Apri il menu principale
Nicola Leanza
Nicola Leanza (ottobre 2009).JPG

Presidente facente funzioni della Regione Siciliana
Durata mandato 18 gennaio 2008 –
28 aprile 2008
Predecessore Salvatore Cuffaro
Successore Raffaele Lombardo

Vicepresidente della Regione Siciliana
Durata mandato 13 luglio 2006 –
18 gennaio 2008
Presidente Salvatore Cuffaro
Predecessore Francesco Cascio
Successore Giambattista Bufardeci

Deputato della Repubblica Italiana
Durata mandato 8 aprile 2006 –
19 luglio 2006
Legislature XV
Gruppo
parlamentare
Gruppo Misto
Circoscrizione Sicilia 2
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico DC (fino al 1994)
CCD (1994-2002)
UDC (2002-2005)
MpA (2005-2012)
UdC (2012-2013)
Art. 4 (2014-2015)
SD (2014-2015)
Titolo di studio Diploma di istituto magistrale
Professione Direttore di azienda privata

Nicola Leanza detto anche Lino (Maletto, 27 marzo 1957Catania, 30 maggio 2015) è stato un politico italiano.

BiografiaModifica

Dopo aver conseguito il diploma di Istituto magistrale, è divenuto dirigente d'azienda.[1]

Già iscritto alla Democrazia Cristiana[2], confluisce nelle liste del CCD: nel 2001, con 10.419 voti di preferenza su 66.215 di lista (15,74%), il collegio di Catania lo elegge deputato all'Assemblea Regionale Siciliana per la XIII legislatura, in cui ha svolto il ruolo di segretario della Quinta Commissione (Cultura, Formazione e Lavoro) dal 7 agosto 2001 al 28 giugno 2006[3]. Con lo scioglimento del CCD, passa all'UDC, per poi seguire Raffaele Lombardo nell'MPA (fondato nell'aprile del 2005).

Alle politiche dell'8 aprile 2006 è eletto deputato alla Camera dei deputati (XV legislatura) nella seconda circoscrizione della Sicilia per la lista congiunta del Patto per le Autonomie siglato da Lega Nord e MPA. Aderisce alla componente MPA del Gruppo Misto il 17 maggio 2006, ed è nominato membro della Commissione Giustizia[4]. Si dimette pochi mesi dopo, cessando dal mandato parlamentare il 19 luglio 2006[5] lasciando il posto a Sebastiano Neri e torna deputato regionale (XIV legislatura), rieletto sempre dal collegio di Catania. Diviene Assessore Regionale ai Beni Culturali e Pubblica Istruzione nella II Giunta Cuffaro (2006-2008) nel luglio 2006.

Il 13 luglio 2006 è designato dal Presidente Cuffaro Vicepresidente della Regione Siciliana.

Il 28 gennaio 2008, dopo le dimissioni di Cuffaro, assume (a far data dal 18) le funzioni di presidente della Regione Siciliana per l'ordinaria amministrazione, fino al 28 aprile 2008, giorno dell'insediamento di Raffaele Lombardo[6][7].

Rieletto il 14 aprile 2008 deputato regionale, diviene capogruppo dell'MPA all'ARS e segretario regionale del suo partito. Nel luglio del 2009 torna a fare l'Assessore Regionale ai Beni Culturali e Pubblica Istruzione nella II Giunta Lombardo (2009-2010)[8], mentre Francesco Musotto è il nuovo capogruppo MPA all'ARS[9]. Riconfermato Assessore Regionale al Lavoro, Politiche Sociali e Famiglia nella III Giunta Lombardo (2010), mentre non è confermato a fine settembre 2010 nella IV Giunta Lombardo (2010-2011) ed esce dalla Giunta. Nell'estate del 2012,a pochi mesi dalle elezioni regionali, passa all'UdC.

In occasione della candidatura a sindaco di Catania da parte di Enzo Bianco, Lino Leanza crea una lista civica chiamata "Articolo 4" a sostegno dell'ex ministro, avvicinandosi quindi al centrosinistra, ed avviando un rapporto di collaborazione con il Presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta[10].

Lasciato Articolo 4 per le spaccature nel gruppo all'Ars seguite alla nascita del Crocetta ter nel novembre 2014, fonda un altro movimento, ribattezzato Sicilia Democratica[11].

Problemi di saluteModifica

Il 28 marzo 2015 fu ricoverato in rianimazione all'ospedale Garibaldi di Catania a causa di un malore[12][13], che gli ha causato una emorragia cerebrale[14], per il quale venne sottoposto a un intervento di neurochirurgia. Muore il 30 maggio 2015 all'età di 58 anni presso il nosocomio catanese[15].

NoteModifica

  1. ^ Le informazioni biografiche sono tratte dall'Ufficio Stampa della Regione Siciliana Archiviato il 15 aprile 2008 in Internet Archive. e dal profilo su Openpolis.
  2. ^ "Leanza scarica Stancanelli. L'Udc 1° partito a Catania", da La Sicilia del 2 gennaio 2013
  3. ^ Dalla scheda del sito dell'ARS per la XIII legislatura
  4. ^ Nicola
  5. ^ Dal sito della Camera dei deputati.
  6. ^ Come attestano regioni.it e worldstatesmen.org
  7. ^ Il giornale di Sicilia[collegamento interrotto], 28 gennaio 2008, p. 3.
  8. ^ SiciliaInformazioni | Lombardo bis, anche l'ultimo tassello è aggiunto. "Antonino Beninati vicepresidente della Regione" Archiviato il 19 settembre 2009 in Internet Archive.
  9. ^ Francesco Musotto nuovo capogruppo MPA all'ARS Archiviato il 16 luglio 2009 in Internet Archive.
  10. ^ Dopo quella di Vasto, la foto dello Sheraton: Crocetta,Bianco,Articolo 4, su catania.blogsicilia.it. URL consultato il 20 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 19 giugno 2013).
  11. ^ Leanza battezza Sicilia democratica: "I voti della mafia non li vogliamo", su LiveScilia.it, 29 novembre 2014. URL consultato il 28 marzo 2015.
  12. ^ Lino Leanza ricoverato in rianimazione. Malore mentre era a casa, prognosi riservata., su MeridioNews.it, 28 marzo 2015. URL consultato il 28 marzo 2015.
  13. ^ Malore per Lino Leanza. Ricoverato in prognosi riservata, su LiveSicilia.it, 28 marzo 2015. URL consultato il 28 marzo 2015.
  14. ^ Lino Leanza nel reparto di rianimazione del Garibaldi, operazione riuscita, su CataniaToday.it, 29 marzo 2015. URL consultato il 31 marzo 2015.
  15. ^ Natale Bruno, È morto all'alba il deputato regionale Lino Leanza, fu il braccio destro di Lombardo, in La Repubblica, 30 maggio 2015.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica