Nigel Owens

arbitro di rugby a 15 gallese
Nigel Owens
Nigel Owens cropped.jpg
Owens nel 2014 durante Ulster ‒ Edimburgo
Dati biografici
Paese Regno Unito Regno Unito
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Federazione Galles Galles
Carriera arbitrale
Iscrizione 1989
Attività internazionale
Internazionale dal 2005
Esordio Giappone - Irlanda
(Osaka, 12 giugno 2005)
Test match diretti 100
Coppe del Mondo maschili 4
Championship 6
Sei Nazioni maschili 8
Statistiche aggiornate al 28 novembre 2020

Nigel Owens (Mynyddcerrig, 18 giugno 1971) è un arbitro di rugby a 15 appartenente alla federazione gallese; internazionale dal 2005, è noto anche per essere il primo direttore di gara nel rugby a essersi dichiarato omosessuale. Si tratta di uno degli arbitri più esperti a livello internazionale, che a novembre 2020 detiene il record mondiale di test match diretti, 100, primo direttore di gara a raggiungere tale traguardo[1].

Oltre all'attività di arbitro, Owens è conduttore televisivo e, per il canale gallese S4C, conduce i talk show Hit the Bar e Jonathan; in precedenza condusse il quiz televisivo A Minute to Go.

BiografiaModifica

Nato nel villaggio di Mynyddcerrig in Galles (circa 10 km da Llanelli) Owens crebbe parlando solo cymraeg e imparò l'inglese al momento di iniziare la scuola dell'obbligo[2].

Intorno ai 16 anni si dedicò al rugby, ma uno dei suoi allenatori lo reputò inadatto per il gioco («e aveva ragione»[2], disse in seguito lo stesso Owens) e decise quindi di optare per l'arbitraggio.

A livello europeo debuttò in Challenge Cup nel gennaio 2001; un anno più tardi diresse pure il suo primo match di Heineken Cup.

Il suo primo test match internazionale fu tre anni più tardi, nel 2005, a Osaka, quando diresse Giappone e Irlanda.

Nell'aprile 2007 fu l'unico gallese designato a dirigere nel corso dell'imminente Coppa del Mondo[3]; poco dopo, in un'intervista a Wales On Sunday, Owens fece il suo coming out omosessuale, ammettendo di avere sempre esitato a rivelarlo perché temeva per la sua carriera arbitrale, data l'immagine maschilista del suo gioco, anche ironizzando: «Fossi stato un giocatore forse sarebbe stato più facile per me … I tifosi li amano per quello che fanno in campo … Voglio dire, già di loro gli arbitri non sono certo popolari»[4], aggiungendo tuttavia di aver meditato il suicidio al momento di parlarne ai suoi genitori[4].

Le reazioni al suo coming out furono positive[5] e, dopo la Coppa del Mondo di rugby 2007, nella quale diresse tre incontri, fu dichiarato "Sportivo gay dell'anno" dal movimento per i diritti degli omosessuali Stonewall e premiato durante una cerimonia pubblica a Londra[6].

A livello di competizioni di club la sua prima finale europea fu quella di Heineken Cup 2008-09 a Edimburgo tra Leinster e Leicester.

Nel 2016 raggiunse e superò il precedente record di test match diretti detenuti dal sudafricano Jonathan Kaplan[7].

Owens vanta anche direzioni di gara nel Championship (esordio ad Auckland il 21 giugno 2007, Nuova Zelanda - Australia) e nel Sei Nazioni (esordio il 10 febbraio 2007 a Londra, Inghilterra - Italia). Il picco della sua carriera arbitrale fu la designazione a dirigere la finale della Coppa del Mondo 2015 tra Nuova Zelanda e Australia[8]. Nel corso della Coppa del Mondo 2019 in Giappone arbitrò la semifinale tra Inghilterra e Nuova Zelanda, vinta dai britannici 19-7, e annunciò che quella sarebbe stata l'ultima rassegna mondiale in cui avrebbe diretto; un infortunio al polpaccio lo rese comunque indisponibile per un'eventuale designazione alla gara di finale[9].

Il 28 novembre 2020, allo Stade de France di Saint-Denis, Owens è divenuto il primo arbitro della sua disciplina a dirigere 100 gare internazionali[1] in occasione dell'incontro di Autumn Nations Cup tra Francia e Italia[1], che è anche il suo ultimo.

OnorificenzeModifica

  Membro dell'Ordine dell'Impero Britannico
«Per il contributo allo sport»
— 11 giugno 2016[10]

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Nigel Owens: Welshman on becoming the first to referee 100 Tests, in BBC, 27 novembre 2020. URL consultato il 28 novembre 2020.
  2. ^ a b (EN) Nigel Owens - A Ref with a Song and a Laugh, su european-rugby.com, Planet Rugby. URL consultato il 24 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2007).
  3. ^ (EN) Welsh ref Owens on World Cup list, in Wales Online, 27 aprile 2007. URL consultato il 24 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2008).
  4. ^ a b (EN) Nathan Bevan, Ref's gay torment, in Wales on Sunday, 20 maggio 2007. URL consultato il 24 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 17 marzo 2014).
  5. ^ L’arbitro gay che ha spiazzato lo sport più maschio, in il Giornale, 1º marzo 2009. URL consultato il 24 agosto 2009.
  6. ^ (EN) World Cup rugby ref's gay award, in BBC, 2 novembre 2007. URL consultato il 24 agosto 2009.
  7. ^ (EN) Referee Nigel Owens to take charge of world record 71st Test match, in The Guardian, 30 marzo 2016. URL consultato il 9 giugno 2020.
  8. ^ (EN) Nigel Owens to referee New Zealand-Australia Rugby World Cup final, in The Guardian, 27 ottobre 2015. URL consultato il 16 aprile 2016.
  9. ^ (EN) Nigel Owens: Referee says he will not officiate at another Rugby World Cup, in BBC, 1º novembre 2019. URL consultato il 9 giugno 2020.
  10. ^ (EN) The Queen's Birthday Honours list 2016, in The London Gazette, 61608 (supplemento), Londra, 11 giugno 2016, p. B22. URL consultato il 25 maggio 2021.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica


Controllo di autoritàVIAF (EN103338679 · LCCN (ENno2009000925 · GND (DE140023763 · WorldCat Identities (ENlccn-no2009000925