnr98038649 · GND (DE102203216X · CERL cnp02051496 · WorldCat Identities (ENnr98-038649