Apri il menu principale
Niccolò d'Acciapaccio
cardinale di Santa Romana Chiesa
CardinalCoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Tropea
Arcivescovo di Capua
Cardinale presbitero di San Marcello
 
Nato1382 a Sorrento
Consacrato vescovo11 dicembre 1410
Creato cardinale18 dicembre 1439 da papa Eugenio IV
Deceduto3 aprile 1447 a Roma
 

Niccolò d'Acciapaccio (Sorrento, 1382Roma, 3 aprile 1447) è stato un cardinale italiano.

BiografiaModifica

Di nobile famiglia sorrentina, studiò giurisprudenza a Napoli conseguendo il dottorato in utroque iure. Fu consigliere della regina Giovanna di Napoli.

Nominato vescovo di Tropea il 17 settembre 1410, ricevette la consacrazione episcopale l'11 dicembre successivo. Il 18 febbraio 1435 fu trasferito alla sede metropolitana di Capua.

Fu creato cardinale presbitero da papa Eugenio IV nel concistoro del 18 dicembre 1439 e l'8 gennaio 1440 ottenne il titolo cardinalizio di San Marcello. Fu camerlengo del collegio cardinalizio dal 1442 al 1443.

Partigiano di Renato d'Angiò, fu esiliato dal re Alfonso di Napoli, che gli confiscò tutte le sue rendite e i benefici. Fece parte della commissione incaricata della causa di canonizzazione di Bernardino da Siena. Ha partecipato al conclave del 1447, che elesse papa Niccolò V.

Morì a Roma il 3 aprile 1447 e fu sepolto nella basilica di San Pietro in Vaticano.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica