Apri il menu principale

Nicola

prenome sia maschile che femminile

VariantiModifica

Varianti in altre lingueModifica

Di seguito si trova una lista delle varianti del nome in altre lingue[a 1]:

  1. ^ Tutte le varianti elencate qui sopra sono verificabili, salvo diversamente specificato, alla nota 1.

Forme alterate e ipocoristicheModifica

Il nome conta numerose forme alterate e ipocoristiche[b 1]:

  • Basso tedesco: Klaas
  • Bulgaro: Колю (Kolyu), Кольо (Kolyo), Коле (Kole), Ники (Niki), Нико (Niko)[senza fonte]
  • Croato: Niko, Nikica, Nikša
  • Danese: Claus, Klaus
  • Esperanto: Niĉjo
  • Finlandese: Klaus
  • Greco moderno: Νίκος (Nikos), Νίκο (Niko)[senza fonte]
  • Inglese: Nic, Nick, Nicky
  • Italiano: Nicolino, Nicoletto[senza fonte], Nico, Cola, Coletto, Colino[senza fonte]
  • Macedone: Николче (Nikolche)
  • Medio inglese: Col, Colin
  • Norvegese: Klaus
  • Olandese: Klaas, Nick, Niek, Nico, Colijn[senza fonte]
  • Portoghese: Nico
  • Rumeno: Nicu, Nicușor
  • Russo: Коля (Kolya)
  • Serbo: Никица (Nikica)
  • Sloveno: Nik, Niko
  • Spagnolo: Nico
  • Svedese: Claes, Klas
  • Tedesco: Claus, Klaus, Nico
  1. ^ Le forme alterate e ipocoristiche elencate di seguito sono verificabili, salvo diversamente specificato, alla nota 1.

Origine e diffusioneModifica

Deriva dal greco antico Νικόλαος (Nikòlaos), latinizzato in Nicolaus[1]; è composto da νίκη (nìke, "vittoria") e λαώς (laòs, "popolo, folla")[1][4][5][6]. Il significato può quindi essere interpretato con "vittoria del popolo"[1], "popolo della vittoria"[4], "vincitore del popolo"[2][5] o "vincitore fra il popolo/fra i popoli".

La diffusione del nome è strettamente legata alla venerazione verso san Nicola, grazie alla quale si propagò nel mondo cristiano[1]; furono chiamati così cinque papi e due zar[1]. È comune in Inghilterra, nella forma Nicholas, sin dal XII secolo, rarificandosi leggermente dopo la Riforma Protestante[1].

OnomasticoModifica

L'onomastico si festeggia tradizionalmente il 6 dicembre, in ricordo di san Nicola di Bari, vescovo di Mira, patrono, fra gli altri, dei bambini, dei navigatori, dei mercanti, della Grecia, della Russia e compatrono di Bari, dal quale è stata creata la figura di Babbo Natale[1][2][4][5]. Altri santi e beati che portano questo nome sono:

PersoneModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Persone di nome Nicola.

Variante NicolasModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Persone di nome Nicolas.

Variante NicolásModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Persone di nome Nicolás.

Variante NicholasModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Persone di nome Nicholas.

Variante NikolaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Persone di nome Nikola.

Variante NikolaosModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Persone di nome Nikolaos.

Variante NikolajModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Persone di nome Nikolaj.

Variante NicolaeModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Persone di nome Nicolae.

Variante NicolòModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Persone di nome Nicolò.

Variante NiccolòModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Persone di nome Niccolò.

Variante NilsModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Persone di nome Nils.

Variante NickModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Persone di nome Nick.

Variante KlaasModifica

Variante KlausModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Persone di nome Klaus.

Altre variantiModifica

Il nome nelle artiModifica

CuriositàModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j k (EN) Nicholas, su Behind the Name. URL consultato il 14 novembre 2012.
  2. ^ a b c Nicola, su Santi, beati e testimoni. URL consultato il 14 novembre 2012.
  3. ^ (FR) Le Prénom Nicola, su Forums Familles. URL consultato il 14 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2009).
  4. ^ a b c d (EN) Nicholas, su Online Etymology Dictionary. URL consultato il 14 novembre 2012.
  5. ^ a b c Alfonso Burgio, Dizionario dei nomi propri di persona, su Hermes Edizioni, Roma, 1992, p. 270-271, ISBN 88-7938-013-3.
  6. ^ λαός è la forma originaria: nel dialetto attico (la forma di greco antico presa come modello dalla scuola) si sono verificati i seguenti cambiamenti λᾱός > ληός > λεώς, quest'ultima è appunto la forma che si trova nei vocabolari di greco.
  7. ^ a b c d e f g h i Santi e beati di nome Nicola, su Santi, beati e testimoni. URL consultato il 14 novembre 2012.
  8. ^ a b c Santi e beati di nome Niccolò, su Santi, beati e testimoni. URL consultato il 14 novembre 2012.
  9. ^ Santi Procoro, Nicanore, Timone, Parmenas e Nicola Diaconi, in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.

Altri progettiModifica

  Portale Antroponimi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antroponimi