Nicolas Céard

Ingegnere francese

Nicolas Céard (Saint-Martin-d'Arconville, 22 gennaio 1745Herry, 11 ottobre 1821) è stato un ingegnere francese.

Figlio di Edmée Céard e di Germaine de Rosière.

Nel 1769 concluse gli studi alla École nationale des ponts et chaussées dove fu allievo di Jean-Rodolphe Perronet.

Nel 1777 sposò Françoise Massé, figlia di Pierre, patrizio di Ginevra. Ebbe diversi incarichi; fu ingegnere capo di Bresse, di Bugey, e dei Pays de Gex (dal 1788) tutte regioni storiche del dipartimento dell'Ain (1791-93, 1797-98), dal 1798 con l'annessione di Ginevra alla Francia divenne ingegnere capo del Dipartimento del Lemano (1798).[1]

Sindaco di Versoix dal 1790 al 1792, emigrò in seguito a Coppet (1793-96), poi a Vevey; risiedette a Ginevra dal 1799.

Céard progettò il ponte di Serrières (Neuchâtel) (1789), il porto di Ouchy (Losanna) (1791), la deviazione dell'Aar (1794), il ponte Saint-Antoine a Vevey (1795) e il ponte sull'Arve, tra Carouge e Ginevra (1806).

Nel 1800-05 progettò e diresse i lavori per la costruzione della strada sul passo del Sempione, la sua opera più celebre.

NoteModifica

  1. ^ (FR) musée de l'histoire urbaine et de la vie quotidienne genevoise, L'ingénieur Nicolas Céard et la route du Simplon, su core.ac.uk. URL consultato il 1º luglio 2021.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN39678297 · ISNI (EN0000 0000 8034 580X · GND (DE13303870X · BNF (FRcb153026920 (data) · CERL cnp01100530 · WorldCat Identities (ENviaf-39678297